La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Esercizio. Metaphase SIMBOLOGIA Spiegazione logica...

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Esercizio. Metaphase SIMBOLOGIA Spiegazione logica..."— Transcript della presentazione:

1 Esercizio

2 Metaphase

3 SIMBOLOGIA

4 Spiegazione logica...

5 dellevoluzione...

6 Spiegazione logica...dellevoluzione...di un gatto tigrato…?

7

8 DOMINANTIRECESSIVI DOMINANTIRECESSIVI I 7 CARATTERI STUDIATI DA MENDEL

9 Legge della Segregazione Rapporto 3:1 P1 F1 F2 Solo un carattere si manifesta negli ibridi F1 TTtt 100% TT 100% tt TTtt 100% Tt 25% TT 50% Tt 25% tt altebasse fenotipogenotipo

10 La legge della segregazione di Mendel si può spiegare con la segregazione dei cromosomi omologhi durante La Meiosi

11 Reincrocio testcross

12 1/4 Y;R 1/4 y;R 1/4 Y;r 1/4 y;r 9/16 Y/-;R/- (giallo,liscio) 3/16 y/y;R/- (verde,liscio) 3/16 Y/-;r/r (giallo,grinzoso) 1/16 y/y;r/r (verde,grinzoso) Calcolo dei rapporti nellincrocio di un diibrido

13 Legge dellassortimento indipendente Rapporto fenotipico 9:3:3:1 9 4

14 La legge dellassortiento indipendente di Mendel si può spiegare con lallineamento casuale delle tetradi durante la profase della Meiosi I

15 Testcross di un diibrido Come si identifica la ricombinazione negli organismi diploidi. Il metodo migliore per rilevare i prodotti ricombinanti della meiosi di un diploide consiste nellincrociaree un eterozigote per un tester recessivo.

16

17

18 9:3:3:1

19 Rapporto fenotipico 27:9:9:9:3:3:3:1 27 genotipi 8 fenotipi TRIIBRIDO DELLA F1 8 tipi di gameti Liscio;giallo; porpora RrYyCc

20 OGNI GENE IN PIU RADDOPPIA IL NUMERO DI GAMETI E TRIPLICA IL NUMERO DI CLASSI GENETICHE (genotipi) OGNI GENE IN PIU RADDOPPIA IL NUMERO DI GAMETI E TRIPLICA IL NUMERO DI CLASSI GENETICHE (genotipi)

21 Calcolo dei rapporti fenotipici e genotipici per geni che si assortiscono in maniera indipendente Rapporti fenotipici attesi per la progenie di incroci che coinvolgono alleli di geni singoli A/a x A/a > 3/4A/- e 1/4a/a

22 Calcolo dei rapporti fenotipici e genotipici per geni che si assortiscono in maniera indipendente Rapporti fenotipici attesi per la progenie di incroci che coinvolgono alleli di geni singoli A/a x A/a > 3/4A/- e 1/4a/a A/a x a/a > 1/2A/a e 1/2a/a

23 Calcolo dei rapporti fenotipici e genotipici per geni che si assortiscono in maniera indipendente Rapporti fenotipici attesi per la progenie di incroci che coinvolgono alleli di geni singoli A/a x A/a > 3/4A/- e 1/4a/a A/a x a/a > 1/2A/a e 1/2a/a Rapporti fenotipici attesi per la progenie dellincrocio A/a; b/b x A/a; B/b 3/4A/- e 1/4a/a > 1/2B/b e 1/2b/b

24 Calcolo dei rapporti fenotipici e genotipici per geni che si assortiscono in maniera indipendente Rapporti fenotipici attesi per la progenie di incroci che coinvolgono alleli di geni singoli A/a x A/a > 3/4A/- e 1/4a/a A/a x a/a > 1/2A/a e 1/2a/a Rapporti fenotipici attesi per la progenie dellincrocio A/a; b/b x A/a; B/b 3/4A/- e 1/4a/a > 1/2B/b e 1/2b/b Metodo delle ramificazioni A/a; b/b x A/a; B/b 3/4A/- 1/4a/a

