La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UN QUADRO DELLE COMPETENZE DI VITA. La prospettiva apprendere per tutta la vita: questo è il centro vitale della società; questa è la chiave di ingresso.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UN QUADRO DELLE COMPETENZE DI VITA. La prospettiva apprendere per tutta la vita: questo è il centro vitale della società; questa è la chiave di ingresso."— Transcript della presentazione:

1 UN QUADRO DELLE COMPETENZE DI VITA

2 La prospettiva apprendere per tutta la vita: questo è il centro vitale della società; questa è la chiave di ingresso nel XXI secolo (Delors). Bisogna ripensare e ampliare il concetto di formazione permanente. Essa non solo deve adattarsi a cambiamenti nel tipo di lavoro, ma deve anche costituire un processo continuo di formazione dellintero essere umano: delle sue conoscenze e attitudini, come anche delle sue facoltà e abilità critiche di agire. E dovrebbe consentire allindividuo umano di sviluppare la coscienza di se stesso e del suo ambiente, e incoraggiarlo a svolgere il proprio ruolo sociale nel lavoro e nella comunità (Delors p. 17).

3 1. COMPETENZE DI BASE = Apprendere ad Apprendere … per tutta la vita 1) Sentire …. Ascoltare (sé, il proprio mondo interno… le voci e le persone 2) Osservare…. per Leggere 3) Inquadrare… per Scrivere - Analizzare - Comprendere - Interpretare - Diagnosticare 4)Prospettare… - Immaginare - Ipotizzare 5) Operazionalizzare… Facendo conto delle «variabili» in gioco 6) Esprimere (come dirlo, comunicarlo a sé e agli atri e Realizzare (capacità di attuazione, di costruttività concreta, … 7) Verificando e caso mai riprogettare

4 2. COMPETENZE CRITICHE-ORIENTATIVE = Apprendere a Riconoscere e Orientarsi Riconoscere Risorse Possibilitàin sé / attorno a sé/nel contesto a tutti i livelli Riferimenti Far Mondo, cioè collocare in un quadro di riferimento, comprensivo, contestualizzato, relazionato Darsi (e essere capace di dire a sé e agli altri almeno un po) le proprie Coordinate

5 3. COMPETENZE DECISIONALI E DI AFFRONTAMENTO dei problemi = Apprendere ad Agire passare dal vissuto/esperito al problema cogliere le articolazioni, le priorità, le urgenze problematiche Selezionare punti di forza e punti di debolezza Scegliere Decidere Avere spirito di iniziativa e imprenditorialità Assumere Responsabilità Sopportare il peso delle decisioni Pazientare dando tempo al tempo Saper distribuire le energie proprie, altrui, nel tempo e nei diversi ambiti e ai diversi livelli

6 4. COMPETENZE RELAZIONALI E COMUNICATIVE = Apprendere a vivere Insieme con gli altri nella differenza Saper Ascoltare, Codificare / Decodificare Dia-Logare, De-Centrarsi e Con-Centrarsi Essere capace di dialogo, di tolleranza e di pluralismo Saper Lavorare con Professionalità/e deontologia Saper Operare insieme, Col-Laborare Saper Utilizzare le Nuove Tecnologie dellInformazione (capirne le applicazioni, le incidenze, i limiti e possibilità comunicative …) e Saper Riposare/rilassarsi, Celebrare, Far Festa insieme Prendersi Cura Dedicarsi «donare un poco di sé»

7 5. APPRENDERE LA TRASCENDENZA (e lautonomia personale): = coltivare leccedenza nella rete relazionale personale la trascendenza personale (= bisogno di spiritualità), la trasc. sociale (= bisogno di personalità, rispetto all appartenenza civile e eccl., la trasc. valoriale (= bisogno di essere di più ed oltre l'esistente e il fattuale), la trasc.storica (= bisogno di immortalità e di assolutezza), la trasc. religiosa (= aspirazione ad un rapporto con un entità superiore, magari con l'Infinito, con un Dio personale ed Assoluto), nellaiutare al formar(si) di una globale e significativa visione dellessere e dellagire personale e sociale (= bisogno di senso)

