La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lucido 1/27 Il Sistema Moda Puglia: Il progetto ed i principali risultati Marco Pinna.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lucido 1/27 Il Sistema Moda Puglia: Il progetto ed i principali risultati Marco Pinna."— Transcript della presentazione:

1 Lucido 1/27 Il Sistema Moda Puglia: Il progetto ed i principali risultati Marco Pinna

2 Lucido 2/27 Il programma Europeo Equal Un modello inclusivo di società Un forte coinvolgimento regionale affinché lintervento non fosse isolato ma aderente al POR Un intervento straordinario in grado di offrire risorse aggiuntive alle politiche ordinarie Un intervento concertato tra molti partner Un progetto ambizioso con un finanziamento ridotto del 66% rispetto al piano iniziale Un progetto che ha sempre avuto ampia necessità di volontariato Una delle ultime occasioni offerte dal FSE

3 Lucido 3/27 Il progetto Sistema Moda Puglia Un progetto sulleconomia sommersa che ha operato in Puglia con tre azioni: –4 mesi di Azione 1 SMP da Dicembre 2001 ad Aprile 2002 ATI e TCA –36 mesi di Azione 2 SMP Dal 3 Giugno 2002 al 2 Giugno 2005 Svolgimento piano esecutivo di progetto –18 mesi di Azione 3 CLESOS con Computer Levante Engineering Dal 21 Aprile 2004 al 20 Ottobre 2005 Diffusione buone pratiche

4 Lucido 4/27 Le fasi progettuali Fase 1: Definizione del campo di azione Fase 2: Conoscenza del contesto socio-economico Fase 3: Strategia e piano operativo dellintervento Fase 4: Realizzazione dellattività di formazione e consulenza Fase 5: Ingegnerizzazione della strategia di intervento Oggi celebriamo lultimo atto della fase 5 del progetto che si concluderà il prossimo 2 Giugno 2005

5 Lucido 5/27 Soggetto ReferenteSoggetti Proponenti ATI Soggetti accordo di collaborazione Appoggio esterno Cesos API PugliaUST CISL LecceComune di Galatina (Lecce) APQ CISLUST CISL BariComune di Putignano CITERIRES CGILComune di Andria ECIPA CNA PugliaCGIL Regionale PugliaCamera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura Bari Confcooperative PugliaFILTEA CGIL BariBanca di Credito Cooperativo di Bari CROSSFILTEA CGIL PugliaPatto territoriale dell'area metropolitana di Bari SpA ERFEACOOP FORM PugliaCNG snc dI Carrieri Nicola & Graziano & C. EUROPAFORM: Accademia scarl Artes Ismo INAS CISL NazionaleLeader soc. coop. FEMCA CISLFEMCA CISL PugliaConsorzio Bimbo Sud IAL PugliaRagioniere Donato CalòT-A Confezioni di Antonia Andresini Officine MultimedialiDott. Basile CataldoEffegierre Di Lippolis Giovanni & C. Smile PugliaRag. Mignozzi GianniConfezioni GAL.CAM di Giotta Angela & C Uni.Versus Consorzio Universitario Stireria Elite di Caterina Benedetto USR CISL PugliaVEL.BEL DI Bella Laura & C Confezioni 2000 di Luisi Maria

6 Lucido 6/27 Il partenariato 15 organismi espressione delle parti sociali (imprenditoriali e sindacali); 1 patto territoriale; 2 enti bilaterali; 3 enti e società di formazione; 17 imprese; 3 liberi professionisti; 4 comuni; 1 camera di commercio; 1 consorzio universitario.

