La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lesperienza del progetto MeTeO a Palermo Luigi Galvano S.I.M.G. SICILIA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lesperienza del progetto MeTeO a Palermo Luigi Galvano S.I.M.G. SICILIA."— Transcript della presentazione:

1 Lesperienza del progetto MeTeO a Palermo Luigi Galvano S.I.M.G. SICILIA

2 Il servizio sanitario nazionale La missione dei servizi sanitari è migliorare lo stato di salute della popolazione.

3 Scenario internazionale Negli ultimi anni nei sistemi sanitari occidentali, sia a prevalenza privata (di mercato o assicurativa) che a prevalenza pubblica (servizio sanitario nazionale), si è assistito ad una progressiva revisione istituzionale che ha portato ad una riduzione delle differenze fra i due sistemi per effetto di riforme che sono andate nella stessa direzione.

4 Scenario internazionale E un processo generale di riforma del Welfare state che interessa tutti i servizi pubblici (sanità, scuola, previdenza etc.) e che si propone di mantenere la funzione pubblica di tutela (in Italia per mezzo dei LEA) introducendo elementi di mercato dal lato della produzione dei servizi.

5 Scenario nazionale In Italia la legge 833/78 istitutiva del SSN e le successive modificazioni ed integrazioni (L.502/92, L.517/93, L.229/99) prevedono gli strumenti per la realizzazione di questo processo attraverso: convenzioni autorizzazioni accreditamenti istituzionali accordi contrattuali

6 Collaborazione Partecipativa Si tratta di fare in modo che tutti i soggetti coinvolti nella programmazione da un lato e nellerogazione dellassistenza dallaltro devono partecipare allelaborazione ed alla realizzazione di programmi per il miglioramento della salute affinché si impegnino per adeguare in modo ottimale la strategia dellofferta alle caratteristiche dei bisogni e della domanda (equità, liste dattesa), essendo matura la consapevolezza che occorre mobilitare tutti i partners della salute.

7 Integrazione E fondamentale, inoltre, creare le migliori sinergie fra tutti gli attori della sanità attraverso progetti di continuità assistenziale che vedano: lintegrazione fra assistenza territoriale ed ospedaliera e fra servizi sanitari e servizi sociali.

8 Integrazione-Finalità Ciò per raggiungere le seguenti finalità: Definire il percorso assistenziale del paziente Ridurre e/o eliminare pericolosi vuoti assistenziali Eliminare sovrapposizioni di interventi assistenziali Trasferire competenze ed esperienze Coniugare etica e management

9 Sanità: tendenze La medicina moderna è caratterizzata da un lato dalla progressiva specializzazione degli interventi (cure di terzo livello) e dallaltro da un forte spostamento della domanda nellambito delle malattie croniche e cronicizzate (in forte aumento): ciò contribuisce a porre il problema della continuità assistenziale come tema centrale di discussione sia dal punto di vista strategico che clinico.

10 Linee guida-PACA Pertanto diventa fondamentale elaborare da un punto di vista culturale e sperimentare da un punto scientifico linee guida e percorsi assistenziali con al centro la soddisfazione dei bisogni del cittadino.

11 Sanità e Territorio Nel tentativo di dare risposte alle suddette esigenze il sistema si è arricchito di molte altre componenti rispetto al ricovero ospedaliero e che vede nei servizi territoriali e distrettuali alcune componenti importanti ancorché presenti a macchia di leopardo nel Paese sia nelle strutture che nelle funzioni.

12 Ruolo MMG Allinterno del sistema di cure territoriali la legge assegna al Medico di Medicina Generale (MMG) sia esso di assistenza primaria che di continuità assistenziale un ruolo centrale e di riferimento per dare risposte ai bisogni di salute del cittadino in termini di: prevenzione e di educazione alla salute diagnosi terapia riabilitazione.

13 Ruolo MMG Questi compiti stentano a trovare una completa affermazione per varie ragioni: Eccessivo carico di lavoro burocratico Isolamento fisico, logistico e culturale Sbilanciamento della formazione pre-laurea verso la medicina specialistica

14 Ruolo MMG Molteplici esperienze in America e in Europa hanno tentato di riaffermare la centralità del ruolo del MMG allinterno di una rete di servizi territoriali ma con esito alterno: Continuing care system in Canada GP fundholder in Inghilterra lassegnazione del budget in Italia con la possibilità della direzione del Distretto al MMG.

