La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura Dipartimento di Salute Mentale – Azienda per i Servizi Sanitari n° 1 Triestina.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura Dipartimento di Salute Mentale – Azienda per i Servizi Sanitari n° 1 Triestina."— Transcript della presentazione:

1 Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura Dipartimento di Salute Mentale – Azienda per i Servizi Sanitari n° 1 Triestina

2 VALORI DELLE PERSONE E… IL RUOLO DEL SERVIZIO DI DIAGNOSI E CURA E LA SUA CONNESSIONE TERRITORIALE Cristina Brandolin Infermiera SPDC Trieste

3 SPDC Una delle 6 UO del DSM, Una delle 6 UO del DSM, Ospedale Maggiore di Trieste Ospedale Maggiore di Trieste 8 posti letto, 4 uomini – 4 donne 8 posti letto, 4 uomini – 4 donne 3 psichiatri 3 psichiatri Staff infermieristico: (16 inf. 7 donne, 9 uomini) Staff infermieristico: (16 inf. 7 donne, 9 uomini) 1 inf. Prof.le con funzioni di coordinamento 1 inf. Prof.le con funzioni di coordinamento 4 inf. Prof.li spec. Ass. psichiatrica 4 inf. Prof.li spec. Ass. psichiatrica 1 ass. sanitaria 1 ass. sanitaria 6 inf. Prof. 6 inf. Prof. 4 inf. Gen. 4 inf. Gen.

4 SPDC Interfaccia tra ospedale e territorio Interfaccia tra ospedale e territorio Aperto sulle 24 ore Aperto sulle 24 ore Lavora in stretto raccordo con il pronto Soccorso e con le altre Unità Operative del DSM Lavora in stretto raccordo con il pronto Soccorso e con le altre Unità Operative del DSM Protocolli dintesa che regolano le procedure di consulenza e presa in carico delle persone Protocolli dintesa che regolano le procedure di consulenza e presa in carico delle persone

5 Obiettivo del Servizio di Diagnosi e Cura è di ridurre il più possibile la durata del ricovero ospedaliero, in linea con il principio di territorialità della cura Obiettivo del Servizio di Diagnosi e Cura è di ridurre il più possibile la durata del ricovero ospedaliero, in linea con il principio di territorialità della cura Il ricovero presso lSPDC (TSV o TSO) non può mai essere considerato alternativo o sostitutivo della presa in carico da parte del CSM di competenza Il ricovero presso lSPDC (TSV o TSO) non può mai essere considerato alternativo o sostitutivo della presa in carico da parte del CSM di competenza

6 Modello organizzativo di SPDC Opera in stretto collegamento con i CSM Opera in stretto collegamento con i CSM Permette alle persone, anche nelle situazioni più gravi, di mantenere i contatti con il proprio ambiente per un più agevole superamento della crisi Permette alle persone, anche nelle situazioni più gravi, di mantenere i contatti con il proprio ambiente per un più agevole superamento della crisi Conferma la possibilità di evitare lisituzionalizzazione ed il rischio di neo- manicomialismo Conferma la possibilità di evitare lisituzionalizzazione ed il rischio di neo- manicomialismo

7 Il gruppo di lavoro è composto da operatori che hanno già fatto esperienza presso altri Servizi del Dipartimento di Salute Mentale e hanno fatto proprio il modello di lavoro in équipe multidisciplinare in ambito territoriale.

