La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il nuovo progetto regionale VIRC (Valutazione Integrata del Rischio Cardiovascolare) per la prevenzione Dott. Maurizio Chiti U.O. Cardiologia Ospedale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il nuovo progetto regionale VIRC (Valutazione Integrata del Rischio Cardiovascolare) per la prevenzione Dott. Maurizio Chiti U.O. Cardiologia Ospedale."— Transcript della presentazione:

1 Il nuovo progetto regionale VIRC (Valutazione Integrata del Rischio Cardiovascolare) per la prevenzione Dott. Maurizio Chiti U.O. Cardiologia Ospedale Pistoia ASL 3 Pistoia

2 VIRC: proposta di un programma per la valutazione integrata del rischio cardiovascolare. E un progetto realizzato nellIstituto di Fisiologia Clinica del CNR e sperimentato su un numero limitato di pazienti. E stato proposto alla Regione Toscana e adottato per una sperimentazione su una Popolazione più ampia dellarea fiorentina.

3 Il programma VIRC Il sistema si propone di raccogliere dati inerenti al rischio CV, provenienti dal lavoro di vari operatori, in un unico programma gestito da un server centrale cui si accede attraverso Internet. In questo modo ciascun operatore ha sempre presente il lavoro degli altri senza inutili ripetizioni di indagini e terapie. Inoltre il programma mette a disposizione suggerimenti di percorsi il cui valore è garantito da linee guida e protocolli accreditati.

4 Epidemiologici Creazione di un unico database con dati anagrafici, anamnestici, sociali, clinici, bioumorali. Determinazione di una mappa multiparametrica per la valutazione del rischio CV basata sui dati della popolazione regionale Obiettivi del Progetto VIRC

5 Clinici Acquisizione dei dati in modo strutturato, secondo parametri prefissati e sulla base della letteratura. Determinazione insieme al paziente di obiettivi predefiniti da ricontrollare nel tempo Facilitare il percorso diagnostico/terapeutico nellambito della prevenzione CV e rendere omogenei i comportamenti, grazie alla unicità dello strumento, pur in un ambito pluridisciplinare. Facilitare il percorso diagnostico/terapeutico nellambito della prevenzione CV e rendere omogenei i comportamenti, grazie alla unicità dello strumento, pur in un ambito pluridisciplinare. Obiettivi del Progetto VIRC

6 Programma VIRC

7 Registrazione visita

8 Storico visite

9 Prima VisitaVisita Successiva Schema della visita SELEZIONE PAZIENTE ANAGRAFICA ANAMNESI STILE DI VITA PARAMETRI -ESAMI VALUTAZIONE CV CALCOLO RISCHIO CV REFERTO VALUTAZIONE CV CALCOLO RISCHIO CV GRAFICI REFERTO PARAMETRI -ESAMI

10 Dati Anagrafici

11 Dati Biometrici

12 Dati Medici

13 Anamnesi Familiare

14 Anamnesi Paziente

15 Stile di Vita/ Fattori di rischio

16 Anamnesi patologica remota

17 Patologia Attuale non CV

18 Patologia Attuale CV

19 Terapia in corso

20 Risposte/ Richiesta esami lab.

21 Indicazione Consulenze

22 Calcolo Rischio CV

23 Obiettivi concordati

24 Generazione Referto

25 Richiesta Account

26 Accesso a VIRC

27 Struttura del sistema Archivio Medico Specialista Software VIRC SERVER Specialista Medico Medico INTERNET I dati ed il programma risiedono su un unico server Laccesso al server è sicuro e sono rispettati i criteri di riservatezza e protezione dei dati La connessione è effettuata tramite la rete Internet Il computer del medico non necessita di alcuna installazione di software specifico Ogni medico accede esclusivamente alla parte dellArchivio dove sono i dati dei suoi pazienti.

28 Lo strumento clinico MMG VIRCSpecialista Dati Paziente Medico di base e Specialista utilizzano lo stesso programma e gli stessi formati dati. Ciascuna tipologia di medico opera su un comune schema di dati generali (condiviso) e su uno schema specifico esclusivo Ciascun medico di base, previa autorizzazione del paziente, può decidere di condividere con lo specialista anche una selezione dei dati specifici del paziente.

29 Originalità del progetto Possibilità di creare una cartella clinica unica col contributo di tutte le figure che ruotano attorno ad un paziente con problemi cardiovascolari, nella prevenzione Primaria e Secondaria, nella Terapia e nel Follow up.

30 Scopo e utilità del Progetto VIRC Mappatura della popolazione toscana in base al rischio cardiovascolare. Creazione di una banca dati epidemiologici omogenea da cui si può estrapolare: 1- Valutazione investimenti per prevenzione primaria e secondaria. 2- Monitoraggio costante dello stato di salute della popolazione studiata. 3- Proiezione dei possibili eventi cardio- vascolari in tempi definiti. Ne deriva un miglior uso delle risorse.

31 Ulteriori obbiettivi Creare uno strumento UNICO nell approccio alla prevenzione CV, che coinvolge più figure professionali Fare riferimento a Linee Guida e Protocolli di validità scientifica inoppugnabile Facilitare e rendere omogeneo il lavoro dei medici e il comportamento delle varie figure professionali coinvolte, attraverso l uso di uno strumento diagnostico-terapeutico UNICO e CONDIVISO.

32 In sintesi il progetto favorisce: -Un miglior uso delle risorse. -Un dialogo tra gli operatori coinvolti. -Una costante verifica di qualità e di appropriatezza. appropriatezza. -Una valutazione a breve, medio e lungo termine del lavoro svolto. termine del lavoro svolto.

33 I principali limiti del programma: 1-Complessità di accesso : -uscire dal programma di gestione in uso (millenium o altri). -accesso al VIRC tramite Internet. 2-Compilazione di una cartella ridondante, che richiede molto tempo. 3-N° di paz. che il MMG o lo specialista ricevono in ambulatorio quotidianamente.

34 Altre difficoltà: Non tutti i medici coinvolti hanno sufficiente cultura informatica e propensione a lavorare in RETE Scarsa organizzazione informatica del Territorio e dellOspedale. Personale insufficiente e già in crisi nel soddisfare il carico di lavoro ordinario.

35 Conclusioni Il VIRC è un modello originale ed innovativo con grandi potenzialità in termini di appropriatezza gestionale Non è da rifiutare in blocco solo perché ci appare ridondante o complesso in relazione alle risorse oggi disponibili. E possibile studiare insieme, partendo dalla esperienza del VIRC, un programma più adeguato alle nostre risorse

36 Proposte Perseguire comunque una cultura comune tra Territorio e Ospedale che porti a condividere: Linguaggio, Metodo, Obbiettivi. Creare un sistema che permetta di non perdere i dati già inseriti nei programmi di gestione già in uso. Partendo dal progetto VIRC, creare un programma di gestione delle attività ambulatoriali, unico per tutta la Regione, snello, di facile utilizzo, strutturato in modo da agevolare e migliorare la qualità del nostro lavoro.

37 Grazie per l attenzione


Scaricare ppt "Il nuovo progetto regionale VIRC (Valutazione Integrata del Rischio Cardiovascolare) per la prevenzione Dott. Maurizio Chiti U.O. Cardiologia Ospedale."

Presentazioni simili


Annunci Google