La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SPECIE DEL GARGANO. OCCHIOCOTTO Sylvia melonocephala Ordine: Passeriformi Descrizione: Maschio con cappuccio nero e la gola bianca. Si ciba di insetti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SPECIE DEL GARGANO. OCCHIOCOTTO Sylvia melonocephala Ordine: Passeriformi Descrizione: Maschio con cappuccio nero e la gola bianca. Si ciba di insetti."— Transcript della presentazione:

1 SPECIE DEL GARGANO

2 OCCHIOCOTTO Sylvia melonocephala Ordine: Passeriformi Descrizione: Maschio con cappuccio nero e la gola bianca. Si ciba di insetti ma in inverno non disdegna le bacche Habitat: boschetti, zone cespugliate, giardini, macchia mediterranea

3 CAPINERA Sylvia atricapilla Ordine: Passeriformi Descrizione: ll maschio possiede un cappuccio nero, mentre la femmina lo ha marrone. Nidifica nei cespugli e si ciba soprattutto di insetti e di inverno di bacche Habitat: boschi, giardini soprattutto in presenza di cespugli

4 PASSERA DITALIA Passer italiae Ordine: Passeriformi Descrizione: Comune. Vive ovunque soprattutto in presenza di costruzioni umane, nidificando nei buchi delle costruzioni. Si nutre di semi, ma anche di insetti e altri invertebrati Habitat: ambienti aperti con costruzioni, centri urbani

5 PASSERA SARDA Passer hispaniolensis Ordine: Passeriformi Descrizione: Molto simile alla Passera dItalia, ma piuttosto rara, il maschio è riconoscibile per la gola e il petto marcatamente neri con striature sui fianchi nere; le femmine sono praticamente indistinguibili dalla Passera dItalia. Si nutre di semi, insetti e latri invertebrati Habitat: ambienti aperti, campagne

6 STORNO Sturnus vulgaris Ordine: Passeriformi Descrizione: Molto comuni in inverno, riconoscibile per il comportamento gregario(migliaia di individui si affollano nei dormitori notturni). E nero con punteggiature bianche in inverno e quasi completamente nero con levidente becco giallo durante il periodo riproduttivo. Si ciba in primavera-estate di insetti e altri invertebrati. Habitat: ambienti aperti campagne, pascoli, uliveti; utilizza fitti canneti come dormitori dinverno

7 FANELLO Cerduelis cannabina Ordine: Passeriformi Descrizione: Comune. Complessivamente castano, facile da distinguere per gli ambienti che frequenta, il canto e, nel suo periodo riproduttivo, la colorazione del maschio con macchie rosso scuro sul petto e la fronte. Si nutre di semi e nel periodo riproduttivo anche di invertebrati Habitat: aree aperte anche molto aride, dove nidifica nei cespugli

8 CINCIARELLA Parus caeruleus Ordine: Passeriformi Descrizione: La più comune delle cince insieme alla Cinciallegra, si distingue da questa per le dimensioni minori e il piumaggio azzurro superiormente. Si nutre di insetti e semi. Nidifica in buchi di alberi, cassette nido, buchi di muro, etc. Habitat: boschi, giardini, oliveti, pascoli cespugliati con elementi arborei

9 CINCIALLEGRA Parus major Ordine: Passeriformi Descrizione: La più grande delle cince ed anche la più diffusa, facile da incontare e da riconoscere insieme alla Cinciarella frequenta anche ambienti urbani dove nidifica usando volentieri anche le cassette nido. Si ciba di invertebrati e semi Habitat: boschi, giardini, colture legnose, etc.

