La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LINEE GUIDA A.M.D S.I.D S.I.M.G Nellassistenza al Paziente Diabetico UMBERTO ALECCI S.I.M.G. Messina UMBERTO ALECCI S.I.M.G. Messina.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LINEE GUIDA A.M.D S.I.D S.I.M.G Nellassistenza al Paziente Diabetico UMBERTO ALECCI S.I.M.G. Messina UMBERTO ALECCI S.I.M.G. Messina."— Transcript della presentazione:

1 LINEE GUIDA A.M.D S.I.D S.I.M.G Nellassistenza al Paziente Diabetico UMBERTO ALECCI S.I.M.G. Messina UMBERTO ALECCI S.I.M.G. Messina

2 Firenze 17 Novembre 2000 Congresso Nazionale S.I.M.G.

3 IL PASSATO IL VISCONTE DIMEZZATO ITALO CALVINO 1952 POST CRISTUM NATUM

4 MEDICO MEDICINA GENERALE n SCARSO INTERESSE AL DIABETE n NESSUNA INTEGRAZIONE COL C.D. n SCARSA CONOSCENZA DELLA TERAPIA INSULINICA n ESCLUDERE LA MALATTIA DAL PAZIENTE n MANCATA GESTIONE TEMPORALE

5 Il DIABETOLOGO n PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE n NESSUNA INTEGRAZIONE COL M.M.G n VISTOSA TENDENZA A FARE NUMERI n DEQUALIFICAZIONE DELLOFFERTA (SECONDO LIVELLO)

6 IL PRESENTE IL PRINCIPE MACCHIAVELLI 1513 POST CRISTUM NATUM

7 NON VE NIENTE DI PIU DIFFICILE E PERICOLOSO CHE INTRODURRE UN NUOVO ORDINE DELLE COSE,POICHE IL CAMBIAMENTO HA PER FIERI NEMICI TUTTI COLORO CHE SI TROVANO BENE NELLE VECCHIE CONDIZIONI E SOLO TIEPIDI DIFENSORI TRA QUELLI CHE SI TROVERANNO MEGLIO NELLE NUOVE.

8 GESTIONE INTEGRATA MEDICO GENERALE n SCREENING n RICERCA NUOVI CASI n DIABETE 2 N.C. n RILEVAZIONE FATTORI RISCHIO n COUNSELLINGDIABETOLOGO n DIABETE 1 n DIABETE 2 COMPLICATO n GESTIONE COMPLICANZE n EDUCAZIONE SANITARIA

9 IL FUTURO

10 RUOLO DEL DIABETOLOGO. GESTIONE DIRETTA IN COLLABORAZIONE COL M.M.G : n DIABETE TIPO 1 n GRAVE INSTABILITA METABOLICA n COMPLICANZE CRONICHE IN FASE EVOLUTIVA n INQUADRAMENTO DIABETE TIPO 2 NEODIAGNOSTICATI n VALUTAZIONE PERIODICA DEL DIABETE TIPO 2 SEGUITO DAL M.M.G. IN GESTIONE INTEGRATA

11 RUOLO DEL DIABETOLOGO. PRESA IN CARICO TEMPORANEA IN COLLABORAZIONE COL MMG DEI PAZIENTI : n DIABETE TIPO 2 IN SQUILIBRIO METABOLICO n IN PREVISIONE DI FUTURA GRAVIDANZA n GRAVIDANZA IN ATTO n DIABETE GESTAZIONALE n IN PREVISIONE DI INTERVENTI CHIRURGICI DI CH MAGGIORE IN ELEZIONE

12 RUOLO DEL M.M.G. n IMPOSTARE LA TERAPIA FARMACOLOGICA CON IPO ORALI SECONDO LINEE GUIDA CONDIVISE n GESTIRE IL FALLOW UP n ATTIVARE IL CD PER I NEODIAGNOSTICATI n ORGANIZZARE LO STUDIO PER ASSISTENZA AL PAZIENTE DIABETICO n OTTIMIZZARE LA RACCOLTA DEI DATI

13 RUOLO DEL DIABETOLOGO. n CONSULENZE AI M.M.G PER GESTIONE COMPLICANZE n TERAPIA NUTRIZIONALE n TERAPIA EDUCAZIONALE n COORDINAMENTO ATTIVITA CLINICA FORMATIVA EPIDEMIOLOGICA E GESTIONALE

