La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

QUESTIONARIO DOCENTI A.S. 2008/09 F.S. MONITORAGGIO E AUTOVALUTAZIONE DISTITUTO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "QUESTIONARIO DOCENTI A.S. 2008/09 F.S. MONITORAGGIO E AUTOVALUTAZIONE DISTITUTO."— Transcript della presentazione:

1 QUESTIONARIO DOCENTI A.S. 2008/09 F.S. MONITORAGGIO E AUTOVALUTAZIONE DISTITUTO

2 Valorizzazione delle competenze extrascolastiche di alcuni alunni Valorizzazione delle competenze extrascolastiche di alcuni alunni Gratificazione dei progressi raggiunti anche se minimi e quindi evitare la demoralizzazione degli alunni deboli Gratificazione dei progressi raggiunti anche se minimi e quindi evitare la demoralizzazione degli alunni deboli Coinvolgimento attivo degli studenti nella lezione Coinvolgimento attivo degli studenti nella lezione Studenti al centro del loro processo di apprendimento Studenti al centro del loro processo di apprendimento Tutoring - Lavoro di gruppo Tutoring - Lavoro di gruppo Interventi individualizzati Interventi individualizzati Progetti, rapporti con le famiglie Progetti, rapporti con le famiglie Monitoraggio sistematico con verifiche Monitoraggio sistematico con verifiche Il dialogo per un maggiore coinvolgimento dei ragazzi Il dialogo per un maggiore coinvolgimento dei ragazzi Assunzione di responsabilità Assunzione di responsabilità Osservazioni sistematiche prolungate nel tempo Osservazioni sistematiche prolungate nel tempo Obiettivi mirati per ogni allievo Obiettivi mirati per ogni allievo Discussioni guidate – Cooperative learning Discussioni guidate – Cooperative learning Collaborazione con i colleghi – Uso delle TIC Collaborazione con i colleghi – Uso delle TIC Buona comunicazione e disponibilità – Motivazione allo studio e recupero Buona comunicazione e disponibilità – Motivazione allo studio e recupero 1 - Quali strategie tra quelle da te utilizzate ritieni si siano rivelate efficaci nel corso dellanno scolastico?

3 Coinvolgimento diretto degli alunni nelle attività – Motivazione allo studio degli argomenti proposti Coinvolgimento diretto degli alunni nelle attività – Motivazione allo studio degli argomenti proposti Favorire lattività pratica Favorire lattività pratica Incoraggiare gli alunni – Cercare di aiutarli ad affrontare le difficoltà Incoraggiare gli alunni – Cercare di aiutarli ad affrontare le difficoltà Frequenti discussioni interpersonali e di gruppo – Interventi il più possibile individualizzati Frequenti discussioni interpersonali e di gruppo – Interventi il più possibile individualizzati Mezzi audio/visivi - Lavori di gruppo Mezzi audio/visivi - Lavori di gruppo Cercare il contatto personale Cercare il contatto personale Tutte Tutte Studio guidato in classe – Interrogare spesso gli alunni Studio guidato in classe – Interrogare spesso gli alunni Interventi diretti di guida e supporto da parete dellinsegnante – Interventi informali dei compagni in grado di fornire supporto Interventi diretti di guida e supporto da parete dellinsegnante – Interventi informali dei compagni in grado di fornire supporto Studio assistito in classe (coppie o piccoli gruppi) – Costruzione delle conoscenze da parte degli alunni Studio assistito in classe (coppie o piccoli gruppi) – Costruzione delle conoscenze da parte degli alunni Peer tutoring – Verbalizzazione collettiva delle esperienze Peer tutoring – Verbalizzazione collettiva delle esperienze Lavori di gruppo Lavori di gruppo Correzioni collettive delle consegne Correzioni collettive delle consegne Osservazione delle realtà per avere spunti di riflessione – Trovare dei punti interessanti per coinvolgere tutti gli alunni Osservazione delle realtà per avere spunti di riflessione – Trovare dei punti interessanti per coinvolgere tutti gli alunni

