La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PERCORSO FORMATIVO PER RLS DELLA SCUOLA RISCHIO ELETTRICO RISCHIO MECCANICO ing. Domenico Mannelli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PERCORSO FORMATIVO PER RLS DELLA SCUOLA RISCHIO ELETTRICO RISCHIO MECCANICO ing. Domenico Mannelli."— Transcript della presentazione:

1

2 PERCORSO FORMATIVO PER RLS DELLA SCUOLA RISCHIO ELETTRICO RISCHIO MECCANICO ing. Domenico Mannelli

3 2007 2/116 PERICOLOSITÀ CORRENTE ELETTRICA Normalmente, in presenza di un incidente di natura elettrica, si è abituati a far riferimento alla TENSIONE, al VOLTAGGIO quale causa dei danni (infatti si leggono o si ascoltano frasi del tipo: "... è rimasto folgorato da un a scarica a volt"). In realtà, anche se è dalla tensione che parte il meccanismo, quella che produce direttamente i danni è la CORRENTE.

4 2007 3/116 La corrente elettrica è un flusso di particelle elettriche, elettroni, che scorre in un conduttore elettrico come lacqua di un fiume. La differenza sostanziale è che il fiume parte dalle montagne con una certa energia dovuta allaltezza delle montagne ed arriva al mare dove scarica completamente la sua energia e muore. La corrente elettrica parte da una sorgente con una certa energia, attraversa dei conduttori elettrici ed arriva ad un utilizzatore, Nellutilizzatore scarica parte della sua energia. Però deve necessariamente tornare alla sorgente dalla quale è partita. ANALOGIA ELETTRICITÀ-ACQUA

5 2007 4/116 La portata di acqua si chiama intensità di corrente o corrente.Si misura in ampere Il dislivello orografico che fa muovere gli elettroni si chiama potenziale e si misura in volt La resistenza che gli elettroni incontrano scorrendo si chiama resistenza elettrica e si misura in ohm Tra intensità, voltaggio e resistenza intercorre la legge di OHM v ANALOGIA ELETTRICITÀ-ACQUA I

6 2007 5/116 ANALOGIA ELETTRICITÀ-ACQUA Le goccioline di pioggia non fanno male anche se cadono dal cielo. Il Voltaggio è alto, ma lAmperaggio è bassissimo

7 2007 6/116 ANALOGIA ELETTRICITÀ-ACQUA lacqua non passa in tutti i luoghi (terreno roccioso) la corrente elettrica passa facilmente in alcuni corpi chiamati conduttori. gli altri sono chiamati isolanti

8 2007 7/116 ANALOGIA ELETTRICITÀ-ACQUA se la pressione spinge troppa acqua in un tubo il tubo scoppia se troppa corrente passa in un conduttore il conduttore brucia (effetto joule)

9 2007 8/116 rischio di folgorazione Il corpo viene attraversato da una corrente che dipende dalla tensione di contatto dalla resistenza totale La resistenza totale è data dalla resistenza di contatto e dalla resistenza del corpo ( ) La resistenza del corpo dipende da svariati fattori fra cui il percorso allinterno del corpo (mano- piede, mano-mano, ecc.)

10 2007 9/116 ATTENZIONE!!!!!!!!!!!!! IL PERICOLO NON E SEMPRE UGUALE

11 /116 DETERMINAZIONE DEL VALORE DI SOGLIA (TLV) Considerata la resistenza media del corpo umano, per non avere un passaggio di CORRENTE ELETTRICA pericoloso, si limita il voltaggio massimo a cui può essere esposto il lavoratore

12 /116 VALORE DI SOGLIA TLV Si possono ritenere come livelli di sicurezza i 50 volt per la scuola e gli uffici.

13 /116 EFFETTI DELLA SCOSSA zona 1 - al di sotto di 0,5 mA la corrente elettrica non viene percepita (si tenga presente che una piccola lampada da 15 watt assorbe circa 70 mA); zona 2 - la corrente elettrica viene percepita senza effetti dannosi zona 3 - si possono avere tetanizzazione e disturbi reversibili al cuore, aumento della pressione sanguigna, difficoltà di respirazione; zona 4 - si può arrivare alla fibrillazione ventricolare e alle ustioni.

14 /116 la norma Al termine dei lavori limpresa installatrice è tenuta a rilasciare al committente la dichiarazione di conformità degli impianti realizzati nel rispetto delle norme di cui allart. 7 (Legge 46/1990, art. 9). -Il committente o il proprietario è tenuto ad affidare i lavori di installazione, di trasformazione, di ampliamento e di manutenzione degli impianti di cui allart. 1 ad imprese abilitate ai sensi dellart. 2 (Legge 46/1990, art. 10). -Copia della dichiarazione di conformità di cui allart. 9 della Legge, sottoscritta anche dal responsabile tecnico, è inviata a cura dellimpresa alla camera di commercio nella cui circoscrizione limpresa stessa ha la propria sede. (D.P.R. 392 del 18/4/94, art. 3.4).

15 /116 Dichiarazione conformità

16 /116 impianti elettrici di cantieri D. Gli Impianti Elettrici di Cantiere devono avere il progetto? R. Sono escluse dagli obblighi della redazione del Progetto e del rilascio del Certificato di Collaudo le installazioni per apparecchi per usi domestici e la fornitura provvisoria di energia elettrica per gli impianti di cantiere e similari per i quali rimane però, lobbligo del rilascio della Dichiarazione di Conformità (art. 12, comma 2, Legge 46/90). Le norme di riferimento per quanto riguarda i Quadri elettrici di cantiere sono le Norme CEI Per quanto riguarda i cavi occorre rispettare le Norme CEI 20-13, 20-14, 20-1, Per le prese a spina occorre rispettare la Norma CEI Per gli interruttori automatici occorre rispettare le Norme CEI e 17-5.