8 SPDC Pronto soccorso psichiatrico attivo sulle 24 ore Pronto soccorso psichiatrico attivo sulle 24 ore Un medico in sede durante il giorno, un medico reperibile h 20-8 per SPDC e CSM Un medico in sede durante il giorno, un medico reperibile h 20-8 per SPDC e CSM Tre infermieri e un medico h 8-20 Tre infermieri e un medico h 8-20 Due infermieri e un medico reperibile h 20-8 Due infermieri e un medico reperibile h 20-8 Reperibilità infermieristica notturna Reperibilità infermieristica notturna Reperibilità medica festiva Reperibilità medica festiva

9 Funzioni e Compiti SPDC Regolamento del DSM del 28/12/1995 Osservazione e primo intervento e nei casi in cui non sia possibile mettere in atto idonee misure extraospedaliere, trattamenti sanitari in condizioni di degenza ospedaliera, volontari e/o obbligatori di concerto con il competente servizio territoriale o su richiesta espressa dallo stesso Osservazione e primo intervento e nei casi in cui non sia possibile mettere in atto idonee misure extraospedaliere, trattamenti sanitari in condizioni di degenza ospedaliera, volontari e/o obbligatori di concerto con il competente servizio territoriale o su richiesta espressa dallo stesso

10 Funzioni e Compiti SPDC Consulenza psichiatrica per domande afferenti ai Servizi di Pronto Soccorso degli ospedali Generali o per richieste provenienti dalle UUOO ospedaliere cui non possono assolvere i CSM Consulenza psichiatrica per domande afferenti ai Servizi di Pronto Soccorso degli ospedali Generali o per richieste provenienti dalle UUOO ospedaliere cui non possono assolvere i CSM Osservazioni e trattamenti disposti dallA.G. per imputati o detenuti da sottoporre a perizia psichiatrica o che necessitano di inquadramento diagnostico e trattamento Osservazioni e trattamenti disposti dallA.G. per imputati o detenuti da sottoporre a perizia psichiatrica o che necessitano di inquadramento diagnostico e trattamento

11 Funzioni e Compiti dellSPDC Nellarea dellEmergenza psichiatrica pervenuta allospedale, spetta allSPDC il coordinamento dei rapporti con i CSM territoriali, il Pronto Soccorso e le altre UUOO ospedaliere, il Comune, le diverse Agenzie dellemergenza e dellordine pubblico Nellarea dellEmergenza psichiatrica pervenuta allospedale, spetta allSPDC il coordinamento dei rapporti con i CSM territoriali, il Pronto Soccorso e le altre UUOO ospedaliere, il Comune, le diverse Agenzie dellemergenza e dellordine pubblico

12 Funzioni e Compiti dellSPDC Uno specifico protocollo tra SPDC e Pronto Soccorso ospedaliero è stato concordato alla fine del 2003 ai fini di regolamentare le modalità di invio per consulenza, osservazione ed eventuale ricovero, di tutti i casi di acuzie psichiatrica Uno specifico protocollo tra SPDC e Pronto Soccorso ospedaliero è stato concordato alla fine del 2003 ai fini di regolamentare le modalità di invio per consulenza, osservazione ed eventuale ricovero, di tutti i casi di acuzie psichiatrica

13 Funzioni e Compiti dellSPDC Per quanto attiene alle consulenze richieste dalle altre UUOO ospedaliere, queste vengono di norma eseguite dai CSM territoriali quando non urgenti e dallSPDC nel caso abbiano caratteristiche di urgenza Per quanto attiene alle consulenze richieste dalle altre UUOO ospedaliere, queste vengono di norma eseguite dai CSM territoriali quando non urgenti e dallSPDC nel caso abbiano caratteristiche di urgenza

14 SPDC/CSM Ricorso in prima battuta in casi particolari: Per le emergenze notturne(CSM non fanno accoglienza di notte dopo le 20 salvo casi eccezionali), si trattiene la persona in osservazione finchè gli operatori del CSM competente per territorio non prendono contatti con lei allSPDC (in genere in meno di 24 ore) Per le emergenze notturne(CSM non fanno accoglienza di notte dopo le 20 salvo casi eccezionali), si trattiene la persona in osservazione finchè gli operatori del CSM competente per territorio non prendono contatti con lei allSPDC (in genere in meno di 24 ore)