4 2 - Quali modalità di lavoro ritieni siano più idonee per garantire il successo scolastico di tutti gli alunni? Spiegare e ribadire gli obiettivi del proprio lavoro, evidenziandone le applicazioni pratiche nella vita quotidiana Spiegare e ribadire gli obiettivi del proprio lavoro, evidenziandone le applicazioni pratiche nella vita quotidiana Sollecitare senza demordere la collaborazione attiva della famiglia sia per lambito educativo che per quello del metodo di lavoro Sollecitare senza demordere la collaborazione attiva della famiglia sia per lambito educativo che per quello del metodo di lavoro Personalizzare il più possibile i propri interventi e utilizzare diversi canali di comunicazione, non esclusivamente quello orale. Personalizzare il più possibile i propri interventi e utilizzare diversi canali di comunicazione, non esclusivamente quello orale. La totale partecipazione degli alunni La totale partecipazione degli alunni Continui inviti ad un lavoro più proficuo Continui inviti ad un lavoro più proficuo La coerenza e la determinazione La coerenza e la determinazione Il coordinamento tra le attività degli insegnanti Il coordinamento tra le attività degli insegnanti Laboratorio di gruppo - Rielaborazione delle informazioni Laboratorio di gruppo - Rielaborazione delle informazioni Stimolare i ragazzi senza forzature Stimolare i ragazzi senza forzature Gratificare ogni piccolo progresso dellalunno Gratificare ogni piccolo progresso dellalunno Metodo induttivo – Brainstorming Metodo induttivo – Brainstorming Attività per scoperte Attività per scoperte Coinvolgerli in progetti comuni con lavori di gruppo – Stimolarli con attività varie Coinvolgerli in progetti comuni con lavori di gruppo – Stimolarli con attività varie

5 Visite guidate – Lavori di gruppo Visite guidate – Lavori di gruppo Lavori di gruppo e confronto tra pari – Attività di recupero con esercizi guidati e tra alunni con differente preparazione per sollecitare una fattiva collaborazione. Lavori di gruppo e confronto tra pari – Attività di recupero con esercizi guidati e tra alunni con differente preparazione per sollecitare una fattiva collaborazione. Laboratoriali diversificate in classe Laboratoriali diversificate in classe Un utilizzo carretto dei libri di testo – Utilizzo del computer Un utilizzo carretto dei libri di testo – Utilizzo del computer Lattenzione ad ognuno di loro Lattenzione ad ognuno di loro Tutte Tutte Sincerarsi sempre che tutti abbiano capito – Metterli alla prova con molta serenità Sincerarsi sempre che tutti abbiano capito – Metterli alla prova con molta serenità Lezione interattiva con uso di materiale didattico digitale – Uso dellaula Marte o di informatica Lezione interattiva con uso di materiale didattico digitale – Uso dellaula Marte o di informatica Utilizzare diverse strategie che favoriscano tutti gli stilicognitivi (utilizzo di immagini, testi scritti, testi orali, uso del computer…) Utilizzare diverse strategie che favoriscano tutti gli stilicognitivi (utilizzo di immagini, testi scritti, testi orali, uso del computer…) Coinvolgere tutti gli alunni anche attraverso delle interviste Coinvolgere tutti gli alunni anche attraverso delle interviste Lezione frontale e lezione partecipata (5) Lezione frontale e lezione partecipata (5)

6 3 - Quali tra i seguenti strumenti ritieni possano migliorare lefficacia del tuo lavoro ? Costruzione allinterno dei gruppi di discipline, di prove di verifica disciplinari orali per classi parallele 717% Costruzione allinterno dei gruppi di discipline, di prove di verifica disciplinari scritte per classi parallele 717% Acquisizione di prove di verifica di raccordo con gli altri ordini di scuola nelle diverse discipline 717% Codificazione dei criteri di valutazione 1434% Altro615%