25 Calcolo dei rapporti fenotipici e genotipici per geni che si assortiscono in maniera indipendente Rapporti fenotipici attesi per la progenie di incroci che coinvolgono alleli di geni singoli A/a x A/a > 3/4A/- e 1/4a/a A/a x a/a > 1/2A/a e 1/2a/a Rapporti fenotipici attesi per la progenie dellincrocio A/a; b/b x A/a; B/b 3/4A/- e 1/4a/a > 1/2B/b e 1/2b/b Metodo delle ramificazioni A/a; b/b x A/a; B/b 3/4A/- 1/4a/a 1/2B/b 1/2b/b 1/2B/b

26 Calcolo dei rapporti fenotipici e genotipici per geni che si assortiscono in maniera indipendente Rapporti fenotipici attesi per la progenie di incroci che coinvolgono alleli di geni singoli A/a x A/a > 3/4A/- e 1/4a/a A/a x a/a > 1/2A/a e 1/2a/a Rapporti fenotipici attesi per la progenie dellincrocio A/a; b/b x A/a; B/b 3/4A/- e 1/4a/a > 1/2B/b e 1/2b/b Metodo delle ramificazioni A/a; b/b x A/a; B/b 3/4A/- 1/4a/a 1/2B/b 1/2b/b 1/2B/b 3/8 A/-; B/b 3/8 A/-; b/b 1/8 a/a; B/b 1/8 a/a; b/b

27 Consideriamo lincrocio: A/a; B/b; C/c x a/a; B/b; C/c Poniamo di prevedere la proporzione di progenie da usare come tester Calcolo dei rapporti fenotipici e genotipici per geni che si assortiscono in maniera indipendente

28 Consideriamo lincrocio: A/a; B/b; C/c x a/a; B/b; C/c Poniamo di prevedere la proporzione di progenie da usare come tester Calcolo dei rapporti fenotipici e genotipici per geni che si assortiscono in maniera indipendente Le proporzioni genotipiche relative ai singoli geni saranno: A/a x a/a1/2 A/a + 1/2 a/a

29 Consideriamo lincrocio: A/a; B/b; C/c x a/a; B/b; C/c Poniamo di prevedere la proporzione di progenie da usare come tester Calcolo dei rapporti fenotipici e genotipici per geni che si assortiscono in maniera indipendente Le proporzioni genotipiche relative ai singoli geni saranno: A/a x a/a1/2 A/a + 1/2 a/a B/b x B/b1/4 B/B + 1/2 B/b + 1/4 b/b

30 Consideriamo lincrocio: A/a; B/b; C/c x a/a; B/b; C/c Poniamo di prevedere la proporzione di progenie da usare come tester Calcolo dei rapporti fenotipici e genotipici per geni che si assortiscono in maniera indipendente Le proporzioni genotipiche relative ai singoli geni saranno: A/a x a/a1/2 A/a + 1/2 a/a B/b x B/b1/4 B/B + 1/2 B/b + 1/4 b/b C/c x C/c1/4 C/C + 1/2 C/c + 1/4 c/c

31 Consideriamo lincrocio: A/a; B/b; C/c x a/a; B/b; C/c Poniamo di prevedere la proporzione di progenie da usare come tester Calcolo dei rapporti fenotipici e genotipici per geni che si assortiscono in maniera indipendente Le proporzioni genotipiche relative ai singoli geni saranno: A/a x a/a1/2 A/a + 1/2 a/a B/b x B/b1/4 B/B + 1/2 B/b + 1/4 b/b C/c x C/c1/4 C/C + 1/2 C/c + 1/4 c/c Per calcolare la proporzione attesa di a/a; b/b; c/c 1/2 x 1/4 x 1/4 = 1/32