15 Ruolo MMG Tutti questi programmi hanno in comune la caratteristica di integrare sistemi di finanziamento con strategie clinico assistenziali, obbligando tutti gli attori ad impegnarsi secondo lEBM, nella implementazione di atti professionali che riescano a coniugare gli obiettivi terapeutici con i vincoli economici. E necessario, quindi, studiare modelli e procedure che diano piena centralità alla funzione del MMG in un sistema che deve mantenere intatte le diverse peculiarità specialistiche.

16 Rete dei servizi Un sistema di continuità delle cure, anche alla luce delle moderne tecnologie informatiche, deve essere sviluppato tenendo conto della complessità che il sistema sanitario ha assunto, dando priorità allo sviluppo di una rete di servizi in cui si integrino i singoli percorsi assistenziali per patologia, e sotto la regia di un MMG che si preoccupa di coordinare gli interventi degli altri attori da coinvolgere nel processo assistenziale, ognuno con il proprio ruolo, ma secondo linee di azione coordinate e condivise, oltre dalla partecipazione alle UVG, UVM, UVA, UVP, ADI, SD.

17 Continuità assistenziale La continuità assistenziale, rimette al centro dellattenzione problemi di assetto istituzionale, di carattere organizzativo, di rilevanza normativa e contrattuale, di formazione di aggiornamento professionale: essa è lespressione più concreta e tangibile della capacità del SSN, nelle sue fondamentali articolazioni regionali e locali, di rispondere con unadeguata e corretta rete di servizi alla domanda di salute e di assistenza da parte del cittadino.

18 Ruolo Ospedale Peraltro oggi lOspedale non è inteso più come struttura bensì esso coincide con la funzione di assistenza ospedaliera, equivalente alla organizzazione di persone, beni e tecnologie che, pur operando nella medesima struttura, producono ed erogano prestazioni richieste da non degenti secondo lorganizzazione dei servizi territoriali.

19 Ruolo Ospedale Ciò significa che il presidio ospedaliero non costituisce più, in quanto struttura una demarcazione tra ospedale e territorio, ma rappresenta solo un ambito organizzato per lo svolgimento di due distinte funzioni tra le quali si pongono obblighi di continuità assistenziale da intendersi non genericamente, ma come continuità organizzativa.

20 Premesse Progetto MeTeO Sono state queste le premesse che ci hanno indotto a sperimentare sul campo, una modalità di collaborazione fra ospedale e territorio intorno alla patologia respiratoria ostruttiva del paziente geriatrico con la finalità di rilevare i punti di forza e i punti critici della rispettive esperienze professionali al fine di creare sinergie e sperimentare soluzioni contestualizzate al proprio ambito lavorativo.

21 INDAGINE SULLA PREVALENZA DEI DISTURBI RESPIRATORI DELLANZIANO IN UNAREA URBANA Cattedra di Malattie dellApparato respiratorio Università degli studi di Palermo * Gruppo SIMG-FIMMG Palermo PROGETTO METEO 1 a FASE

22 Premesse Sebbene le malattie respiratorie costituiscano la prima causa di morbilità e mortalità nei soggetti anziani nel mondo, i sintomi di queste sono spesso sottostimati (sia dal paziente che dal medico) con conseguente sottodiagnosi. Questi problemi sono più rilevanti per lasma bronchiale che costituisce un pericolo per lanziano che ne è affetto per lincrementato rischio di mortalità.

23 Prevalenza dellasma dellanziano in differenti studi internazionali

24 SCOPI Valutare la prevalenza dei sintomi respiratori in soggetti con età 65 anni. Valutare i correlati delle diagnosi di malattia ostruttiva cronica con particolare riferimento alle implicazioni terapeutiche. Stimare i costi sanitari della patologia respiratoria dellanziano.

25 Metodi I Lindagine è stata condotta in collaborazione tra la Clinica Pneumologica dellUniversità di Palermo ed un Team di Medici di Medicina Generale iscritti alla SIMG-FIMMG di Palermo. Sono stati selezionati tutti i pazienti afferenti ai loro elenchi con età 65 anni. I MMG dopo aver contattato i loro pazienti li hanno invitati presso il loro studio per sottoporli ad un questionario di autovalutazione che esplorava la presenza di sintomi respiratori, consumo di risorse, il ricorso a ospedali o pronto soccorso e i principali dati anamnestici.

26 Metodi II Per gli scopi del presente studio la popolazione studiata era costituita da 2242 soggetti afferenti agli elenchi del team dei MMG (12). Alla fine del reclutamento il campione era costituito da: 1771 soggetti (percentuale di risposta = 78.9% del totale) di età variabile tra anni (media ds=74.5 7).

