La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Roma, 20 giugno 2005 Caffè e prodotti coloniali del Centro America coltivati con metodi di agricoltura biologica Riorganizzazione ed orientamento della.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Roma, 20 giugno 2005 Caffè e prodotti coloniali del Centro America coltivati con metodi di agricoltura biologica Riorganizzazione ed orientamento della."— Transcript della presentazione:

1

2 Roma, 20 giugno 2005 Caffè e prodotti coloniali del Centro America coltivati con metodi di agricoltura biologica Riorganizzazione ed orientamento della produzione agricola e promozione sociale in unarea periferica del Guatemale tradizionalmente cafetalera

3 Giuseppina Coppo Vincenzo Fedele Manila Franzini Maria Grazia Gotti Andrea Paroli Antonio Misceo Maria Ioele Pino Perna Rosa Scibelli Ermanno Teldeschi Luciano Togni Componenti del gruppo di lavoro

4

5 GUATEMALA abitanti: 14 milioni, superficie: 108 mila Kmq, densità: 119 ab/Kmq, incremento medio annuo: 2,6%, popolazione delle zone rurali: 60%, lingua: spagnolo e 20 idiomi amerindi religione: cattolica 95%, PIL pro capite: USD (2000) PAESE REDUCE DA GUERRA CIVILE

6 assassinii desaparecidos di rifugiati interni e allestero bambini e bambine orfani 420 villaggi distrutti centinaia di comunità indigene disgregate per un totale di un numero accertato di vittime, il 75% delle vittime sono indigeni. Conseguenze e strascichi di 36 anni di violenta guerra civile

7 Il Guatemala ha > grado di povertà di tutta l'America Latina e dei Carabi; si colloca al 120° posto dei 174 paesi nellIndice di Sviluppo Umano (ISU) 1999 della UNDP.

8 Profilo geografico e umano della povertà (1) indigenza interessa ¾ della popolazione rurale e ¼ della popolazione urbana 39,8% della popolazione ha un reddito giornaliero di 1$ 64,5% delle famiglie vive in povertà estrema [la percentuale sale al 74% nelle aree rurali], il 18,9% delle famiglie è in povertà non estrema.

9 Profilo geografico e umano della povertà (2) ripartizione squilibrata della ricchezza scarso investimento pubblico nei settori sociali La popolazione indigena, le donne ed i bambini sono i più colpiti dalla povertà. Povertà significa: accesso limitato alle derrate alimentari (denutrizione), ai servizi sociali, alla scolarizzazione, alle risorse produttive.

10 Istruzione 1 maestro ogni 400 bambini, 64% dei maestri lavora nellarea urbana, 41% pop. >15 è analfabeta, 56% delle donne è analfabeta e nelle zone rurali si giunge al 77%.

11 Sanità (1) 90 medici e 30 infermieri ogni abitanti, 1 ospedale ogni abitanti, 34% popolazione ha accesso a cure mediche (25% nelle zone rurali), 80% dei programmi di salute sono in città, 8% pop. non ha accesso allacqua, 85% case in campagna non hanno acqua potabile e fogne

12 Sanità (2) 82% dei bambini < 5 anni soffre di denutrizione 63% mortalità infantile (il 25% per infezioni gastrointestinali acute) % di vaccinazioni sono tra le più basse al mondo Alta incidenza di HIV, malaria e tubercolosi

13 Agricoltura cittadini sono agricoltori (50% della forza lavoro) > del 50% dei proprietari ha un terreno di 1 ha 2,6% dei proprietari possiedono il 65,4% delle terre (media 195 ha)

14 Crisi rurale e della caficoltura Prezzo del caffè al minimo storico, Insolvibilità della copertura dei debiti di impianto, Abbandono delle campagna, Disoccupazione anche dei lavoratori stagionali.

15 Piano del Governo: Vamos Guatemala Stabilità macroeconomica Rafforzamento settore finanziario Interventi strutturali per sviluppare la crescita economica e ridurre la povertà

16 * controllo democratico delle istituzioni, * transparenza e lotta alla corruzione, * riforma politica e istituzionale dello Stato * strategia economica per ridurre la povertà PIANO DEL GOVERNO

17 Piano nazionale per il caffè Facilitare laccesso al credito, Offrire servizi di certificazione, Favorire la capacità commerciale, Aumentare il controllo sul mercato internazionale.

