La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Principi internazionali sulla comunicazione con gli organi di governance e impatti derivanti dal Dlgs 39 Corso di revisione aziendale progredito 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Principi internazionali sulla comunicazione con gli organi di governance e impatti derivanti dal Dlgs 39 Corso di revisione aziendale progredito 1."— Transcript della presentazione:

1 Principi internazionali sulla comunicazione con gli organi di governance e impatti derivanti dal Dlgs 39 Corso di revisione aziendale progredito 1

2 Agenda ISA 260 ISA 265 Dlgs 39 2

3 ISA 260, 265 3

4 ISA 260 COMMUNICATION WITH THOSE CHARGED WITH GOVERNANCE Questo standard tratta gli aspetti fondamentali da tenere presente ai fini della comunicazione del revisore con i rappresentanti delle attività di governance. 4

5 ISA 265 Questo standard tratta le responsabilità del revisore e gli aspetti da tenere presente ai fini della comunicazione al management e agli organi di governance delle debolezze di controllo interno rilevate durante lattività di revisione del bilancio. 5

6 ISA 260 COMMUNICATION WITH THOSE CHARGED WITH GOVERNANCE OBIETTIVI Gli obiettivi del revisore sono: a)Comunicare chiaramente agli organi di governance del cliente quali sono le responsabilità del revisore in relazione alla revisione del bilancio e fornire una panoramica dello scopo e della tempistica con cui questa si svolgerà. b) Ottenere dai rappresentanti della governance informazioni rilevanti per la revisione. 6

7 ISA 260 COMMUNICATION WITH THOSE CHARGED WITH GOVERNANCE OBIETTIVI (Cont) Gli obiettivi del revisore sono: c) Comunicare tempestivamente agli organi di governance aspetti che emergono dalla revisione e che possono avere un impatto significativo relativamente alla loro responsabilità di supervisione del processo di formazione del bilancio. d) Promuovere una comunicazione biunivoca tra i il revisore e i responsabili della governance. 7

8 ISA 265 COMMUNICATING DEFICIENCIES IN INTERNAL CONTROL TO THOSE CHARGED WITH GOVERNANCE AND MANAGEMENT OBIETTIVO Lobiettivo del revisore è di comunicare adeguatamente a coloro che sono incaricati della governance e al management le carenze di controllo interno che il revisore ha identificato durante lo svolgimento della revisione e che, in base al suo giudizio professionale, hanno importanza sufficiente da meritare la loro attenzione. 8

9 ISA 260,265 Punti particolari da considerare: – Aspetti da comunicare – Obbligo per il revisore di instaurare una comunicazione a due vie tra il revisore e i rappresentanti della governance – Adeguata documentazione degli aspetti comunicati oralmente – Responsabilità del revisore di determinare e comunicare per iscritto le debolezze significative di controllo interno 9

10 ISA 260 REQUIREMENTS: ASPETTI DA COMUNICARE Responsabilità del revisore in merito alla revisione del bilancio incluso: (a) che il revisore è responsabile di esprimere un opinione sul bilancio preparato dal management sotto la supervisione dei responsabili della governance e (b) che la revisione non solleva il management dalle loro responsabilità. 10

11 ISA 260 REQUIREMENTS: ASPETTI DA COMUNICARE (CONT) Una overview dello scopo e della tempistica del lavoro pianificati Il punto di vista del revisore su aspetti qualitativi del cliente, aspetti e policy contabili adottate ad esempio in merito a stime contabili e note descrittive Ove applicabile, le motivazioni per cui un determinato trattamento contabile non viene considerato il più appropriato alle circostanze, sebbene accettabile in base al financial reporting framework applicabile. 11

12 ISA 260 REQUIREMENTS: ASPETTI DA COMUNICARE (Cont) Difficoltà significative incontrate durante la revisione Aspetti significativi emersi durante la revisione discussi con il management Attestazioni scritte ottenute dal revisore Altri aspetti emersi dalla revisione che il revisore, a suo giudizio, ritiene significativi per da comunicare ai supervisori del processo di formazione del bilancio 12

