La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Lospedalizzazione domiciliare per i pazienti con infezione da HIV: lesperienza di Torino M. De Agostini Lospedalizzazione domiciliare per i pazienti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Lospedalizzazione domiciliare per i pazienti con infezione da HIV: lesperienza di Torino M. De Agostini Lospedalizzazione domiciliare per i pazienti."— Transcript della presentazione:

1 1 Lospedalizzazione domiciliare per i pazienti con infezione da HIV: lesperienza di Torino M. De Agostini Lospedalizzazione domiciliare per i pazienti con infezione da HIV: lesperienza di Torino M. De Agostini Servizio di Assistenza Domiciliare Specialistica Per HIV/AIDS Ospedale Amedeo di Savoia Dipartimento di Malattie Infettive Torino Servizio di Assistenza Domiciliare Specialistica Per HIV/AIDS Ospedale Amedeo di Savoia Dipartimento di Malattie Infettive Torino

2 2 …una forma di assistenza sanitaria e sociale erogata al domicilio del paziente in modo continuo ed integrato, al fine di fornire cure appropriate da parte del medico di famiglia e di altri operatori (medici, infermieri, assistenti sociali, fisioterapisti) dei servizi ospedalieri, territoriali e delle associazioni di volontariato secondo le necessità rilevate Le cure domiciliari...

3 3 Modelli di assistenza per pazienti HIV/AIDS: In Italia: assistenza domiciliare ospedalizzazione domiciliare case famiglia hospices In Europa: appartamenti terapeutici case alloggio accoglienze notturne

4 4 HAART Dal 1997 con lintroduzione della HAART la storia della malattia si è modificata…

5 5 A livello nazionale sono diminuiti i casi di AIDS. La qualità della vita è migliorata

6 6 Lintervento domiciliare oltre che erogare le cure più squisitamente sanitarie si concretizza nel… supporto formativofornire un supporto formativo e di educazione sanitaria al soggetto ed alla sua famiglia umanefavorire il mantenimento delle relazioni umane aderenzafacilitare laderenza alle terapie antiretrovirali

7 7 obiettivi specifici Gli obiettivi specifici delle cure domiciliari che il DRG n stabilisce sono: Assistere le persone con patologie e/o problematiche sociali trattabili a domicilio, favorendo il recupero e il mantenimento delle capacità residue di autonomia e di relazione, al fine di migliorare la loro qualità di vita Supportare i familiari o colui che si prende cura direttamente della persona e trasmettere loro eventuali competenze per unautonomia di intervento

8 8 obiettivi Il nostro Servizio fa riferimento ai suddetti obiettivi proponendosi di: Ridurre gli effetti negativi del ricovero ospedaliero prolungato sul piano psicologico e sociale Ridurre il carico di assistenza erogabile ai malati cronici che vengono ricoverati in corsia, sottraendo posti letto per patologie acute

9 9 Struttura del Servizio Domiciliare: Un medico infettivologo responsabile Tre infermieri professionali a tempo pieno Altri medici infettivologi ospedalieri

10 10 DOVE OPERA IL SERVIZIO Il territorio di competenza è quello del comune di Torino Tre case famiglia nella cintura torinese

11 11 Case Famiglia Casa Giobbe 8 posti letto Casa dellEmmanuele 10 posti letto Panta Rei 6 posti letto

12 12 Case Famiglia : attività infermieristica del servizio domiciliare Preparazione dei farmaci Prenotazione esami strumentali e visite Ricevimento ed invio prelievi fuori routine Organizzazione materiale sanitario Medicazioni Emotrasfusioni

13 13 N° dei ricoveri effettuati in O.D. dal 1992 al 31/12/2005

14 14 N°dei pazienti N°dei pazienti seguiti in Assistenza Domiciliare dal 1992 al 2005:

15 15 I ricoveri in A.D. dal 1992 al 2005 sono stati 2066 I pazienti seguiti dallA.D dal 1992 al 2005 sono stati 1492 I ricoveri in A.D. dal 1992 al 2005 sono stati 2066 I pazienti seguiti dallA.D dal 1992 al 2005 sono stati 1492

16 16 N° dei deceduti N° dei deceduti in Assistenza domiciliare dal 1996 al 2005:

17 17 giornate di degenza N° delle giornate di degenza domiciliari dal 1992 al 31/12/2005

18 18 N° dei ricoveri N° dei ricoveri presso il domicilio e presso le comunità

19 19 N° Visite Infermieristiche N° Visite Infermieristiche domiciliari dal 1998 al 31/12/2005

20 20 Pazienti in carico dal 1998 al 31/12/2005: media giornaliera

21 21 Principali cause di ricovero AD. Due periodi a confronto: 93 e 04-05

22 22 Principali cause di ricovero AD. Due periodi a confronto: 93 e 04-05

23 23 Ruolo emergente delle altre patologie come causa di ricovero AD

24 24 Tipologia di pazienti assistiti in casa famiglia negli anni 99-05

25 25 Tipologia di pazienti assistiti in casa famiglia negli anni 92-98

26 26 Tipologia di pazienti assistiti in casa famiglia negli anni 99-05

27 27 Vantaggi pazienti Vantaggi dellattività domiciliare per i pazienti: degenze ospedaliereLimitazione delle degenze ospedaliere complianceMiglioramento della compliance terapeutica qualità di vitaMiglioramento della qualità di vita Miglioramento dellambiente familiare grazie al supporto fornito

28 28 Assistenza Domiciliare: un Servizio flessibile per uno scenario in continua evoluzione Si conferma dunque il sostanziale cambiamento delle esigenze che il nostro Servizio deve soddisfare… Storia naturale dellinfezione: La HAART- benefici e difficoltà Ruolo della patologia degenerativa e della cronicità Le altre patologie come nuova realtà emergente Il paziente: Cambiamento sotto il profilo sociale del paziente preso in carico Aumento delletà media e delle prospettive di vita Miglioramento della qualità di vita Lautonomia come obiettivo rilevante Il servizio: Da Ospedalizzazione Domiciliare ad Assistenza Domiciliare


Scaricare ppt "1 Lospedalizzazione domiciliare per i pazienti con infezione da HIV: lesperienza di Torino M. De Agostini Lospedalizzazione domiciliare per i pazienti."

Presentazioni simili


Annunci Google