17 /116 Art Requisiti generali degli impianti elettrici. Gli impianti elettrici, in tutte le loro parti costitutive, devono essere costruiti, installati e mantenuti in modo da prevenire i pericoli derivanti da contatti accidentali con gli elementi sotto tensione ed i rischi di incendio e di scoppio derivanti da eventuali anormalità che si verifichino nel loro esercizio. Per i luoghi di lavoro, dovendo essere conformi al DPR 547/55, gli impianti elettrici erano già adeguati alle norme tecniche di sicurezza

18 /116 le leggi e le norme (Legge 186/68) La legge 186 dello 01/03/68 Disposizioni concernenti materiali ed impianti elettrici si compone di due articoli: Art. 1 - Tutti i materiali, le apparecchiature, i macchinari, le installazioni e gli impianti elettrici ed elettronici devono essere realizzati e costruiti a regola darte. Art. 2 - I materiali, le apparecchiature, i macchinari, le installazioni e gli impianti elettrici ed elettronici realizzati secondo le Norme del CEI si considerano costruiti a regola darte. Tale legge rende non obbligatori tutti gli articoli del DPR 547/55 in contrasto con le norme CEI. Ad esempio Art Dispersore per la presa di terra. Il dispersore per la presa di terra deve garantire, per il complesso delle derivazioni a terra una resistenza non superiore a 20 Ohm per gli impianti utilizzatori a tensione sino a 1000 Volta.

19 /116 Armadi e quadri elettrici (art. 276 D.P.R. 547/1955) Qualora al loro interno si trovino parti in tensione devono essere dotati di: apparato automatico di blocco dellafflusso della corrente allatto dellapertura dellarmadio; in alternativa, di idonei sistemi di protezione. E possibile derogare a tale disposizione esclusivamente nel caso di interventi operati da personale competente in materia, in questo caso il quadro o larmadio non devono essere accessibili ad altre persone (chiusura con chiave in possesso dei soli addetti ai lavori).

20 /116 Identificazione dei conduttori (art. 247 D.P.R. 547/ Norme C.E.I.) I conduttori devono essere identificabili dai colori della guaina di isolamento: conduttori in tensione: possono avere colori diversi; conduttori a fase neutro; colore blu; conduttori di terra: giallo-verde.

21 /116 Cavi volanti - Prolunghe La loro utilizzazione deve essere limitata il più possibile. In ogni caso devono essere dotati di: Derivazioni e spina (art. 309 D.P.R. 547/1955): spina (maschio) posto sempre a monte; presa (femmina) sempre verso la macchina o lattrezzo da utilizzare; conduttore di protezione.

22 /116 Tipi di Isolamento Isolamento funzionale: isolamento tra le parti attive e tra queste e la carcassa, senza il quale ne sarebbe impedito il funzionamento. Isolamento principale: isolamento delle parti attive necessario per assicurare la protezione fondamentale contro la folgorazione. Isolamento supplementare: ulteriore isolamento che si aggiunge al fine di garantire la sicurezza delle persone in caso di guasto allisolamento principale. Doppio isolamento: insieme dellisolamento principale e dellisolamento supplementare. Isolamento rinforzato: unico isolamento al posto del doppio isolamento.

23 /116 PERICOLI CONNESSI CON IMPIANTI ED APPARECCHI ELETTRICI CONTATTI ELETTRICI DIRETTI CONTATTI ELETTRICI INDIRETTI INCENDIO ESPLOSIONE

24 /116 il contatto diretto Non vi sono sistemi di sicurezza efficaci contro il contatto diretto con i cavi elettrici. Il differenziale a 0.03A aumenta solo la probabilità di sopravvivenza

25 /116 il contatto indiretto Il coordinamento OSSIA LAZIONE COMBINATA tra limpianto di messa a terra e il differenziale assicura unottima protezione Ma occorre sempre la manutenzione

26 /116 COORDINAMENTO Il conduttore di protezione collega la carcassa metallica, tramite il conduttore di terra, ad un picchetto zincato che si mette conficcato nel terreno V<=50 VOLT V=RxI Per un ID N =1 R=1 <=25 V

27 /116 il salvavita ovvero linterruttore differenziale E indispensabile per garantire la sicurezza di un qualsiasi impianto. L'interruttore differenziale è un dispositivo amperometrico di protezione che protegge dalle dispersioni di corrente. Consente l'interruzione automatica dell'alimentazione aprendo tempestivamente il circuito elettrico (protezione attiva) quando la corrente di guasto, cioè quella che si disperde verso terra, supera un valore prefissato. Così facendo si limitano, o si eliminano, le conseguenze

28 /116 SGANCIATORE MAGNETICO

29 /116 prese di corrente TIPO A - Standard italiano - 10A TIPO B - Standard italiano 16A TIPO C - Presa bivalente TIPO D - Standard tedesco Spina Schuko standard CEE 7/7

30 /116 Un collegamento importante per la vita Lo spinotto centrale (laterale nella spina tedesca) è fondamentale per la sicurezza in quanto mette in comunicazione la carcassa della macchina allimpianto di terra. Lassenza del collare serracavo può provocare infortuni mortali per fuoriuscita dalla spina del cavo in tensione

31 /116 limpianto di terra ALLIMPIANTO DI TERRA DEVONO ESSERE COLLEGATE TUTTE LE APPARECCHIATURE ELETTRICHE E LE MASSE ESTRANEE EQS: COLLEGAMENTI DA FARE SOLO IN ALCUNI CASI EQP: COLLEGAMENTI DA FARE SEMPRE

32 /116 IMPIANTO DI TERRA ? NO, GRAZIE

33 /116 Pericolo di folgorazione!!!!!!! PERSONALE FORMATO È UN ERRORE PERICOLOSISSIMO INSERIRE LA SPINA TEDESCA IN UNA PRESA ITALIANA PERCHE SI ELIMINA LA PROTEZIONE DELLIMPIANTO DI TERRA. Il diametro dello spinotto della presa schuko è 0,5 mm maggiore del diamtreo dellalveo della presa italiano, ma spingendo entra ugualmente. Spina tedesca o schuko NO! SI