8 educazione dellintelligenza, della volontà, del carattere il senso della formazione di un sistema strutturato personale di virtù: - virtù dianoetiche = della mente (curiosità, ricerca, intelligenza, riflessività, sapienza), - virtù etiche = del comportamento(saggezza, fortezza, misura, giustizia) - virtù laiche e teologali = della relazione ( fiducia – apertura - solidarietà - cristianamente: fede, speranza,carità), la vita adulta chiede, oggi più che mai, (come fulcro delleducazione adulta) un cuore grande capace di perdono e di gratuità = capace di elaborare il lutto per ciò che si perde; = che sappia canalizzare e sublimare limpulso di aggressività e di vendetta verso idee e valori più alti; = o allopposto sappia accettare lerrore, la colpa e ricominciare a camminare nel bene; = o comunque sappia accettare di aprirsi ad altre idee e allaiuto degli altri, collaborando per un bene migliore.

9 Deontologia = le norme di condotta da tenere nellesercizio pubblico delle professioni ETICA (il bene, il male, il giusto, lingiusto) MORALE (la coscienza interiore e personale) FRDE (laica o religiosa) DIRITTO ( il quadro delle leggi / la legalità sociale) STATUS SOCIO-ECONOMICO adeguato La vita sociale e la pubblica opinione sulla professione LAlbo ?

10 Le speranze la società della conoscenza e della comunicazione = accesso di tutti alle informazioni, alle conoscenze, alle reti, alle banche dati, alle tecnologie per leggere i processi, la realtà, trovare strade per risolvere problemi,ricercare soluzioni differenziate e articolate, sostenere la formazione e una cittadinanza partecipata, attiva, responsabile la diffusa coscienza dei diritti umani e lumano (la DIGNITÀ DELLA PERSONA E IL SUO VALORE ): nelle sue declinazioni di sempre e delle res novae del XXI secolo La personalizzazione della vita e degli stili di vita (= coscienza, libertà, responsabilità, solidarietà)

11 strategie usare tutti i materiali che la vita ha messo a disposizione (tutte le esperienze vissute), ripensarle, raccontarle, riscoprirne il senso, il valore, e aprirle a nuove modalità di realizzazione e di integrazione nellidentità personale, imparare larte del confronto delle esperienze; imparare a progettare e riprogettare i percorsi di vita, a definire e ridefinire i processi di realizzazione; non disdegnare la cooperazione per riscoprire il protagonismo condiviso delle realizzazioni. La solidarietà educativa = aiuto personale e sociale per la strutturazione, maturazione e consolidamento delle capacità personali, affinché tutti e ciascuno possano vivere una vita umanamente degna Significato delle associazioni e dei gruppi, reti di mutuo aiuto e di comunità di pratica dellapprendimento

12 Indicazioni di percorso oltre aggiornamento di conoscenze e competenze => Pensare e vivere a vita (per tutta la vita = non solo tempo continuato, ma moto per luogo, moto a luogo verso lorizzonte finalistico = dignità umana cristianamente = perché tutti e ciascuno abbiano la vita e labbiano in abbondanza) Cogliere degli et-et là dove a prima evidenza ci sarebbe solo degli aut-aut.

13 saper vedere e vivere alla lunga e alla grande: non sperdersi nel momento, senza memoria e senza futuro; non fissarsi e non restare abbacinato dalle piccole cose, dagli orizzonti presenti, senza prospettive di alterità, di differenza, di ulteriorità, di essere di più (Mounier) riscoprire, i fili invisibili della vita, per cui nulla si perde nella storia e ogni cosa può essere riscattata e acquisire un senso (Comunicare il Vangelo…,n. 2) (= interdipendenza, relazionalità, co-esistenza e con-libertà del vivere umano individuale e collettivo che apre allalterità, allaltro e allAltro: generosità e generatività un po di gioia e un po di senso di umorismo fa bene anche alla salute (Tommaso Moro) = senso della misura, del limite, dellaiuto e del dono


Scaricare ppt "UN QUADRO DELLE COMPETENZE DI VITA. La prospettiva apprendere per tutta la vita: questo è il centro vitale della società; questa è la chiave di ingresso."

Presentazioni simili


Annunci Google