La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

20 ottobre 2007 la VAS in Regione del Friuli Venezia Giulia IAL FVG SETTORE AMBIENTE APPUNTAMENTI DI ALTA FORMAZIONE CON L'AMBIENTE IAL FVG – SETTORE AMBIENTE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "20 ottobre 2007 la VAS in Regione del Friuli Venezia Giulia IAL FVG SETTORE AMBIENTE APPUNTAMENTI DI ALTA FORMAZIONE CON L'AMBIENTE IAL FVG – SETTORE AMBIENTE."— Transcript della presentazione:

1 20 ottobre 2007 la VAS in Regione del Friuli Venezia Giulia IAL FVG SETTORE AMBIENTE APPUNTAMENTI DI ALTA FORMAZIONE CON L'AMBIENTE IAL FVG – SETTORE AMBIENTE APPUNTAMENTI DI ALTA FORMAZIONE CON L'AMBIENTE arch. Andrea Battistoni Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

2 IAL FVG – SETTORE AMBIENTE APPUNTAMENTI DI ALTA FORMAZIONE CON L'AMBIENTE Programma Seminario Direttiva 2001/42/CE La regolamentazione e l'applicazione del D.Lgs 152/06. La Legge 11/06 nella Regione FVG. DGR 246/2006 –procedura di VAS-PTR arch. Andrea Battistoni Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

3 La Direttiva 2001/42/CE (VAS): Valutazione ambientale strategica arch. Andrea Battistoni Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

4 Finalità: direttiva 2001/42/CE Garantire un elevato livello di protezione dell'ambiente e contribuire all'integrazione di considerazioni ambientali all'atto dell'elaborazione e dell'adozione di piani e programmi al fine di promuovere lo sviluppo sostenibile, assicurando che venga effettuata la valutazione ambientale di determinati piani e programmi che possono avere effetti significativi sull'ambiente. (Art. 1) arch. Andrea Battistoni Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

5 Valutazione Ambientale Strategica = VAS Piani & Programmi Valutazione dImpatto Ambientale = VIA Progetti Concetti di base arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

6 Obiettivi della direttiva (art. 1) Al fine di promuovere lo sviluppo sostenibile Garantire un elevato livello di protezione dellambiente Contribuire allintegrazione di considerazioni ambientali durante lelaborazione e ladozione di piani e programmi arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

7 Quando è obbligatoria ? (art. 3.2) per i settori: agricolo, forestale, pesca, energetico, industriale, trasporti, rifiuti, acqua, telecomunicazioni, turismo, pianificazione territoriale o destinazione dei suoli. Per i piani e programmi c he definiscono il quadro di riferimento per lautorizzazione dei progetti elencati negli allegati della direttiva VIA. Per i quali si ritiene necessaria une valutazione di incidenza, ai sensi degli art. 6 & 7 della direttiva 92/43/CEE (Natura 2000) arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

8 (art. 3.3 e 3.4) la fase di screening? I P&P che determinano luso di piccole aree a livello locale,..e per le modifiche minori dei P&P. i P&P - diversi da quelli di cui al par. 2 - che definiscono il quadro di riferimento per lautorizzazione dei progetti gli Stati Membri determinano se possono avere effetti significativi sullambiente tramite un « screening » arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

9 « SCREENING » (art.3(3) e 3(4)) Determinare se la valutazione ambientale è necessaria Cosè un « screening »? Determinare se un piano o programma può avere effetti significativi sullambiente Perché effettuare un «screening»? arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

10 Come fare lo « screening »? (Art.3.5 e Allegato II) Esame caso per caso o specificando i tipi di P&P o combinando le due impostazioni Tenere conto dei pertinenti criteri di cui allallegato II: Caratteristiche dei P&P Caratteristiche degli effetti e delle aree che possono essere interessate arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

11 P&P a scopi di difesa nazionale e protezione civile. P&P finanziari o di bilancio. La direttiva non si applica a art. 3(8) et 3(9) : arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

12 SCHEMA Procedura VAS 1.Primo atto preparatorio formale del P/P Se la VAS è necessaria, viene effettuata durante la preparazione del P&P e prima della sua adozione.. 2.Determinare se la VAS è richiesta arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

13 Definizione della portata delle informazioni (scoping) e consultazione delle autorità ambientali sulla portata Pubblico interessato Autorità ambientali Altri Stati Membri (consultazioni transfrontaliere se P&P può avere effetti significativi) Procedura VAS 3.Elaborazione del rapporto ambientale 4.Consultazioni (progetto P&P + rapporto) arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

