La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gli Imperatori Flavi a Roma I.Vespasiano (Rosati Andrea) II.Tito e Domiziano (Nicolini Giacomo) III.La Cultura a Roma (Foglietti Lorenzo) La prima dinastia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gli Imperatori Flavi a Roma I.Vespasiano (Rosati Andrea) II.Tito e Domiziano (Nicolini Giacomo) III.La Cultura a Roma (Foglietti Lorenzo) La prima dinastia."— Transcript della presentazione:

1 Gli Imperatori Flavi a Roma I.Vespasiano (Rosati Andrea) II.Tito e Domiziano (Nicolini Giacomo) III.La Cultura a Roma (Foglietti Lorenzo) La prima dinastia flavia fu una delle dinastie dellimpero romano (69/96).

2 Vespasiano Con la morte di Nerone, Roma cadde sotto una forte Anarchia. Flavio Vespasiano, dopo aver sconfitto Aulo Vitellio, divenne imperatore di Roma. Anarchia : Stato di disordine politico dovuto alla mancanza o alla debolezza di governo. Al potere per la prima volta un cavaliere e non un aristocratico. 17/11/9 23/6/79 Tito Flavio Vespasiano prese potere durante lanno dei quattro imperatori, con il nome di Cesare Vespasiano Augusto.

3 In campo politico … I.Riuscì ad ottenere i poteri di un Monarca Assoluto. II.Per risolvere il problema del bilancio dello Stato che era in cattive condizioni attuò una rigorosa Politica Finanziaria, aumentando le entrate attraverso nuovi tributi e contenendo le spese. III.Nello stesso tempo favorì la creazione di grosse opere pubbliche per aumentare i posti di lavoro. IV.Estese il diritto di cittadinanza agli abitanti della Spagna. V.Diede la possibilità ai provinciali di accedere alle cariche imperiali. I provinciali sono abitanti dellimpero romano, che erano nati e vivevano fuori dallItalia.

4 In campo militare … I.Vittoria contro i germani e conquista del territorio tra lalto Reno e il Danubio. II.Tra il 69/70 d.C. riporta la pace in Gallia dove era scoppiata una rivolta. III.Conquista di Gerusalemme nel 70 d.C. ad opera di Tito, figlio dellimperatore, che sconfisse definitivamente la rivolta dei Giudei scoppiata nel 67 d.C.. IV.In ricordo di questa impresa, a Roma fu costruito larco di Tito.

5 Tito 30/12/39 13/9/81 30/12/39 13/9/81

6 Il Colosseo Il Colosseo era larena dei giochi gladiatori e circensi più grande e famosa nel mondo antico. IERI OGGI La sua costruzione fu iniziata da Vespasiano nel 72 d.C. e fu inaugurato da Tito nell80 d.C., con ulteriori modifiche apportate durante il regno di Domiziano. Il nome "Colosseo"deriva dalla statua del Colosso del Dio Sole. Ben presto l'edificio divenne simbolo della città imperiale. Oggi è un simbolo della città e una delle sue maggiori attrazioni turistiche.

7 Pompei Nell'autunno del 79 d.C. Pompei fu vittima di una forte eruzione del Vesuvio. La città fu sommersa da una pioggia di cenere che, salvo un intervallo di alcune ore, cadde ininterrotta fino a formare uno strato di almeno una decina di metri. Al momento dell'eruzione del 79 molti edifici erano ancora in ricostruzione a causa del sisma del 62. Sin dall'alba del 24 agosto di quell'anno 79, apparve sul Vesuvio una grande nuvola. Alle dieci del mattino i gas che si trovavano all'interno fecero esplodere la lava solidificata che ostruiva il cratere del vulcano, riducendola in innumerevoli frammenti, i lapilli, i quali furono scagliati su Pompei, insieme con una pioggia di cenere così fitta da oscurare il sole. Fra terribili scosse e la presenza di gas, la città cessò d'esistere quello stesso giorno, rimanendo per secoli sepolta sotto d'oltre sei metri di cenere e lapilli. Sui circa diecimila abitanti che doveva avere in quel periodo Pompei, circa duemila sarebbero state le vittime, alcune avvelenate dai gas durante la fuga, altre stritolate nelle loro stesse case dai tetti crollati sotto il peso dei lapilli.

8 Domiziano Non seguì il sistema attuato dal padre e dal fratello, in quanto mise in pratica un potere assoluto di carattere orientale. Si assicurò di avere dalla sua parte il popolo e aumentò notevolmente il potere del consiglio del principe. Per aumentare la ricchezza dello Stato operò confische ed espropri a danno della nobiltà. Perseguitò cristiani ed ebrei colpevoli di non riconoscere il lui un Dio. 24/10/51 18/9/96 24/10/51 18/9/96 Si espanse fino allalto Reno e il Danubio guidando personalmente lesercito e rafforzò i confini sul Reno. Fece costruire una linea di difesa lungo il confine con i Germani. Ampliò i possidenti romani in Britannia. Dopo la sconfitta in Dacia subì diverse congiure e lultima fu nel 96 d.C quando venne pugnalato e morì.

9 La Letteratura Durante letà di Augusto la letteratura latina ebbe un grande sviluppo. Mecenate, amico e coetaneo di Augusto, appoggiò la rivoluzione di unità spirituale dellamico e divenne lorganizzatore della cultura. In questo periodo vissero il poeta Virgilio e lo storico Tito Livio. Alcuni successori di Augusto, furono degli oppositori e vennero uccisi. Seneca, perseguitato da Nerone per essere stato complice della congiura dei Pisoni. Altre vittime di Nerone furono Petronio Arbitro e Lucano. Quest ultimo fu autore di un poema nel quale condannava le idee di Cesare, valorizzando quelle di Pompeo.

10 La scienza e la tecnica In questo periodo vengono erette grandiose opere di ingegneria. Venne bonificato il lago fucino e furono creati degli acquedotti. Nel campo delle scienze si distinse Plinio il Vecchio che morì nel 79 d. C.,per studiare da vicino la lava, nell eruzione del Vesuvio. In geografia ricordiamo Pomponio Mela che ci ha lasciato la più antica cartina geografica, mentre Giunio Columella anch esso spagnolo ci ha lasciato un trattato sull agricoltura. In medicina ricordiamo invece Cornelio Celso che fu incoraggiato dall aiuto dato dagli imperatori costruendo una rete sanitaria pubblica

11 L architettura e le arti figurative In questo periodo si inizio a impiegare il marmo nelle costruzioni Venne costruita una rete stradale e nel foro venne costruito una colonna con scritte le distanze più importanti. La scultura rimase sempre l imitazione di quella greca e si facevano soprattutto ritratti. Vennero usati gli affreschi per ornare le case dei ricchi. Nei colli antistanti a Roma gli imperatori costruirono lussuose dimore.

12


Scaricare ppt "Gli Imperatori Flavi a Roma I.Vespasiano (Rosati Andrea) II.Tito e Domiziano (Nicolini Giacomo) III.La Cultura a Roma (Foglietti Lorenzo) La prima dinastia."

Presentazioni simili


Annunci Google