13 ISA 260 REQUIREMENTS ASPETTI DA COMUNICARE (CONT) Nel caso di società quotate, il revisore comunicherà agli organi di governance unattestazione che il team e il personale della società di revisione e il Network (se applicabile) sono allineati a tutte le regole dindipendenza rilevanti. 13

14 ISA 260 REQUIREMENTS: MODALITA DI COMUNICAZIONE Il revisore dovrà comunicare ai rappresentanti della governance la forma, la tempistica e il contenuto delle comunicazioni. Il revisore comunicherà per iscritto aspetti significativi rilevati durante la revisione se, a suo giudizio, la comunicazione orale non risulti adeguata. Gli aspetti relativi allindipendenza indicati sopra in merito alle società quotate andranno comunicati per iscritto. 14

15 ISA 260 Qualora gli aspetti da comunicare siano riportati oralmente, il revisore li includerà nella documentazione di revisione (ad es. mediante minute degli incontri), riportando chi li ha comunicati, a chi sono stati comunicati e quando. Qualora la comunicazione sia avvenuta per iscritto,il revisore deve conservare copia della comunicazione allinterno della documentazione di revisione. 15

16 ISA 260 REQUIREMENTS: COMUNICAZIONE A DUE VIE Il revisore deve comunicare con gli organi di governance tempestivamente Il revisore deve valutare se la comunicazione a due vie è stata implementata in modo adeguato. In caso contrario, il revisore deve valutarne gli eventuali effetti sul bilancio e sul rischio di errore significativo e sulla possibilità di ottenere sufficiente e adeguta evidenza. 16

17 ISA 260 GUIDE E MATERIALE ESPLICATIVO Chiarimenti su cosa si intende per responsabili incaricati della governance Casi in cui si comunichi con sottogruppi rispetto ai responsabili di governance Casi in cui i responsabili della governance siano altamente coinvolti nella gestione dellimpresa 17

18 ISA 260 GUIDE E MATERIALE ESPLICATIVO Chiarimenti ed esempi sugli aspetti da comunicare – Comunicazione dello scopo, delle responsabilità e dei termini dellincarico (normalmente formalizzata con una lettera dincarico) – Comunicazione dellanalisi dei rischi del cliente (incluso rischi di frode) e delle relative implicazioni – Comunicazione della strategia di revisione in generale, dellapproccio di revisione, scopo, tempistiche, altre informazioni. – Aggiornamenti durante lo svolgimento della revisione, stato di avanzamento del lavoro e barriere e criticità individuate – Altri fatti e circostanze dinteresse per losvolgimento dellattività di governance emerse durante la revisione – Conclusione del lavoro e relazione 18

19 19 Il revisore deve determinare e comunicare, anche solo verbalmente, le debolezze significative al management e agli organi di governance FALSO Deve determinare e comunicare sotto forma scritta le debolezze significative al management e agli organi di governance Vero o Falso? Vero o Falso?

20 ISA 265 Tutte le debolezze di controllo interno identificate devono essere comunicate al management e agli organi di governance qualora queste non siano state già comunicate da altri e se, a giudizio del revisore, siano dimportanza sufficiente da meritare la loro attenzione. Il revisore deve determinare e comunicare sotto forma scritta le debolezze significative al management e agli organi di governance 20

21 ISA 265 COMMUNICATING DEFICIENCIES IN INTERNAL CONTROL TO THOSE CHARGED WITH GOVERNANCE AND MANAGEMENT GUIDANCE: La valutazione di una debolezza di controllo interno e di una debolezza significativa, implica lesercizio del giudizio professionale del revisore che deve valutare se tale debolezza interessa e va sottoposta allattenzione rispettivamente del management e dei rappresentanti della governance del cliente. 21

