La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 incertezza di misura prove chimiche Dicembre 2005 Questa presentazione può essere utilizzata come traccia per una discussione con gli spettatori, durante.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 incertezza di misura prove chimiche Dicembre 2005 Questa presentazione può essere utilizzata come traccia per una discussione con gli spettatori, durante."— Transcript della presentazione:

1 1 incertezza di misura prove chimiche Dicembre 2005 Questa presentazione può essere utilizzata come traccia per una discussione con gli spettatori, durante la quale potranno essere assegnate delle attività. Per memorizzare le attività durante la presentazione: In visualizzazione Presentazione diapositive fare clic con il pulsante destro del mouse Scegliere Appunti presentazione Scegliere la scheda Attività Immettere le attività a mano a mano che vengono assegnate Per chiudere la finestra, scegliere OK Questa procedura consente di inserire automaticamente le attività assegnate in una diapositiva che verrà visualizzata alla fine della presentazione.

2 2 Termini Incertezza (di misura): parametro associato al risultato di una misurazione che caratterizza la dispersione dei valori ragionevolmente attribuibili al misurando. incertezza tipo composta: incertezza tipo del risultato di una misurazione allorquando il risultato è ottenuto mediante i valori di un certo numero di altre grandezze; essa è uguale alla radice quadrata positiva di una somma di termini che sono le varianze di tali grandezze, pesate secondo la variazione del risultato della misurazione al variare di esse. Incertezza estesa: grandezza che definisce, intorno al risultato di una misurazione, un intervallo che ci si aspetta comprendere una frazione rilevante della distribuzione dei valori ragionevolmente attribuiti al misurando.

3 3 ripetibilità: se le prove sono eseguite in modo da minimizzare le sorgenti di errore casuale (stesso operatore, stesse apparecchiature, tempi di effettuazione ristretti). La sua formula è r = t s r 2 in cui t è il t di Student, scelto solitamente con una probabilità del 95% e con un numero di gradi di libertà pari al numero delle repliche meno 1; s r è lo scarto tipo di ripetibilità. Per un elevato numero di ripetizioni ( 10) si può approssimare il t di Student a 2, che diventa quindi un fattore di copertura costante con livello di probabilità del 95%. -riproducibilità: se le prove sono eseguite, sempre sullo stesso campione, in laboratori diversi (quindi con operatori e apparecchiature differenti). Analogamente la riproducibilità è espressa dalla formula: R = 2 s R 2

4 4 Principali approcci - metrologico (bottom-up) - olistico o decostruttivo (top-down) - relazione di Horwitz

5 5 approccio metrologico -definizione del misurando -Identificazione dei contributi allincertezza -distinzione dei contributi tipo A e tipo B -semplificazione dei contributi che ricadono nella ripetibilità -quantificazione dei contributi -calcolo dellincertezza composta -calcolo dellincertezza estesa

6 6 -prove di ripetibilità -confronto fra lo scarto tipo ottenuto in laboratorio con lo scarto tipo del metodo il rapporto deve rientrare nei valori tabulati MU 179/1 (probabilità 95%) -calcolo dellincertezza estesa (riproducibilità per il fattore di copertura k=2) altri approcci: metodi normalizzati che riportano dati di precisione

7 7 altri approcci: metodi normalizzati che non riportano dati di precisione -partecipazione a circuiti interlaboratorio per la prova in questione -utilizzo dei dati di ritorno dal circuito con i criteri precedenti -calcolo dellincertezza estesa con i criteri precedentemente indicati

8 8 altri approcci: metodi normalizzati che non riportano dati di precisione -utilizzo di dati di circuiti interlaboratorio per la prova in questione nei quali sono stati utilizzati metodi diversi per ottenere lo stesso misurando -calcolo dellincertezza estesa

9 9 -utilizzo di un materiale di riferimento che riporti sul certificato dati di ripetibilità e riproducibilità, per il materiale stesso, ottenuti da un circuito interlaboratorio -calcolo dellincertezza estesa con i criteri precedentemente indicati altri approcci: metodi normalizzati che non riportano dati di precisione

10 10 NB -ii dati debbono essere sottoposti ad idonei test statistici (es. distribuzione normale Shapiro- Wilks; anomalia Dixon; significatività ANOVA) -Ii circuiti interlaboratorio debbono vedere un numero congruo di partecipanti -Ii circuiti interlaboratorio debbono essere correttamente gestiti (guide ISO 43 e ILAC G13)

11 11 -prove di ripetibilità -confronto fra il rapporto dello lo scarto tipo ottenuto in laboratorio con lo scarto tipo calcolato con la relazione di Horwitz (< = al rapporto di Horrat 0,66) -calcolo dellincertezza estesa (scarto tipo di riproducibilità calcolato per il fattore di copertura k=2) altri approcci: relazione di Horwitz

12 12 approccio metrologico pro - generalmente utilizzabile (es. metodi interni dei quali spesso rappresenta la base della validazione) - spesso i singoli contributi quantificati per una prova sono utilizzabili anche per altre prove - si opera quantificando i singoli contributi ottenendo informazioni su quali sono rilevanti (possibilità di scegliere su quali agire per minimizzare lincertezza, minimizzare i costi, ecc.)

13 13 approccio metrologico contro - complesso -richiede la conoscenza e quantificazione di tutti i fattori di influenza -alto costo di implementazione (necessarie a questo fine impiego di risorse economiche quali partecipazione a corsi sullincertezza, impiego di risorse umane dedicate alla stima dellincertezza)

14 14 approccio olistico o decostruttivo (top-down) pro - semplice - basso costo di implementazione (non necessarie a questo fine importanti risorse economiche per partecipazione a corsi sullincertezza, impiego di risorse umane dedicate alla stima dellincertezza)

15 15 approccio olistico o decostruttivo (top-down) contro - richiede unanalisi dellapplicabilità ai singoli casi (es. metodi interni, metodi normati con dati di precisione o senza dati di precisione) -non offre il legame fra i fattori di influenza ed il risultato finale -se confrontato con il metrologico di solito fornisce valori più elevati di incertezza

16 16 approccio di Horwitz pro - semplice - basso costo di implementazione (non necessarie a questo fine partecipazioni a ring-tests, impiego di risorse economiche quali partecipazione a corsi sullincertezza, impiego di risorse umane dedicate alla stima dellincertezza)

17 17 approccio di Horwitz contro - è applicabile solamente a tracce in alimenti -non offre il legame fra i fattori di influenza ed il risultato finale -se confrontato con il metrologico di solito fornisce valori più elevati di incertezza

18 18 Ulteriori riflessioni e proposte verificare lapplicabilità della relazione di Hortwiz anche per risultati che non rappresentano analiti in tracce (es. Reg CE 128:2004 e Reg CE 355:2005 validazione e recepimento TAV nei vini con bilancia idrostatica e densimetria elettronica a frequenza di risonanza)

19 19 Ulteriori riflessioni e proposte stimolare sempre più la revisione/produzione di metodi di prova normati contenenti i dati di precisione

20 20 Ulteriori riflessioni e proposte considerare sempre più estesamente lutilizzo dei dati di ritorno dai ring-tests per la stima dellincertezza di misura.

21 21 Ringrazio i partecipanti per la pazienza mostrata: nei riguardi dellargomento trattato nei riguardi di chi lo presenta. Massimo Radicchi


Scaricare ppt "1 incertezza di misura prove chimiche Dicembre 2005 Questa presentazione può essere utilizzata come traccia per una discussione con gli spettatori, durante."

Presentazioni simili


Annunci Google