27 Distribuzione per età del campione

28 Distribuzione per sesso ed età ns

29 Distribuzione dellabitudine al fumo di sigarette p <

30 Risultati I: I sintomi La prevalenza dei principali sintomi respiratori variava tra il 15% (affanno con fischi al torace) e il 60% (dispnea da sforzo). Tutti i sintomi evocativi di bronchite cronica erano significativamente più elevati tra gli uomini rispetto alle donne mentre il contrario si evidenziava per la dispnea. Circa 1/3 (133) dei soggetti non fumatori e senza precedenti cardiovascolari (n=402) presentava almeno un sintomo respiratorio rilevante ai fini diagnostico-terapeutici (tosse: 11.7%, espettorazione: 7.8%, dispnea:26.6%, fischi al torace: 13.2%).

31 Prevalenza dei principali sintomi esplorati

32 Risultati II: La diagnosi Una pregressa diagnosi di bronchite cronica o enfisema era riferita da 513 soggetti (29.4%), mentre una pregressa diagnosi di asma era stata fatta in 151 soggetti (9.1%). Tra i soggetti non fumatori, senza malattie cardiovascolari confondenti e senza alcuna diagnosi pregressa di broncopatia: –80 (20%) presentavano dispnea da sforzo –20 (6%) presentavano fischi e sibili al torace –33 (9.7%) presentavano tosse al risveglio

33 Confronto maschi-femmine sulla pregressa diagnosi di malattie respiratorie p<0.001 ns

34 Distribuzione delletà di insorgenza dellasma riferita dal paziente N°

35 Prevalenza dellasma in differenti classi di età %

36 Prevalenza della diagnosi medica pregressa in soggetti mai fumatori affetti da fischi e sibili al torace

37 Prevalenza della diagnosi medica pregressa in soggetti mai fumatori affetti da tosse secca e stizzosa

38 Prevalenza della diagnosi medica pregressa in soggetti mai fumatori affetti da tosse produttiva per tre mesi consecutivi per due anni consecutivi (CIBA)

39 Risultati III: Terapia e consumo di risorse Per quanto riguarda il consumo di farmaci solo 270/568 (47.5%) soggetti con tosse al risveglio ne riferisce luso. Solo 271/478 (56.6%) fa uso regolare di farmaci in relazione alla presenza di fischi e sibili al torace. Il 9.7% (171 sogg.) del campione riferisce un precedente ricorso al pronto soccorso per problemi respiratori e 179 (10.1%) ha trascorso almeno una notte in ospedale. Infine 111 (6.5%) soggetti riferiscono di aver perso giornate lavorative per problemi respiratori.

40 Percentuale di soggetti che fanno uso di farmaci respiratori in presenza di sintomi compatibili con la BPCO e di una corretta diagnosi %

41 Percentuale di soggetti che fanno uso di farmaci respiratori per lasma in presenza di soli sintomi compatibili e quando sono diagnosticati %

42 Conclusioni La prevalenza dei sintomi respiratori nei soggetti anziani abitanti in area urbana è elevata e costituisce un importante impegno per il medico di medicina generale. La diagnosi di asma è spesso difficoltosa e il medico di medicina generale deve essere consapevole del rischio di sottodiagnosi. Una corretta diagnosi è alla base di una corretta prescrizione terapeutica e può prevenire il rischio di unevoluzione sfavorevole.

43 Integrazione ospedale-territorio per lassistenza agli anziani pneumopatici a Palermo Gruppo SIMG-FIMMG Palermo Cattedra di malattie respiratorie dellUniversità di Palermo STUDIO METEO 2 a FASE

44 Lidentificazione e lapposita gestione integrata delle patologie broncoostruttive nella popolazione geriatrica tra Ospedale e Medico di MG. Obiettivi: Seconda fase

45 Metodi Seconda fase I soggetti che hanno compilato il questionario sono stati inviati dal MMG presso lambulatorio di Pneumologia Geriatrica della Cattedra di Malattie Respiratorie per una valutazione clinico- funzionale.

