La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LIFRS 9 – Financial Instruments: Classificaizone e misurazione Marco Venuti 2013 Risk and Accounting.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LIFRS 9 – Financial Instruments: Classificaizone e misurazione Marco Venuti 2013 Risk and Accounting."— Transcript della presentazione:

1 LIFRS 9 – Financial Instruments: Classificaizone e misurazione Marco Venuti 2013 Risk and Accounting

2 Le problematiche dello IAS 39 e le richieste del G20 e UE IFRS 9 e le 3 fasi Classificazione e misurazione attività finanziarie Business model test Charateristics of the financial asset test Strumenti ibridi con derivati impliti Fair value option Classificazione e misurazione passività finanziarie Agenda Pagina 2

3 Le problematiche dello IAS 39: le richieste del G20 e Ue Criticità IAS 39: - Complessità - Problemi interpretativi e applicativi di difficile soluzione - convergenza con U.S. Gaap - Discussion Paper Reducing Complexity in Reporting Financial Instrument (marzo 2008) -Crisi dei mercati finanziari -Richieste provenienti dagli stakeholder: G20 e UE 3

4 Richieste degli stakeholder nel 2008 Implementare standard per la valutazione di strumenti finanziari che consideri liquidità e orizzonte temporale dellinvestitore e riaffermare la contabilizzazione al fair value Ridurre la complessità degli standard contabili relativi agli strumenti finanziari Rafforzare la contabilizzazione di accantonamenti per perdite su crediti incorporando un ampio range di informazioni Migliorare gli standard contabili di accantonamenti, esposizioni fuori bilancio e incertezze nelle valutazioni Concentrarsi su specifici set di standard globali di elevata qualità Incrementare il coinvolgimento degli stakeholders, inclusi gli organismi di vigilanza ed i mercati emergenti (IASCF) Implementare linee guida per la valutazione del fair value in mercati illiquidi Consentire la riclassifica degli strumenti finanziari designati per la Fair value option da fair value a conto economico alle altre categorie Chiarire la contabilizzazione di synthetic CDOs e lo scorporo dei derivati incorporati Prevedere regole per la svalutazione dei titoli di debito classificati Disponibili per la vendita simili a quelle dei Finanziamenti e crediti o degli Investimenti detenuti fino a scadenza Consentire che le svalutazioni dei titoli di capitale classificati Disponibili per la vendita siano riprese a conto economico Coordinamento con gli organismi di vigilanza per la definizione dei requisiti per gli accantonamenti per perdite su crediti G20EU

5 Pagina 5 IFRS 9 Il punto di vista IASB Un approccio di classificazione Elaborato per consentire agli utilizzatori di ottenere informazioni sui flussi di cassa attesi Assicura la valutazione delle attività in modo appropriato Unico metodo di impairment utilizzato Riduce la complessità Unico approccio di classificazione utilizzato Eliminazione della separazione dei derivati impliciti Eliminazione delle regole anti-abuso

6 LIFRS 9 – le 3 fasi e tempi dellomologazione -Nellaprile 2009 lo IASB ha deciso di articolare il progetto in tre fasi, cadenzate con tempistiche e entrate in vigore diverse. Lo IASB ha articolato il progetto sugli strumenti finanziari nelle seguenti fasi: 1) classificazione e valutazione delle attività e passività finanziarie, 2) procedura di svalutazione, 3) operazioni di copertura. -Nel corso del 2009 sono stati pubblicati i primi capitoli dellIFRS 9 in tema di classificazione e misurazione delle attività finanziarie -Nel corso del 2010 sono stati aggiunti i nuovi capitoli in tema di classificazione e misurazione delle passività finanziarie. -IFRS 9 diventerà obbligatorio dal 1° gennaio

7 Le fasi del progetto (nel programma iniziale) Giugno 2009 Nov 2009 Gen- Mar 2010 Luglio 2009 Richiesta di informazioni: Impairment ED: Classificazione e Misurazione (C&M) Final standard C&M (attività finanziarie) Final standard C&M (attività finanziarie) ED: Costo ammortizzato e svalutazione ED: Coperture Final standard: C&M (passività finanziarie) Final standard: Costo ammortizzato e svalutazione ED (revised): Eliminazione (*) Final standard: Coperture Final standard: Eliminazione Completa sostituzione di IAS 39 Gen- Giu 2010 Luglio- Dic 2010 (*) Progetto separato