34 /116 Tutti gli apparecchi elettrici devono: indicare la tensione, l'intensità e il di tipo di corrente; essere dotati di documentazione relativa alle caratteristiche tecniche necessarie per l'uso; essere dotati di certificazioni di conformità alle norme di sicurezza. Nel quadro elettrico ogni interruttore deve avere un etichetta che identifica il circuito elettrico a cui corrisponde (sala audiovisivi, atrio, ecc…); lo schema deve essere allegato al quadro che deve essere chiuso. Etichette

35 /116 Incendio elettrico ogni cavo elettrico si riscalda al passaggio della corrente. il calore prodotto è proporzionale allintensità della corrente, allamperaggio. il corto circuito, cioè il libero passaggio di corrente, provoca spesso un incendio

36 /116 il cortocircuito Se la corrente elettrica riesce a passare tra il filo di mandata e il filo di ritorno direttamente senza passare attraverso lapparecchio utilizzatore si ha il cortocircuito (circuito corto) e il cavo elettrico può incendiarsi Come protezione si usano i fusibili o gli interruttori termici.

37 /116 e il parafulmine? Il parafulmine è necessario quando la scuola non è autoprotetta, cioè quando facendo un particolare calcolo indicato nelle norme CEI è probabile che la scuola possa essere colpita da un fulmine. Il calcolo dellautoprotezione deve essere fatto da un tecnico esperto. Limpianto parafulmine deve essere fatto da un installatore esperto. Ricordarsi che limpianto parafulmine è in realtà un impianto che ha il compito di attirare il fulmine e farlo scaricare nel terreno. La funzione di attirare il fulmine è certa, la funzione di scaricare il fulmine dipende dalla qualità dellimpianto. Un impianto parafulmine progettato male o eseguito male può essere più pericoloso di un parafulmine che non cè.

38 /116 Sicurezza nei lavori elettrici Lavori elettrici SOTTO TENSIONE in BT IL DPR 547/55 AMMETTE LAVORI SOTTO TENSIONE FINO A 1000 V PURCHE: & LORDINE DI ESEGUIRE IL LAVORO SIA DATO DAL CAPO RESPONSABILE &SIANO ADOTTATE LE MISURE ATTE A GARANTIRE LA INCOLUMITA DEI LAVORATORI IL DPR 547/55 AMMETTE LAVORI SOTTO TENSIONE FINO A 1000 V PURCHE: & LORDINE DI ESEGUIRE IL LAVORO SIA DATO DAL CAPO RESPONSABILE &SIANO ADOTTATE LE MISURE ATTE A GARANTIRE LA INCOLUMITA DEI LAVORATORI &Il DOCENTE O LASSISTENTE DI LABORATORIO è lequivalente del preposto ai lavori &Le misure atte a garantire lincolumità sono quelle prescritte dalle normative vigenti sia legislative (Dlgs. 626/94, ecc.), che tecniche (CEI EN 50110, CEI 11-27) &Il DOCENTE O LASSISTENTE DI LABORATORIO è lequivalente del preposto ai lavori &Le misure atte a garantire lincolumità sono quelle prescritte dalle normative vigenti sia legislative (Dlgs. 626/94, ecc.), che tecniche (CEI EN 50110, CEI 11-27)

39 /116 Sicurezza nei lavori elettrici Lavori elettrici SOTTO TENSIONE in BT NEI LAVORI SOTTO TENSIONE IN BT I RISCHI ELETTRICI SONO DI DUE TIPI: &ARCO ELETTRICO (cortocircuiti dovuti a interposizione di attrezzi e/o materiale metallico, interruzione di carichi consistenti senza utilizzare apparecchi di manovra, ecc.) &SHOCK ELETTRICO (mancato utilizzo o inadeguatezza di DPI e attrezzature, mancato rispetto delle distanze di sicurezza da parti in tensione prossime) NEI LAVORI SOTTO TENSIONE IN BT I RISCHI ELETTRICI SONO DI DUE TIPI: &ARCO ELETTRICO (cortocircuiti dovuti a interposizione di attrezzi e/o materiale metallico, interruzione di carichi consistenti senza utilizzare apparecchi di manovra, ecc.) &SHOCK ELETTRICO (mancato utilizzo o inadeguatezza di DPI e attrezzature, mancato rispetto delle distanze di sicurezza da parti in tensione prossime) PRIMA DI DARE INIZIO AD UN LAVORO SOTTO TENSIONE IN BT E NECESSARIO ESEGUIRE UNA ACCURATA ANALISI DEI RISCHI PER VALUTARNE LA FATTIBILITA E LE PROCEDURE DA ADOTTARE.

40 /116 Sicurezza nei lavori elettrici Lavori elettrici SOTTO TENSIONE in BT NEI LAVORI SOTTO TENSIONE LA SICUREZZA VIENE GARANTITA ESSENZIALMENTE: &DALLUSO DI ATTREZZI ISOLATI O ISOLANTI (Cacciaviti, pinze, chiavi, ecc.) &DALLUSO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE - Casco in materiale isolante - Visiera di protezione, - Guanti isolanti - Vestiario idoneo che non lasci scoperte parti del corpo - Tronchetti isolanti NEI LAVORI SOTTO TENSIONE LA SICUREZZA VIENE GARANTITA ESSENZIALMENTE: &DALLUSO DI ATTREZZI ISOLATI O ISOLANTI (Cacciaviti, pinze, chiavi, ecc.) &DALLUSO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE - Casco in materiale isolante - Visiera di protezione, - Guanti isolanti - Vestiario idoneo che non lasci scoperte parti del corpo - Tronchetti isolanti Lobiettivo è realizzare UNA DOPPIA PROTEZIONE ISOLANTE verso le parti attive su cui si interviene e proteggersi dagli EFFETTI DELLARCO ELETTRICO Lobiettivo è realizzare UNA DOPPIA PROTEZIONE ISOLANTE verso le parti attive su cui si interviene e proteggersi dagli EFFETTI DELLARCO ELETTRICO

41 /116 LA NUOVA LEGGE DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 22 ottobre 2001, n.462 (G.U , n. 6) Regolamento di semplificazione del procedimento per la denuncia di installazioni e dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche, di dispositivi di messa a terra di impianti elettrici e di impianti elettrici pericolosi.

