La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Persico reale. Carta didentità Corpo con dorso arcuato, muso breve, colorazione variabile in relazione a fattori alimentari ed ambientali, generalmente.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Persico reale. Carta didentità Corpo con dorso arcuato, muso breve, colorazione variabile in relazione a fattori alimentari ed ambientali, generalmente."— Transcript della presentazione:

1 Il Persico reale

2 Carta didentità

3 Corpo con dorso arcuato, muso breve, colorazione variabile in relazione a fattori alimentari ed ambientali, generalmente di colore verde giallastro con alcune bande nere verticali, due pinne dorsali, la prima pinna dorsale con macchia nera posteriore, pinne ventrali in posizione toracica, pinna anale, pinna caudale bilobata, opercolo con una spina al margine. Dimensioni massime: lunghezza cm 51, peso 5 kg. La morfologi a

4 La pinna dorsale anteriore, formata da raggi spinosi, può essere sollevata a scopo difensivo

5 E presente in tutta Europa ad eccezione della Spagna. Nel nostro Paese il suo areale di distribuzione originario era limitato alle acque dellItalia settentrionale ma in seguito è stato diffuso dalluomo in numerose altre località; recentemente è stato introdotto al Sud e nelle isole. In Umbria è presente prevalentemente nelle acque lacustri rispetto alle acque correnti; la sua presenza è significativa nel Lago Trasimeno, nel Lago di Piediluco e nel lago di Corbara. La distribuzione geografica

6 Il Persico reale ha abitudini sedentarie e gregarie (cioè vive in branchi) soprattutto in età giovanile; gli adulti tendono a diventare solitari. è attivo prevalentemente durante il giorno. Il comportamen to Nuota velocemente e a sbalzi; il suo modo di cacciare consiste nel lanciarsi a zig-zag in mezzo ai branchi di piccoli pesci, scompigliandone le file.

7 LHabitat Vive nellambiente lacustre litorale e fluviale con acque a velocità moderata, ben ossigenate e con vegetazione; durante linverno, nei laghi, si porta alla massima profondità; è particolarmente sensibile allinquinamento organico

8

9 Lalimentazione La dieta varia a seconda delletà: da giovane si nutre di invertebrati, da adulto preda piccoli organismi che vivono sul fondo dei fiumi e dei laghi (benthos) e di pesci. Possono verificarsi fenomeni di cannibalismo.

10 Il persico reale è un pesce carnivoro

11 La posizione nella catena alimentare

12

13 La riproduzione Il periodo della riproduzione nel lago di Piediluco ricade nei mesi di marzo-aprile; la maturità sessuale viene raggiunta di norma nel secondo anno di vita.

14 la deposizione delle uova è notturna Le uova sono raccolte in un nastro gelatinoso di colore biancastro che viene adagiato sulla vegetazione acquatica o sui sassi in prossimità delle rive

15 In giorni nascono avannotti in grado di nuotare precocemente e di nutrirsi autonomamente a spese dello zooplancton.

16 Le SCAGLIE sono formazioni ossee inserite nella pelle, incastrate fra loro come le tegole di un tetto. La deposizione del calcio sulla scaglia forma una serie di anelli concentrici chiamati CIRCOLI. La crescita della scaglia è continua ma non costante. Nel periodo invernale la crescita rallenta per cui si forma una zona in cui si ha un infittimento dei circoli e che prende il nome di ANNULO. Contando il numero di annuli è possibile quindi risalire al numero di inverni vissuti dal pesce. La determinazione delletà

17

18 Linquinamento Aiuto!!! degrado ambientale eutrofizzazione carico dei nutrienti La situazione della fauna ittica, ed in particolare del Persico reale, si inserisce nel quadro di degrado ambientale dovuto allinsorgenza di fenomeni di eutrofizzazione delle acque registrati negli ultimi anni nel lago di Piediluco e dovuti al carico dei nutrienti apportati dai fiumi Nera e Velino

19 La pesca sportiva

20 Il Persico reale è una specie molto apprezzata ed oggetto di intensa pesca, sia da parte dei professionisti che degli sportivi. Per la pesca sportiva possono essere utilizzate esche naturali ed artificiali. La carne è di ottima qualità. Le uova non sono commestibili in quanto tossiche. Interesse per la pesca

21 Le esche artificiali

22 E andata proprio bene oggi !! La pesca professionale Gestione irrazionale

23 Meglio pensare anche a domani!!! Gestione razionale La pesca professionale

24 La regolamentazione della pesca Lunghezza minima di cattura: 16 centimetri La taglia minima legale ha lo scopo di permettere al pesce di riprodursi almeno una volta prima di essere catturato Numero massimo di pesci catturabili: 20 al giorno La pesca determina una mortalità che si aggiunge a quella naturale, e quindi causa una ulteriore diminuzione del numero di pesci che compongono la popolazione, perciò è necessario limitare il prelievo Periodo di divieto di pesca: dal 15 marzo al 15 aprile Il divieto di pesca durante il periodo riproduttivo ha lo scopo di evitare il prelievo dei riproduttori

25 La riproduzione, infatti, avviene in mare e allinizio della migrazione gli adulti subiscono una serie di modificazioni morfologiche: assumono colorazione più scura sul dorso e argentea sul ventre, occhi più grandi, pelle più spessa, scaglie meno evidenti e pinne pettorali più appuntite e scure (anguille argentine). E lunica specie catadroma delle acque interne italiane.

26 La bibliografia Quaderni Regione dellUmbria Conoscere lUmbria. Pesci e altri organismi acquatici. Cornicchia grafiche, Perugia, pp.115 Bruno S Pesci e crostacei dacqua dolce. Ed. Giunti, Firenze, pp.286. Chaumeton H La pesca e i pesci dacqua dolce. Arnoldo Mondadori Editore, Milano, pp.367. Il Persico reale e languilla


Scaricare ppt "Il Persico reale. Carta didentità Corpo con dorso arcuato, muso breve, colorazione variabile in relazione a fattori alimentari ed ambientali, generalmente."

Presentazioni simili


Annunci Google