La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Configurazioni ottiche dei telescopi riflettori La stesso telescopio può avere diversi fuochi PRIMO FUOCOPRIMO FUOCO FUOCO NEWTONIANOFUOCO NEWTONIANO FUOCO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Configurazioni ottiche dei telescopi riflettori La stesso telescopio può avere diversi fuochi PRIMO FUOCOPRIMO FUOCO FUOCO NEWTONIANOFUOCO NEWTONIANO FUOCO."— Transcript della presentazione:

1 Configurazioni ottiche dei telescopi riflettori La stesso telescopio può avere diversi fuochi PRIMO FUOCOPRIMO FUOCO FUOCO NEWTONIANOFUOCO NEWTONIANO FUOCO CASSEGRAINFUOCO CASSEGRAIN FUOCO NASMYTHFUOCO NASMYTH FUOCO COUDEFUOCO COUDE Il rapporto focale dipende allora dal fuoco che viene usato

2 Primo Fuoco Nei grandi telescopi la strumentazione può essere collocata direttamente al fuoco dello specchio principale Minor perdita di energia e rapporto focale più piccolo È facilitata losservazione degli oggetti deboli Svantaggi: il fuoco è difficilmente accessibile possono sorgere problemi di campionamento se b pixel Telescopio Hale

3

4 Fuoco Newtoniano A causa della difficile accessibilità e per il fatto che il peso della strumentazione introduce un momento meccanico indesiderato è adottato solo negli strumenti più piccoli Il rapporto focale f/ non è modificato poiché la seconda riflessione avviene su di uno specchio piano Il telescopio di Newton

5 Fuoco Cassegrain Il piano focale viene portato dietro allo specchio primario (forato al centro) per mezzo di una riflessione su di un secondario convesso Per la sua facile accesibilità e per i vantaggi meccanici è il fuoco più diffuso La focale Cassegrain è più grande rispetto a quella del primario, rapporto focale tipico f/15

6 Configurazione del Ottica Telescopio Nazionale Galileo (TNG)

7 Fuoco Nasmyth Nelle moderne montature altazimutali il fuoco viene portato lungo lasse orizzontale in una posizione fissa attraverso due successive riflessioni su un secondario a 90° ed un terziario a 45°. (vedi precedente schema TNG) Schema telescopio Keck TNG

8 Fuoco Coude Il fascio del fuoco Cassegrain viene intercettato e con una serie di riflessioni su specchi ausiliari viene portato in un laboratorio dove è collocato uno spettrografo ad altissima risoluzione. (spettrografo CES del 3.6m dellESO,La Silla Il rapporto focale diventa molto grande. Le perdite di energia sono molto alte (fino al 70%) È una soluzione molto costosa () e sta andando in disuso. Oggi si tende a raccogliere la radiazione al fuoco Cassegrain ed a portarla allo spettrografo per mezzo di fibre ottiche Il sistema oltre ad essere più economico riduce le perdite di energia. È una soluzione molto costosa ( vedi CAT/CES ESO ) e sta andando in disuso. Oggi si tende a raccogliere la radiazione al fuoco Cassegrain ed a portarla allo spettrografo per mezzo di fibre ottiche Il sistema oltre ad essere più economico riduce le perdite di energia. SpettrografoFEROS/ESO: Telescopio Hale

9 Primary Aperture Types Monolithic Segmented Sparse Examples: NGST,MMT Examples: SIM, VLT Examples: Palomar spangles

10 Telescopi multipli (MMT,MAT) La capacità degli elaboratori di controllare la meccanica e lottica dei telescopi ha permesso lo sviluppo dei telescopi multipli, cioè costituiti da più specchi Sono possibili due diversi approcci Sono possibili due diversi approcci Multiple Mirror Telescope Multi Aperture Telescope Multiple Mirror Telescope Multi Aperture Telescope (2 KECK, 10 m, 36 tasselli esagonali) (VLT, 8 m, 4 telescopi ) La tecnologia MAT, attraverso luso dellinterferometria permette di ottenere altissime risoluzioni I progetti futuri sono molto promettenti, per esempio lESO ha proposto OWL (Overwhelmigngly Large) con un diametro di cento metri e costituito da 1600 tasselli

11 LBT

12 Terry Herter and Gordon Stacey, Copyright Contact info:

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26 Riflettività di oro, argento e alluminio

27

28

29

30

31 La storia dei telescopi riflettori

32

33

34

35

36

37

38

39 FINE Terry Herter and Gordon Stacey, Copyright Contact info: CONTINUA

40 The Ritchey-Chrétien Telescope was developed jointly by American optician George Willis Ritchey and French optical designer Henri Chrétien in the early 1910's.

41 Ritchey built the 100-inch mirror for Mt. Wilson observatory. The site of some of the most important advances in the history of astronomy, this telescope was named after John D. Hooker who donated the cost of the mirror. This telescope was the largest in the world for thirty years after it opened in November, It is a mechanical masterpiece and was dedicated as an International Historical Mechanical Engineering Landmark in 1981 by the American Society of Mechanical Engineers, only the fourth such award in the United States. 100-inch Hooker Telescope at Mt. Wilson observatory

42 Telescopio Hale Monte Palomar (5m)

43 The Hubble Space Telescope ( Il Telescopio Spaziale Hubble)

44 ESO-VLT (4 telescopi da 8m)

45 I telescopi più grandi

46 I telescopi Keck (10m) a Mauna Kea (Hawaii)

47 KECK

48 I telescopi più grandi


Scaricare ppt "Configurazioni ottiche dei telescopi riflettori La stesso telescopio può avere diversi fuochi PRIMO FUOCOPRIMO FUOCO FUOCO NEWTONIANOFUOCO NEWTONIANO FUOCO."

Presentazioni simili


Annunci Google