La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dipartimento di Economia Economia delle Aziende Pubbliche Prof. Antonello Zangrandi II MODULO – LEZIONE 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dipartimento di Economia Economia delle Aziende Pubbliche Prof. Antonello Zangrandi II MODULO – LEZIONE 1."— Transcript della presentazione:

1 Dipartimento di Economia Economia delle Aziende Pubbliche Prof. Antonello Zangrandi II MODULO – LEZIONE 1

2 Economia delle Aziende Pubbliche PER PROGRAMMAZIONE SI INTENDE LINSIEME DI DECISIONI E AZIONI CHE INFLUENZANO LA DINAMICA DI UN SISTEMA COMPLESSO ORIENTANDOLO VERSO DETERMINATI FINI

3 Economia delle Aziende Pubbliche LA LOGICA DI PROGRAMMAZIONE SI È SVILUPPATA : Come uno degli elementi cardine dei sistemi statalisti Pianificazione economica: metodi e sistemi dirigisti Come risposta ai limiti del mercato Programmazione economica: interventi sostitutivi ed integrativi delle regole di mercato che incidono sui comportamenti economici Come strumento di guida, governo e controllo della gestione aziendale Programmazione aziendale: sistema di decisioni e di conseguenti operazioni finalizzato al conseguimento di specifici ed espliciti obiettivi

4 Economia delle Aziende Pubbliche In principio, lassunto di base era che gli equilibri parziali fossero conseguenza della definizione dellequilibrio centrale, lattenzione si era quindi focalizzata sulla finanza pubblica (controllo della dinamica della spesa pubblica e del debito pubblico) STRUMENTI Piani urbanistici Piani settoriali Piani di riequilibrio tra aree territoriali Piani di riequilibrio economico finanziario Legge finanziaria Ben presto tali strumenti si mostrano inadeguati e ci si orienta verso una logica di equilibrio generale dato dal comporsi degli equilibri aziendali. STRUMENTI Linee guida Logiche di competizione Programmazione aziendale

5 Economia delle Aziende Pubbliche Storicamente la logica di programmazione aziendale degli enti pubblici ha presentato la seguente evoluzione: Modello incrementale Il punto di partenza è la situazione esistente che non viene messa in discussione (la storia è il punto di riferimento) Orizzonte temporale di breve periodo (è comunque nella natura stessa delle decisioni lorientamento ad orizzonti temporali più lunghi) Le modificazioni sono il frutto dellaggiustamento reciproco tra i partner decisionali (Mutual Partisan Adjustment) Due presupposti: ragionevole certezza che esista unalternativa migliore a quella attuale la presenza di un processo decisionale politico che generi un equilibrio

6 Economia delle Aziende Pubbliche Storicamente la logica di programmazione aziendale degli enti pubblici ha presentato la seguente evoluzione (segue): Modello razionale Il punto di partenza sono gli obiettivi che si vogliono raggiungere Orizzonte temporale di lungo periodo Le modificazioni devono essere ispirate dal principio di razionalità È un modello ideale

7 Economia delle Aziende Pubbliche IL MODELLO RAZIONALE IDENTIFICAZIONE DEI PROBLEMI ATTUAZIONE PIANI E GESTIONE DEI PROGRAMMI APPROVAZIONE PIANI FORMALI E DOCUMENTI FINANZIARI PREDISPOSIZIONE ANALISI TECNICHE E SCELTA DEI PROGRAMMI DI ATTIVITÀ VERIFICA DEI RISULTATI OTTENUTI E DELLIMPATTO SUI PROBLEMI SCELTA E DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI Tale modello è alla base della tecnica del P.P.B.S. che collega agli obiettivi di lungo periodo agli obiettivi di breve periodo alla allocazione di risorse finanziarie nel bilancio

8 Economia delle Aziende Pubbliche LE DEBOLEZZE INTRINSECHE DEL MODELLO RAZIONALE Non coerenza tra contenuti ed indirizzi della programmazione ed effettive scelte di politiche di intervento Limitata capacità di analisi dellambiente e di comprensione dei fenomeni e dei problemi critici Scarsa capacità degli enti pubblici di elaborare ed applicare sistemi di verifica degli effetti di piano Manifestarsi di tensioni finanziarie Predominante attenzione ai fatti formali rispetto alle coerenze sostanziali e alle verifiche di realisticità Tali limiti hanno determinato il riaffermarsi del neoincrementalismo e levoluzione verso modelli revisionati

9 Economia delle Aziende Pubbliche Modelli affinati e revisionati NeoincrementalismoPolicy issue Si differenzia dallincrem. per la presenza di un contesto in cui si hanno maggiori difficoltà nella ricerca del consenso Si focalizza lattenzione sullimpatto delle differenti politiche Si focalizza lattenzione sulle relazioni orizzontali al momento centrale è riservata la funzione di integrare e rendere compatibili gli obiettivi Si focalizza lattenzione sulla reale fattibilità, sugli organi responsabili del perseguimento degli obiettivi e sugli strumenti per la verifica dei risultati Corporate Planning Strategia-Struttura

10 In anni recenti i diversi modelli hanno cominciato ad influenzarsi reciprocamente; attualmente lapproccio strategico è tra quelli maggiormente considerati. Con tale modello viene messo in discussione il posizionamento dellente che è quindi alla continua ricerca di una propria identità, delle aree e delle forme di intervento, degli obiettivi ecc. che consentano il perseguimento degli interessi degli stakeholder. La programmazione diventa allora la funzione fondamentale per la ricerca del consenso, da qui la necessità di capire ed indagare il livello di formalizzazione del processo di decisione. Economia delle Aziende Pubbliche

11 Levoluzione della logica di programmazione è evidenziata dallintroduzione di sistemi quali: PPBS (Planning, programming, budgeting system) Si basa sullo stretto collegamento tra obiettivi di lungo periodo (planning), la loro concretizzazione in obiettivi e programmi di breve (programming) e la loro traduzione in scelte di allocazione delle risorse (budgeting) ZBB (Zero Base Budgeting) Rappresenta il radicale abbandono della logica incrementale: il presupposto è che in ogni ciclo di allocazione di risorse sono riviste le precedenti assegnazioni. Rispetto al PPBS vi è un maggiore attenzione al breve periodo ed alla razionalizzazione della spesa Economia delle Aziende Pubbliche


Scaricare ppt "Dipartimento di Economia Economia delle Aziende Pubbliche Prof. Antonello Zangrandi II MODULO – LEZIONE 1."

Presentazioni simili


Annunci Google