42 /116 OBBLIGO DEL DATORE DI LAVORO ART. 4 Il datore di lavoro e' tenuto ad effettuare regolari manutenzioni dell'impianto, nonché a far sottoporre lo stesso a verifica periodica ogni cinque anni, ad esclusione di quelli installati in cantieri, in locali adibiti ad uso medico e negli ambienti a maggior rischio in caso di incendio per i quali la periodicità è biennale.

43 /116 SANZIONI Lomessa verifica periodica di un impianto di messa a terra potrà essere contestata nei seguenti termini: violazione dellart. 4 comma 1 DPR 462/01 punita, ai sensi dellart. 9 comma 2 dello stesso DPR, con la sanzione prevista dallart. 389, lettera c), del DPR 547/55.

44 /116 IL RISCHIO MECCANICO

45 /116 I RISCHI MECCANICI DI MOVIMENTO il cesoiamento: una parte del corpo è asportata via il convogliamento: una parte del corpo è convogliata dentro due elementi meccanici in movimento relativo limpatto: una parte del corpo è urtata da un elemento meccanico in movimento, lo schiacciamento. una parte del corpo è schiacciata tra due elementi meccanici in movimento relativo; il taglio: una parte del corpo è tagliata via da un elemento meccanico in movimento con estremità tagliente; luncinamento: una parte del corpo è catturata e trascinata da un elemento meccanico in movimento.

46 /116 Cancelli motorizzati

47 /116

48 /116

49 /116 altri pericoli pericolo di sollevamento di persone pericoli legati allautomazione pericoli provocati da guasti nei dispositivi di sicurezza pericoli durante la movimentazione manuale (improvvisa rimessa in funzione) pericoli di intrappolamento pericoli di superamento dei limiti dellanta (cadute dellanta)

50 /116 analisi del rischio: dati i pericoli occorre valutare la loro probabilità ed il relativo danno (esempio: cancello usato da molte persone o cancello usato solo da persone autorizzate)

51 /116 PUNTI DI PERICOLO IN CANCELLO A BATTENTE La UNI En prevede: minimo 25 mm contro lo schiacciamento delle dita (sullasse di rotazione di un cancello a battente) max 8 mm per evitare lintroduzione delle dita nelle zone pericolose In alternativa: ripari o schermi fissi …

52 /116 TIPOLOGIA DI PROTEZIONI A = pulsante di comando con persona presente; B = chiusura attivata con la persona presente attraverso un selettore a chiave C = limitazione della forza dellanta D = fotocellule atte a rilevare la presenza di persone od ostacoli E = Pedane o barriere immateriali atti a rilevare la presenza di una persona (attivi in tutta la zona pericolosa) ESEMPIO: RISCHI COLLEGATI AL BORDO PRINCIPALE DI CHIUSURA: PREVISIONI DI MINIMA PROTEZIONE DELLA UNI EN nel caso di un cancello privato che da sulla pubblica via, attivato tramite telecomando ad onde radio occorre almeno c + d ( in suolo privato c oppure e)

53 /116 Linstallazione dei dispositivi di protezione che impediscono in qualsiasi circostanza il contatto tra il cancello in movimento e le persone (esempio: barriere fotoelettriche, sensori di presenza) rende non necessario misurare le forze operative altrimenti si misurano ìo le forze e se non sono nei limiti si inserisce un bordo sensibile con ripetizione delle misure

54 /116

55 /116

56 /116

57 /116

58 /116 obblighi linstallatore – costruttore deve: predisporre il fascicolo tecnico; rilasciare la dichiarazione di conformita; applicare sulla chiusura motorizzata la marcatura

59 /116 fascicolo tecnico Conservato dal costruttore per 10 anni; Disegno e schema elettrico; Analisi dei rischi e soluzioni; Manuali tecnici (componenti – installazione – manutenzione); Lista componenti utilizzati e dichiarazioni di conformità; Istruzioni duso; Registro di manutenzione (copia allutilizzatore);

60 /116 marcatura CE

61 /116 segnaletica E opportuno installare, in posizione visibile, il lampeggiante che segnala il movimento del cancello; E opportuno applicare al cancello dei catarifrangenti; Applicare al cancello il cartello di pericolo relativo al funzionamento automatico

62 /116 Art. 33 D. Lgs. 626/94 Le porte ed i portoni ad azionamento meccanico devono funzionare senza rischi di infortuni per i lavoratori. Essi devono essere muniti di dispositivi di arresto di emergenza facilmente identificabili ed accessibili e poter essere aperti anche manualmente, salvo che la loro apertura possa avvenire automaticamente in caso di mancanza di energia elettrica.

63 /116 Elettrico o a funi Idraulico o oleodinamico

64 /116 Apertura porte vano con cabina non al piano La situazione si può presentare o per cattiva manutenzione o qualora le porte di piano, le cui serrature vengono aperte meccanicamente solo in presenza della cabina, non siano dotate di un dispositivo, a molla o peso, che ne assicuri la richiusura automatica, anche nel caso di un eventuale scivolamento della cabina fuori dalla zona di bloccaggio.