22 ISA 265 COMMUNICATING DEFICIENCIES IN INTERNAL CONTROL TO THOSE CHARGED WITH GOVERNANCE AND MANAGEMENT GUIDANCE: Le debolezze che non sono considerate significative ma che il revisore ritiene siano meritevoli di attenzione del management, vanno comunicate ugualmente almeno che non siano già state comunicate da altri. Debolezze significative non saranno comunicate al management quando questo non sia appropriato. Questo comporterà tipicamente ulteriori incontri e comunicazioni con i rappresentanti della società. 22

23 ISA 265 COMMUNICATING DEFICIENCIES IN INTERNAL CONTROL TO THOSE CHARGED WITH GOVERNANCE AND MANAGEMENT GUIDANCE: Debolezza significativa (significant deficiency): debolezza o combinazione di debolezze rilevate nel controllo interno che, a giudizio del revisore, sono di importanza sufficiente da meritare lattenzione degli organi rappresentativi la governance del cliente. Limitate alle debolezze identificate durante la revisione 23

24 ISA 265 COMMUNICATING DEFICIENCIES IN INTERNAL CONTROL TO THOSE CHARGED WITH GOVERNANCE AND MANAGEMENT GUIDANCE: Sono fornite guide e materiale applicativo a supporto per la determinazione della soglia per la valutazione della significatività della debolezza. Viene indicato che il livello di dettaglio con cui vengono comunicate le debolezze può variare a seconda delle aspettative degli organi di governance. Ne consegue che comprendere tali aspettative è un aspetto importante per il revisore. 24

25 25 Cosa deve fare il revisore se un argomento è comunicato verbalmente? Se gli argomenti sono comunicati verbalmente, il revisore deve documentare nelle carte di lavoro gli argomenti comunicati e ogni risposta ricevuta.QUIZ

26 Specific Requirements in ISQC 1 and Other ISAs that Refer to Communications with Those Charged With Governance ISQC 1, "Quality Control for Firms that Perform Audits and Reviews of Financial Statements, and Other Assurance and Related Services Engagements" – paragraph 30(a) ISA 240, "The Auditor's Responsibilities Relating to Fraud in an Audit of Financial Statements" – paragraphs 21, 38(c)(i) and ISA 250, "Consideration of Laws and Regulations in an Audit of Financial Statements" – paragraphs 14, 19 and 22-24] ISA 265, "Communicating Deficiencies in Internal Control to Those Charged with Governance and Management" – paragraph 9 ISA 450, "Evaluation of Misstatements Identified during the Audit" – paragraphs ISA 505, "External Confirmations" – paragraph 9 ISA 510, "Initial Audit EngagementsOpening Balances" – paragraph 7 ISA 550, "Related Parties" – paragraph 27 ISA 560, "Subsequent Events" – paragraphs 7(b)-(c), 9, 10(a), 13(b), 14(a) and 17 ISA 570, "Going Concern" – paragraph 23 ISA 600, "Special ConsiderationsAudits of Group Financial Statements (Including the Work of Component Auditors)" – paragraph 49 ISA 705, "Modifications to the Opinion in the Independent Auditor's Report" – paragraphs 12, 14, 19(a) and 28 ISA 706, "Emphasis of Matter Paragraphs and Other Matter Paragraphs in the Independent Auditor's Report" – paragraph 9 ISA 710, "Comparative InformationCorresponding Figures and Comparative Financial Statements" – paragraph 18 ISA 720, "The Auditor's Responsibilities Relating to Other Information in Documents Containing Audited Financial Statements" – paragraphs and 16 26

27 IN PRATICA: 27

28 Independence Confirmation In caso di Listed Entities – Tutti gli aspetti che possono avere impatto sullindipendenza, incluso i compensi audit e non audit totali nel periodo della revisione per servizi forniti dalle società di un network 28