7 4 - Quali tra i seguenti strumenti ritieni possano migliorare lefficacia del tuo lavoro ? Assistere a lezioni tenute dai colleghi che hanno sperimentato strategie didattiche efficaci 1221% Far assistere in veste di osservatore uno o più colleghi per migliorare lefficacia del tuo lavoro 59% Partecipare a brevi corsi di didattica laboratoriale tenuti da colleghi della scuola 1018% Partecipare a incontri fra docenti interni alla scuola per trovare soluzioni a problematiche comuni relative ai discenti (bullismo, demotivazione, mancanza di autostima, incapacità appresa) 2544% Partecipare a forum in alternativa allincontro in presenza sulle stesse tematiche 59%

8 5 - Quali sono, a tuo avviso, le caratteristiche che deve avere un buon docente? Desiderio di autoaggiornamento e studio continuo Desiderio di autoaggiornamento e studio continuo Preparazione didattica e capacità relazionali Preparazione didattica e capacità relazionali Equilibrio mentale Equilibrio mentale Passione per il proprio lavoro e trasmettere entusiasmo nelle attività, dare delle regole ben precise, essere più comprensivi e tirar fuori le loro capacità esplicite Passione per il proprio lavoro e trasmettere entusiasmo nelle attività, dare delle regole ben precise, essere più comprensivi e tirar fuori le loro capacità esplicite Passione per linsegnamento Passione per linsegnamento Coerenza, senso del dovere, autorevolezza Coerenza, senso del dovere, autorevolezza Rispetto delle regole Rispetto delle regole Affidabilità – Coerenza – Ironia Affidabilità – Coerenza – Ironia Intelligenza acuta – Comunicativa – Passione Intelligenza acuta – Comunicativa – Passione Un buon carisma – Amore per gli alunni Un buon carisma – Amore per gli alunni Saper ascoltare / Essere disponibili Saper ascoltare / Essere disponibili

9 Mettersi in discussione (2) Mettersi in discussione (2) Equilibrio – Competenza – Buona comunicazione Equilibrio – Competenza – Buona comunicazione Creare un clima di rispetto e fiducia Creare un clima di rispetto e fiducia Capire e farsi capire Capire e farsi capire Competenza – Motivazione – Capacità di relazionarsi Competenza – Motivazione – Capacità di relazionarsi Deve essere professionale, preparato e aggiornato nella sua materia di insegnamento ma in grado di dare allalunno una visione dinsieme delle discipline per prepararlo ad essere un buon cittadino. Dalle conoscenze deve saper sviluppare negli alunni competenze e dare un significato preciso a quello che si svolge in classe con la motivazione. Deve inoltre saper osservare latteggiamento e ascoltare gli alunni per poter cogliere eventuali disagi che possono condizionare lattenzione e il rendimento degli stessi. Deve essere professionale, preparato e aggiornato nella sua materia di insegnamento ma in grado di dare allalunno una visione dinsieme delle discipline per prepararlo ad essere un buon cittadino. Dalle conoscenze deve saper sviluppare negli alunni competenze e dare un significato preciso a quello che si svolge in classe con la motivazione. Deve inoltre saper osservare latteggiamento e ascoltare gli alunni per poter cogliere eventuali disagi che possono condizionare lattenzione e il rendimento degli stessi. Capacità di cambiamento didattico – Metodologie in evoluzione – Capacità di ascolto e adattamento Capacità di cambiamento didattico – Metodologie in evoluzione – Capacità di ascolto e adattamento