8 LIFRS 9 – le 3 fasi e tempi dellomologazione -UE ha deciso di soprassedere alladozione dellIFRS 9 (ARC 11 novembre 2009). -Comunicato EFRAG del 12 novembre 2009 (fonte sito Efrag) Le ragioni di tale decisione sono principalmente legate: a)effetto negativo sulla comparabilità dei bilanci durante il lungo periodo in cui è facoltativo; b)difficoltà di esprimere giudizio ponderato sullIFRS 9 e sugli impatti che esso può produrre fintantoché non siano state completate tutte le fasi; c)alle eventuali modifiche che potrebbero essere apportate ai fini della convergenza con gli U.S. GAAP. delle attività finanziarie) oppure la versione dellIFRS 9 del

9 Costo ammortizzato Se il modello di business (Business model) prevede il mantenimento dello strumento per lincasso dei cash flow contrattuali; E In base ai termini contrattuali, i cash flows derivati dallo strumento a specifiche date rappresentano solo il pagamento del capitale e degli interessi sul capitale residuo Fair value Fair Value Through Profit or Loss (FVTPL) tutti gli altri strumenti, ad eccezione di quelli per i quali sia stata esercitata lopzione per la classificazione a Fair Value a Conto Economico Complessivo Fair Value Through Other Comprehensive Income (FVTOCI) Strumenti di capitale non di trading (per scelta). Dividendi a conto economico Nessuna esenzione dal Fair Value per titoli di capitale non quotati – guida applicativa per determinare se il costo è idoneo a rappresentare il fair value Riclassifiche Ammesse solo quando il business model cambia Nessuna riclassifica tra Conto Economico Complessivo O Conto Economico Derivati impliciti No scorporo per i derivati impliciti in strumenti finanziari Classificazione e misurazione Attività finanziarie - sintesi

10 Pagina 10 Business model test Lobiettivo dellentità, riflesso nel proprio modello di business, è quello di possedere lo strumento al fine di incassare i cash flows contrattuali piuttosto che vendere lo strumento prima della scadenza contrattuale al fine di realizzare plusvalenze – Non è previsto un approccio strumento per strumento – La classificazione può essere effettuata a livello di portafoglio La rappresentazione del modello di business deve fornire una rappresentazione fedele di come le attività di business sono effettivamente gestite

11 Pagina 11 Business model test Esempio n. 1 Scenario: La società A possiede gli strumenti finanziari al fine di incassare i cash flows contrattuali ma vorrebbe vendere linvestimento in particolari circostanze, quali, ad esempio: (a)Lo strumento non è più adeguato alle policy di investimento di A (ad esempio, il credit rating dellemittente diminuisce al di sotto di una certa soglia), (b)A è un emittente che adegua il proprio portafoglio per riflettere i cambiamenti nelle duration attese (tempistica dei pagamenti in uscita attesi), o (c)A necessita capitali per investimenti in immobilizzazioni Analisi: Sebbene A consideri lattività finanziaria dal punto di vista della liquidità, il suo obiettivo è quello di possedere lo strumento al fine dellincasso dei cash flows contrattuali Alcune vendite possono non essere in contraddizione con il suddetto obiettivo In ogni caso, se vengono effettuate un numero di vendite maggiore di infrequente, A deve verificare se e come tali vendite sono coerenti con lobiettivo di incassare i cash flows contrattuali

12 Pagina 12 Business model test Esempio n. 2 Scenario: La società C origina crediti e successivamente li cede ad un veicolo (SPV) Il veicolo emette strumenti finanziari acquistati da un investitore C controlla e consolida il veicolo Il veicolo incassa i cash flows contrattuali e li trasferisce allinvestitore Si ipotizzi che i crediti continuino ad essere contabilizzati nel bilancio consolidato Analisi: A - Bilancio consolidato: – Il gruppo origina i crediti con lobiettivo di possederli per incassare i cash flows contrattuali A – Bilancio individuale: – C realizza lobiettivo di incassare i cash flows del portafoglio crediti cedendoli al veicolo – Nel bilancio dimpresa di C non deve essere considerata la gestione dei crediti al fine di incassare i cash flows contrattuali