29 Engagement Letter Formalizzazione dello scopo, e termini dellincarico. 29

30 Risk Analysis la nostra visione dei rischi del cliente e le relative implicazioni sullaudit Discussione con i responsabili delle attività di governance sui rischi di business del cliente che possono impattare sulla revisione inclusa la possibilità che tali rischi rappresentino dei rischi significativi. Discussione con i responsabili delle attività di governance di quanto abbiamo compreso essere le risposte del management a tali rischi e le eventuali implicazioni 30

31 Perspectives on Fraud risk discussione sul rischio di frode sia dal nostro punto di vista che da quello del management e dei responsabili delle attività di governance capire e condividere il punto di vista dei responsabili della governance sulla frode. La discussione potrà includere vari punti tra cui: rischi specifici di frode identificati dal team, domande ai responsabili della governance in merito al loro punto di vista sui rischi di frode e di frodi avvenute, nostre osservazioni su debolezze individuate in programmi e controlli per prevenire ed individuare rischi di frode, una panoramica delle nostre responsabilità come revisori indipendenti. 31

32 Our summary Audit Strategy Presentazione di un riepilogo sintetico della nostra strategia di revisione che includa il nostro approccio in generale e le finalità e lo scopo dellincarico, la tempistica, e altre eventuali informazioni Discussione con i responsabili della governance di un riepilogo della strategia di revisione per ottenere il loro punto di vista sui rischi individuati e per assicurarci che abbiano compreso il nostro piano. I punti da includere nella discussione prevalentemente riguardano i nostri obiettivi,gli sviluppi del business del cliente, il nostro approccio, lanalisi dei rischi, la tempistica e le mutue aspettative, la composizione del team, generale spiegazione sul concetto di materialità. Concordare in modo biunivoco aspettative di servizio 32

33 Accounting/Auditing Issues and Risk Analysis discussione sulle problematiche di accounting e auditing rilevate e aggiornamento sui rischi stato di avanzamento dellaudit e su eventuali ulteriori rischi identificati. Altri aspetti riguardano correzioni significative proposte, incertezze significative, rilievi previsti, significativi, cambiamenti di scopo, e ogni comunicazione richiesta in base al principi di riferimento 33

34 Internal control& Business Issues Report comunicazione delle carenze significative di controllo interno rilevate durante lo svolgimento del lavoro di revisione del bilancio carenze significative di controllo interno identificate dal team nellanno in corso e negli anni precedenti se non rimediate (incluso Supporto IT, Tax ed altri specialisti coinvolti). La carenza significativa di controllo interno è quella carenza o combinazione di carenze che, secondo il giudizio del revisore, siano sufficientemente importanti da meritare di essere portate allattenzione dei responsabili dellattività di governante. Prima di comunicare le carenze significative agli organi di governance, condividere e concordare con il management e i singoli responsabili di funzione interessati i punti rilevati 34

35 Other Reporting Requirements Comunicazione di altri fatti e circostanze rilevanti per lo svolgimento delle attività di governance emerse dalla revisione del bilancio Inizialmente discutere con il management gli aspetti di interesse degli organi di governance che andremo a comunicare a questi ultimi (ad eccezione di eventuali aspetti relativi allintegrità e competenza del management stesso). Aspetti minimi da comunicare in base allISA/ Doc 260: 1)Se non già indicato nella lettera di incarico, la nostra responsabilità e ogni eventuale limitazione o obbligo aggiuntivo. 2)I principi e criteri contabili rilevanti o loro modifica che possono avere impatto significativo sul bilancio. In particolare, il punto di vista del revisore in merito agli aspetti qualitativi significativi delle prassi contabili adottate dallimpresa, compresi i principi contabili, le stime contabili e linformativa di bilancio. Spiegazione delle ragioni per cui una prassi contabile significativa adottata, pur se accettabile, non può considerata la più appropriata in relazione alle circostanze specifiche. 3)Rischi significativi da evidenziare in bilancio. 4)Audit adjustment significativi recepiti o meno dalla società. 5)Incertezze significative (specificamente problematiche di going concern ) 6)Disaccordi con il management 35