10 PENDOLINO Remiz pendulinus Ordine: Passeriformi Descrizione: Localizzato, Riconoscibile per la maschera nera sulla faccia, il dorso castano e le parti inferiore chiare. Il nome deriva dallabitudine di appendere ai rami di alberi ed arbusti spesso sullacqua, un nido intessuto con fibre naturali. Si nutre di invertebrati ma, al di fuori del periodo riproduttivo, di semi Habitat: paludi ricche di vegetazione, canali alberati

11 FRINGUELLO Fringilla coelebs Ordine: Passeriformi Descrizione: Uno degli uccelli più comuni, delle dimensioni di un passero, si riconosce per il volo ondeggiante con due barre bianche sulle ali e le timoniere esterne bianche. Il maschio è bruno verdastro superiormente e rosato nelle parti inferiori; la femmina ha un aspetto completamente verdastro. Si nutre di semi e di bacche ma in primavera-estate di invertebrati Habitat: boschi, giardini, ambienti boschivi

12 VERZELLINO Serinus serinus Ordine: Passeriformi Descrizione: Comune, E il più piccolo dei fringillidi, dallaspetto generale verdastro, con il groppone giallastro, si riconosce facilmente per il canto aspro emesso dalla cima di alberi, fili, antenne oppure durante il caratteristico volo sfarfallato. Nidifica su alberi e cespugli sempreverdi. Si nutre soprattutto di semi Habitat: boschi, giardini, uliveti, mandorleti, etc.

13 CARDELLINO Carduelis carduelis Ordine: Passeriformi Descrizione: Laspetto è caratteristico con macchie gialle e nere sulle ali e faccia rossa. Molto comune, nidifica su alberi (soprattutto sempreverdi), si nutre di semi. In inverno si può radunare in grossi stormi. Habitat: boschi, giardini, uliveti, mandorleti, centri urbani e, in inverno, anche pascoli e incolti

14 GHIANDAIA Garrulus glandarius Ordine: Passeriformi Descrizione: Comune. Tipico corvide di bosco, emette un grido aspro quando è in allarme. Si nutre soprattutto di ghiande e semi, ma si ciba anche di uova, piccoli uccelli e rettili. Sotterra le ghiande come scorta. Habitat: boschi, di latifoglie soprattutto leccete e cerrete

15 LUI PICCOLO Phylloscopus collybita Ordine: Passeriformi Descrizione: Il più comune dei Luì, è presente tutto lanno e nidifica sul Gargano. Il richiamo lo caratterizza ed è facile da riconoscere trattandosi di un cinguettio monotono su due note emesso con insistenza. Habitat: diversi tipi di formazioni boschive e inverno anche giardini, uliveti e zone umide

16 MERLO Turdus merula Ordine: Passeriformi Descrizione: Uno degli uccelli più diffusi, almeno nei boschi, presente come migratore e svernante dalla macchia mediterranea ai boschi dalto fusto, cespuglieti e campi. Nidifica nei boschi, è facilmente riconoscibile per la sua livrea nera, e nei maschi per il becco giallo. Si nutre di insetti nel periodo riproduttivo e in autunno inverno di bacche. Ha un canto melodioso Habitat: macchia mediterranea, boschi di latifoglie, pinete.

17 PETTIROSSO Erithacus rubecula Ordine: Passeriformi Descrizione: Comune. Piccolo uccello, inconfondibile per la colorazione marrone con il petto arancio. Si ascolta il suo canto anche dinverno. Nidifica nei boschi e si ciba di insetti e altri invertebrati Habitat: boschi di latifoglie, ma dinverno anche nei parchi cittadini, canneti, macchia mediterranea, pascoli cespugliati

18 BALLERINA BIANCA Motacilla alba Ordine: Passeriformi Descrizione: Molto diffusa soprattutto dinverno, si incontra nelle coste marine fino alle massime altitudini e in situazioni ambientali molto diverse. Inconfondibile: livrea bianca e nera, corre rapidamente a terra dondolando il capo e la coda. Nidifica a terra Habitat: pascoli, acquitrini, canali, campi incolti ma anche boschi aperti o radure con zone senza vegetazione, coste marine con ciottoli

19 BALESTRUCCIO Delichon urbica Ordine: Passeriformi Descrizione: Localmente comune. Si distingue dalla rondine per il groppone bianco come il ventre, le parti superiori nere e il verso garrulo che accompagna gli individui in volo e inoltre nidifica nei centri abitati. Costruisce nidi con palline di fango sotto i cornicioni. Si nutre di insetti e altri invertebrati Habitat: Aree aperte come pascoli, campi, ma anche paludi e radure di boschi, nidifica nei centri abitati

