La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le relazioni tra i gruppi. In Psicologia sociale le relazioni tra i gruppi sono state principalmente analizzate in termini di conflitto e competizione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le relazioni tra i gruppi. In Psicologia sociale le relazioni tra i gruppi sono state principalmente analizzate in termini di conflitto e competizione."— Transcript della presentazione:

1 Le relazioni tra i gruppi

2 In Psicologia sociale le relazioni tra i gruppi sono state principalmente analizzate in termini di conflitto e competizione

3 Etnocentrismo: il proprio gruppo (ingroup) è considerato il centro di ogni cosa e tutti gli altri (outgroup) sono classificati e valutati in rapporto ad esso

4 Alcune definizioni… PREGIUDIZIO: atteggiamento negativo verso un individuo, basato sulla sua appartenenza a un gruppo sociale.

5 STEREOTIPO: credenze condivise secondo cui i membri di un particolare gruppo sociale presentano determinate caratteristiche.

6 DISCRIMINAZIONE: comportamento effettivamente messo in atto contro individui e gruppi

7 CONFLITTO TRA GRUPPI SOCIALI: contrapposizione fisica o simbolica di una parte contro laltra.

8 Gruppo: totalità dinamica basata sullinterdipendenza invece che sulla somiglianza. interdipendenza del compito interdipendenza del destino

9 INTERDIPENDENZA E CONFLITTO INTERGRUPPI

10 1. Interdipendenza del compito e conflitto Per Sherif lesistenza dei gruppi si basa sulla necessità di collaborare per raggiungere degli obiettivi

11 Nel 1954 Sherif e collab. organizzarono un campo estivo nel parco di Robbers Cave (Oklahoma ) per 22 ragazzi di 12 anni, della durata di 3 settimane. I Fase: attività svolte in comune (socializzazione) II Fase: la formazione dei gruppi (indipendenza) III Fase: la competizione tra gruppi (interdipendenza negativa) IV Fase: la riduzione del conflitto (interdipendenza positiva)

12 Secondo la teoria del conflitto realistico di Sherif (1966), lostilità tra i gruppi nasce dalla competizione per risorse materiali ambite ma scarse.

13 Limiti della teoria del conflitto realistico: la cooperazione non è sufficiente ad annullare atteggiamenti negativi più che un obiettivo comune, è cruciale lesito della collaborazione a volte il conflitto si fonda sulla sola percezione di conflitti con loutgroup

14 2. Interdipendenza del destino e conflitto Per Rabbie e Horwitz (1969) i fenomeni discriminatori derivano dalla percezione di una interdipendenza nel destino dei membri del gruppo.

15 Esperimento a cui parteciparono 8 soggetti, divisi nel gruppo dei blu e dei verdi compito individuale valutazione membri dellingroup/outgroup promessa di un compenso sorteggio del gruppo da premiare

16 CATEGORIZZAZIONE SOCIALE E RAPPORTI INTERGRUPPI

17 3. Il comportamento intergruppi come risposta alla categorizzazione sociale Tajfel (1971,1982) ha indagato se la discriminazione si presenta anche quando i membri dei gruppi non siano coinvolti in rapporti di competizione e non cè interdipendenza tra loro.

18 Paradigma sperimentale dei gruppi minimi i soggetti non interagivano tra loro non dovevano svolgere nessun compito di collaborazione/competizione non avevano alcun destino comune

19 Con Tajfel la concezione di gruppo si allarga: componente cognitiva componente valutativa componente emozionale

20 Esperimento: Costruzione di due gruppi sulla base di un criterio di poca importanza (Klee e Kandinskij)

21 Compito sperimentale: distribuzione di risorse ad un membro dellingroup e delloutgroup mediante matrici di pagamento

22 (a) (b) (c) (d) (a) imparzialità Le cifre corrispondono alle somme di denaro elargite da un soggetto appartenente al gruppo Klee: (d)massimo profitto a favore dellingroup (c)massima differenza a favore dellingroup (b)massimo profitto comune

23 Il senso di appartenenza, anche se stabilito in base a criteri deboli, produce favoritismo per il proprio gruppo a svantaggio di quello esterno (intergroup bias).

24 Per Tajfel le condotte sociali si collocano lungo un continuum tra: -comportamento interpersonale -comportamento intergruppi

25 Cruciale è il concetto di identità sociale: quella parte della concezione di sé che deriva dalla consapevolezza di essere membro di gruppi sociali e la rilevanza emozionale di tale appartenenza

26 Lintergroup bias è considerato come funzionale a connotare positivamente lidentità sociale degli individui

27 Lintergrup bias si fonda su tre processi psicologici: la categorizzazione sociale lidentificazione il confronto sociale

28 La categorizzazione sociale permette di semplificare il mondo classificando se stessi e gli altri sulla base di particolari categorie (sesso, nazionalità, orientamento politico…)

29 Da ciò scaturisce lidentità sociale, ossia tutti quegli aspetti dellimmagine di sé che derivano dalle categorie sociali alle quali il soggetto sente di appartenere.

30 Confronto sociale: giudichiamo il valore del nostro gruppo ponendolo a confronto con altri gruppi.

31 Per preservare unidentità sociale soddisfacente nei casi in cui si appartenga a gruppi stigmatizzati/di status basso: mobilità sociale cambiamento sociale disidentificazione


Scaricare ppt "Le relazioni tra i gruppi. In Psicologia sociale le relazioni tra i gruppi sono state principalmente analizzate in termini di conflitto e competizione."

Presentazioni simili


Annunci Google