18 1.150 m slm, 592 kmq Composto da 21 Aldeas e 57 Caserios Nel 1999 contava abitanti con focolari domestici (8 abitanti per vivenda) il numero dei bambini in età scolare (7-12) 92,09% povertà generale 50,84% povertà estrema 46,2% analfabetismo Si coltiva caffè di qualità rinomata, mais e fagioli, banane, piante medicinali, zucchero cacao, vaniglia. Area dintervento Area dintervento Municipio di Cuilco - Dipartimento di Huehuetenango - Serra Madre

19

20 Progetti Programma regionale Ufficio della Pastorale Sociale dellIxcan, Diocesi di Quiche Anacafè Agenzia di certificazione Maya CEFA

21 Linee finanziarie Unione Europea Bando con scadenza 16 agosto p.v. Segeplan Programma di sviluppo regionale zone montuose del sud ovest, sviluppo agricolo Ifad National Rural Development Programme: Guatemalan Western Region 2003 Fodegua Fondo di sviluppo comunità indigene Foncafe Fondo per lo sviluppo umano delle aree cafetalere

22 Lalbero dei problemi Scarsa capacità di produrre, commercializzare ed esportare prodotti agricoli di qualità Basso reddito familiare Mancanza infrastrutture Agricoltura arretrata Carenza know how tecnico Abbandono campagne Scarse programmazio -ne dellente locale e dello Stato Produzione caffè qualità non eccelsa Monocoltura Mancanza programmi investimento Bassa scolarità e scarsa formazione Eccesso potere intermediari Mancanza di attrezzature, macchinari e input Frammentazione di proprietà terriera e mezzi di produzione Disinteresse del governo per popolazioni emarginate, che hanno scarso peso politico e decisionale Abbandono scolastico e scarsa scolarità Scarso coinvolgi- mento delle donne nei processi produttivi e decisionali Lalbero dei Problemi

23 Lalbero degli obiettivi Miglioramento delle capacità di produzione, commercializzazione ed esportazione di prodotti agricoli di qualità Creazione di un sistema di trasporto per il commercio Miglioramento della qualità dei prodotti Aumento delle competenza tecnica Contratti di microcredito per realizzare i programmi locali e della cooperativa Programmazione con lente locale Diversificazione dei prodotti Programma di investimento per unagricoltura differenziata Form.ne agricola e nei processi di produzione e commercializ- zazione Avvio di cooperative di produzione e di trasformazione Creazione di contatti con altri intermediari (per caffè), e nuovi intermediari (per altri prodotti), da parte di associazioni e cooperative Coinvolgimen- to delle donne nell attivit à di produzione e di decisione Dinamizzazione del settore agricolo Aumento della scolarizzazione delle nuove generazioni Lalbero degli obiettivi

24 Variabili di rottura Punti di forzaPunti di debolezzaOpportunitàMinacce Program- mazione dellente locale e dello Stato - Totale carenza di programmazione/ realizzazione di vie di comunicazione - Mancanza di strutture ed organizzazioni per lo sviluppo del commercio - Disponibilità del Sindaco e della Giunta di Cuilco a sostenere un intervento in loco - Presenza di ONG che hanno avviato un lavoro di programmazione di sviluppo locale - Finanziamenti per spe- rimentazione da parte di org.ni multilaterali Persistenza della guerra interna Dialogo governo/ popolazione Presenza di associazioni ONG e locali - Scarsa conoscenza diritti civili e politici - Scarsa iniziativa della popolazione a causa della consapevolezza dello scarso peso decisionale Bando di cooperazione decentrata (pubb. 15/6/05) per…. Movimenti che minacciano chiunque si sforzi per applicare la legge a vantaggio dei deboli e diffondere la coscienza civile Analisi SWOT (1)

25 Colture alternative al caffè (colori per stoffe, altre colture esportabili: fagioli, bietole, ecc.) Conoscenze tecniche tradizionali Carenza di canali com- merciali per le colture alternative al caffé Rischio di inflazione del commercio equo e solidale Coltiva- zione di caffé Possibilità di migliorare: coltivazione del caffè processo di trasfor- mazione del prodotto Valorizzare prodotto agricolo, migliorarlo e renderlo competitivo sul mercato Prezzi caffé al minimo storico Metodi di coltivazione tradizionali e qualità robusta invece che arabica Carenza di mezzi tecnici per trasformare e differenziare le produzioni In altri Stati i produttori sono sostenuti con finanziamenti Variabili di rottura Punti di forzaPunti di debolezzaOpportunitàMinacce Analisi SWOT (2)