14 VANTAGGI PER IL DIABETOLOGO. n RIDUZIONE PER IL CARICO DI LAVORO IMPROPRIO n RAZIONALIZZAZZIONE DEL PERCORSO ASSISTENZIALE n RICONOSCIMENTO ATTIVITA SPECIALISTICA n ASSUNZIONE OLTRE ALLE FUNZIONI CLINICHE, DI QUELLE EPIDEMIOLOGICHE E GESTIONALI

15 RUOLO DEL M.M.G. n SCREENIG POPOLAZIONE A RISCHIO PER : DIABETE NON DIAGNOSTICATO,DIABETE GESTAZIONALE INTOLLERANZA AL GLUCOSIO(I.G.T.) ALTERATA GLICEMIA A DIGIUNO (A.F.D.) n DIAGNOSI DIABETE n EDUCAZIONE SANITARIA E COUNSELING PER SOGGETTI A RISCHIO n CORREGGERE I COMPORTAMENTI ALIMENTARI ERRATI E GESTIRE LA DIETA

16 VANTAGGI PER IL M.M.G. n MIGLIORAMENTO QUALITA LAVORO E PRESTAZIONI n APPROCCIO A CURE CONDIVISE n RIDUZIONE CONFLITTUALITA COL 2° LIVELLO n CAPACITA DI LAVORARE PER OBIETTIVI n MIGLIORAMENTO OUTCOMES CLINICI n POSSIBILI BENEFICI ECONOMICI

17 LINEE GUIDA PER IL FALLOW UP DEL DIABETE TIPO 2 METABOLICAMENTE STABILE

18 COMPITI M.M.G. COMPITI M.M.G.. OGNI TRE \QUATTRO MESI: n GLICEMIA A DIGIUNO E P.P. n HB1AC n ESAME URINE COMPLETO n VALUTAZIONE AUTOCONTROLLO n P\A PESO B.M.I. OGNI SEI MESI: n VISITA MEDICA GENERALE ORIENTATA PER PROBLEMI

19 COMPITI M.M.G. COMPITI M.M.G.. OGNI ANNO: n URINOCOLTURA,MICROALBUMINURIA,CREATININA,URICEMIA, COLESTEROLO T.E HDL,TRIGLICERIDI n ELETTROCARDIOGRAMMA n ESAME FUNDUS(SE RETINOPATIA ALTRIMENTI 2 ANNI) n SE NECESSARI PARAMETRI EPATICI,FIBRINOGENO,PROTIDOGRAMMA,ELETTROLITI,AC.LATTI CO.

20 QUANDO ANTICIPARE I CONTROLLI IN URGENZA : n SINTOMATOLOGIA DI SCOMPENSO ACUTO n RIPETUTE IPOGLICEMIE n GRAVIDANZA IN DIABETICA n DIABETE IN GRAVIDANZA n ULCERE PIEDE PROGRAMMABILE: n RIPETUTE GLICEMIEE A DIGIUNO SUP A 180MG\dl n EMOGLOBINA GLICATA SUP A 8.5 n COMPARSA SEGNI CLINICI DI COMPLICANZE n DIABETE ALLESORDIO

21 LINEE GUIDA PER IL FALLOW UP DEL PAZIENTE CON IGT\IFG

22 COMPITI M.M.G. COMPITI M.M.G.. OGNI SEI MESI: n GLICEMIA A DIGIUNO E P.P E\O GLICEMIA A DUE ORE DOPO OGGT.\75g n P\A PESO B.M.I. OGNI ANNO: n VISITA MEDICA GENERALE ORIENTATA PER PROBLEMI n ECG n QUADRO LIPIDICO(COL HDL LDL TRIG )

23 LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA DEL DIABETE TIPO 2

24 COMPITI M.M.G. COMPITI M.M.G.. NEI SOGGETTI DI ETA SUPERIORE A 40 ANNI NON A RISCHIO PER DIABETE MELLITO: n GLICEMIA A OGNI TRE ANNI O P.P. O DOPO OGGT\75g NEI SOGGETTI A MEDIO RISCHIO,OBESITA SOVRAPPESO DIABETE GESTAZIONALE IPERTENSIONE IPERCOLES.ECC.: n GLICEMIA A DIGIUNO E P.P. OGNI ANNO

