La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Legge 1044 Le finalitàLe finalità La storia. La legge 1044 del 1971 afferma che l asilo nido ha lo scopo di provvedere alla temporanea custodia dei bambini.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Legge 1044 Le finalitàLe finalità La storia. La legge 1044 del 1971 afferma che l asilo nido ha lo scopo di provvedere alla temporanea custodia dei bambini."— Transcript della presentazione:

1 Legge 1044 Le finalitàLe finalità La storia

2 La legge 1044 del 1971 afferma che l asilo nido ha lo scopo di provvedere alla temporanea custodia dei bambini per assicurare un adeguata assistenza alla famiglia e anche per facilitare l accesso della donna al lavoro nel quadro di un completo sistema di sicurezza sociale. Concorre con le famiglie alla crescita, cura, formazione e socializzazione dei bambini, salvaguardando il benessere psicofisico e sviluppando le potenzialit à cognitive, affettive e sociali.

3 L'asilo-nido è nato come luogo di custodia per i bambini delle lavoratrici, infatti i primi a sorgere sono stati i nidi aziendali. Atri sono sorti negli anni '30 ad opera dell' ONMI (Opera Nazionale Maternità Infanzia) ed erano di tipo custodialistico. L'art. 11 del Regolamento dei Nidi Onmi dice: "L'asilo nido è un servizio della comunità per i figli dei lavoratori o per bambini di famiglie gravemente impedite di attendere alla loro cura ". In questi nidi era prevalente l'aspetto igienico-sanitario, gli orari erano rigidi sin dal primo giorno di entrata, gli "estranei ai lavori " erano esclusi, compreso i genitori. Dal momento che il bambino entrava nel Nido, questi diventava di esclusiva proprietà del nido stesso. Il personale era in rigorosa uniforme ed era più vicino ad un modello infermieristico che educativo. D'altronde le scuole per puericultrici erano per la maggior parte annesse agli ospedali e, sempre nel suddetto Regolamento, la parola "educativo" non viene mai nominata. Una gestione diversa, più tollerante e rispettosa di esigenze individuali, era lasciata alla buona volontà e professionalità del personale. Nel 1960 l'UDI (UNIONE DONNE ITALIANE ) presentò una proposta di legge per il passaggio delle competenze dall'ONMI alle amministrazioni locali ; nel 1965 vi fu una proposta di legge di iniziativa popolare per un servizio nazionale di asili nido. Il 6 dicembre 1971 fu approvata dal Parlamento la legge 1044 che istituiva gli asili-nido comunali con il concorso dello Stato. Per essa furono determinanti le lotte di quegli anni e le profonde trasformazioni economiche, sociali ed urbanistiche che avevano visto una forte immigrazione, il sorgere dei quartieri dormitorio, la scomparsa del verde e la trasformazione della famiglia allargata in famiglia nucleare. Gli anni successivi videro una evoluzione in positivo del servizio, la sua progressiva seppur lenta espansione e la sua connotazione educativa oltre che assistenziale. Questo per merito di Amministrazioni sensibili alla protezione dell'infanzia, e del personale capace di cogliere l'importanza dei primi anni di vita per la formazione dell'individuo. I 3800 nidi che la legge 1044 prevedeva entro il 1975 non furono mai aperti ma un clima positivo circonda il servizio ed a Firenze un comitato lancia una raccolta nazionale di firme per presentare dal basso al Parlamento una proposta di legge "L'ASILO NIDO: UN DIRITTO DELLE BAMBINE DEI BAMBINI ". Nel marzo 1993 essa viene presentata al Parlamento sostenuta da adesioni. Oggi si parla molto di bambini ed indubbiamente vi è una maggiore sensibilità verso l'infanzia. Ma il gran parlare, le molte proposte ed iniziative continuano ad eludere il problema dell'asilo ­ nido. Continua

4 In Italia asili nido, dovevano essere (nel 1976) ROMA - Una realt à complessa, quella degli asili nido italiani, una realt à disomogenea e ancora molto lontana dal centrare gli obiettivi europei. Una realt à che, nata nel 1971 con la legge 1044 che istitu ì i nidi comunali, con la previsione di crearne 3800 entro il 1976, ne vede ora realizzati, a pi ù di 30 anni da quel via libera, poco pi ù di 3100 (e solo nel 17% dei comuni). Dato, questo, che in termini di percentuale di posti disponibili rispetto all'utenza potenziale si traduce in un misero 6%, a fronte del 33% posto dall'agenda di Lisbona come obiettivo comunitario da raggiungere nel Un 6% che diventa un 9,1% se si considerano anche le strutture private, che offrono il servizio di assistenza alla prima infanzia, ma che sta a indicare la media tra il picco massimo del 16% in Emilia Romagna e quello minimo dell'1% in Puglia, Calabria e Campania. In tutto il Sud, d'altra parte, si concentra appena il 14% del totale delle strutture comunali italiane (che corrisponde al 13% dei posti disponibili totali), a fronte del 59% presenti al Nord (col 60% dei posti disponibili) e del 27% al Centro (con equivalente percentuale dei posti disponibili). Un divario che si fa ancora pi ù stridente di fronte al confronto tra i numeri delle domande presentate e quelli delle liste d'attesa: è al Sud sia la minima percentuale di richieste (il 15% del totale nazionale) sia la massima percentuale di bambini momentaneamente esclusi (il 30% di quelle richieste rimangono insoddisfatte), mentre al Nord rimane fuori solo il 18% del ben 56% del totale delle famiglie italiane che hanno richiesto l'accesso per il loro figlio. Un quadro articolato, dunque, che presenta problemi di vario genere: quello della carenza delle strutture come quello delle rette troppo alte per le famiglie e dell'eccessiva ricaduta su di esse dei costi di gestione (dato che non riguarda solo il Sud e le strutture private). Problemi risolvibili con una maggiore erogazione di fondi? O con una loro migliore gestione? Domande su cui lo stesso mondo politico non sa dare risposte: su questo, l'onorevole Poretti (Pd- Radicali) ha recentemente presentato un'interrogazione parlamentare per capire dov' è il gap tra l'erogazione di un fondo speciale per gli asili nido risalente a un anno fa e la scarsa utilizzazione di questo da parte delle Regioni. Un scarto che si va ad aggiungere alle mille contraddizioni del mondo degli asili nido, che in buona parte sono lo specchio delle problematiche legate alla gestione del welfare in generale. Problematiche riguardanti in primis le eterne opposizioni tra le due coppie meno conciliabili della storia d'Italia: il settentrione e il meridione, il pubblico e il privato. Continua