7 Lucido 7/27 Il partenariato Una partnership di sviluppo ampia: risorsa e freno –Risorsa in grado di svolgere bene le azioni di mainstreaming orizzontale e verticale In grado di elaborare accordi, documenti e studi sul settore Già impegnati nello sviluppo territoriale Trasferimento di know how Forte conoscenza del territorio e delle dinamiche corrette per avere successo Massima disponibilità e rapporti cordiali –Freno Difficoltà a coordinare un gruppo così numeroso di partner Bassa motivazione ad agire per esigue risorse economiche Scarsa capacità di raggiungere il destinatario finale Avvicendamento frequente di persone chiave o mutati equilibri politiche Incapacità a portare a termine quanto realizzato Problemi nella rendicontazione delle attività

8 Lucido 8/27 La nostra opinione sulleconomia sommersa FENOMENO COMPLESSO CARATTERIZZATO DA: –Dimensione soggettiva imprenditore –Consenso dei lavoratori –Radicamento nel territorio –Reti familiari che garantiscono Sostegno economico minimo Reperimento di risorse umane

9 Lucido 9/27 La nostra strategia di emersione Percorrere, con modalità nuove, la traiettoria evolutiva del nord Creare reti territoriali di imprese Dare visibilità sui mercati con marchi propri Sviluppo di subfornitura qualificata Utilizzo di nuove tecnologie informatiche Sperimentare azioni comuni con i tutor per lemersione ed offrire servizi integrati

10 Lucido 10/27 Il nostro lavoro quotidiano teso a: Superare latteggiamento di tolleranza del sommerso –Funzionale al decentramento produttivo del nord –Ruolo ammortizzatore sociale Eliminare gli ostacoli alle esperienze di sviluppo concertato Responsabilizzare gli attori locali Promuovere i soggetti a capo delle imprese Valorizzare il capitale umano

11 Lucido 11/27 Il progetto si è impegnato per il rafforzamento del TAC Nelle aree di: Andria, Bari, Barletta, Lecce, Martina Franca, Putignano, Trani Integrandosi con la Commissione per lemersione dal lavoro sommerso, con i PIT, con gli progetti Equal, con il POR. Proponendo alle imprese una politica di associazione tra imprese, di creazione di consorzi tra ditte di piccole e medie dimensioni per affrontare insieme il mercato estero Proponendo a giovani neolaureati un percorso ai autoimpresa per portare valore ed innovazione al settore del TAC Proponendo il riconoscimento dei distretti industriali e lavorando sul rafforzamento delle reti preesistenti

12 Lucido 12/27 Distretti che sfondano verso lalto Dalle nostre analisi emerge questa evoluzione dei distretti Distretti che sfondano verso il basso DUE TENDENZE

13 Lucido 13/27 Distretti che sfondano verso lalto Qualità e competitività Aziende leader che ne guidano lo sviluppo sui mercati internazionali Il nostro modello ha proposto:

14 Lucido 14/27 Distretti che sfondano verso il basso Assenza di aziende leader autonome Competizione sui costi Lavoro irregolare Perché laltro modello porta lavoro irregolare e povertà

15 Lucido 15/27 ABBIAMO SCELTO DI FARE UN PERCORSO PER SFONDARE VERSO LALTO FAVORIRE LA CREAZIONE DEI DISTRETTI AFFRONTARE I NODI STRUTTURALI QUALIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DEI PROCESSI PRODUTTIVI

16 Lucido 16/27 Il marchio SMP Tutte queste scelte sono state inserite allinterno del marchio Marchio etico Certificazione di processo SMP unisce aziende per irrobustirle e offrire loro la possibilità di affrontare il mercato globale

17 Lucido 17/27 Il marchio SMP Ad oggi sono 187 le aziende pugliesi che hanno manifestato interesse e preaderito al marchio.

18 Lucido 18/27 Rafforzare la cooperazione tra gli attori locali attraverso focus group, incontri, momenti formativi, meeting internazionali, delegazioni internazionali Sviluppare beni relazionali quali accordi, marchio comune, consorzi Orientare la politica di sviluppo locale con studi per il POR, i PIT, il credito Favorire percorsi di Emersione e regolarizzazione lavorando con i tutor per lemersione COSTRUIRE LE CONDIZIONI PER LA CREAZIONE DEI DISTRETTI HA SIGNIFICATO:

