La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

QUINTO ORAZIO FLACCO. VITA Nasce a Venosa (tra Puglia e Lucania) l8 dicembre dell8 a. C.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "QUINTO ORAZIO FLACCO. VITA Nasce a Venosa (tra Puglia e Lucania) l8 dicembre dell8 a. C."— Transcript della presentazione:

1 QUINTO ORAZIO FLACCO

2 VITA Nasce a Venosa (tra Puglia e Lucania) l8 dicembre dell8 a. C.

3 A ROMA Suo padre è un liberto. Viene a Roma come esattore delle aste pubbliche. Orazio studia prima a Roma, Poi ad Atene

4 GUERRA CIVILE N el 42 a. C. si arruola nellesercito di Bruto e combatte a Filippi come tribuno militare

5 NEL CIRCOLO DI MECENATE 3 8 a. C.: incontro con Virgilio (animae dimidium meae) che lo presenta a Mecenate N on si sposò, né ebbe figli (come Virgilio) 3 0 a. C.: Mecenate gli regala una villa in Sabina

6 dal 41 al 30 compone le Satire e gli Epodi; Nel 23 a. C. pubblica i primi tre libri delle Odi Dal 23 al 20 a. C. scrive il primo libro delle Epistole Nel 17 a. C. scrive il Carmen Saeculare per i ludi saeculares Dal 19 al 13 a. C. scrive il secondo libro delle Epistole, In un periodo non sicuro scrive anche lArs Poetica Nel 13 a. C. pubblica il 4° libro delle Odi Muore nell8 a. C. CRONOLOGIA DELLE OPERE

7 SATIRE Dedica tre componimenti alla riflessione sul genere satirico: Sat 4 e 10 del I libro e Sat. I del II L. Si tratta quasi di una fondazione teorica del genere letterario – Lucilio è il fondatore della satira latina – Che ha il suo antecedente letterario nella commedia antica (Sat. IV) – Ma la satira è scritta in esametri

8 CARATTERISTICHE DELLA SATIRA Attacca direttamente e personalmente gli avversari (onomastì komodéin). Lucilio= moralista intransigente Compresenza di serio e faceto: argomenti seri in modo divertente. In ciò si rifaceva alla diatriba cinico-stoica Impostazione soggettiva: parla in prima persona, esprime sue idee e giudizi In rapporto agli altri generi: professione di modestia (non aspira al titolo di poeta) Afferma di scrivere sermoni propiora: sono sermones, conversazioni Rinuncia ai toni sublimi per un livello linguistico vicino alla lingua parlata

9 Tuttavia è molto importante la cura formale: il labor limae: critica Lucilio = lutulentus Si tratta di una poesia per pochi intimi (poetica alessandrina)

10 STRUTTURA DELLA SATIRA I mpostazione soggettiva: non è autobiografismo, ma disponibilità a rivelare il suo io interiore (gusti, convinzioni, idee) per affrontare temi più generali e universali T ende a spostare la critica dalle persone ai comportamenti L o spirito (la battuta arguta) è strumento essenziale S i distinguono in –s–s atire narrative: racconta un fatto un aneddoto per intrattenere il lettore; –s–s atire discorsive: svolgono una serie di argomentazioni e riflessioni (diatriba), spesso con un interlocutore fittizio e limpiego di esempi, favole e aneddoti.

11 LE SATIRE DISCORSIVE DEL L. I Il libro I contiene 4 satire narrative e 6 discorsive Il libro I contiene 4 satire narrative e 6 discorsive Le prime tre: discorsive – I: incontentabilità umana: est modus in rebus – II: anche nelletica sessuale ci vuole misura – III: nessuno è perfetto; insostenibile la visione stoica che tutte le colpe sono ugualmente gravi La IV e la X: dopo la parte sulla satira >sezione autobiografica: gratitudine al padre La VI: la più soggettiva: amicizia con Mecenate; superiorità del merito sulla nobiltà della nascita

12 LE SATIRE NARRATIVE La V: Iter Brundisinum: racconto in prima persona del viaggio con Mecenate e Virgilio da Roma a Brindisi nel 37 a. C. La VII: scontro in tribunale fra Persio e Rupilio Re La VIII: il dio Priapo descrive una scena di stregoneria di due fattucchiere: Canidia e Sagana La IX: il seccatore con schema dialogico La IX: il seccatore con schema dialogico

13 SATIRE DEL II LIBRO Lunica soggettiva è la VI: dono della villa in Sabina; bellezza della vitaserena della campagna in confronto a quella della città. Favola del topo di campagna e del topo di città >autarkeia=autosufficienza interiore.