14 Si prendono in considerazione: -il rapporto ambientale, -i pareri espressi (pubblico & autorità ambientali), -(i risultati di consultazione transfrontaliere). 6.Adozione del P&P Procedura VAS 5.Iter decisionale / redazione del P&P arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

15 7.Informazione circa la decisione Autorità ambientali – Pubblico – Stati Membri interessati Procedura VAS Il P&P adottato Dichiarazione sullintegrazione delle considerazioni ambientali nel piano (rapporto/pareri/ragioni scelta) Misure in merito al monitoraggio arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

16 Principali elementi del rapporto ambientale (art. 5) Identificare, descrivere e valutare: Gli effetti significativi che lattuazione del P&P potrebbe avere sullambiente, compresi: –Effetti sulla biodiversità, suolo, acqua, aria, fattori climatici, –Effetti sulla popolazione, salute umana, beni materiali, patrimonio culturale, paesaggio etc. Ragionevoli alternative alla luce degli obiettivi e dellambito territoriale del P&P arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

17 Informazioni - Rapporto ambientale (Allegato I) a)Illustrazione dei contenuti e obiettivi del P&P b)Stato attuale dellambiente e evoluzione possibile senza P&P c) Caratteristiche ambientali delle zone interessate e) Obiettivi di protezione ambientale internazionali & europei e come sono stati presi in consid. g) Misure di minimizzazione / compensazione amb. i) Misure previste in merito al monitoraggio j) Sintesi non tecnica arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

18 Consultazioni art. 5 (4), art. 6 Novità in merito alla valutazione ex ante Autorità ambientali screening Determinazione della portata e del livello di dettaglio (scoping) Sul progetto di P&P Sul rapporto ambientale Pubblico Sul rapporto ambientale Sul progetto di P&P arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

19 Consultazioni art. 5 (4), art. 6 Essere effettuate tempestivamente Dare uneffettiva opportunità alle autorità ambientali e al pubblico di esprimere il proprio parere In termini congrui Le consultazioni hanno luogo prima delladozione del P&P arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

20 Consultazioni transfrontaliere art. 7 Se un P&P può avere degli effetti significativi sullambiente di unaltro SM. Alla richiesta duno SM interessato in misura significativa. In quali casi si tengono? arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

21 Informazioni circa la decisione (art. 9) Dopo ladozione del P&P, linformazione circa la decisione è messa a disposizione del pubblico e delle autorità ambientali e dei Stati Membri: a)Il piano o programma adottato, b)Una dichiarazione di sintesi illustrando: -come le considerazioni ambientali sono state integrate, -Come si è tenuto conto dei pareri espressi durante le consultazioni, -Le ragioni della scelta del P&P alla luce delle alternative possibili. c) Le misure di monitoraggio. arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

22 Evitare la duplicazione delle valutazioni. art. 4(3) P&P gerarchicamente ordinati Le informazioni ottenute ad altri livelli possono essere adattate (evitare duplicazioni) Valutazione prevista in altre normative comunitarie (Direttive Habitat, acqua, rumore) arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

23 Individuazione delle autorità.. Chi è responsabile dellapplicazione della VAS a un P&P particolare? (autorità responsabile dellelaborazione/adozione del P&P) Chi è responsabile dellelaborazione del rapporto ambientale? (autorità o persona fisica o giuridica responsabile della redazione del P&P) Chi sono le autorità aventi specifiche competenze ambientali? (designazione generale: nella legislazione di attuazione. Designazione caso per caso. Designazione di diverse autorità) arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

24 Modalità per linformazione e la consultazione (art. 6.5) Metodo di consultazione? Consultazione Internet? Dibattito pubblico? Comitati consultivi? Interviste? Durata delle consultazioni Modo in cui possono esprimersi i commenti Luoghi dove consultare le informazioni Metodo di divulgazione delle informazioni arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

25 Come la Commissione verificherà la conformità delle valutazioni? Documenti necessari Sintesi non tecnica (allegato I, punto j) Dichiarazione prevista allarticolo 9(1)(b) La descrizione delle misure di monitoraggio prevista allarticolo 9(1)(c) e 10 La direttiva prevede la preparazione di tutti i documenti arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

26 Come la Commissione verificherà la conformità delle valutazioni? consultazione del pubblico e delle autorità ambientali: –Chi è stato consultato? –Come linformazione circa la decisione è stata messa a disposizione? –Quanto tempo è stato lasciato per le risposte? –Come il pubblico è stato consultato? (articolo 6 della direttiva) arch. Andrea Battistoni Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