20 RONDINE Hirundo rustica Ordine: Passeriformi Descrizione: Abbastanza comune da marzo a settembre-inizi di ottobre. Si nutre esclusivamente di insetti e altri invertebrati che cattura in volo. Costruisce il nido col fango e paglia allinterno di manufatti umani o anche in anfratti naturali come grotte e caverne Habitat: Pascoli, campi, acquitrini, paludi con canneti

21 CAPPELLACCIA Galerida cristata Ordine: Passeriformi Descrizione: La più diffusa delle allodole presente durante tutto lanno, riconoscibile per la cresta. Di colore grigio-marrone corre velocemente. Nidifica nei campi di cereali e nei pascoli, si ciba di semi e di altre parti vegetali nonché di insetti. Habitat: Pascoli anche aridi, campi coltivati, periferie urbane

22 PICCHIO ROSSO MAGGIORE Picoides maior Ordine: Piciformes Descrizione: Il più comune dei picchi, il cui caratteristico velocissimo tambureggiamento echeggia già in febbraio nei boschi del Gargano. Scava dei buchi negli alberi per nidificare. Si alimenta di invertebrati ma anche di uova e piccoli uccelli, nonché di semi. Habitat: Boschi

23 GABBIANO REALE Larus michaellis Ordine: Charadriiformes Descrizione: Gabbiano di grandi dimensioni, molto comune, presente tutto lanno, ma con importanti popolazioni svernanti. I giovani possiedono una colorazione grigio-marrone diversa da quella grigia-bianca degli adulti. Nidifica numeroso alle Tremiti, può attaccare anche animali feriti o debilitati. Habitat: Mare, paludi, lagune, saline, discariche

24 GABBIANO COMUNE Larus ridibundus Ordine: Charadriiformes Descrizione: E il gabbiano più comune con una popolazione svernante numerosissima. E presente praticamente tutto lanno. Praticamente onnivoro, frequenta in enormi stormi le discariche. Habitat: Mare, paludi, lagune, saline, discariche

25 FOLAGA Fulica atra Ordine: Galliformes Descrizione: Comune, inconfondibile per il colore scuro ed il becco con la placca frontale bianca. In inverno si riunisce in grossi stormi anche in paludi salmastre. Nidifica tra la vegetazione palustre e si ciba di semi e altri parti vegetali nonché di invertebrati. Habitat: Paludi cin fitti canneti, lagune, paludi salmastre

26 GALLINELLA DACQUA Gallinula chloropus Ordine: Galliformes Descrizione: Presente in qualsiasi zona umida anche se di piccole dimensioni. Facilmente avvistabile è inconfondibile per il colore scuro, il becco verde e rosso e il sottocoda bianco. Più piccola della Folaga, raramente frequenta i grossi specchi dacqua come fa invece questultima. Nidifica nella vegetazione acquatica e si ciba di vegetali o di invertebrati Habitat: Paludi, stagni, laghetti, corsi dacqua e canali con ricca vegetazione acquatica

27 GHEPPIO Falco tinnunculus Ordine: Falconiformes Descrizione: è uno dei rapaci più comuni, presente durante tutto lanno nel Gargano. Si può confondere con il grillaio che però è assente in inverno ed ha abitudini più gregarie. Caratteristico per lo spirito santo che effettua durante la caccia per perlustrare dallalto il terreno. Caccia in aree aperte, mentre per nidificar, utilizza anfratti nelle pareti rocciose, adattandosi anche a costruzioni rurali abbandonate e a riutilizzare vecchi nidi di Gazza sui tralicci di linee elettriche

28 POIANA Buteo buteo Ordine: Accipitriformi Descrizione: E il più comune rapace europeo, può essere confusa con il Falco picchiaiolo che però ha testa e becco più piccoli in proporzione al corpo o con la rara Poiana codabianca, che non ha barrature sulla coda. Spesso caccia tendendo agguati da posatoi sopraelevati come pali, tralicci, rocce. Si ciba soprattutto di piccoli mammiferi ma non disdegna i rettili, uccelli e grossi insetti. Nidifica sugli alberi dei boschi o nel Gargano su cespugli emergenti da pareti rocciose.