15 SPDC/CSM Quando cè un coinvolgimento della forza pubblica ed elevata resistenza del paziente a recarsi al CSM Quando cè un coinvolgimento della forza pubblica ed elevata resistenza del paziente a recarsi al CSM Comorbidità di condizioni organiche per cui è opportuna una valutazione medica e specialistica ospedaliera Comorbidità di condizioni organiche per cui è opportuna una valutazione medica e specialistica ospedaliera

16 Invio in SPDC Per consulenza del PS (dimissione, osservazione, ricovero dopo 24 ore) Per consulenza del PS (dimissione, osservazione, ricovero dopo 24 ore) Per TSO (ricovero immediato), stabilito dai CSM Per TSO (ricovero immediato), stabilito dai CSM Ospitalità notturna utenti CSM, appoggio Ser.T Ospitalità notturna utenti CSM, appoggio Ser.T

17 Generalmente accesso in PS, poi invio per consulenza in SPDC decisa dal medico astante Generalmente accesso in PS, poi invio per consulenza in SPDC decisa dal medico astante Identica procedura anche per accesso in ospedale con 118 e forze dellordine Identica procedura anche per accesso in ospedale con 118 e forze dellordine

18 Diagnosi di invio dal PS Disturbi psicotici 60% Disturbi psicotici 60% Etilismo acuto 13% Etilismo acuto 13% Demenza e disturbi psicorganici 8% Demenza e disturbi psicorganici 8% Disturbi non psicotici della sfera affettiva 15% Disturbi non psicotici della sfera affettiva 15% Disturbi di personalità e altre diagnosi 4% Disturbi di personalità e altre diagnosi 4%

19 Tipologia utenza Stati ansiosi, somatizzazioni dansia, attacchi di panico…. Stati ansiosi, somatizzazioni dansia, attacchi di panico…. Sindromi depressive (con o senza idee autolesive) Sindromi depressive (con o senza idee autolesive) Confusione mentale (con o senza idee persecutorie), demenza nellanziano Confusione mentale (con o senza idee persecutorie), demenza nellanziano Ideazione delirante senza agitazione psicomotoria con richiesta autonoma di aiuto Ideazione delirante senza agitazione psicomotoria con richiesta autonoma di aiuto

20 Tipologia utenza Crisi acute: tutte le situazioni in cui lindividuo arriva al servizio in uno stato di agitazione psicomotoria (psicosi acuta, tentamen, etilismo acuto…), accompagnato dalle agenzie dellemergenza (118, 113, 112) con o senza familiari e personale sanitario del CSM Crisi acute: tutte le situazioni in cui lindividuo arriva al servizio in uno stato di agitazione psicomotoria (psicosi acuta, tentamen, etilismo acuto…), accompagnato dalle agenzie dellemergenza (118, 113, 112) con o senza familiari e personale sanitario del CSM

21 Chi accede allSPDC? Persone nuove ai Servizi che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età Persone nuove ai Servizi che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età Persone con precedenti contatti Persone con precedenti contatti Utenti del CSM su richiesta del Centro stesso (carenza p.l. o utente di difficile gestione) Utenti del CSM su richiesta del Centro stesso (carenza p.l. o utente di difficile gestione) Utenti di servizi che non prevedono attualmente lospitalità notturna (Ser.T) o, in alcuni casi, pazienti di difficile gestione per i reparti ospedalieri Utenti di servizi che non prevedono attualmente lospitalità notturna (Ser.T) o, in alcuni casi, pazienti di difficile gestione per i reparti ospedalieri

22 Modulistica Sistema Informativo A ogni accesso viene compilato un modulo apposito dove sono riportati: A ogni accesso viene compilato un modulo apposito dove sono riportati: Data e ora di entrata in reparto, data e ora di uscita Data e ora di entrata in reparto, data e ora di uscita Dati anagrafici, scolarità, condizione lavorativa, motivi del contatto e sua risoluzione (invio a casa,… invio al mmg, invio al CSM …) Dati anagrafici, scolarità, condizione lavorativa, motivi del contatto e sua risoluzione (invio a casa,… invio al mmg, invio al CSM …)