13 Pagina 13 Business model test Esempio n. 3 Scenario: La società D fa una gestione attiva del portafoglio di attività finanziarie al fine di realizzare le plusvalenze derivanti dai cambiamenti di fair value D è attiva nellattività di compravendita Analisi: D gestisce il proprio portafoglio al fine di realizzare gli utili derivanti dalle variazioni di fair value piuttosto che incassare i cash flows contrattuali

14 Pagina 14 Charateristics of the financial asset test In base ai termini contrattuali, lo strumento finanziario deve originare, a date specifiche, cash flows che rappresentano esclusivamente il pagamento di quota capitale e interessi Interessi sono il compenso per il time value e per il rischio di credito associati al capitale residuo lungo un certo periodo di tempo I cash flows contrattuali che incorporano un effetto leva (leverage) non hanno più la caratteristica di interessi sul capitale residuo. Esempi: option, contratti forward e swap Uno strumento finanziario subordinato a unaltro strumento può comunque avere cash flows contrattuali rappresentano esclusivamente il pagamento di quota capitale e interessi La quotazione dello strumento in un mercato attivo (o meno) non è un elemento considerato nelle misurazioni ai sensi di IFRS 9

15 Characteristics of the financial asset test Strumenti perpetui Scenario: Lemittente ha la facoltà di rimborso in ogni momento e paga il valore nominale più gli interessi cumulati dovuti Gli interessi sono ad un tasso di mercato ma i pagamenti non possono essere effettuati se lemittente non rimane solvibile dopo il loro pagamento Gli interessi differiti non generano addizionali interessi Analisi: I cash flows contrattuali non rappresentano il pagamento di capitale e di interessi in quanto allemittente può essere obbligato - o può scegliere – di differire il pagamento degli interessi Se gli interessi sono dovuti anche sullimporto differito, i cash flows contrattuali possono rappresentare pagamenti per capitale e interessi (e lo strumento può essere idoneo per la classificazione al costo ammortizzato) Il fatto che uno strumento sia perpetuo non comporta di per sé che i cash flows contrattuali non rappresentino pagamenti per capitale e interessi Il fatto che uno strumento sia callable non comporta che i cash flows contrattuali non rappresentino capitale e interessi, a meno che esso sia callableper un importo che non rappresenta il capitale residuo, interessi ed il compenso per lestinzione anticipata

16 Pagina 16 Classificazione Albero decisionale Business model test e Characteristics of the financial asset test Fair value option? Costo ammortizzato Fair value No Si No

17 Pagina 17 Costo ammortizzato Caratteristiche di cash flow contrattuali Capitale Termini contrattuali che determinano pagamenti di capitale ed interessi Interessi = Remunerazione per: Time value Rischio di credito

18 Pagina 18 Strumenti di debito Nuova classificazione Strumenti di debito con derivati incorporati Lintero contratto ibrido: Ha caratteristiche di cash flow contrattuali? Tutti gli altri contratti ibridi (con ospite strumento finanziario) Intero strumento ibrido al Costo ammortizzato (con impairment) Intero strumento ibrido al Fair value a conto economico (no impairment)

19 19 novembre 2009 Pagina 19 Titoli di capitale Nuova classificazione A Fair Value attraverso il conto economico Opzione per titoli di capitale non di trading: Fair value a Conto economico complessivo (dividendi a conto economico, nessun riversamento di utili e perdite da realizzo) (no impairment)

20 Pagina 20 Fair Value Option for financial assets Fair value option ammessa se… Asimmetrie contabili Gestione al fair value Derivati impliciti Strumento non gestito per lincasso dei cash flows contrattuali Fair Value Contratti ibridi con ospite strumento finanziario considerati nella loro interezza

21 Classificazione e misurazione passività finanziarie Classificazione e valutazione delle passività finanziarie Il performance risk Gli strumenti ibridi con derivati impliciti Alcune considerazioni


Scaricare ppt "LIFRS 9 – Financial Instruments: Classificaizone e misurazione Marco Venuti 2013 Risk and Accounting."

Presentazioni simili


Annunci Google