46 Attività specialistica Esame obiettivo generale Valutazione funzionale spirometrica Strumenti di valutazione multidimensionale: –Scheda identità e stato civile e lavorativo –Caratteristiche abitazione –Abitudine tabagica –Disturbi sonno (EPESE) –Comorbidità (Charlson index) –Stato mentale e cognitivo (Mini Mental State) –Depressione (Geriatric Depression Scale) –Barthel index (attività della vita quotidiana) –Questionario di qualità della vita (Saint Georges)

47 Distribuzione per sesso del campione (170 pz)

48 Distribuzione della pregressa diagnosi del Campione reclutato AsmaBPCOAsma+BPCONessuna Maschi2 (20%) 36 (80%) 12 (67%) 42 (43%) Femmine8 (80%) 9 (20%) 6 (33%) 55 (57%) Totale

49 Esposizione al fumo di sigarette Fumo siFumo exFumo no Asma2 (20%)08 (80%) BPCO9 (20%)23 (51%)13 (29%) Asma+BPCO2 (11%)9 (50%)7 (39%) Nessuna11 (11%)27 (28%)59 (61%)

50 Diagnosi effettuate in ambulatorio (170 pz)

51 Asma Correlazione tra diagnosi ambulatoriale e diagnosi pregressa Asma Spec. BPCO Spec. Nessuna Asma MG SI (28 pz)2341 Asma MG NO (142 pz)96370 % concordanza: 23/28 = 82%

52 BPCO Correlazione tra diagnosi ambulatoriale e diagnosi pregressa BPCO Spec. Asma Spec. Nessuna BPCO MG SI (63 pz)46125 BPCO MG NO (107 pz)32966 % concordanza: 46/63 = 73%

53 Esame spirometrico nei soggetti con malattia ostruttiva cronica (89%) (11%)

54 Conclusioni Dai dati fino ad oggi rilevati si evidenzia la presenza di un elevata sensibilità e specificità relativamente alla diagnosi di asma da parte dei medici di medicina generale (setting). Inferiore è risultata invece la sensibilità circa la diagnosi di BPCO. Tale rilevazione è da imputare ad un modesto ricorso allindagine funzionale spirometrica necessaria alla ottimale impostazione diagnostica di questi pazienti.

55 TERZA FASE Ospedale porte aperte Ottobre 2001-Gennaio 2002 Frequenza a seminari formativi dei MMG del Team (12) in ospedale, distribuiti in tre gruppi di 15 MMG per un totale di 45 MMG La frequenza era articolata in tre giornate (Sabato) e prevedeva lavoro in corsia con i tutors e didattica interattiva in aula La partecipazione dava diritto a 15 crediti

56 TERZA FASE Trasferimento dei medici ospedalieri negli studi dei MMG e a domicilio dei pazienti Indagare tutti i pazienti che per motivi di ordine logistico o per limitazioni fisiche non possono recarsi al centro specialistico

57 QUARTA FASE Adattare le raccomandazioni di comportamento clinico allo specifico ambito lavorativo del MMG sulla base delle evidenze emerse dall analisi del progetto MeTeO Costruire percorsi di cura ed assistenza con la migliore sequenza temporale possibile sulla base delle risorse disponibili nello specifico ambito lavorativo

58 QUARTA FASE Costruire un software sulla base delle suddette evidenze con algoritmi e reminders compatibili con la cartella clinica infomatizzata dei MMG in grado di evidenziare gli scostamenti rispetto ai percorsi condivisi Identificare indicatori (pochi) di percorso e di esito misurabili Implementare il Network (Millenet) fra i MMG aderenti e lOspedale di riferimento

59 QUARTA FASE Costruire un pacchetto formativo interattivo Organizzare progetti aziendali a livello distrettuale per obiettivo Trasferire la metodologia ad altre patologie ad alta prevalenza

60 QUARTA FASE Raggiungere lequilibrio tra competenza-cultura- esperienza dellambito specialistico e loperatività concreta di ogni giorno del medico di famiglia diventa unoperazione in continua evoluzione

61 QUARTA FASE REALIZZARE LO SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

62 TEAM MMG SIMG-FIMMG Dott. Cardinale Giuseppe Dott. Consiglio Girolamo Dott. Crapa Salvatore Dott. Fasulo Serenella Dott. Giarrusso Paolo Dott. Levantino Emanuele Dott. Lombardo Francesco Dott. Magliozzo Francesco Dott. Mangione Marcello Dott. Quartetti Giovanni Dott.Pozzecco Umberto Dott. Sicari Giueppe RICERCATORI OSPEDALIERI Dott. Battaglia Salvatore Dott. Catalano Filippo Dott. Scichilone Nicola


Scaricare ppt "Lesperienza del progetto MeTeO a Palermo Luigi Galvano S.I.M.G. SICILIA."

Presentazioni simili


Annunci Google