65 /116 Assenza del dispositivo contro la velocità eccessiva in salita della cabina, per gli impianti elettrici a fune In determinate condizioni di esercizio (persone in cabina per un carico inferiore al 50% della portata dellimpianto), il contrappeso risulta essere più pesante e, nel caso di rottura/malfunzionamento dellargano di trazione (es. grippaggio del freno, schiavettamento della puleggia di trazione, rottura dellalbero), la cabina verrebbe trascinata verso lalto, a velocità incontrollata, con rischio di violento urto contro il soffitto del vano. In tali condizioni chi si trovasse in cabina potrebbe subire conseguenze anche gravi.

66 /116 Dispositivi di illuminazione di emergenza e richiesta di aiuto 24 ore su 24, dalla cabina ascensore, inesistenti o inadeguati Utente bloccato nella cabina dellascensore in caso di mancanza di energia elettrica (o di guasto) ed impossibilitato a comunicare con lesterno. In queste situazione il malcapitato è sottoposto ad una situazione di stress e panico che può provocare pericolose reazioni. Spesso lutente, in queste condizioni, cerca di uscire dalla cabina con i suoi mezzi o con lausilio di eventuali persone di passaggio. Questo può provocare elevati rischi di cesoiamento o caduta nel vano, poiché lapertura forzata delle porte può avvenire anche con cabina non al piano. I normali dispositivi di allarme, azionati dallinterno della cabina, sono costituiti da una suoneria (badenia) alimentata, in assenza di corrente, da una batteria. Lallarme potrebbe non essere udito dalle persone presenti nelledificio (oppure ledificio potrebbe essere disabitato). Inoltre, non essendo possibile il controllo dellefficienza a distanza, sussistono possibilità di guasto nel periodo intercorrente tra due visite di manutenzione. Soluzione; installazione di illuminazione di emergenza in cabina e di dispositivo di comunicazione bidirezionale, come previsto dalla Direttiva Ascensori 95/16 CE e dalla Norma EN81-28, che, tra laltro, stabilisce le modalità di controllo della continua efficienza dellapparecchiatura.

67 /116 Inadeguata precisione di arresto della cabina dellascensore Installazione di un dispositivo a regolazione elettronica del motore, per il controllo permanente della velocità di cabina e quindi del livellamento al piano.

68 /116 urti, per porte in cabina e al piano di tipo automatico, inadeguati o inesistenti Installazione di un dispositivo elettronico a barriera ottica sulle porte di cabina, idoneo a provocare la riapertura delle porte prima che le antine arrivino ad urtare il passeggero. Questo dispositivo a raggi infrarossi, non soltanto migliora la sicurezza degli utenti, ma preserva anche da eventuali danni i profili delle antine di cabina limitando i guasti e i fuori-servizio conseguenti a urti con le parti in movimento.

69 /116 Comandi non utilizzabili o poco comprensibili per persone disabili

70 /116 Fonte ANACAM

71 /116 PRINCIPI GENERALI FORNITURA ASCENSORE CE Per dimostrare al cliente la conformità del proprio ascensore alla Direttiva, lInstallatore deve: Apporre la marcatura CE Consegnare la dichiarazione di conformità; Consegnare le Istruzioni per luso ed il Libretto

72 /116 COMPITI DELLAMMINISTRATORE Comunicare al Comune la messa in esercizio di un ascensore Sottoporre lascensore a regolare manutenzione Sottoporre lascensore a verifiche periodiche ogni due anni Sottoporre lascensore a verifiche straordinarie, quando necessarie Comunicare gli incidenti

73 /116 Contenuto della comunicazione (entro 10 gg dalla Dic. di Conf.) Indirizzo, velocità, portata, corsa etc.; Nominativo installatore Copia dichiarazione Conformità Ditta abilitata (46/90) manutenzione Soggetto incaricato ispezioni periodiche (accettazione incarico) IL COMUNE Assegna un numero di matricola; Comunica il n° al proprietario ed al soggetto incaricato delle verifiche periodiche

74 /116 VERIFICHE PERIODICHE(biennali) Obbligo in capo al proprietario stabile o suo legale rappresentante. Competenza (ingegneri) di: ASL – ARPA oppure Organismi Notificati Svolgimento Accertamento sullefficienza dei dispositivi di sicurezza e giudizo sullo stato duso Verbale visita

75 /116 verifiche straordinarie Competenza: ASL – ARPA oppure Organismi Notificati Quando: visita periodica negativa – incidenti notevole importanza (fermo e rimessa in servizio) – modifiche ….

76 /116 Manutenzione Ditta specializzata (46/90) che opera solo tramite personale munito di certificato abilitazione rilasciato dal prefetto a seguito di esame (artigiani, ditte specializzate) Compiti: Manovra di emergenza (anche i custodi istruiti); Regolare funzionamento dispositivi Stato conservazione funi Pulizia e lubrificazione

77 /116 Manutenzione ogni sei mesi integrità paracadute etc. verificare minutamente funi, catene etc. isolamento elettrico etc.. aggiornamento libretto (contiene tutta la documentazione tecnico – amministrativa)

78 /116 in ogni cabina Avvertenze duso; Targa con: Soggetto incaricato visite periodiche; N° matricola Portata in Kg; Numero massimo di persone.

79 /116 divieto E vietato luso degli ascensori ai minori di anni 12, non accompagnati da persone di età più elevata (art. 17 DPR 162/99)

80 /116 modifiche importanti Necessitano di verifica straordinaria (anche in caso di: visita periodica negativa, incidenti di notevole importanza) Consistono in: Cambiamento velocità; Cambiamento portata; Cambiamento corsa; Cambiamento tipo azionamento; Sostituzione macchinario, della cabina, etc.