27 Alcuni documenti di referenza Lettera DG REGIO / DG ENV «Guida» sullattuazione della direttiva (IT): Site web della DG ENV sur VIA e VAS: « Manuale» in EN sulla VAS: Handbook on SEA for Cohesion Policy (Programma INTERREG IIIC - GRDP) Lapplicazione della Direttiva 200/42/CE al ciclo de programmazione dei Fondi Strutturali in Italia arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

28 IAL FVG – SETTORE AMBIENTE APPUNTAMENTI DI ALTA FORMAZIONE CON L'AMBIENTE arch. Andrea Battistoni L.R. 11/06 nella Regione FVG in ottemperanza al D.Lgs 152/06 del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

29 IAL FVG – SETTORE AMBIENTE APPUNTAMENTI DI ALTA FORMAZIONE CON L'AMBIENTE arch. Andrea Battistoni Art.5 dlgs 152/06 Autorità proponente il P&P invia allautorità proposta alla valutazione ambientale art.12, il piano completo di Rapporto Ambientale e di sintesi non Tecnica. Servizio VIA-VAS Regione del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

30 IAL FVG – SETTORE AMBIENTE APPUNTAMENTI DI ALTA FORMAZIONE CON L'AMBIENTE arch. Andrea Battistoni Art.10, comma 3 dlgs 152/06 Autorità proponente il P&P da contestualmente notizia su un quotidiano a diffusione nazionale e su uno a diffusione regionale dellavvenuto deposito del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

31 IAL FVG – SETTORE AMBIENTE APPUNTAMENTI DI ALTA FORMAZIONE CON L'AMBIENTE arch. Andrea Battistoni Art.10, comma 4 dlgs 152/06 Il pubblico ha 45 giorni di tempo per fare le proprie osservazioni. Inviate al Servizio VIA-VAS Regione del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

32 IAL FVG – SETTORE AMBIENTE APPUNTAMENTI DI ALTA FORMAZIONE CON L'AMBIENTE arch. Andrea Battistoni lautorità competente ai sensi dellart.10 commi 1-2 Autorità competente chiede i pareri alle autorità ambientali inviando 1 copia del P&P e il Rapporto ambientale e la sintesi non tecnica 90 giorni L.R 7/200, art.24 Lautorità a seguito dei pareri ambientali e delle osservazioni del pubblico, emette il giudizio di compatibilità ambientale art.5, comma 1 90 gg per sosp. integrazioni art.17, comma 2 VAS-statale possibile sospensione per integrazioni, non è previsto la sospensione per la vas- regione del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

33 IAL FVG – SETTORE AMBIENTE APPUNTAMENTI DI ALTA FORMAZIONE CON L'AMBIENTE arch. Andrea Battistoni Il provvedimento di approvazione del P&P deve essere accompagnato da una dichiarazione di sintesi, che illustra in che modo sono state recepite le considerazioni ambientali nel P&P, come si è tenuto conto del RA, dei pareri e dalle osservazione in merito alle consultazioni, le motivazioni della scelta del P&P in relazione alle alternative e alle misure di monitoraggio. del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE Art.12, comma 3 dlgs 152/06

34 IAL FVG – SETTORE AMBIENTE APPUNTAMENTI DI ALTA FORMAZIONE CON L'AMBIENTE arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE Autorità proponente il P&P mette a disposizione del pubblico, informato a mezzo stampa, il provvedimento di approvazione del P&P e il relativo giudizio di compatibilità ambientale. Gli elaborati sono trasmessi allautorità che approva il P&P, alla autorità competente e alle autorità ambientali individuate. Art.13 comma 1 dlgs 152/06

35 IAL FVG – SETTORE AMBIENTE APPUNTAMENTI DI ALTA FORMAZIONE CON L'AMBIENTE arch. Andrea Battistoni I provvedimenti di approvazione adottati senza la VAS sono nulli. del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE Art.4 comma 3 dlgs 152/06 Se nel corso dellistruttoria si evidenzia la necessità di sottoporre a VAS il P&P, lautorità competente invita il proponente ad attivare la procedura e contestualmente sospende il procedimento di approvazione. Art.12 comma 4