14 TUTTI GLI ALTRI SONO IN FORMA DIALOGICA: ARRETRAMENTO DELLA FIGURA DELLAUTORE RISPETTO AD ALTRI PERSONAGGI II: il contadino Ofello elogia la frugalità III: Damasippo parla delle follie umane: avarizia, ambizione, lusso.. IV: precetti culinari di un certo Cazio V: Ulisse nelloltretomba chiede a Tiresia come recuperare le sue sostanze VII: Davo durante i Saturnali> tirata contro il padrone Orazio VIII: Fundanio fa un resoconto di una cena svoltasi a casa di Nasidieno con la descrizione delle portate e dei vini (>Cena di Trimalchione)

15 MESSAGGIO MORALE L e idee espresse non sono eslusivee di una teoria filosofica (epicureismo) ma sono concetti generali e diffusi: –M–M etriotes=senso della misura (Aristotele: virtù = giusto mezzo) –A–A utarkeia=autosufficienza: limitazione dei desideri per acquistare la vera libertà interiore I l satirico non si presenta non tanto come un maestro, ma come uno in ricerca della verità innanzitutto per migliorare se stesso E una saggezza aristocratica, non missionaria I principali momenti autobiografici sono: 1)la fanciullezza-adolescenza 2) rapporti con Mecenate 3) serenità della vita quotidiana

16 Il II L. rivela la crisi della figura del poeta satirico, che si rifugia nello sfondo, divenendo ascoltatore o relatore di opinioni altrui. Qui accentua la sua sorridente autoironia, insiste sui suoi difetti (Davo)

17 STILE Sermo= scelta di un livello linguistico e stilistico non elevato Usa termini della lingua familiare: bellus, bucca, caldus Espressioni colloquiali: si me amas, iubeas miserum esse Stile medio: conversazione fine ed elegante, colta, spiritosa Procede in modo apparentemente informale, mentre invece si intavede unarte sorvegliata e consumata, in cui domina il principio della brevitas= eliminazione di tutto ciò che è superfluo Studiata disposizione della parola, che nellArs Poetica chiamerà callida iunctura

18 EPODI 17 componimenti, pubblicati nel 30 a. C. Precedenti greci: Archiloco, Ipponatte Aspetto essenziale: il metro: il giambo Per primo a Roma usa lepòdo: ad un trimetro giambico segue un dimetro giambico Archiloco era considerato un poeta molto aggressivo: Orazio invece ha una pluralità di argomenti Varietà: carmi politici, contro la magia, erotici, gnomici…

19 CONTENUTI I nvettiva: epodi 4,6,10. Contro Mevio: naufragio 3 : laglio propinatogli da Mecenate 8,12: contro una vecchia libidinosa nei confronti del poeta. Descrizione della bruttezza 5, 17: stregoneria: Canidia; accentuato realismo P oesia civile:7: contro le guerre civili/ poeta vates 16: invito a fuggire nelle Isole Fortunate> età delloro 1 : dedica a Mecenate 9 : ansia e paura per la causa di Cesare : lamore impedisce di scrivere versi – avidità della donna

20 15: alla donna infedele; la bella spergiura 2: aprosdòketon=imprevisto: elogio della vita dei campi pronunciato da un usuraio 13: motivi simposiaci e gnomici: durante una tempesta invita gli amici al banchetto


Scaricare ppt "QUINTO ORAZIO FLACCO. VITA Nasce a Venosa (tra Puglia e Lucania) l8 dicembre dell8 a. C."

Presentazioni simili


Annunci Google