10 Deve saper ascoltare i ragazzi Deve saper ascoltare i ragazzi Lumanità, collaborazione, motivazione professionale, senso del dovere. Lumanità, collaborazione, motivazione professionale, senso del dovere. Grande umanità, amore per i ragazzi, essere aggiornato sul mondo giovanile, tanta pazienza. Grande umanità, amore per i ragazzi, essere aggiornato sul mondo giovanile, tanta pazienza. Preparazione culturale personale /Capacità di sapersi rapportare con gli alunni – Si deve far rispettare ma anche amare cercando di comprenderne le difficoltà. Preparazione culturale personale /Capacità di sapersi rapportare con gli alunni – Si deve far rispettare ma anche amare cercando di comprenderne le difficoltà. Avere capacità di ascolto sulle problematiche che emergono nel gruppo classe – Avere capacità di relazionarsi positivamente con alunni/genitori. Avere capacità di ascolto sulle problematiche che emergono nel gruppo classe – Avere capacità di relazionarsi positivamente con alunni/genitori. Avere buone capacità di mediazione e di ascolto Avere buone capacità di mediazione e di ascolto Preparazione – Doti comunicative – Alto tasso di socialità Preparazione – Doti comunicative – Alto tasso di socialità Saper ascoltare i bisogni degli alunni – Stabilire un dialogo educativo (2) Saper ascoltare i bisogni degli alunni – Stabilire un dialogo educativo (2) Buonsenso, tanta pazienza, empatia e naturalmente preparazione nel proprio ambito disciplinare Buonsenso, tanta pazienza, empatia e naturalmente preparazione nel proprio ambito disciplinare Deve avere una buona propensione allascolto dei bisogni dellaltro (Competenze psico-pedagogiche) ed essere un buon comunicatore. Deve avere una buona propensione allascolto dei bisogni dellaltro (Competenze psico-pedagogiche) ed essere un buon comunicatore. Buona capacità di osservazione dei singoli alunni, buon rapporto con gli alunni e le famiglie. Buona capacità di osservazione dei singoli alunni, buon rapporto con gli alunni e le famiglie.

11 6 - Quali sono, a tuo avviso, le caratteristiche che fanno di una scuola una buona scuola? La coesione di intenti (obiettivi), la collaborazione, la circolazione delle idee e delle pratiche La coesione di intenti (obiettivi), la collaborazione, la circolazione delle idee e delle pratiche Il fattore umano (docenti, dirigente e personale), organizzazione e strutture Il fattore umano (docenti, dirigente e personale), organizzazione e strutture Organizzazione efficiente ed efficace Organizzazione efficiente ed efficace La collaborazione fra docenti e scambi di vedute, saper ascoltare e conoscere anche le altre discipline. La collaborazione fra docenti e scambi di vedute, saper ascoltare e conoscere anche le altre discipline. Uno per tutti e tutti per uno - Non fare figli e figliastre Uno per tutti e tutti per uno - Non fare figli e figliastre Lordine, la disciplina e la preparazione culturale degli alunni Lordine, la disciplina e la preparazione culturale degli alunni Apertura al dialogo – Coerenza Apertura al dialogo – Coerenza Dignitosa – Ordinata – Democratica – Libera – Creativa Dignitosa – Ordinata – Democratica – Libera – Creativa Che non boccia ma promuove il senso della vita Che non boccia ma promuove il senso della vita

12 Dialogo e accoglienza Dialogo e accoglienza Clima collaborativo – Organizzazione – Dialogo e rispetto reciproco. Clima collaborativo – Organizzazione – Dialogo e rispetto reciproco. Lalunno ci deve andare volentieri, quindi deve trovare la scuola attraente Lalunno ci deve andare volentieri, quindi deve trovare la scuola attraente Buoni insegnanti – Varietà dellofferta formativa Buoni insegnanti – Varietà dellofferta formativa Apertura verso il territorio – Innovazione – Stretto legame con la famiglia – Osservanza delle regole Apertura verso il territorio – Innovazione – Stretto legame con la famiglia – Osservanza delle regole Una scuola deve essere un luogo in cui i ragazzi possano acquisire oltre ad una buona preparazione culturale, regole precise di buon comportamento e rispetto reciproco, per far meglio socializzare tra loro gli allievi, senza che abbiano timore di esprimere le proprie idee e capire che si può convivere anche se con culture, idee e tradizioni differenti. Quindi una scuola deve essere aperta, innovativa, libera pur dettando regole di buona convivenza civile. Chiaramente gli insegnanti devono dare loro per primi testimonianza di quanto esposto. Una scuola deve essere un luogo in cui i ragazzi possano acquisire oltre ad una buona preparazione culturale, regole precise di buon comportamento e rispetto reciproco, per far meglio socializzare tra loro gli allievi, senza che abbiano timore di esprimere le proprie idee e capire che si può convivere anche se con culture, idee e tradizioni differenti. Quindi una scuola deve essere aperta, innovativa, libera pur dettando regole di buona convivenza civile. Chiaramente gli insegnanti devono dare loro per primi testimonianza di quanto esposto. Frequenza continua tempo pieno allievi Frequenza continua tempo pieno allievi Dei bravi docenti – Strutture accoglienti Dei bravi docenti – Strutture accoglienti

