La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Il Sistema di Monitoraggio dei progetti afferenti il QSN e i PS N Periodo di programmazione 2007-2013 Palermo 19 luglio 2007 Relatore: Dott. Saverio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Il Sistema di Monitoraggio dei progetti afferenti il QSN e i PS N Periodo di programmazione 2007-2013 Palermo 19 luglio 2007 Relatore: Dott. Saverio."— Transcript della presentazione:

1 1 Il Sistema di Monitoraggio dei progetti afferenti il QSN e i PS N Periodo di programmazione Palermo 19 luglio 2007 Relatore: Dott. Saverio Romano

2 2 Evoluzione del contesto normativo di riferimento Lapproccio al periodo di programmazione risulta permeato da una serie di innovazioni di carattere normativo, strategico ed operativo che influenzano di riflesso le modalità di utilizzo delle risorse per il finanziamento degli interventi. A livello nazionale si manifesta lintento di consolidare e completare l'unificazione della programmazione delle politiche regionali comunitaria e nazionale e realizzare un più forte raccordo di queste con le politiche nazionali ordinarie. Impianto logico e flussi informativi del nuovo sistema integrazione di strumenti ed applicazioni -

3 3 Obiettivi del Sistema Informativo Nazionale Le innovazioni introdotte per il periodo di programmazione comportano la necessità di realizzare unefficace evoluzione del Sistema Informativo Nazionale, in grado di: Consentire una visione globale, efficace ed esaustiva dellandamento delle politiche di attuazione; Soddisfare le esigenze dei soggetti istituzionali coinvolti nel processo; Attuare una corretta gestione dei flussi informativi telematici verso la Commissione Europea. Impianto logico e flussi informativi del nuovo sistema integrazione di strumenti ed applicazioni -

4 4 Ruolo del sistema informativo nazionale La valenza ed il ruolo del Sistema Informativo Nazionale risultano ancora più accentuati rispetto al passato, in quanto esso è deputato a gestire un patrimonio informativo sempre più variegato ed accessibile da una pluralità di istituzioni, oltre che caratterizzato da un incremento dellautomazione dei flussi informativi sia in ambito nazionale che europeo. Sistema Informativo Nazionale Flussi Telematici IGRUE DPS UE Altri Soggetti istituzionali Patrimonio informativo per gli stakeholders Impianto logico e flussi informativi del nuovo sistema integrazione di strumenti ed applicazioni -

5 5 Il Protocollo di colloquio Lalimentazione del Sistema Nazionale 2007/2013 avverrà sulla base di un Protocollo unico di colloquio nellambito del quale sono state recepite le esigenze informative dei vari stakeholders istituzionali. Il percorso di definizione del Protocollo unico di colloquio, partendo dalle esigenze scaturite dalla programmazione unificata, ha portato alla individuazione di una nuova logica di monitoraggio nonché di differenti modalità di alimentazione del Sistema Nazionale. Impianto logico e flussi informativi del nuovo sistema integrazione di strumenti ed applicazioni -

6 6 I soggetti coinvolti nella definizione del protocollo unico di colloquio MEF-RGS-IGRUE MISE-DPS-SPSTI MISE-DPS-SFS PdCM Segreteria CIPE Ministero del Lavoro ISFOL MISE-DPS-UVAL CUP

7 7 Il protocollo unico di colloquio: benefici attesi Omogeneità delle informazioni gestite Trasmissione univoca delle informazioni di monitoraggio Semplificazione procedure ed attività legate al monitoraggio istituzionale dei progetti Attivazione di più efficaci meccanismi di monitoraggio in merito allattuazione delle azioni Razionalizzazione modalità di raccolta e rilascio informazioni Allineamento delle informazioni nei sistemi centrali di monitoraggio Adozione di classificazioni comuni e condivise a livello nazionale

8 8 Il protocollo unico di colloquio: nuova logica di monitoraggio Inquadramento del progetto allinterno degli strumenti di programmazione Il progetto al centro dellattività di monitoraggio

9 9 Il protocollo unico di colloquio: modalità di alimentazione Richiamo appositi web service presenti sul sistema centrale Predisposizione dati di monitoraggio in formato txt / xml Trasmissione dati secondo il tracciato descritto nel protocollo unico di colloquio

10 10 Il protocollo unico di colloquio: modalità di alimentazione Trasmissione dei dati di un progetto per sezioni di dati anche non autoconsistenti (logica incrementale) Trasmissione delle sole informazioni modificate o di nuovo inserimento rispetto allinvio precedente (delta di monitoraggio) Comunicazione dellesclusione di un progetto da uno o più ambiti di monitoraggio (cancellazione logica)

11 11 SFC2007 COMMISSIONE UE Sistema Centrale di Monitoraggio Ambiente ufficiale Ambiente consolidato Ambiente ricezione e controllo S.I. Amministrazioni centrali e Regioni Impianto logico e flussi informativi del nuovo sistema integrazione di strumenti ed applicazioni - CUP Protocollo unico Validazione Consolidamento Trasmissione

12 12 SFC2007 COMMISSIONE UE Sistema Centrale di Monitoraggio Ambiente ufficiale Ambiente consolidato Ambiente ricezione e controllo S.I. Amministrazioni centrali e Regioni Impianto logico e flussi informativi del nuovo sistema integrazione di strumenti ed applicazioni - CUP Protocollo unico Validazione Consolidamento Trasmissione I sistemi delle Amministrazioni (compreso SRTP) comunicano con il sistema centrale esclusivamente tramite protocollo di colloquio.