26 Rapporto con inter- mediari Possibilità di collegarsi a canali alternativi rispetto ai grossi intermediari Tempi di attuazione Già presente in Gua-temala il canale del commercio equo e solidale Sabotaggio/ost acoli da parte dei canali tradizio-nali Variabili di rottura Punti di forzaPunti di debolezza OpportunitàMinacce Analisi SWOT (3)

27 Frammenta zione della proprietà / disponibili- tà della terra e scarsità di strumenti di produzione Possibilità di creare associazioni e/o cooperative - Difficoltà in termini di organizzazione e programmazione - Difficoltà di accesso - Diffidenza culturale al lavoro cooperativistico - Carenza assoluta di risorse - Mancanza di cooperazione coordinata interna costante Capitalisti interessati a ricreare il latifondismo Variabili di rottura Punti di forzaPunti di debolezzaOpportunitàMinacce Analisi SWOT (4)

28 Scolarità e formazione Presenza program- mi di formazione professionale proposti da ONG - Mancanza di programmi statali di formazione prof.le - Assenza di conoscenze di base - Stanchezza e stress ostacolano la frequenza alla formazione professionale Presenza di progetti di altre ONG Tendenza allabbandono scolastico Variabili di rottura Punti di forzaPunti di debolezzaOpportunitàMinacce Analisi SWOT (5)

29 Coinvolgi mento delle donne nei processi produttivi e decisio- nali Interesse delle donne a rimanere e collaborare per migliorare la qualità della vita - Difficoltà a procurarsi generi di prima necessità - Distanza dai servizi sanitari e dalle scuole - Costo delle scuole: ritiro dei bambini da scuola per impossibilità ad affrontare le spese - Stereotipi culturali Variabili di rottura Punti di forzaPunti di debolezzaOpportunitàMinacce Analisi SWOT (6)

30 STRATEGIAINDICATORI FONTI DI VERIFICA CONDIZIONI ESTERNE Obiettivo generale Miglioramento del reddito, nel lungo termine Aumento reddito pro- capite per famiglie coinvol- te nel progetto Dati e informazioni degli organismi inter- nazionali Obiettivo specifico Miglioramento delle capacità di produzione, trasformazione e commercializzazi one di prodotti agricoli di qualità (impatto) > produzione del 10% trasformare in loco almeno il 50% del prodot- to certificazione del prodotto caffé dati ed infor- mazioni degli orga- nismi internazio- nali resoconti delle cooperative di pro- duttori -Politiche di mar- keting territoriale - Infrastrutture di trasformazione e commercializzazio ne dei prodotti agricoli Quadro Logico (1)

31 Risultati attesi Aumento competenze agricole, di trasformazione e commerciali Costituzione di una coope- rativa per la produzione, trasformazione e commer- cializzazione di caffé ed altri prodotti Fondo di microcredito fun- zionante N. 70 persone formate N. 1 cooperativa Microcredito concesso di cui il 30% a donne I dati relativi ai risultati attesi sa- ranno elaborati nella fase di moni- toraggio e rendicontazione dellintervento Collegamento con programmi nazionali Accordi con grandi reti di distribuzione Attività Formazione professionale Produzione di caffé arabico di qualità con metodi biologici. Certi- ficazione Creazione di una coope- rativa di produttori di caffé Creazione di contatti con canali alternativi di export Formazione e diffusione di contratti di micro-credito RISORSE Finanziamenti MAE, UE, Inter- regionali, di Fon- dazioni Cofinanziamen- to partner locali Compartecipa- zione di imprese Fondi ottenuti con contratti di mi- crocredito Cofinanziamen- to ONG COSTI Collegamento con altre ONG presenti STRATEGIAINDICATORI FONTI DI VERIFICA CONDIZIONI ESTERNE Quadro Logico (2)


Scaricare ppt "Roma, 20 giugno 2005 Caffè e prodotti coloniali del Centro America coltivati con metodi di agricoltura biologica Riorganizzazione ed orientamento della."

Presentazioni simili


Annunci Google