36 Other Reporting Requirements 7)Frodi o atti illeciti che riguardino il management e frodi che riguardino non solo in management e che abbiano impatto significativo sul bilancio 8)Carenze significative relative al controllo interno (se non comunicate precedentemente come indicato sopra) 9) rilievi e richiami dinformativa previsti in relazione (vedi anche punto successivo Opinion on Financial statements) 10)Ogni altro argomento concordato con la lettera di incarico.ed eventuali altri aspetti emersi dalla revisione che secondo il giudizio professionale sono significativi ai fini della supervisione del processo di predisposizione delinformativa finanziaria. 11) Fatti e circostanze dinteresse per lo svolgimento delle attività di governance comunicati in precedenti periodi che possono avere effetto sul bilancio in corso. 12) Eventuali difficoltà significative incontrate nel corso della revisione legale 13) I rischi per l indipendenza del revisore nonché le misure adottate per limitarli. 14) Tranne nei casi in cui tutti i responsabili della governance siano coinvolti nella gestione dellimpresa, occorre comunicare eventuali aspetti significativi emersi e discussi con la direzione e le attestazioni scritte richieste dal revisore. 36

37 Opinion on Financial Statements qualsiasi modifica, rilievo o richiamo previsti nella relazione Le modifiche attese alla relazione di revisione vanno comunicate tempestivamente ai responsabili della governance 37

38 Dlgs 39 38

39 Il DLgs n. 39 Il DLgs n. 39 del 27 gennaio 2010 allarticolo 19 ha previsto listituzione obbligatoria per gli Enti di Interesse Pubblico (EIP) di un Comitato per il controllo interno e la revisione contabile (Comitato) recependo nel nostro ordinamento le previsioni della direttiva comunitaria 2006/43/CE205. Al Comitato, la società di revisione deve presentare una relazione annuale sulle questioni fondamentali emerse in sede di revisione legale e, in particolare sulle carenze significative rilevate nel sistema di controllo interno in relazione al processo di informativa finanziaria. 39

40 La relazione del revisore sulle questioni fondamentali La relazione del revisore sulle questioni fondamentali emerse in sede di revisione legale appare inquadrabile nel novero delle comunicazioni dei fatti e circostanze dinteresse per lo svolgimento delle attività di governance definiti dal Documento di revisione 260 – Comunicazioni di fatti e circostanze attinenti la revisione ai responsabili delle attività di governance, a cui si rimanda. 40

41 Il Comitato Ai sensi dellArt 19,comma 2, il Comitato si identifica con il Collegio Sindacale, nelle società che adottano sistemi di amministrazione e controllo tradizionale, con il Consiglio di Sorveglianza o con un Comitato Interno nelle società con sistema dualistico e, infine, con il Comitato per il controllo sulla gestione nelle società con sistema monistico. Il Comitato vigila: – Sul processo dinformativa finanziaria – Sullefficacia dei sistemi di controllo interno, revisione interna e gestione del rischio – Sulle attività di revisione legale dei conti annuali e consolidati – Sullindipendenza del revisore legale o della società di revisione legale. 41

42 Relazione sulle questioni fondamentali e carenze significative Al Comitato istituito, la società di revisione deve presentare una relazione annuale sulle questioni fondamentali emerse in sede di revisione legale e, in particolare sulle carenze significative rilevate nel sistema di controllo interno in relazione al processo d'informativa finanziaria Lart. 19 del Decreto tuttavia non fornisce né un elenco delle questioni fondamentalida comunicare al Comitato né una definizione di carenze significative nel sistema di controllo interno in relazione al processo di informativa finanziaria, risultando pertanto indispensabile fare riferimento ai principi di revisione nazionali e internazionali 42