13 La produttività didattico-educativa - Poche regole ma certe La produttività didattico-educativa - Poche regole ma certe Un dirigente che sappia relazionarsi positivamente con docenti ed alunni Un dirigente che sappia relazionarsi positivamente con docenti ed alunni Buona classe docente – un dirigente presente e sensibile alle problematiche dei docenti e degli alunni – Strutture scolastiche ed arredi decorosi – Laboratori di lingue e informatici Buona classe docente – un dirigente presente e sensibile alle problematiche dei docenti e degli alunni – Strutture scolastiche ed arredi decorosi – Laboratori di lingue e informatici Buona organizzazione di tutte le attività scolastiche Buona organizzazione di tutte le attività scolastiche Fornire momenti di confronto tra docenti, tra docenti e genitori e con esperti del settore delleducazione - Capacità di mediare i conflitti fra le parti Fornire momenti di confronto tra docenti, tra docenti e genitori e con esperti del settore delleducazione - Capacità di mediare i conflitti fra le parti Deve essere attenta ai bisogni degli alunni, dei genitori e anche dei docenti – Dialogo (2) Deve essere attenta ai bisogni degli alunni, dei genitori e anche dei docenti – Dialogo (2) Lasciare più tempo ai docenti per svolgere tranquillamente le lezioni senza impegnarli in svariati progetti. Lasciare più tempo ai docenti per svolgere tranquillamente le lezioni senza impegnarli in svariati progetti. Deve essere seria, attenta alla formazione dei docenti, degli alunni, capace di garantire il rispetto delle regole interne, aperta allextra scuola. Deve essere seria, attenta alla formazione dei docenti, degli alunni, capace di garantire il rispetto delle regole interne, aperta allextra scuola. Serietà, applicazione delle regole della scuola stessa. Serietà, applicazione delle regole della scuola stessa.

14 7 - La scuola viene spesso definita unorganizzazione che apprende. Cosa ritieni di poter/dover ancora apprendere in relazione al lavoro che svolgi? Ritengo di apprendere continuamente sia strategie di insegnamento per interessare gli alunni, sia come programmare in maniera sempre più utile. Ritengo di apprendere continuamente sia strategie di insegnamento per interessare gli alunni, sia come programmare in maniera sempre più utile. Tantissime cose (Troppe da elencare) Tantissime cose (Troppe da elencare) Cè sempre da imparare Cè sempre da imparare Come gestire le relazioni con alunni difficili Come gestire le relazioni con alunni difficili Tutto Tutto Dialogo e accoglienza Dialogo e accoglienza Sempre le problematiche degli alunni Sempre le problematiche degli alunni Dovrei curare di più i contatti con le famiglie – Saper organizzare meglio la disciplina in classe Dovrei curare di più i contatti con le famiglie – Saper organizzare meglio la disciplina in classe Metodologie diverse di insegnamento Metodologie diverse di insegnamento

15 Non si finisce mai di apprendere…si apprende anno dopo anno, anche in base al cambiamento del contesto sociale, sia metodi di approccio differenti con gli allievi, sia proprio metodologie diverse di insegnamento o/e di impostazione del lavoro. Cambia anche il rapportarsi con gli allievi perché diversi sono di volta in volta i loro interessi e le loro esperienze e ritengo che un insegnante debba fare questo per poter acquistare fiducia, rispetto ed essere apprezzato e stimato dai propri alunni. Non si finisce mai di apprendere…si apprende anno dopo anno, anche in base al cambiamento del contesto sociale, sia metodi di approccio differenti con gli allievi, sia proprio metodologie diverse di insegnamento o/e di impostazione del lavoro. Cambia anche il rapportarsi con gli allievi perché diversi sono di volta in volta i loro interessi e le loro esperienze e ritengo che un insegnante debba fare questo per poter acquistare fiducia, rispetto ed essere apprezzato e stimato dai propri alunni. Apprendere Apprendere La didattica La didattica

