La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Intermediari assicurativi e regole di comportamento Master in Regolazione dellattività e dei mercati finanziari Roma, 17.06.2011 dott.ssa Illa Sabbatelli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Intermediari assicurativi e regole di comportamento Master in Regolazione dellattività e dei mercati finanziari Roma, 17.06.2011 dott.ssa Illa Sabbatelli."— Transcript della presentazione:

1 Intermediari assicurativi e regole di comportamento Master in Regolazione dellattività e dei mercati finanziari Roma, dott.ssa Illa Sabbatelli –

2 2 Oggetto dellanalisi: informazioni nel mercato dei servizi assicurativi Tecnicalità dei settori finanziari Struttura dei prodotti Difficoltà di conoscibilità Cambio di prospettiva rispetto al codice civile

3 Superamento asimmetrie informative nel cod. ass. * need of protection * trasparenza * principio del know your customer 3

4 4 Obiettivo necessario del diritto dei contratti (art c.c.) Agevole accesso alle informazioni Effettiva conoscibilità delle informazioni Facile comprensione delle informazioni Al fine della costruzione di un consenso consapevole 4

5 5 Obiettivi a livello di sistema: Conservare la fiducia degli utenti dei servizi finanziari Evitare la fuga dalle operazioni Evitare la fuga dalle operazioni Assicurare il corretto funzionamento e la stabilità dei mercati finanziari Assicurare il corretto funzionamento e la stabilità dei mercati finanziari 5

6 6 Strumento di risoluzione delle asimmetrie informative Regole di comportamento e obblighi di informazione in capo allintermediario e allimpresa

7 7 FONTI Direttiva 2002/92/CE sullintermediazione assicurativa (capo III, artt.12 e 13) Direttiva 2002/92/CE sullintermediazione assicurativa (capo III, artt.12 e 13) D.lgs 7 settembre 2005, n. 209, cod. ass. (art. 120, art. 183). D.lgs 7 settembre 2005, n. 209, cod. ass. (art. 120, art. 183). Regolamento ISVAP del 16 ottobre 2006 n. 5 sullattività assicurativa e riassicurativa (Regolamento intermediari)(artt ). 7

8 8 Regole di comportamento Art. 183 cod. ass.(trasparenza delle operazioni) Regole per imprese ed intermediari nelle fasi dellofferta e dellesecuzione per contraenti ed assicurati: 1) Comportarsi con diligenza, correttezza, trasparenza 2) Assumere informazioni per valutare le esigenze assicurative del cliente 3) Evitare i conflitti di interesse

9 9 Regole di comportamento Art. 120 cod. ass: Fase precontrattuale, modifiche o rinnovi contrattuali Soggetto: contraente Evitare conflitti di interesse Fornire una consulenza imparziale Assicurare ladeguatezza del prodotto alle esigenze assicurative 9

10 10 DESTINATARI degli obblighi ex art. 120 cod ass. Intermediari assicurativi iscritti nei registri ex artt. 109 e 116 cod. ass. Categoria plurale Unità: svolgimento dellattività di intermediazione assicurativa Art. 2 dir. 2002/92/CE Art.106 cod. ass.

11 11 Intermediari assicurativi iscritti negli albi ex artt. 109 e 116 cod. ass. 1) Agenti /A 2) Broker /B 3) Produttori /C 4) Banche/D 5) Intermediari finanziari ex art. 107 TUB /D 6) SIM/D 7) Poste Italiane-Divisione Bancoposta /D 8) Dipendenti, collaboratori, produttori che svolgono lattività fuori dai locali commerciali /E 11

12 12 Destinatari degli obblighi ex art. 45 Reg. Intermediari ISVAP Addetti allattività di intermediazione allinterno dei locali dellintermediario per il quale operano ESCLUSIONI ex art. 120 cod. ass.: 1) Intermediari dei grandi rischi 2) Intermediari riassicurativi

13 13 Informazioni sui conflitti di interesse Fonti Art. 21, comma 1 bis TUF Art. 18 direttiva MIFID 2004/39/CE D.lgs n. 164 Reg. Consob Intermediari , n Art. 12 dir. 2002/92/CEE Art. 120 cod. ass., comma 2, lett. b) e c) 13