13 13 SFC2007 COMMISSIONE UE Sistema Centrale di Monitoraggio Ambiente ufficiale Ambiente consolidato Ambiente ricezione e controllo S.I. Amministrazioni centrali e Regioni Impianto logico e flussi informativi del nuovo sistema integrazione di strumenti ed applicazioni - CUP Protocollo unico Validazione Consolidamento Trasmissione Protocollo unico La trasmissione dei dati deve avvenire secondo il tracciato descritto nel protocollo unico di colloquio. Potrà essere effettuata per sezioni di dati anche non autoconsistenti (logica incrementale). Ogni trasmissione dovrà riguardare le sole informazioni modificate o di nuovo inserimento rispetto allinvio precedente (delta).

14 14 SFC2007 COMMISSIONE UE Sistema Centrale di Monitoraggio Ambiente ufficiale Ambiente consolidato Ambiente ricezione e controllo S.I. Amministrazioni centrali e Regioni Impianto logico e flussi informativi del nuovo sistema integrazione di strumenti ed applicazioni - CUP Protocollo unico Validazione Consolidamento Trasmissione I dati vengono elaborati – on line - nellambiente di ricezione e controllo. Il controllo consiste nella verifica del rispetto del tracciato descritto nel protocollo di colloquio. Il sistema restituisce le informazioni dettagliate di tutti i dati scartati. In questo ambiente i dati sono visibili esclusivamente alla Amministrazione titolare degli stessi. Saranno realizzate funzionalità di prevalidazione. Ambiente ricezione e controllo Sistema Centrale di Monitoraggio

15 15 SFC2007 COMMISSIONE UE Sistema Centrale di Monitoraggio Ambiente ufficiale Ambiente consolidato Ambiente ricezione e controllo S.I. Amministrazioni centrali e Regioni Impianto logico e flussi informativi del nuovo sistema integrazione di strumenti ed applicazioni - CUP Protocollo unico Validazione Consolidamento Trasmissione Al termine dellinvio di tutti i dati di un periodo, il/i soggetto/i deputato effettua la validazione dei dati trasmessi. Vengono effettuati tutti i controlli di congruenza dei dati, compreso il controllo di esistenza del codice CUP attribuito ad ogni progetto. Le operazioni avvengono on line. I dati presenti nellambiente ufficiale possono essere consultati, oltre che dallAmministrazione proprietaria, anche da altri soggetti quali lIGRUE, il DPS, ecc. Ambiente ufficiale CUP Validazione Sistema Centrale di Monitoraggio

16 16 SFC2007 COMMISSIONE UE Sistema Centrale di Monitoraggio Ambiente ufficiale Ambiente consolidato Ambiente ricezione e controllo S.I. Amministrazioni centrali e Regioni Impianto logico e flussi informativi del nuovo sistema integrazione di strumenti ed applicazioni - CUP Protocollo unico Validazione Consolidamento Trasmissione Trascorso un tempo prefissato dal termine della scadenza della validazione, i dati vengono copiati nellambiente consolidato. In questo ambiente non sarà più possibile aggiornare i dati di avanzamento riferiti ad una data scadenza. Costituirà, quindi, la base ufficiale per le elaborazioni verso lesterno. Sistema Centrale di Monitoraggio Ambiente consolidato Consolidamento

17 17 SFC2007 COMMISSIONE UE Sistema Centrale di Monitoraggio Ambiente ufficiale Ambiente consolidato Ambiente ricezione e controllo S.I. Amministrazioni centrali e Regioni Impianto logico e flussi informativi del nuovo sistema integrazione di strumenti ed applicazioni - CUP Protocollo unico Validazione Consolidamento Trasmissione I dati consolidati, opportunamente aggregati, saranno trasmessi, alle scadenze da concordare, dallambiente consolidato al sistema SFC2007. SFC2007 COMMISSIONE UE Trasmissione


Scaricare ppt "1 Il Sistema di Monitoraggio dei progetti afferenti il QSN e i PS N Periodo di programmazione 2007-2013 Palermo 19 luglio 2007 Relatore: Dott. Saverio."

Presentazioni simili


Annunci Google