29 FALCO DI PALUDE Circus aeruginosus Ordine: Accipitriformi Descrizione: E caratteristico per il suo volo basso e leggero. Inconfondibile per la colorazione complessivamente scura (macchia chiara sulla testa e spalle per giovani e femmine). Pattuglia continuamente paludi a altre aree aperte nutrendosi di uccelli, piccoli mammiferi e rettili.

30 MARZAIOLA Anas querquedula Ordine: Anseriformi Descrizione: Tipica anatra primaverile. Il maschio ha le copritrici delle ali azzurre e con il piumaggio nuziale ha una striscia bianca evidente dallocchio alla nuca, il richiamo grattato è inconfondibile. Vive nelle paludi di acqua dolce cibandosi di vegetali ma anche di invertebrati.

31 ALZAVOLA Anas crecca Ordine: Anseriformi Descrizione: E la più piccola delle anatre europee, può essere confusa in volo con la marzaiola per le ridotte dimensioni, ma il richiamo, la colorazione, la grande mobilità degli stormi non generano confusioni. Il maschio ha la testa color amaranto con una striscia verde cangiante che attraversa locchio, le femmine sono marroncino uniforme. Habitat: Paludi di acqua dolce, ma si rinviene anche negli acquitrini salmastri.

32 AIRONE CENERINO Ardea cinerea Ordine: Ciconiiformes Descrizione: E il più diffuso degli aironi, facile da incontrare soprattutto nelle paludi con vegetazione, ma anche lungo i canali, campi etc.Il suo piumaggio grigio lo rende inconfondibile, presente tutto lanno, ma attualmente non risulta nidificante. Come gli altri aironi si nutre di pesci, rane, ma anche di serpenti e micromammiferi.

33 AIRONE BIANCO MAGGIORE Casmerodius albus Ordine: Ciconiiformes Descrizione: E lairone più grande, inconfondibile per le sue dimensioni e il suo piumaggio candido, in inverno può essere confuso a grande distanza solo con la Garzetta, ma possiede un evidente becco giallo, zampe e collo lunghissime. Si nutre di pesci, anfibi, ma anche di rettili e roditori Habitat: paludi con canneto e salmastre

34 GARZETTA Egretta garzetta Ordine: Ciconiiformes Descrizione: E forse lairone più diffuso, facile da incontrare soprattutto nelle paludi con vegetazione, ma anche lungo corsi dacqua e canali. Inconfondibile per la sua livrea completamente bianca, può essere confuso solo con lAirone guardabuoi che però ha il collo più corto e un evidente becco giallo. Come gli altri aironi si nutre di pesci, rane ma anche di serpenti e piccoli mammiferi. Habitat: paludi con canneto, in inverno nelle paludi salmastre.

35 MARANGONE MINORE Phalacrocorax pygmeus Ordine: Procellariiformes Descrizione: Più piccolo del Cormorano, scuro e con la coda più lunga, in volo batte le ali più velocemente e a volte può essere confuso con una grossa anatra. In Italia è raro Habitat: paludi con vegetazione acquatica

36 CORMORANO Phalacrocorax carbo Ordine: Procellariiformes Descrizione: Comune. Grosso uccello di colorazione nera, può essere confuso in lontananza e con particolari condizioni meteorologiche solo con le oche selvatiche o con il più piccolo Marangone minore, ma ha il battito delle ali più lento e altrettanto lente capacità di manovra. Si sposta in gruppi lineari o in formazioni a V, Si tuffa e nuota sottacqua per pescare Habitat: Lagune, paludi, mare


Scaricare ppt "SPECIE DEL GARGANO. OCCHIOCOTTO Sylvia melonocephala Ordine: Passeriformi Descrizione: Maschio con cappuccio nero e la gola bianca. Si ciba di insetti."

Presentazioni simili


Annunci Google