14 14 Conflitti di interesse nellart. 120 cod. ass. Gli intermediari dichiarano al contraente Comma 2. lett. b) b) se propongono determinati prodotti in virtù di un obbligo contrattuale con una o più imprese di assicurazione, dovendo in tal caso comunicare la denominazione di tali imprese; 14

15 15 Conflitto di interessi nel Reg.ISVAP intermediari Art. 48 (Conflitti di interesse ) Nellofferta e nella gestione dei contratti di assicurazione gli intermediari evitano di effettuare operazioni in cui hanno direttamente o indirettamente un interesse in conflitto, anche derivante da rapporti di gruppo o da rapporti di affari propri o di società del gruppo. Qualora il conflitto non risulti evitabile, gli intermediari operano comunque in modo da non recare pregiudizio agli interessi dei contraenti. Art. 50 (Informativa su potenziali situazioni di conflitto di interesse) Nella dichiarazione di cui allarticolo 49, comma 2, lettera a)(informativa precontrattuale), lintermediario fornisce al contraente anche le seguenti informazioni:

16 16 Assenza di conflitti Art. 120,comma 2, lett c) Cod. ass. rapporti daffari Gli intermediari se propongono determinati prodotti in assenza di obblighi contrattuali con imprese di assicurazione, nel qual caso essi comunicano, la denominazione delle imprese di assicurazione con le quali hanno o potrebbero avere rapporti daffari, fermo restando lobbligo di avvisare il contraente del diritto di richiedere tali informazioni. Art.12 direttiva: se manca unanalisi imparziale

17 17 La consulenza imparziale nellart. 120 cod. ass. Comma 2, lett.a. In relazione al contratto proposto, gli intermediari assicurativi dichiarano al contraente se forniscono consulenze fondate su una analisi imparziale, dovendo in tal caso le proprie valutazioni fondarsi su un numero sufficientemente ampio di contratti disponibili sul mercato.

18 18 Obiettivo della consulenza imparziale: Art. 120 comma 2, lett. a) cod. ass. consigliare il prodotto idoneo a soddisfare le richieste del contraente. Art. 12, par. 2 direttiva 2002/92/CE Individuazione di un contratto assicurativo idoneo a soddisfare le esigenze del consumatore. Soluzione art. 52, comma 5 Reg. intermediari Isvap Gli intermediari che ricevono proposte assicurative e previdenziali non adeguate informano il contraente di tale circostanza, specificandone i motivi. Dellinformativa fornita, inclusi i motivi dellinadeguatezza, è data evidenza in unapposita dichiarazione, sottoscritta dal contraente e dallintermediario.

19 19 Adeguatezza del prodotto nellart. 120 cod. ass. Comma 3 In ogni caso, prima della conclusione del contratto, lintermediario assicurativo di cui al comma 1, anche in base alle informazioni fornite al contraente, propone o consiglia un prodotto adeguato alle sue esigenze. Punto di sintesi degli obblighi previsti dallart. 120 cod. ass. Clausola generale elastica 19

20 20 Adeguatezza nel Reg. Isvap Intermediari Art. 48, comma 4 scelte consapevoli e rispondenti alle proprie esigenze. Gli intermediari, prima della sottoscrizione di una proposta o, qualora non prevista, di un contratto di assicurazione, forniscono al contraente informazioni tali da consentire a questultimo di effettuare scelte consapevoli e rispondenti alle proprie esigenze. 20

21 21 Contenuto degli obblighi informativi: Obblighi informativi passivi Art. 52 reg. Isvap int. (Adeguatezza dei contratti offerti) Le imprese impartiscono istruzioni agli intermediari di cui si avvalgono affinché, in fase precontrattuale, acquisiscano dal contraente 1) ogni informazione utile a valutare: a) ladeguatezza del contratto offerto in relazione alle esigenze assicurative e previdenziali di questultimo, nonché, b) la propensione al rischio del contraente medesimo. 21

22 22 Obblighi informativi attivi Gli intermediari illustrano al contraente: Art. 120, comma 3, cod. ass. 1) caratteristiche contratto; 2) prestazioni dellimpresa. Art. 49, comma 4, Reg. Isvap 1) caratteristiche; 2) la durata; 3) i costi, 4)i limiti della copertura; 5) gli eventuali rischi finanziari; 6)ogni altro elemento utile per uninformazione completa e corretta Obiettivo: scelta consapevole del contraente. 22