5

6 Lasilo nido integra e sostiene lazione delle famiglie, riconosciute come protagoniste del progetto educativo del servizio, al fine di rispondere alle loro esigenze, per affiancarle nei loro compiti educativi. Lobiettivo di questo servizio è quello prettamente educativo- didattico, di promuovere lo sviluppo armonico ed unitario di tutte le potenzialità del bambino avviando la formazione di una personalità libera, autonoma, critica, affettivamente equilibrata, aperta alla collaborazione e alla solidarietà sociale, eliminando i dislivelli dovuti a differenze di stimolazione ambientale e culturale. Lasilo nido non è pertanto un servizio sostitutivo della famiglia, riconosce anzi ad essa un innegabile ruolo dal punto di vista affettivo,psicologico, culturale e sociale. Il nido è lo strumento che permette al bambino di integrare e sviluppare, tutti quelli aspetti di socializzazione e formazione, che il solo contatto con la famiglia renderebbe parziali. Di qui la complementarietà nido-famiglia e pertanto la necessità di una partecipazione attiva e costante dei genitori alla gestione. Costituisce un servizio di supporto alle famiglie, per rispondere ai loro bisogni sociali, affiancandole nei loro compiti educativi, facilitando laccesso della donna al lavoro e promovendo la conciliazione delle scelte professionali e familiari di entrambi i genitori in un quadro di pari opportunità. Continua

7 L asilo nido, quale luogo educativo, pedagogico e socializzante, nel perseguimento delle proprie finalit à, si propone i seguenti compiti: assicurare un ambiente che stimoli processi evolutivi e conoscitivi, operando in rapporto costante con la famiglia e con le altre istituzioni sociali e educative del territorio; programmare attivit à educative tenendo conto dei bisogni del bambino, favorendo lo sviluppo dell autonomia e capacit à creativa di progettare la propria esperienza e di costruire la propria conoscenza, assicurando interventi adeguati sul piano delle stimolazioni sensoriali, motorie, affettive, intellettive e sul piano igienico- sanitario; fornire occasioni adeguate alle potenzialit à d apprendimento, d esplorazione nonch é confronto di esperienze, di conoscenza, d affettivit à e solidariet à relazionale del bambino, valorizzandone l identit à personale; concorrere a garantire continuit à di comportamenti educativi tra ambiente familiare ed asilo nido mediante scambi di conoscenze tra famiglia ed operatori. Continua

8 Offrire alle famiglie spazi di intervento, occasioni di partecipazione, crescita, maturazione e di promuovere in generale la diffusione dell informazione sulle problematiche relative all infanzia. In particolare l asilo nido articola e modula la propria organizzazione ed impostazione pedagogica -educativa, in modo da assicurare una continuit à didattico- metodologica ed unitariet à educativa, nello sviluppo del bambino, per il successivo accesso alla scuola materna. Il Comune di Pietra Ligure provvede alle gestione tramite affidamento temporale a terzi di uno o pi ù servizi inerenti l attivit à dell asilo nido, di norma coinvolgendo fiduciariamente soggetti cooperativi, secondo le modalit à e procedure di legge, prevedendo nello specifico capitolato, indipendentemente dalla qualificazione giuridica dell affidatario, clausole di garanzia volte ad assicurare il livello qualitativo del servizio in ogni suo aspetto organizzativo, attraverso l impiego di adeguate e specifiche professionalit à, il rispetto delle disposizioni di legge e contrattuali in materia di lavoro, previdenza, sicurezza, igiene e sanit à, nonch é quant altro previsto in materia di appalti di servizi con particolare riferimento alla tipologia del servizio oggetto del presente Regolamento. Continua

9


Scaricare ppt "Legge 1044 Le finalitàLe finalità La storia. La legge 1044 del 1971 afferma che l asilo nido ha lo scopo di provvedere alla temporanea custodia dei bambini."

Presentazioni simili


Annunci Google