La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Insegnamento del nuoto: riferimenti didattici Facoltà di Scienze Motorie Sport Natatori 2 18.03.06 Andrea Campara.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Insegnamento del nuoto: riferimenti didattici Facoltà di Scienze Motorie Sport Natatori 2 18.03.06 Andrea Campara."— Transcript della presentazione:

1 Insegnamento del nuoto: riferimenti didattici Facoltà di Scienze Motorie Sport Natatori Andrea Campara

2 Tecnica Il modello di prestazione è laspetto formale della tecnica Il discente deve rappresentarsi il modello interiormente attraverso sensazioni tattili e cinestesiche La consapevolezza nellesecuzione delle ripetizioni

3 Dal facile al difficile La cordinazione grezza (sicurezza) La coordinazione fine (attenzione esecutiva) Coordinazione fine come consuetudine alla consapevolezza

4 Le caratteristiche strutturali delle nuotate Ritmo Accoppiamento dei movimenti Ampiezza e frequenza Fluidità

5 Ritmo Ordine cronologico e ripartizione dellaccentuazione di forza caratteristico di ogni atto motorio Capacità di regolare finemente la dinamica muscolare (contrazione – decontrazione = sensopercezione) La sincronizzazione di ritmi diversi complica la risoluzione del compito motorio (crawl gambe – braccia – capo/respirazione)

6 Accoppiamento dei movimenti Intervento simultaneo di vari segmenti e distretti articolari Accoppiare/collegare abilità motorie automatizzate attraverso coordinazione Lallenamento bilaterale aiuta al raggiungimento dellobiettivo (simmetrizzazione del gesto)

7 Ampiezza e frequenza Ampiezza: distanza percorsa per ciclo (SL Stroke lenght o DPS distance per stroke); è la distanza percorsa da qualsiasi punto del corpo del nuotatore in un ciclo completo di nuotata (attenzione al gesto corto che limita lavanzamento) Frequenza : numero di cicli completi nellunità di tempo (dallentrata di una mano in acqua al suo rientro successivo) Massima velocità di avanzamento è differente da massima velocità di movimento

8 Fluidità Conseguenza della coordinazione dei singoli impulsi di forza, dallinerzia per organizzare una azione che sappia adattarsi alle resistenze incontrate Il ritmo condiziona la fluidità (pause ad inizio o fine recupero)


Scaricare ppt "Insegnamento del nuoto: riferimenti didattici Facoltà di Scienze Motorie Sport Natatori 2 18.03.06 Andrea Campara."

Presentazioni simili


Annunci Google