36 Quadro normativo di riferimento per V.A.S. e P.T.R a livello internazionale e nazionale a livello regionale Presentazione sintetica della metodologia utilizzata dal Servizio della Pianificazione Territoriale ed Energia per la valutazione ambientale strategica ai sensi della Direttiva 2001/42/CE, relativa alla valutazione degli effetti determinanti dai piani e programmi sullambiente. Direttiva 2001/42/CE - concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sullambiente. D.Lgs 152 del 3 aprile 2006– Norme in materia ambientale Il codice dellambiente entrata in vigore il 29 agosto 2006 per la parte relativa alla VAS PARTE II- Procedure per la valutazione ambientale strategica (VAS), per la valutazione dimpatto ambientale (VIA) e per lautorizzazione ambientale integrata (IPPC)- Titolo II - Valutazione ambientale strategica -VAS. Capo III - Disposizioni specifiche per la VAS in sede regionale o provinciale. Art Piani e programmi sottoposti a VAS in sede regionale o provinciale. Art Procedure di VAS in sede regionale o provinciale In questo momento è in atto una fase di ricognizione da parte degli uffici competenti, sulle eventuali integrazioni / modifiche alla legge 11/05. LR 11/2005 – Disposizioni per ladempimento degli obblighi della regione Friuli Venezia Giulia derivanti dallappartenenza dellItalia alla Comunità Europea. In fase di promulgazione il regolamento di attuazione. Allo stato attuale, in assenza del regolamento di attuazione della L.R. n. 11/2005, si procede secondo le disposizioni transitorie dettate dallart. 11 della L.R. n. 11/2005, mediante lapposita deliberazione della Giunta regionale n.246 d.d. 10 febbraio arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE IAL FVG – SETTORE AMBIENTE APPUNTAMENTI DI ALTA FORMAZIONE CON L'AMBIENTE

37 La procedure di valutazione del PTR. È importante considerare il metodo di inserimento della Direttiva ponendo la questione del collegamento tra i normali momenti di formazione di un piano e i molteplici passaggi decisionali politici.. La V.A.S. "permea" il Piano, diventando elemento costruttivo, valutativo, gestionale e di monitoraggio. Lo scopo è di giungere ad un processo in cui il piano viene sviluppato basandosi su di un più ampio set di prospettive, obiettivi e prescrizioni, rispetto a quelli inizialmente identificati dal proponente Per Valutazione Ambientale Strategica si intende quel procedimento che comporta lelaborazione di un rapporto di impatto ambientale, lo svolgimento di consultazioni nelliter decisionale, la valutazione del rapporto ambientale e dei risultati delle consultazioni nelliter decisionale e la messa a disposizione delle informazioni ( art 2, Direttiva 2001/42/CE ). Lobiettivo è di garantire un elevato livello di protezione dellambiente e di contribuire allintegrazione con gli aspetti ambientali, di piani e programmi allatto della loro elaborazione ed adozione, al fine di promuovere lo sviluppo sostenibile (art 1, Direttiva cit.). e di attuare il monitoraggio sugli effetti ambientali significativi determinati dagli stessi piani e programmi. FASE DEL PIANO PROCESSO DI PIANIFICAZIONE PROCESSO DI VALUTAZIONE AMBIENTALE FASE 1 Orientamento Impostazione Orientamenti iniziali del piano o programma Analisi di sostenibilità degli orientamenti iniziali Eventuale Verifica di esclusione (screening) FASE 2 Elaborazione Redazione Determinazione degli obiettivi generali e costruzione dello scenario di riferimento Costruzione delle alternative e degli obiettivi specifici e linee di azione del piano Definizione dell'ambito d'influenza (scoping) Analisi di coerenza esterna Analisi di coerenza interna Costruzione degli indicatori Rapporto Ambientale e Sintesi non Tecnica Stima degli effetti ambientali Confronto e selezione delle alternative FASE 3 Consultazione Adozione Approvazione Consultazione sul documento di piano e sul rapporto ambientale Adozione / approvazione del piano e della Dichiarazione di Sintesi Dichiarazione di Sintesi FASE 4 Attuazione Gestione Monitoraggio attuazione e gestione del piano Azioni correttive ed eventuale retroazione Monitoraggio ambientale Rapporti di monitoraggio e valutazione periodica Nuovo Piano Territoriale Regionale - FVG arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE IAL FVG – SETTORE AMBIENTE APPUNTAMENTI DI ALTA FORMAZIONE CON L'AMBIENTE