81 /116 alcune novità tecniche ce Lascensore non deve funzionare se il carico supera quello consentito; Lascensore deve essere dotato di controllo di velocità anche in salita e non solo in discesa (paracadute); Le cabine devono essere dotate di mezzi di comunicazione bidirezionale che consentono di ottenere un collegamento permanente con un servizio di pronto intervento; Contrappeso nello stesso vano della cabina Pareti o protezioni del vano devono essere cieche (non è più possibile usare le reti metalliche)

82 /116 disabili Legge 13/1989 D.M. 236/89 D.P.R. 503/96 Richiami dal D.M. 236: tempo di apertura e chiusuraporte (8s e 4s) – autolivellamento (2 mm) - stazionamento a porte chiuse caratteristiche bottoniere citofono luci emergenza segnalazione sonora arrivo cabina

83 /116 Che cosa è lozono? Lozono (O 3 ) è un gas normalmente incolore, più pesante dellaria e caratterizzato da un odore pungente Lozono è un componente naturale dellatmosfera la cui presenza nella stratosfera (~ km di altitudine) consente di schermare le radiazioni solari UV

84 /116 Che cosa è lozono? Negli ambienti di vita e di lavoro lozono è considerato un inquinante sia a causa delle note proprietà pericolose che per lelevata reattività che può comportare la formazione di sostanze pericolose (ad es. formaldeide)

85 /116 Il processo di produzione La produzione di ozono avviene durante la fase di stampa di fotocopiatrici, stampanti laser e fax a causa del processo di carica e scarica prodotto dal campo elettrico generato tramite fili corona

86 /116 Apparecchiature di fotoriproduzione e rischio chimico Fotocopiatrici e stampanti laser sono apparecchiature in grado di emettere diversi agenti chimici Ozono Sostanze organiche volatili Polvere di toner Metalli (Se, Cd)

87 /116 Livelli di emissione In letteratura sono riportate velocità di emissione dellozono, misurate su 69 macchine fotocopiatrici in funzionamento continuo, variabili tra 0 e 1350 µg/min

88 /116 Livelli di emissione La velocità di emissione dellozono dipende dal tipo di macchina utilizzata e dalla manutenzione della stessa. Uno studio condotto su cinque fotocopiatrici diverse ha mostrato, prima della manutenzione, livelli di emissione di ozono compresi tra 16 e 131 g/copia ed un livello medio di emissione pari a 40 g/copia. Dopo la manutenzione i livelli di emissione di ozono sono risultati compresi tra 1 e 4 g/copia.

89 /116 OZONO Le proprietà pericolose per la salute Irritante per lapparato respiratorio Irritante per gli occhi Alterazioni della funzione polmonare

90 /116 OZONO Il rischio per la salute Normalmente lesposizione a ozono avviene attraverso la via inalatoria. Valori limite di esposizione occupazionale NIOSH:0.1 ppm (valore di soglia) ACGIH (TLV-TWA):0.01 ppm (lavoro leggero) 0.08 ppm (lavoro moderato) 0.05 ppm (lavoro pesante) 0.2 ppm ( 2 ore)

91 /116 OZONO La valutazione dellesposizione Verificare la presenza di filtri per lozono Verificare la presenza di sistemi di espulsione allesterno dellaria di raffredamento Verificare il regolare svolgimento dellattività di manutenzione Verificare il tipo di ventilazione (assente, generale, localizzata) Misurare lesposizione dei lavoratori ogni qualvolta il rischio non possa essere considerato trascurabile

92 /116 OZONO Le misure di prevenzione Utilizzo di apparecchiature a bassa emissione e dotate di filtro per lozono Manutenzione periodica Dislocazione delle apparecchiature in ambienti ventilati e separati Scarico allesterno dellaria di raffreddamento

93 /116 Le misure di prevenzione

94 /116 Taglierina rotante

95 /116 Taglierina a leva con e senza paramano

96 /116 RISCHI SPECIFICI NELLA SCUOLA

97 /116 Laboratorio Tecnico Principalmente nelle scuole medie è prevista una attività tecnico-manuale di non eccessiva pericolosità né impegno ma sicuramente non trascurabile. Tale attività è talvolta differenziata per sesso ed è seguita da un docente tecnico specializzato; consta soprattutto di piccoli lavori di falegnameria e di realizzazione di circuiti elettrici elementari in corrente continua o lavori di bricolage

98 /116 Laboratorio Tecnico: attrezzature Seghetto manuale, chiodi, martello, compensato, ecc. Tutte queste attrezzature sono utili per i più rudimentali lavori di falegnameria e rappresentano rischi minimi. Trapano manuale Molto meno pericoloso del trapano elettrico assolve pienamente alla sua funzione per i piccoli lavori. E' dotato di un volano dentato che funziona da riduttore di forza e di una ruota dentata di piccole dimensioni che trasmette la forza alla punta. Pile, lampadine, filo elettrico, nastro isolante, interruttori. Si progettano circuiti di piccole dimensioni utilizzando pile commerciali che garantiscono dai rischi di elettrocuzione

99 /116 Laboratorio Grafico-Artistico Tale attività è rappresentata dal disegno, dall'attività di modellazione (argilla e affini), di stampa con matrice vinilica. I rischi sono talvolta ancora minori di quelli del laboratorio tecnico. Le attività grafico artistiche vengono svolte anche nelle scuole elementari e sono parte integrante dellattività didattica

100 /116 Laboratorio Grafico-Artistico: fattori di rischio Colori ad acqua, a cera, ad olio; matite, righe squadre; fogli da disegno, compensato o tela. Sono tutti materiali di consumo per lo svolgimento di attività grafiche. Solitamente sono acquistati direttamente dagli studenti, I colori sono anallergici e i supporti sono già predisposti con forma e dimensione desiderata. Bulini per argilla L'argilla, solitamente ben imbibita, risulta essere facilmente lavorabile e non richiede eccessivo sforzo nell'uso dei bulini, solitamente di plastica o con piccole parti in metallo arrotondato. Forno Il forno viene generalmente utilizzato per la cottura degli oggetti realizzati in argilla terracotta o ceramica. Foglio vinilico, Bulini da intaglio, inchiostro, rullo, vaschetta per inchiostro. Il foglio vinilico viene intagliato con i bulini appositi in modo da realizzare l'immagine in negativo su cui viene passato il rullo inchiostrato. Gli inchiostri utilizzati sono anallergici. Solventi

