La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RIDEFINIRE LORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE: LA DISTRIBUZIONE DELLE RISORSE E DEI CARICHI DI LAVORO RIDEFINIRE LORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE: LA DISTRIBUZIONE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RIDEFINIRE LORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE: LA DISTRIBUZIONE DELLE RISORSE E DEI CARICHI DI LAVORO RIDEFINIRE LORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE: LA DISTRIBUZIONE."— Transcript della presentazione:

1 RIDEFINIRE LORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE: LA DISTRIBUZIONE DELLE RISORSE E DEI CARICHI DI LAVORO RIDEFINIRE LORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE: LA DISTRIBUZIONE DELLE RISORSE E DEI CARICHI DI LAVORO Sabrina Capannolo Emilia Speranza Oncologia Medica LAquila

2 CARICO DI LAVORO Quantità di lavoro necessario, dato un contesto operativo e un periodo di riferimento, per trattare i casi che vengono sottoposti ad una Unità Organizzativa

3 CARICO DI LAVORO Domanda Cittadino Relazione Paziente- staff U.O. Offerta Azienda Sanitaria

4 U.O.ONCOLOGIA MEDICA - LAQUILA Prevenzione oncologica Counseling genetico Terapie disease-oriented Terapie di supporto Follow up e Riabilitazione Oncologica

5 ASPETTI FONDAMENTALI DI UN MANAGEMENT EFFICACE Approccio multidisciplinare Centralità del paziente Didattica e ricerca

6 APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE PROBLEMI Maggiore complessità organizzativa; Necessità di un costante coordinamento e controllo; Verifica dei risultati; Aggiornamento Professionale.

7 APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE SOLUZIONI Cartella infermieristica Riunioni quotidiane dello staff per la discussione dei casi clinici Riunioni periodiche per la verifica dei risultati Partecipazione e organizzazione di corsi e congressi

8 Approccio multidisciplinare STRUMENTI Cartella clinica Cartella infermieristica ESAS VAS NEQ

9 CENTRALITA DEL PAZIENTE

10 CENTRALITÀ DEL PAZIENTE STRUMENTI DI VALUTAZIONE: Corretta valutazione di segni e sintomi; Integrazione staff - paziente; Controllo di qualità.

11 PROCESSO ASSISTENZIALE DI QUALITA Competenze Relazionali; Sensibilità Ricerca; Innovazioni tecnologiche Cartella Inf.; Protocolli e procedure; Linee Guida. Formazione; Esperienza; Abilità.

12 VALUTAZIONE DI QUALITA CARICO DI LAVORO Competenze in grado di essere erogate allinterno dellunità operativa per fornire un processo terapeutico- assistenziale che risponda alle reali esigenze dellutenza (di qualità).

13 CENTRALITÀ DEL PAZIENTE Il paziente valuta la qualità del processo terapeutico- assistenziale

14 Campione Paziente 26 SOGGETTI 9 MASCHI17 FEMMINE ETA MEDIA 68,2

15 VALUTAZIONE DI QUALITA Questionario Dati anagrafici Supporti di diagnosi e controlli clinici Percepisce contributi economici e lavorativi Tempo settimanale necessario per visite specialistiche e trattamenti terapeutici. Condivide queste attività con altri

16 Scala di Adattamento Paziente Situazione lavorativa Situazione abitativa Economici Relazione di coppia Relazioni con i figli Relazioni con i genitori Relazioni coni parenti Relazioni con gli amici Relazioni con colleghi Situazione emotiva personale

17 LEGENDA: A: Situazione lavorativa B: Situazione abitativa C: Economici D: Relazione di coppia E: Relazioni con i figli F: Relazioni con i genitori G: Relazioni coni parenti H: Relazioni con gli amici I: Relazioni con colleghi L: Situazione emotiva personale

18 Analisi risposte: Supporti di diagnosi e controlli clinici LEGENDA: A: MOLTO SODDISFACENTE B: ABBASTANZA SODDISFACENTE C: POCO SODDISFACENTE D: COMPLETAMENTE INSODDISFACENTE

19 DEFINIZIONE DEL PROBLEMA La prevalenza del campione intervistato ha riferito di essere molto soddisfatta del processo terapeutico-assistenziale erogato; tuttavia, una minoranza del campione non è soddisfatta a causa dei tempi dattesa lunghi.

20 SCELTA DELLE STRATEGIE E AZIONE Tenuto conto che lattività del manager infermieristico,e non solo infermieristico, deve espletarsi anche e soprattutto in condizioni di carenza di risorse, ci si propone di elaborare una pianificazione allinterno della struttura operativa,con il coinvolgimento di tutto il gruppo di lavoro. Nel momento in cui la pianificazione si trasformerà in azione, le reazioni ottenute,indicheranno lopportunità di procedere oppure di tornare alla fase precedente.

21 GRAZIE DELLATTENZIONE


Scaricare ppt "RIDEFINIRE LORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE: LA DISTRIBUZIONE DELLE RISORSE E DEI CARICHI DI LAVORO RIDEFINIRE LORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE: LA DISTRIBUZIONE."

Presentazioni simili


Annunci Google