16 Nuove tecniche, equilibrio personale Nuove tecniche, equilibrio personale Devo continuamente apprendere per conoscere il mondo dei ragazzi e per questo avere, almeno una minima competenza di psicologia. Devo continuamente apprendere per conoscere il mondo dei ragazzi e per questo avere, almeno una minima competenza di psicologia. Aggiornamento degli insegnanti Aggiornamento degli insegnanti Metodologie didattiche innovative Metodologie didattiche innovative Maggiore empatia con la dimensione adolescenziale Maggiore empatia con la dimensione adolescenziale Conoscenza delle tematiche legate alladolescenza (3) Conoscenza delle tematiche legate alladolescenza (3) Gestire le situazioni difficili (Bullismo…) Gestire le situazioni difficili (Bullismo…) Uso di supporti innovativi come ad esempio la lavagna multimediale Uso di supporti innovativi come ad esempio la lavagna multimediale

17 8 - Quanto tempo dedichi alla conoscenza del POF (regolamenti, patto formativo, ecc.)? Unora724% Un giorno 931% Una settimana 27% Un mese 13% Altro934% ALTRO Preferisco partecipare attivamente al suo cambiamento e/o aggiornamento Quanto basta Non quantificabile Quello necessario

18 9 - La gratificazione che ritengo essere più soddisfacente: Essere ascoltato 1722% Essere apprezzato da Studenti (22) – Colleghi (16)– Dirigente (15) – Genitori (16) 2431% Essere valorizzato nelle competenze 810% Essere gratificato economicamente 2431% Diffondere i lavori realizzati nelle proprie classi allinterno della scuola 34% Pubblicare il proprio lavoro sul sito della scuola 23% Altro --

19 10 - La condivisione delle informazioni costituisce un punto nevralgico della scuola: i mezzi di comunicazione che ritengo più efficaci sono: La bacheca 1419% Il televisore nellatrio della scuola 23% L 1926% Le circolari 1622% Sito della scuola 1014% Sms 79% Giornalino distituto 68% Altro --

20 11 - I fattori che ritieni favoriscano la collaborazione tra docenti sono: Lappartenenza al medesimo consiglio di classe 2130% Lappartenenza al medesimo gruppo di disciplina 1927% La compresenza su progetto 811% La partecipazione ad un medesimo progetto didattico 1623% Incontri extra scuola 46% Altro23%

21 12 - Informare gli alunni sui criteri di valutazione prima di una verifica scritta ritieni sia: Utile1138% Necessario1862% Ininfluente--

22 13 - Spiegare agli alunni gli errori compiuti o fornire le risposte corrette prima della verifica successiva ritieni sia Utile932% Necessario1968% Ininfluente--

23 14 - Quanto tempo dedichi alla costruzione della relazione docente - discente? Unora27% Un giorno 13% Una settimana 27% Un mese 13% Altro2480% ALTRO Diversi momenti diversificati per alunno Il tempo necessario Dipende dalle attività svolte Quanto basta Tutto lanno Ogni giorno Sempre Non quantificabile

24 16 - La correzione dei compiti a casa dovrebbe essere fatta: Sempre2589% Ogni tanto 311% MaiE--

25 17 - Come ritieni possa essere migliorato il rapporto: Con gli alunni Con i collaboratori scolastici Con il dirigente scolastico Con il DSGA RISPETTO E DIALOGO

26 18 - Consiglieresti ad un collega, se se ne presentasse loccasione, di venire a lavorare alla Diaz? SI2897% NO13%