43 La relazione del revisore sulle questioni fondamentali comprendono soltanto quelle che sono venute allattenzione del revisore nel corso del normale svolgimento della revisione del bilancio. Il revisore infatti, non è tenuto a definire e svolgere procedure specificamente finalizzate allindividuazione di fatti e circostanze dinteresse per lo svolgimento delle attività di governance. 43

44 La relazione del revisore sulle questioni fondamentali Con riferimento alle questioni fondamentali, ai sensi dell ISA 260, par. 16, il revisore deve comunicare anche: (a) il punto di vista del revisore in merito agli aspetti qualitativi significativi delle prassi contabili adottate dallimpresa, compresi i principi contabili, le stime contabili e l' informativa di bilancio; (b) le eventuali difficoltà significative incontrate nel corso della revisione legale; (c)gli eventuali aspetti significativi emersi dalla revisione discussi o oggetto di corrispondenza con la direzione, nonché le attestazioni scritte richieste dal revisore; (d) Gli eventuali altri aspetti emersi dalla revisione legale che, secondo il giudizio professionale del revisore, sono significativi ai fini della supervisione del processo di predisposizione dellinformazione finanziaria. 44

45 Le carenze significative Per la definizione di carenze significative nel sistema di controllo interno in relazione al processo di informativa finanziaria occorre fare riferimento al principio di revisione internazionale ISA 265 che pur non essendo ancora stato recepito nel nostro territorio, risulta un valido e autorevole punto di riferimento 45

46 Carenze significative Carenza nel controllo interno – Una carenza esiste quando: – un controllo è configurato, messo in atto ovvero opera in modo tale da non consentire la prevenzione, o lindividuazione e la correzione, in modo tempestivo, di errori nel bilancio; ovvero – non esiste un controllo necessario per prevenire, ovvero per individuare e correggere, in modo tempestivo, errori nel bilancio. Carenza significativa nel controllo interno – Una carenza, o una combinazione di carenze nel controllo interno che, secondo il giudizio professionale del revisore, siano sufficientemente importanti da meritare di essere portate allattenzione dei responsabili delle attività di governance. 46

47 Le carenze significative le carenze significative oggetto della relazione al Comitato comprendono soltanto quelle che sono venute allattenzione del revisore nel corso del normale svolgimento della revisione del bilancio, e in particolare a seguito dello svolgimento delle procedure previste dallISA 315/Principio di revisione 315 in tema di comprensione dellimpresa e del suo sistema di controllo interno. 47

48 Tempi di presentazione della relazione La norma non precisa i tempi di presentazione della relazione. va emessa tempestivamente, non prima della relazione sul bilancio e trasmessa con apposita lettera sottoscritta dal partner responsabile della revisione legale. Per quanto riguarda la comunicazione delle carenze significative del sistema di controllo interno riscontrate nel corso della revisione legale, il revisore deve comunque comunicarle tempestivamente nellambito delle comunicazioni periodiche agli organi di governance. In tale caso, la Relazione conterrà anche menzione delle significative carenze già precedentemente comunicate. Forma scritta della Relazione. 48

49 Coerenza con le altre comunicazioni La Relazione al Comitato per il controllo interno e la revisione contabile deve essere coerente con le altre comunicazioni formali. La Relazione: – non sostituisce e deve essere coerente con la lettera di suggerimenti indirizzata all'organo amministrativo (c.d. "Management Letter"). – deve essere coerente con le comunicazioni formali effettuate con tutti i responsabili dell'attività di governance – deve essere coerente con quanto inserito nella scheda Consob con riferimento agli aspetti oggetto della relazione 49

50 Principi internazionali sulla comunicazione con gli organi di governance e impatti derivanti dal Dlgs 39 Fine lezione Corso di revisione aziendale progredito 50


Scaricare ppt "Principi internazionali sulla comunicazione con gli organi di governance e impatti derivanti dal Dlgs 39 Corso di revisione aziendale progredito 1."

Presentazioni simili


Annunci Google