23 23 Regole di presentazione delle informazioni Art.120 comma 4 cod. ass. (art. 13 dir.). Delega lIsvap alla regolamentazione Fissa i principi della delega 1) Differenti esigenze dellassicurato 2) Diversa tipologia di rischi 3) Capacità professionali degli intermediari 23

24 24 Modalità di presentazione delle informazioni art. 120, comma 4, cod. ass. Uso della lingua italiana Comunicazione su supporto accessibile e durevole subito dopo la conclusione del contratto Art. 51 Reg. Isvap Int. Comunicazione Corretta Esauriente Facilmente comprensibile Anche verbalmente, se necessita la copertura immediata del rischio o se richiesto dal cliente 24

25 25 Conseguenze della violazione delle regole di comportamento Quali rimedi? Violazione norme imperative e nullità virtuale? Inadempimento e risoluzione del contratto? Violazione obblighi di condotta e risarcimento del danno? 25

26 26 Prodotti finanziari assicurativi Art. 1, lett. W bis TUF: Polizze e operazioni di cui ai rami III e V art. 2, comma 1, cod. ass.: a) Polizze unit linked e index linked b) Contratti di capitalizzazione Art. 25 bis TUF (art. 11 l.risparmio, 262/05) Sottoposizione alla normativa di matrice finanziaria: * art. 21 TUF * art. 83 reg. Consob intermediari

27 27 Coordinamento con la disciplina di matrice finanziaria Direttive 2004/39/CE e 2006/73/CE Direttive 2004/39/CE e 2006/73/CE Adeguamento: d.lgs. 17 settembre 2007, n. 164 Adeguamento: d.lgs. 17 settembre 2007, n. 164 TUF TUF Nuovo Regolamento Intermediari del 29 ottobre 2007, n Nuovo Regolamento Intermediari del 29 ottobre 2007, n

28 28 Profilatura del cliente: Adeguatezza e appropriatezza Adeguatezza: Art. 21 TUF nella prestazione dei servizi e delle attività di investimento e accessori i soggetti abilitati devono: a) comportarsi con diligenza, correttezza e trasparenza, per servire al meglio linteresse dei clienti e per lintegrità dei mercati; b) acquisire, le informazioni necessarie dai clienti e operare in modo che essi siano sempre adeguatamente informati; Art. 39 Reg. Consob Intermediari Nello svolgimento di attività di consulenza in materia di investimento e gestione di portafogli lintermediario deve individuare strumenti e servizi adeguati al cliente Appropriatezza: art. 41 Reg. Consob Intermediari Nello svolgimento di attività diverse dalla consulenza lintermediario deve verificare se linvestitore ha esperienza e conoscenza tali da comprendere il rischio del prodotto o del servizio CONSULENZA Art. 1 TUF, comma 5 septies Prestazioni di raccomandazioni personalizzate riguardo ad uno o più strumenti finanziari

29 29 Giudizio di adeguatezza Art. 39, comma Reg. Consob Intermediari si richiedono informazioni relative a: a) Conoscenza ed esperienza nel settore di investimento; b) Situazione finanziaria; c) Obiettivi di investimento. Art. 52,comma 3, Reg. Isvap Intermediari In riferimento ai contratti vita: caratteristiche personali del contraente: a) età; b) attività lavorativa; c) nucleo familiare; d) situazione finanziaria ed assicurativa; e) propensione al rischio; f) aspettative in relazione al contratto. 29

30 30 Ambito di operatività Chiave interpretativa: Documenti CONSOB del 1 giugno 2007 e del 30 ottobre La regolamentazione di cui allart. 25 bis TUF non è sede idonea a ricondurre ad unità un quadro di riferimento non coordinato. Attività di agenti produttori e broker assicurativi è disciplinata dal cod. ass. Conseguenze: doppio registro. Applicazione delle norme a seconda della rete distributiva. La normativa di matrice finanziaria si applica se i prodotti assicurativi a natura finanziaria sono collocati da soggetti abilitati 1) SIM 2) imprese di investimento comunitarie 3) banche italiane e comunitarie 3) intermediari finanziari scritto nellelenco dellart. 107 TUB 4) Società poste italiane - divisione bancoposta


Scaricare ppt "Intermediari assicurativi e regole di comportamento Master in Regolazione dellattività e dei mercati finanziari Roma, 17.06.2011 dott.ssa Illa Sabbatelli."

Presentazioni simili


Annunci Google