19 Lucido 19/27 Valorizzare le capacità dei giovani neolaureati favorendo la creazione di team di professionisti ed offrendo loro visibilità e conoscenza del settore Qualificare i lavoratori nei corsi di formazione anche sulle nuove tecnologie informatiche ABBIAMO AFFRONTATO I NODI STRUTTURALI ATTRAVERSO AZIONI DI MAINSTREAMING, FORMAZIONE E CONSULENZA Valorizzare le capacità imprenditoriali con aule miste di formazione e consulenza e con i project work, facendogli visitare aziende estere

20 Lucido 20/27 Linnovazione INNOVAZIONE DI PROCESSO Marchio SMP Formazione e Consulenza Osservatorio permanente del sommerso INNOVAZIONE DI FINALITA Internazionalizzazione (SMP) Innovazione di processo (SMP) Rafforzamento sistemico dellintero ciclo (E-Business) INNOVAZIONE DI CONTESTO Protocollo di intesa con la Commissione per lemersione Accordi con PIT, Altri Equal, Agenzia per linternazionalizzazione di Andria

21 Lucido 21/27 PUNTI DI FORZA PUNTI DI DEBOLEZZA IL SISTEMA MODA PUGLIA

22 Lucido 22/27 PUNTI DI FORZA MARCHIO SMP OSSERVATORIO PERMANENTE SUL SOMMERSO PROTOCOLLO CON LA COMMISSIONE PER LEMERSIONE ATTIVITA DI FORMAZIONE E CONSULENZA A OLTRE 200 PERSONE PROJECT WORK TRASFERIMENTO DI KNOW HOW MAINSTREAMING ORIZZONTALE E VERTICALE PARTNERSHIP STUDI E RICERCHE LIBRO EMERSIONE,COMPETITIVITA E RESPONSABILITA SOCIALE: LE SFIDE PER IL SISTEMA MODA IL SITO COSTANTEMENTE AGGIORNATO FOCUS GROUP, MEETING INTERNAZIONALI

23 Lucido 23/27 PARTENARIATO AMPIO MA DISTRATTO TAGLIO DEL 66% DEL BUDGET PREVISTO MANCANZA DI UNA REGIA REGIONALE MANCANZA DI STABILI RIFERIMENTI POLITICI GESTIONE STRAORDINARIA DELLORDINARIO SITUAZIONE DEL MERCATO EURO FORTE ECCESSIVA ATTENZIONE ALLA RENDICONTAZIONE CULTURA DELLAPPARTENENZA E NON DELLA COMPETENZA PUNTI DI DEBOLEZZA

24 Lucido 24/27 Consolidare il marchio SMP Lavorare per creare consorzio per rafforzare le piccole e medie aziende del settore Far crescere il distretto industriale Valorizzare i giovani neolaureati utilizzando le loro competenze, creatività, innovazione Creare un e-business del marchio per ottimizzare lintero ciclo produttivo Puntare allinternazionalizzazione delle aziende OPPORTUNITA

25 Lucido 25/27 Crisi strutturale del settore tessile Necessario cambiamento di settore per molti verso altri settori Mancanza di una guida politica di sostegno al cambiamento Scelta delle linee politiche senza lutilizzo delle buone pratiche già maturate Non agire in maniera determinata sul sommerso Atteggiamento scarsamente collaborativo degli imprenditori Utilizzo degli strumenti in tempi ragionevoli (PIT) Mancato funzionamento dei centri per limpiego MINACCE

26 Lucido 26/27 Il progetto finisce il 2 Giugno 2005 e noi restiamo fin da ora a disposizione della Regione per offrire prodotti, esperienze, know how, per aiutare il settore del TAC Pugliese che sta vivendo un cambiamento epocale in un momento di crisi e non si può permettere nessun passo falso. Sostenibilità

27 Lucido 27/27 Sistema Moda Puglia Grazie per lattenzione Marco Pinna Cell


Scaricare ppt "Lucido 1/27 Il Sistema Moda Puglia: Il progetto ed i principali risultati Marco Pinna."

Presentazioni simili


Annunci Google