La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MOTIVAZIONE TEORIE DEL PROCESSO Parlòmes Point, Febbraio 2004.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MOTIVAZIONE TEORIE DEL PROCESSO Parlòmes Point, Febbraio 2004."— Transcript della presentazione:

1 MOTIVAZIONE TEORIE DEL PROCESSO Parlòmes Point, Febbraio 2004

2 Sommario Considerazioni sulle teorie del contenuto Le teorie del processo Rinforzi Goal setting Aspettativa-Valenza Giustizia organizzativa

3 Considerazioni La teoria del contenuto è criticabile: Rimanda una regola universale Spiegare la classificazione dei bisogni di tutti gli uomini La teoria del processo considera le differenze individuali nella formazione dei concetti

4 Teorie del processo Loggetto dellanalisi della motivazione è il come contro il cosa considerato nella teoria del contenuto. Le persone si creano rappresentazioni della realtà. Fattori quali lesperienza, i vissuti, i giudizi di valore e aspettative future sono alla base delle teorie del processo

5 Perché decido di agire Decisioni inerenti la motivazione a partecipare (entrare-rimanere-uscire) Funzione delle alternative organizzative ritenute come raggiungibili Decisioni inerenti la motivazione a produrre (livello di contributo da fornire) Equità percepita tra incentivi ottenibili e contributi richiesti

6 Goal setting La prestazione è causata dallintenzione personale a fornire la prestazione, agendo. Lintenzione d agire (lobiettivo), diviene quindi un fattore determinante dellazione (Locke, 1968; 1981, 1977) Le persone realizzano tutto ciò che stanno cercando di realizzare

7 Idee di base del Goal setting Relazione fra difficoltà e performance Obiettivi specifici (SMART) contro obiettivi generici La partecipazione è accettazione, impegno e condivisione degli obiettivi E necessario il feedback sul rapporto prestazioni e obiettivo

8 Rinforzi Comportamento che produce conseguenze positive tende ad essere ripetuto. Occorre incentivare i comportamenti che portano a conseguenze positive attraverso RINFORZI POSITIVI viceversa con RINFORZI NEGATIVI

9 Aspettativa-Valenza Gli individui indirizzano i propri sforzi verso attività che possono portare allottenimento dei risultati desiderabili. Le persone cercano di valutare costi – benefici delle diverse alternative che si presentano scegliendo quindi la più vantaggiosa.

10 Esempio aspettativa-valenza Fare manutenzione preventiva Aspettare che la macchina si fermi Probabilità di successo (0,8) Probabilità di insuccesso (0,2) Premio Probabilità di successo (0,2) Probabilità di insuccesso (0,8) Nessun Premio Premio Nessun Premio = = 2.000

11 Laspettativa Stima o giudizio sulle probabilità che si hanno nel raggiungere un determinato risultato: Sforzo Prestazione (quanto devo lavorare per ottenere un risultato ?) Prestazione Risultato (se ottengo il risultato cosa avrò in cambio ?)

12 La valenza Valutazione personale sulla soddisfazione – insoddisfazione che un determinato risultato può generare. La valenza è direttamente proporzionale alla motivazione

13 Processo Aspettativa-Valenza Aspettativa Sforzo Prestazione Prestazione Risultato VALENZA Capacità Motivazione Prestazione

14 (S P) e (P R) SFORZORISULTATOPRESTAZIONE Aspettativa S P Aspettativa P R Quanto sto ottenendo dal mio lavoro ? Quanto devo lavorare per ottenere il risultato ? Quale ricompensa ? Promozione ? Come mi sento ? Relazioni con colleghi (?)

15 Modello ampliato Aspettativa-Valenza Aspettativa S P Aspettativa P R Valenza Motivazione SforzoPrestazione Risultati Estriseci/Intrinsici Risultati Soddisfazione Fattori Organizzat. Capacità Potenziale personale

16 Giustizia organizzativa Equità distributiva Percezione soggettiva dellequità di trattamento in base ai risultati ottenuti, allimpegno e agli sforzi Equità procedurale Percezione soggettiva dellequità di trattamento in relazione al come è stato svolto il lavoro

17 Equità distribuita Le percezioni di trattamento equo e non equo: Confronto fra i risultati ottenuti Confronto dei rapporti risultati-input propri ed altrui (Output Giorgio/Input Giorgio) = (Output Federica/Input Federica) (Output Giorgio/Input Giorgio) < (Output Federica/Input Federica)

18 Come ristabilire equità Modificare gli Input Modificare gli Output Razionalizzare gli Input e gli Output Intraprendere azioni nei confronti del riferimento di paragone Cambiare il riferimento di paragone Arrendersi

19 Giustizia procedurale Controllo sul processo Possibilità di far presente la propria posizione e giustificare il proprio caso Controllo decisionale Grado di influenza sui processi decisionali Giustizia relazionale Possibilità di conoscere la spiegazione del processo decisionale impiegato da altri, in un rapporto dignitoso e rispettoso


Scaricare ppt "MOTIVAZIONE TEORIE DEL PROCESSO Parlòmes Point, Febbraio 2004."

Presentazioni simili


Annunci Google