25 LINEE GUIDA PER LATTIVAZIONE DELLA CONSULENZA DIABETOLOGICA

26 PROGRAMMATEPROGRAMMATE n AL MOMENTO DELLA DIAGNOSI n OGNI DUE ANNI PER IL DIABETE TIPO 2 n SECONDO INTERVALLI PROGRAMMATI PER,DIABETE TIPO 1,DIABETE TIPO 2 INSULINODIPENDENTI CON COMPLICANZE ACUTE IN FASE EVOLUTIVE

27 NON PROGRAMMATE OGNI VOLTA CHE A GIUDIZIO DEL MMG E NECESSARIA UNA CONSULENZA PER INADEGUATO COMPENSO METABOLICO,COMPLICANZE NEUROLOGICHE,RENALI,OCULARI, VASCOLARI,PIEDE DIABETICO(INCIPIENTE O IN ATTO)

28 ESEMPI NON VINCOLANTI PER IL M.M.G. n RIPETUTI EPISODI DI IPOGLICEMIA n GLICEMIA>400 MG\DL(EMERGENZA) n GLICEMIA TRA>300 E<400 MG\ DL CON (EMERGENZA)O SENZA CHETONURIA (URGENZA) n GLICEMIE RIPETUTE POST PRANDIALI>300 n GLICEMIE RIPETUTE A DIGIUNO>200 n RIPETUTI EPISODI INFETTIVI n MODIFICAZIONI VISUS n NEUROPATIA PERIFERICA n INCONTINENZA RITENZIONE URINARIA

29 ESEMPI NON VINCOLANTI PER IL M.M.G. n GRAVI SEGNI DI DISIDRATAZIONE(URGENZA) n IMPOTENZA n RECENTE COMPARSA IPERTENSIONE n PIORREA n COMPARSA ALTERATA FUNZIONALITA RENALE n PRIMA DI RICHIEDERE ESAMI STRUMENTALI INVASIVI n DOPO RICOVERO OSPEDALIERO DI QUALSIASI NATURA n RISCONTRO DI DISLIPIDEMIE NON NOTE n LESIONI TROFICHE INIZIALI PIEDE

30 LINEE GUIDA PER IL RICOVERO DEL PAZIENTE DIABETICO URGENTE

31 CHETOACIDOSI SEGNI CLINICI DI GLUCOSIO>250MG\DL CHETONURIA EMOGAS IPER OSMOLARITA NON CHETOSICA COMPROMISSIONE STATO MENTALE ELEVATA OSMOLARITA PLASMATICA >350MOSM\KG GLUCOSIO>400 COMPLICANZE ACUTE APPARATO CARDIOVASCOLARE IPOGLICEMIA GRAVE GLUCOSIO<50 MG\DL CON NEUROGLICOPENIA SENZA RISOLVENZA DELLA COMPROMISSIONE SENSORIO CON TRATTAMENTO ADEGUATO STATO TOSSI INFETTIVO DA CANGRENA DIABETICA

32 LINEE GUIDA PER IL RICOVERO DEL PAZIENTE DIABETICO PROGRAMMABILE

33 REGIME DI DAY HOSPITAL n DIABETE MELLITO ALLESORDIO. n FALLOW UP MALATTIA E COMPLICANZE. n DIABETE IN GRAVIDANZA GRAVIDA DIABETICA n TERAPIA INFUSIONALE CONTINUA REGIME RICOVERO ORDINARIO n SCOMPENSO METABOLICO CRONICO n PIEDE DIABETICO n ESECUZIONE PROCEDURE DIAGNOSTICHE INVASIVE

34 IL FUTURO TAO TE CHING

35 SALIRE O SCENDERE LA MONTAGNA, RIUSCIRE O FALLIRE, SI FA NELLO STESSO MODO : UN PASSO ALLA VOLTA LAO ZI 600 ANTE CRISTUM NATUM


Scaricare ppt "LINEE GUIDA A.M.D S.I.D S.I.M.G Nellassistenza al Paziente Diabetico UMBERTO ALECCI S.I.M.G. Messina UMBERTO ALECCI S.I.M.G. Messina."

Presentazioni simili


Annunci Google