La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL PIANO NAZIONALE DELLA PREVENZIONE: LAPPORTO DELLE SOCIETÀ SCIENTIFICHE La proposta di di AMD Dr Umberto Valentini Presidente Nazionale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL PIANO NAZIONALE DELLA PREVENZIONE: LAPPORTO DELLE SOCIETÀ SCIENTIFICHE La proposta di di AMD Dr Umberto Valentini Presidente Nazionale."— Transcript della presentazione:

1 IL PIANO NAZIONALE DELLA PREVENZIONE: LAPPORTO DELLE SOCIETÀ SCIENTIFICHE La proposta di di AMD Dr Umberto Valentini Presidente Nazionale

2 AMD AMD ha compiuto 30 anni Conta più di 1800 soci È formata da 18 sezioni regionali Collabora con le Istituzioni, con altre S.S ( SID, OSDI, SIMG, FIMG, ANMCO…) Realizza patnership con le Aziende del settore

3 Mission dellAMD: il miglioramento continuo della qualità dellassistenza alle persone con malattie metaboliche e diabete

4 Il Piano di Prevenzione Attiva ….. Ladozione di programmi di disease management si è rivelata efficace nella prevenzione delle complicanze del diabete. Per disease management si intende una nuova strategia di gestione delle malattie croniche, ed in particolare del diabete, che prevede i seguenti elementi peculiari: partecipazione attiva del paziente nella gestione della sua malattia attraverso programmi di educazione attivazione di una schedulazione di sistemi atti a garantire la regolare esecuzione di un set di controlli periodici da parte del paziente; attivazione di un sistema di monitoraggio su base informatizzata.

5 Disease Management Metodologia basata sullapproccio integrato della malattia: analizza dati clinici ed economici e crea un modello dellintero iter diagnostico terapeutico legato alla malattia Permette al modello assistenziale complesso il Miglioramento Continuo di Qualità

6 Il Percorso assistenziale Strumento basato sulla ricostruzione, lanalisi e la rivisitazione critica (ove necessaria) delliter di assistenza

7 Pazienti compilano questionario Le banche dati Cliniche e amministrative MG, Specialisti, A.O., A.S.L. Elaborazione dei dati Team Analisi dei dati Team: le modalità, le domande

8 Gli strumenti del Disease Managment Educazione terapeutica Team Specialistico Gestione integrata Informatizzazione Linee Guida EBM Standard di cura Banca Dati Indicatori

9 Gli elementi fondanti il Disease Management Focalizzarsi sui bisogni del cliente Lavorare per processi Miglioramento continuo Lavorare in team Massimalizzare lefficienza Ridurre la variabilità nella pratica clinica

10 Le Risposte di AMD Protocollo Gestione Integrata Strumenti( file dati, banca dati..) Educazione Terapeutica Manuale Percorso Assistenziale Formazione alla costruzione del Percorso Assistenziale Esperienze di GI, PA

11

12 Gruppo AMD Percorso Assistenziale Mandato del CDN il gruppo ha il compito di studiare e proporre un Possibile PA Ideale AMD organizzare la formazione in ambito PA raccogliere esperienze di PA reali produrre un manuale per la realizzazione dei PA

13 File Dati E lo strumento che fa comunicare tra loro cartelle diverse, strutture diverse E lo strumento alla base della misurazione degli indicatori di qualità E uno stimolo a raccogliere i dati in modo codificato e quindi più utile

14 Prodotti AMD Formazione al Disease Management Cultura dellintegrazione Strumenti informatici Formazione all Educazione del paziente Standard di cura Accreditamento professionale

15 Quali suggerimenti ? Formare team multdisciplinari regionali istituzionali per contestualizzare il Piano A cascata formare team multidisciplinari locali operativi con il forte coinvolgimento delle Aziende Sanitarie Legare gli obiettivi del Piano con quelli dei Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Identificare, pochi, indicatori per monitorare i progetti Superare il pagamento a prestazione nella cura della malattia diabetica

16 Grazie per lattenzione

17

18 Richiamo telefonico (2 mesi prima ) Accettazione Amministrativa Visita Piede Visita Medica Colloquio Dietista Colloquio IP Rinvio :-PDT -Anticipato Invito Corso Corso per gruppi Ambulatorio Gestione Integrata

19 Unità Operativa Diabetologia Ambulatorio Gestione Integrata HbA1c: N° Determinazioni/Anno P < 0.02 P < 0.01

20 Distribuzione % HbA1c Unità Operativa Diabetologia

21 Pazienti HbA1c %6,6±0,86,7±0,8 Colesterolo mg/dl198,7± 35198,4±34 Unità Operativa Diabetologia Pazienti Diabete 2 Tipo in GI

22

23 Unità Operativa Diabetologia Ambulatorio Gestione Integrata ESITO VISITA ANNUALE % 3% 4% 3% 72% 78% 79% 22% 17% 14% 3% 2% 4%

24 Unità Operativa Diabetologia Pazienti Con Diabete 2 Tipo 15 % 16 %

25 Pazienti Età64,8±9,664,6±9,3 BMI28,3±4,628,4±4,4 Dieta13 %12 % Metformina26 %28 % Sulfanilurea24 %23 % Met+Sulf34 % Mista + Insulina3 % Unità Operativa Diabetologia Pazienti Diabete 2 Tipo in GI

26 Spesa in % seguiti dall UOD e popolazione Ricovero Farmaci Speciali Protesica N° Diabetici N° Diabetici N° Diabetici

27 La gestione della cronicità presuppone: Un paziente attore e gestore consapevole (ET) Un approccio multidisciplinare (Team) Un approccio integrato (GI) La definizione dei Percorsi di cura

28 Pazienti con diabete di tipo 2 N=3437 Documentazione clinica semestrale Questionario semestrale per il paziente Questionario una tantum per il medico curante Medici di Medicina Generale N=112 Servizi di Diabetologia N=114 Follow-up: 5 anni Follow-up: 3 anni Disegno dello studio Progetto QuED: qualità della cura ed esiti nel diabete di tipo 2

29 Nella Tua realtà si sono o si stanno realizzando progetti di Gestione Integrata (GI) o di Disease Management (DM) in diabetologia?(2002) (N°375 risposte multiple - valori in %)

30 Unità Operativa Diabetologia Ambulatorio Gestione Integrata Necessità Visite Intermedia %

31 Medici/Centri Deviazione Eterogeneità del controllo metabolico tra i centri partecipanti


Scaricare ppt "IL PIANO NAZIONALE DELLA PREVENZIONE: LAPPORTO DELLE SOCIETÀ SCIENTIFICHE La proposta di di AMD Dr Umberto Valentini Presidente Nazionale."

Presentazioni simili


Annunci Google