101 /116 Laboratorio Grafico-Artistico: rischi da valutare Attrezzature e macchine utilizzate: è possibile, in relazione alla tipologia di attrezzature utilizzate (ad esempio i bulini per il foglio vinilico) nello svolgimento delle attività del laboratorio, che a causa della mancanza di idonee protezioni ci si provochino tagli, abrasioni, ecc., ovviamente lentità di tali infortuni sarà di tipo lieve. Immagazzinamento degli oggetti: il rischio è legato al non corretto ancoraggio delle scaffalature o al loro eccessivo caricamento che comporta la possibilità che si verifichi un ribaltamento degli scaffali stessi o che da questi cada il materiale che vi è stato disposto. Molto contenuto è, invece, il rischio associato alla tipologia di sostanze immagazzinate che, anche nel caso in cui fossero tossiche o infiammabili, non sono mai presenti in quantità tali da costituire un effettivo pericolo. Sostanze utilizzate: nei laboratori grafico-artistici possono essere utilizzate colle, solventi, vernici, inchiostri, ecc., che espongono le persone presenti nei locali ad un rischio di tipo chimico;

102 /116 Attività artistiche collaterali In molte scuole è previsto un saggio di fine anno sotto forma di rappresentazione teatrale e/o saggio di danza e/o saggio ginnico. Tutte queste attività presentano di per sé rischi molto bassi. Il rischio è dovuto piuttosto alla presenza di palco e attrezzature varie all'interno dell'edificio scolastico. Il numero di lavoratori che svolgono la loro attività nellambito di questa fase non è definibile in maniera precisa perché e previsto il coinvolgimento del maggior numero di collaboratori possibili e l'impegno è quasi sempre volontario

103 /116 Attività artistiche collaterali: fattori di rischio Le attrezzature normalmente utilizzate raggruppate per attività sono: Microfoni, amplificatori, impianti HI-FI, casse acustiche. Tutte queste apparecchiature elettriche prevedono collegamenti temporanei sono tutti marchiati CE. Strutture per la realizzazione delle scene Strutture in legno o in compensato; tendaggi, mobilio.

104 /116 Attività artistiche collaterali: rischi Rischio elettrico: è legato alla possibilità di elettrocuzione, durante lutilizzo di particolari attrezzature elettriche, per contatto con cavi elettrici con rivestimento isolante non integro, il rischio di natura elettrica diventa più rilevante nei casi, non infrequenti, in cui limpianto elettrico non prevede gli idonei dispositivi di protezione contro i contatti indiretti (interruttori differenziali) e contro i sovraccarichi (interruttore magnetotermico), in maniera meno frequente il rischio è legato alla disposizione non idonea dei cavi elettrici che può determinare un pericolo di tranciamento. Attrezzature utilizzate: è possibile, in relazione al fatto che potrebbe essere presente materiale ingombrante, in ambienti che solitamente sono vuoti, che aumenti il rischio di urti, tagli e abrasioni. Movimentazione Manuale dei Carichi: il rischio può essere legato allesigenza di sollevare e spostare le attrezzature di scena utilizzate per le rappresentazioni o per i saggi.

105 /116 Attività artistiche collaterali: gli interventi Evitare di approntare gli impianti elettrici provvisori con soluzioni non rispondenti alle norme di sicurezza. Evitare laccatastamento, sia pure momentaneo, del materiale nei corridoi e vie di transito. Garantire condizioni microclimatiche favorevoli migliorando il sistema di condizionamento/riscaldamento. Verificare ladeguatezza delle vie di fuga in base agli affollamenti massimi previsti.

106 /116 Laboratorio alberghiero: attrezzature e macchine Affettatrice Utilizzata per affettare dai salumi agli arrosti deve essere marcata CE ed munita di carter di protezione. Bilancia Marcata CE. Cappa aspirante devono essere presenti ed efficienti, Cuocipasta, fornello, forno, friggitrice le attrezzature per la cottura dei cibi devono essere dotate delle misure di sicurezza atte a ridurre il rischio (fiamme pilota o accensioni elettriche guidate da termovalvola, valvole per sovrappressioni, dischi di scoppio, ecc.) Frigorifero/Congelatore, frullatore, lavastoviglie, lavello, lavaverdure, scaldavivande, trituratore

107 /116 Laboratorio alberghiero: rischi Rischio elettrico: è legato alla possibilità di elettrocuzione, durante lutilizzo di particolari attrezzature elettriche, per contatto con cavi elettrici con rivestimento isolante non integro, il rischio di natura elettrica diventa più rilevante nei casi, non infrequenti, in cui limpianto elettrico non prevede gli idonei dispositivi di protezione contro i contatti indiretti (interruttori differenziali) e contro i sovraccarichi (interruttore magnetotermico), in maniera meno frequente il rischio è legato alla disposizione non idonea dei cavi elettrici che può determinare un pericolo di tranciamento. Utenze elettriche: il rischio è legato al non corretto allaccio di utenze con potenzialità superiore ai 1000W, più raramente possono verificarsi invece casi in cui il numero di prese a disposizione non sia sufficiente, rispetto al numero delle utenze, e pertanto queste possono essere sovraccaricate. Antincendio e Gestione delle Emergenze: assume unimportanza notevole lidoneità della segnaletica indicante le vie di fuga e la formazione ed informazione del personale sul comportamento da tenere in caso di emergenza. Sostanze utilizzate: nelle attività di manutenzione e di pulizia delle attrezzature e degli utensili possono essere utilizzate sostanze che possono esporre gli addetti ad un rischio di natura chimica per contatto, inalazione o assorbimento cutaneo. Tra le conseguenze principali si possono citare le allergie e le dermatos Manipolazione di prodotti alimentari: il contatto con prodotti di origine alimentari e quello con microrganismi che possono proliferare nelle cucine a causa di non perfette condizioni di pulizia ed igiene, possono esporre gli addetti a rischio di tipo biologico. Luoghi di lavoro: il non corretto dimensionamento degli impianti di aspirazione dellaria delle cucine (cappe di aspirazione), può compromettere la qualità dellaria degli ambienti in particolare a causa di fumi e dei prodotti della combustione.