23 Modulistica Sistema Informativo Medico compila la parte inerente: orientamento diagnostico,diagnosi ICD10,consulenza, intervento terapeutico effettuato,esito dellintervento Medico compila la parte inerente: orientamento diagnostico,diagnosi ICD10,consulenza, intervento terapeutico effettuato,esito dellintervento Infermiere compila una parte del modulo e segna sul registro progressivo i dati anagrafici Infermiere compila una parte del modulo e segna sul registro progressivo i dati anagrafici Una copia della consulenza specialistica ritorna al PS, una rimane in SPDC allegata al foglio di accoglimento Una copia della consulenza specialistica ritorna al PS, una rimane in SPDC allegata al foglio di accoglimento Ogni contatto viene riportato anche sul registro dellSPDC Ogni contatto viene riportato anche sul registro dellSPDC

24 Bassa soglia di accesso (no liste dattesa, accesso diretto per consulenze urgenti richieste dal mmg) Bassa soglia di accesso (no liste dattesa, accesso diretto per consulenze urgenti richieste dal mmg) Accoglienza (non ci sono limiti nellorario di visita diurno) Accoglienza (non ci sono limiti nellorario di visita diurno) Porta aperta (risorse umane/relazionali) Porta aperta (risorse umane/relazionali) No contenzione meccanica No contenzione meccanica Lavoro per obiettivi in coordinamento con il CSM di riferimento e/o Distretto, altri Servizi. Lavoro per obiettivi in coordinamento con il CSM di riferimento e/o Distretto, altri Servizi.

25 Contatti SPDC 2005 Contatti : circa 2000 allanno, 1960 nel 2005 Contatti : circa 2000 allanno, 1960 nel 2005ESITO: 19% invio a casa dopo colloquio 19% invio a casa dopo colloquio 25% invio a casa dopo colloquio con consiglio di contattare il CSM 25% invio a casa dopo colloquio con consiglio di contattare il CSM 31% invio al CSM 31% invio al CSM ¼ dei contatti si risolve con linvio ad altri servizi sanitari o agenzie ¼ dei contatti si risolve con linvio ad altri servizi sanitari o agenzie

26 INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO 28% area dei disturbi psicotici (254 persone, circa 1/3 contatti) F20-F29 – ICD-X 28% area dei disturbi psicotici (254 persone, circa 1/3 contatti) F20-F29 – ICD-X 23% area delle sindromi ansiose (216 persone) F40-F48 – ICD-X 23% area delle sindromi ansiose (216 persone) F40-F48 – ICD-X

27 persone accolte e ricoverate presso lSPDC prima del contatto con il CSM, anche in TSO (6) 17 persone in TSO nel DSM di Trieste nellanno 2005 per 206 giornate di ricovero complessive

28 2005 In provincia di Trieste: 7 persone ricoverate in TSO ogni abitanti (valore medio italiano: 20) 7 persone ricoverate in TSO ogni abitanti (valore medio italiano: 20) 85 giornate di ricovero in TSO ogni abitanti (valore medio italiano: 219) 85 giornate di ricovero in TSO ogni abitanti (valore medio italiano: 219)

29 Num. utenti sottoposti a T.S.O a Trieste negli anni

30 Tasso annuo di TSO nella popolazione di Trieste (x ab.)

31 < 2,0 > 2,1; < 2,9 > 3,0 Tasso ricoveri annui in T.S.O./ ab. ( Progres-Acuti) Media : 2,4

32 Presenza di mezzi di contenzione nelle strutture psichiatriche italiane (Progres -Acuti)


Scaricare ppt "Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura Dipartimento di Salute Mentale – Azienda per i Servizi Sanitari n° 1 Triestina."

Presentazioni simili


Annunci Google