32 Esercizio

33 1/2 x 1 x 1/2 x 1 = 1/4

34 Esercizio

35 1/2 x 1 x 1/4 x 1/4 = 1/32

36 Esercizio

37 2 4 =16

38 Esercizio

39 1/8

40 Esercizio

41 CcSs x CcSs

42 Esercizio

43 CCSs x CCss

44 Esercizio

45 CcSS x ccSS

46 Esercizio

47 ccSs x ccSs

48 Esercizio

49 Ccss x Ccss

50 Esercizio

51 CCSs x CCSs

52 Esercizio

53 CcSs x Ccss

54

55 COLORE DEGLI OCCHI IN DROSOPHILA

56

57

58

59 Albero genealogico per la POLIDATTILIA, un carattere dominante che presenta penetranza incompleta III-2

60 La misura della penetranza viene descritta a livello di popolazione. Se il carattere si manifestasse nel 60% degli eterozigoti che portano un allele dominante, diremo che il carattere ha una penetranza del 60%

61 Penetranza ed espressività Penetranza variabile Espressività variabile Penetranza ed espressività variabile

62 Espressività variabile nei cani da caccia di razza beagle. Ognuno di questi cani possiede lallele S P responsabile del fenotipo pezzato Espressività variabile

63 Penetranza incompleta ed espressività variabile del gene autosomico dominante della Core di Huntington

64

65

66 C w C R C R C w Rapporto alla F2 1:2:1 Dominanza incompleta della bella di notte

67 C c ch chch c Alleli multipli

68

69

70

71 9:7 Geni epistatici

72 Epistasi Rapporto 9:7 Allele recessivo al locus epistatico C

73 Epistasi Rapporto 13:3 Il rapporto standard 9:3:3:1 si ottiene quando i loci specificano caratteri diversi I doppi dominanti (9/16), i dominanti solo al locus I (3/16) e i doppi recessivi (1/16), sono tutti bianchi

74 Esperimenti di Johannsen sulle carriossidi di grano Rapporto 1:2:1

75 Rapporto 1:4:6:4:1

76 Rapporto 1:6:15:20:15:6:1 Tre coppie di geni ciascuna con due alleli, bianco e rosso. Ogni allele per il colore rosso contribuisce in parte allintensità della colorazione finale

77 PLEIOTROPIA Il gatto di Man Allele dom che causa la mancata formazione della coda, in omozigote è letale. Geni pleiotropici causano fenotipi complessi.

78 A Y /A x A Y /A Rapporto nel monoibrido 2:1 per un gene letale Progenie 1/4 A Y / A Y letale 1/2 A Y / Agiallo 1/4 A/Atipo selvatico

79 ETEROGENEITA ALLELICA

80 ETEROGENEITA DI LOCUS Tumore ereditario del colon non poliposico (HNPCC)

81

82

83 REGIONI DIFFERENZIALI E REGIONI DI APPAIAMENTO NEI CROMOSOMI SESSUALI

84

85

86 EREDITA LEGATA AL SESSO

87

88

89

90 Calvizie di tipo maschile

91 Esempio di espressione influenzata dal sesso, di un gene autosomico Calvizie di tipo maschile

92

93 AUTOSOMICO RECESSIVO

94 In un albero genealogico, un difetto autosomico recessivo viene rivelato dalla comparsa del corrispondente fenotipo nella progenie sia maschile che femminile di individui non affetti

95 AUTOSOMICO DOMINANTE

96 Negli alberi genealogici dei difetti autosomici dominanti compaiono ad ogni generazione individui affetti, sia maschi che femmine. Questi soggetti trasmettono il difetto sia ai figli che alle figlie, in uguali proporzioni

97 ALLELI RECESSIVI LEGATI ALLX

98

99 ALLELI DOMINANTI LEGATI ALLX

100 I maschi affetti trasmettono la condizione a tutte le loro figlie ma a nessuno dei figli maschi

101 ALLELI DOMINANTI LEGATI ALLX Le femmine che si accoppiano con maschi non affetti trasmettono la condizione a metà dei propri figli, sia maschi che femmine

102 O O Contro A e B ii ABAB I A I A oppure I A i A Contro B I B I B oppure I B i B Contro A IAIBIAIB A e B Nessuno

103


Scaricare ppt "Esercizio. Metaphase SIMBOLOGIA Spiegazione logica..."

Presentazioni simili


Annunci Google