108 /116 Laboratorio alberghiero: prevenzione Formazione e informazione sulla movimentazione dei carichi, sullutilizzo delle varie attrezzature presenti nella struttura nonché sulle corrette procedure di operazioni in sicurezza; Verifica dello stato di conservazione degli utensili e delle attrezzature utilizzate durante lattività; Svolgimento dellattività in locali idonei, dotati di adeguata pavimentazione e di sistemi di aspirazione; Idonee condizioni microclimatiche ed illuminotecniche; Utilizzo di dispositivi di protezione individuale (guanti, indumenti protettivi, calzature di sicurezza, indumenti per la garanzia delligiene alimentare, ecc.);

109 /116 LABORATORIO INFORMATICA- LINGUISTICA-MULTIMEDIALE: rischi Folgorazione Disturbi agli occhi Danni muscoloscheletrici

110 /116 LABORATORIO INFORMATICA-LINGUISTICA- MULTIMEDIALE : prevenzione Verifica impianto di messa a terra Canalette copricavi Postazioni ergonomiche Illuminazione adatta

111 /116 LABORATORIO DI MACCHINE ELETTRICHE: rischi di lesioni da elettrocuzione I casi più frequenti di folgorazione sono: contatto con una fase da una parte e con la terra dall'altra; contatto con una fase da una parte e con un'altra fase dall'altra. Le possibilità di contatto con superfici in tensione sono assai numerose in un laboratorio dove tutte le apparecchiature e le strumentazioni sono in genere alimentate elettricamente. In particolare l'impianto elettrico di un laboratorio chimico, ivi comprese le prese e le spine della strumentazione, è soggetto a rapido deterioramento in conseguenza dei vapori acidi, dell'umidità, etc. Ciò significa che esso dovrà subire una continua ed accurata manutenzione.. Una scarica elettrica è sempre pericolosa anche se di durata brevissima.

112 /116 Laboratorio di Officina Meccanica : attrezzature TORNI DENTATRICI FRESATRICI STOZZATRICE RETTIFICHE TRAPANI A COLONNA

113 /116 ESEMPIO: TORNIO Il tornio è una macchina che opera per asportazione di truciolo, il moto di taglio è dato dal pezzo in lavorazione (moto rotatorio) mentre il moto di avanzamento è posseduto dallutensile (moto traslatorio). I rischi principali nellutilizzo di un tornio parallelo possono essere: 1. Rischi legati ai contatti accidentali con gli attrezzi di fissaggio del pezzo (mandrino, menabrida, staffe per bloccaggio pezzi sul plateu) e con altri parti in movimento del tornio (pezzo in rotazione, barra scanalata,madrevite); 2. Rischi dovuti alla possibilità di accedere alla zona di alloggiamento delle cinghie, pulegge o ingranaggi preposti alla trasmissione del moto rotatorio sulla barra scanalata o sulla madrevite; 3. Rischi di elettrocuzione; 4. Rischi legati ai sistemi di arresto di emergenza; 5. Rischi dovuti alla mancata trattenuta del pezzo in lavorazione; 6. Rischi dovuti alla mancata protezione della zona di operazione dellutensile; 7. Rischi dovuti alla eventuale rottura dellutensile, a volte anche punta da trapano; 8. Rischi dovuti alla presenza di trucioli lunghi che possono venire trascinati nel movimento di rotazione del pezzo e colpire loperatore (tali trucioli si formano soprattutto con alcuni tipi di acciaio ed alcune condizioni di funzionamento del tornio, quali velocità di taglio, il tipo di utensile o punta montata, gli angoli caratteristici degli utensili,spoglia, taglio, lavanzamento ecc.); 9. Rischi di impigliamento di abiti e capelli.

114 /116 ESEMPIO: TRAPANO Il trapano è macchina molto comune che serve per eseguire dei fori. I rischi principali nellutilizzo del trapano sono: 1. Rischi legati alla rottura dellutensile; 2. Rischi dovuti alla mancata protezione della zona di lavorazione dellutensile; 3. Rischi di elettrocuzione 4. Rischi dovuti alla mancata trattenuta del pezzo in lavorazione; 5. Rischi dovuti alla presenza di attrezzi o altri pezzi oltre quello in lavorazione 6. Rischi dovuti allaggiustamento o prendere misure con la macchina in moto; 7. Rischi dovuti alla presenza di trucioli lunghi che possono venire trascinati nel movimento di rotazione della punta di trapano e colpire loperatore (tali trucioli si formano soprattutto con alcuni tipi di materiali e dellangolo di inclinazione della punta di trapano; 8. Rischi di impigliamento di abiti e capelli.

115 /116 UTENSILI MANUALI: rischi Le principali cause di infortunio sono: impiego scorretto o inadeguato qualità scadente del materiale cattivo stato di manutenzione inadeguato trattamento termico superficiale parti taglienti o acuminate non protette proiezioni di schegge durante luso errori di mira durante lutilizzo

116 /116 BOMBOLE DI GAS COMPRESSI Le bombole devono essere assicurate circa a 1/3 e a 2/3 di altezza ad una parete. Le catene sono preferite alle cinghie. I gas tossici devono essere conservati in un armadio ventilato. I regolatori devono essere rimossi e i coperchi di protezione installati quando le bombole non sono utilizzate. assicurarsi che abbiano regolare certificato o punzonatura di revisione periodica non esporre al sole non esporre a urti

117 /116


Scaricare ppt "PERCORSO FORMATIVO PER RLS DELLA SCUOLA RISCHIO ELETTRICO RISCHIO MECCANICO ing. Domenico Mannelli."

Presentazioni simili


Annunci Google