27 19 - Cosa miglioreresti della nostra scuola? Collaborazione tra colleghi e senso di appartenenza. Collaborazione tra colleghi e senso di appartenenza. Organizzazione gli impegni Organizzazione gli impegni Continue informazioni sui progetti ed esporre in bacheca gli impegni scolastici per organizzare anche il proprio lavoro Continue informazioni sui progetti ed esporre in bacheca gli impegni scolastici per organizzare anche il proprio lavoro Somministrerei agli allievi, a fine anno, un test di gradimento a genitori e alunni sui professori. Chissà quante sorprese. Somministrerei agli allievi, a fine anno, un test di gradimento a genitori e alunni sui professori. Chissà quante sorprese. Lordine e la disciplina. Il rispetto delle regole. Lordine e la disciplina. Il rispetto delle regole. Le aule multimediali e la biblioteca. Le aule multimediali e la biblioteca. Tutto Tutto Comunicazione – Organizzazione (2) Comunicazione – Organizzazione (2) Sempre tutto Sempre tutto

28 Rispetto delle regole (3) – Attività pratiche – Interventi per il disagio (2) Rispetto delle regole (3) – Attività pratiche – Interventi per il disagio (2) Condivisione Condivisione I banchi e le sedie I banchi e le sedie Classi meno numerose Classi meno numerose Le strutture Le strutture Lorganizzazione Lorganizzazione Ottimizzazione dei tempi delle attività collegiali Ottimizzazione dei tempi delle attività collegiali Coinvolgerei lamministrazione comunale per la palestra (G. Aranci) Coinvolgerei lamministrazione comunale per la palestra (G. Aranci) Il collegio docenti (troppo chiasso!) Il collegio docenti (troppo chiasso!) La fama (ingiusta) della centrale La fama (ingiusta) della centrale La comunicazione e i toni dei collegi docenti La comunicazione e i toni dei collegi docenti

29 20 - Cosa fa nascere, a tuo avviso, il senso di appartenenza a una scuola? Lavorare insieme prendendo sul serio il proprio ruolo. Lavorare insieme prendendo sul serio il proprio ruolo. La condivisione delle idee La condivisione delle idee Rapporti sereni e collaborativi Rapporti sereni e collaborativi La buona relazione con i colleghi e con gli alunni La buona relazione con i colleghi e con gli alunni La condivisione degli intenti La condivisione degli intenti Il buon rapporto con i colleghi e, in generale, con chi ci lavora. Il buon rapporto con i colleghi e, in generale, con chi ci lavora. Ambiente sereno - Operativo – Gratificante – Vero Ambiente sereno - Operativo – Gratificante – Vero Collaborazione – Rapporti interpersonali corretti (2) – clima sereno Collaborazione – Rapporti interpersonali corretti (2) – clima sereno I risultati ottenuti I risultati ottenuti

30 Collaborazione e contatti fra docenti anche fuori dalla scuola (3) Collaborazione e contatti fra docenti anche fuori dalla scuola (3) Affidare incarichi su accertamento competenze specifiche Affidare incarichi su accertamento competenze specifiche La continuità La continuità La consapevolezza della produttività didattica-educativa La consapevolezza della produttività didattica-educativa Collaborazione, essere consapevoli di svolgere bene la professione Collaborazione, essere consapevoli di svolgere bene la professione Il buon rapporto con coloro che ci lavorano Il buon rapporto con coloro che ci lavorano La collaborazione e la stima reciproca tra docenti e personale La collaborazione e la stima reciproca tra docenti e personale Lavorare allinterno di un gruppo (2) Lavorare allinterno di un gruppo (2)

31 Lavorare per un obiettivo comune coinvolgendo tutti Lavorare per un obiettivo comune coinvolgendo tutti La buona qualità dei rapporti interpersonali (4) La buona qualità dei rapporti interpersonali (4) Il rapporto con i colleghi e con tutto il personale – La stabilità nellinsegnamento Il rapporto con i colleghi e con tutto il personale – La stabilità nellinsegnamento


Scaricare ppt "QUESTIONARIO DOCENTI A.S. 2008/09 F.S. MONITORAGGIO E AUTOVALUTAZIONE DISTITUTO."

Presentazioni simili


Annunci Google