38 definisce individua Legge Regionale 30/ risorse di interesse regionale 7 finalità strategiche Formazione PTR con procedura di VAS e metodologie di Agenda 21 Delibera della Giunta regionale N. 246/2006 Avvio della procedura di VAS-PTR Indicazione per la formazione del Nucleo di valutazione Definite le 4 fasi della procedura di VAS Linee metodologiche per la procedura di Agenda 21 1) acqua, aria, suolo ed ecosistemi 2) Paesaggio 3) Edifici, monumenti e siti di interesse storico culturale 4) Sistemi infrastrutturali e tecnologici 5) Sistemi degli insediamenti a) la conservazione e la valorizzazione del territorio regionale, anche valorizzando le relazioni a rete tra i profili naturalistico, ambientale, paesaggistico, culturale e storico. b) le migliori condizioni per la crescita economica del Friuli Venezia Giulia e lo sviluppo sostenibile della competitività del sistema regionale. c) le pari opportunità di sviluppo economico per tutti i territori della regione. d) la coesione sociale della comunità, nonché lintegrazione territoriale, economica e sociale del Friuli Venezia Giulia con i territori contermini. e) il miglioramento della condizione di vita degli individui, della comunità, degli ecosistemi e in generale linnalzamento della qualità ambientale. f) le migliori condizioni per il contenimento del consumo del suolo e dellenergia, nonche per lo sviluppo delle fonti energetiche alternative. g) la sicurezza rispetto ai rischi correlati allutilizzo del territorio. Fase 1 Impostazione e orientamento Fase 2 Elaborazione e redazione Fase 3 Iter di legge: consultazione, adozione, approvazione Fase 4 Attuazione e gestione Metodologia sperimentale sulla definizione degli obiettivi Linee di indirizzo: - Diffusione degli elaborati - Acquisizione dei risultati - Forum Risultati del Forum trasmessi a Giunta regionale

39 Nella fase successiva si è arrivati alla definizione di 36 Obiettivi Generali, i quali sono frutto di un lavoro di analisi e aggregazione dei 306 obiettivi individuati dal Documento Preliminare di PTR, tenendo conto delle considerazioni che sono emerse nella fase del Processo di Agenda 21. Si è giunti cosi a definire 36 Obiettivi Generali, che sono stati suddivisi nelle 7 Finalità strategiche delle Legge Regionale 30/05, ponendoli in relazione alle Risorse Essenziali di Interesse Regionale a cui gli Obiettivi generali del PTR fanno riferimento. Finalità Obiettivi Generali di PTR Risorse a) b) c) d) e) f) g) 36 Presenza delle Risorse negli Obiettivi generali di PTR RisorsaPresenze Acqua, Aria, Suolo ed Ecosistemi10 Paesaggio17 Edifici, Monumenti e Siti di Interesse storico - culturale 8 Sistemi infrastrutturali e tecnologici9 Sistemi degli insediamenti14 IAL FVG – SETTORE AMBIENTE APPUNTAMENTI DI ALTA FORMAZIONE CON L'AMBIENTE arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

40 Obiettivi PTR Doc.prel. del 10/2/06 Finalità Obiettivi Generali di PTR Obiettivi definitivi PTR Risorse a) b) c) d) e) f) g) 36 Obiettivi PTR Doc. prel. del 10/2/06 Finalità Obiettivi Generali di PTR Obiettivi specifici Azioni di PTR grafiche Azioni di PTR (Norme di attuazione) Azioni da prevedersi con strumenti diversi dal PTR 3 a) b) c) d) e) f) g) 36 Matrice tipo – Azioni di PTR- Matrice tipo – Obiettivi Generali di PTR- indicatori IAL FVG – SETTORE AMBIENTE APPUNTAMENTI DI ALTA FORMAZIONE CON L'AMBIENTE arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

41 IAL FVG – SETTORE AMBIENTE APPUNTAMENTI DI ALTA FORMAZIONE CON L'AMBIENTE arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

42 SEMINARIO DI FORMAZIONE LEGGE REGIONALE N.05/2007– Parte edilizia arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE

43 SEMINARIO DI FORMAZIONE LEGGE REGIONALE N.05/2007– Parte edilizia arch. Andrea Battistoni del Friuli Venezia Giulia Centro di TERRITORIALE VALUTAZIONE del Friuli Venezia Giulia AMBIENTALE


Scaricare ppt "20 ottobre 2007 la VAS in Regione del Friuli Venezia Giulia IAL FVG SETTORE AMBIENTE APPUNTAMENTI DI ALTA FORMAZIONE CON L'AMBIENTE IAL FVG – SETTORE AMBIENTE."

Presentazioni simili


Annunci Google