La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

P. Russo 1 Leconomia aziendale Concetti introduttivi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "P. Russo 1 Leconomia aziendale Concetti introduttivi."— Transcript della presentazione:

1 P. Russo 1 Leconomia aziendale Concetti introduttivi

2 P. Russo2 Cosa è leconomia aziendale ? E la scienza che studia le condizioni di vita e le manifestazioni dellesistenza delle aziende

3 P. Russo3 I rami delleconomia aziendale Sono tre: lorganizzazione lorganizzazione la gestione la gestione la rilevazione (o ragioneria) la rilevazione (o ragioneria)

4 P. Russo4 Lorganizzazione aziendale si occupa dellottimale combinazione delle risorse personali, materiali ed immateriali esistenti in azienda si occupa dellottimale combinazione delle risorse personali, materiali ed immateriali esistenti in azienda

5 P. Russo5 La gestione aziendale è linsieme delle operazioni tra loro coordinate poste in essere per il raggiungimento degli scopi aziendali è linsieme delle operazioni tra loro coordinate poste in essere per il raggiungimento degli scopi aziendali

6 P. Russo6 La rilevazione aziendale Si occupa della registrazione (Contabilità) registrazione (Contabilità) rappresentazione (Bilancio) rappresentazione (Bilancio) interpretazione (Analisi di Bilancio) interpretazione (Analisi di Bilancio) dei dati connessi alle operazioni aziendali. E anche denominata ragioneria

7 P. Russo7 Gli aspetti della gestione aziendale Aspetto economico Aspetto economico Aspetto finanziario Aspetto finanziario

8 P. Russo8 Aspetto economico della gestione Nellaspetto economico, la gestione dà luogo a: costi costi ricavi ricavi

9 P. Russo9 I costi sono gli oneri sostenuti dallazienda per lacquisto di fattori produttivi sono gli oneri sostenuti dallazienda per lacquisto di fattori produttivi

10 P. Russo10 I ricavi sono i corrispettivi conseguiti per la vendita dei beni o la prestazione dei servizi oggetto dellattività aziendale sono i corrispettivi conseguiti per la vendita dei beni o la prestazione dei servizi oggetto dellattività aziendale

11 P. Russo11 Aspetto finanziario della gestione Nellaspetto finanziario, la gestione dà luogo a: entrate di moneta o sorgere di crediti entrate di moneta o sorgere di crediti uscite di moneta o sorgere di debiti uscite di moneta o sorgere di debiti

12 P. Russo12 Le entrate di moneta Le entrate derivano da: incassi connessi alle vendite incassi connessi alle vendite accensione di prestiti accensione di prestiti

13 P. Russo13 Le uscite di moneta Le uscite derivano da: pagamenti connessi agli acquisti pagamenti connessi agli acquisti estinzione di prestiti estinzione di prestiti

14 P. Russo14 I crediti Sorgono quando, come forma di regolamento del prezzo di una vendita, si concede ai clienti di pagare a dilazione, cioè rinviando in modo totale o parziale il pagamento. Perciò: quando sorgono, sostituiscono unentrata di moneta quando sorgono, sostituiscono unentrata di moneta quando si estinguono, danno luogo ad unentrata di moneta quando si estinguono, danno luogo ad unentrata di moneta

15 P. Russo15 I debiti Al contrario dei crediti, sorgono allorquando, come forma di regolamento del prezzo di un acquisto, i fornitori ci concedono di pagare a dilazione, cioè rinviando in modo totale o parziale il pagamento. Perciò: quando sorgono, sostituiscono unuscita di moneta quando sorgono, sostituiscono unuscita di moneta quando vengono estinti, danno luogo ad unuscita di moneta quando vengono estinti, danno luogo ad unuscita di moneta

16 P. Russo16 Le fasi della gestione Finanziamento Finanziamento Investimento Investimento Produzione Produzione Disinvestimento Disinvestimento

17 P. Russo17 Cosa significa finanziamento ? E la fase della gestione aziendale mediante la quale limpresa si dota delle risorse necessarie per lo svolgimento della propria attività

18 P. Russo18 Il problema primario Ricercare ed acquisire le risorse è il primo problema di ogni impresa Ricercare ed acquisire le risorse è il primo problema di ogni impresa Lindividuazione delle risorse necessarie ad avviare e a proseguire lattività aziendale consente di determinare il fabbisogno finanziario Lindividuazione delle risorse necessarie ad avviare e a proseguire lattività aziendale consente di determinare il fabbisogno finanziario

19 P. Russo19 Il preventivo tecnico Attraverso questo passaggio, si determina cosa serve allazienda per avviare o per proseguire la propria attività. Ad esempio, se si dovesse avviare unattività di ristorazione, ci sarebbe bisogno di…

20 P. Russo20 Preventivo tecnico un locale (in proprietà o in affitto) un locale (in proprietà o in affitto) gli arredi gli arredi una cucina dotata dellattrezzatura adeguata una cucina dotata dellattrezzatura adeguata le stoviglie le stoviglie il personale (cuochi e camerieri) il personale (cuochi e camerieri) tutti i necessari beni destinati al consumo e alla vendita tutti i necessari beni destinati al consumo e alla vendita

21 P. Russo21 Preventivo tecnico un registratore di cassa un registratore di cassa un computer un computer utenze telefoniche, per lenergia elettrica, il metano, lacqua utenze telefoniche, per lenergia elettrica, il metano, lacqua un progettista per i lavori di ristrutturazione un progettista per i lavori di ristrutturazione un commercialista un commercialista

22 P. Russo22 Preventivo finanziario Affiancando ad ognuna delle voci elencate il relativo importo espresso in termini monetari, si ottiene il preventivo finanziario e, per conseguenza, il fabbisogno finanziario iniziale.

23 P. Russo23 Il finanziamento Adesso occorre rispondere alla domanda: > > Ecco che la soluzione del problema finanziario rappresenta il problema primario di ogni attività imprenditoriale.

24 P. Russo24 I momenti del finanziamento Lazienda reperisce mezzi finanziari in via continuativa: sia alla sua costituzione sia alla sua costituzione sia nel corso della normale attività di gestione sia nel corso della normale attività di gestione

25 P. Russo25 Le possibili fonti di finanziamento Le fonti di finanziamento sono in sostanza riconducibili a due: a titolo di proprietà (anche denominato Capitale Proprio) a titolo di proprietà (anche denominato Capitale Proprio) a titolo di prestito (anche chiamato Capitale di Terzi) a titolo di prestito (anche chiamato Capitale di Terzi)

26 P. Russo26 Capitale proprio e di prestito Si tratta di forme di finanziamento tra di loro: complementari, cioè si integrano a vicenda e non è concepibile che una di esse sia assente complementari, cioè si integrano a vicenda e non è concepibile che una di esse sia assente concorrenti, vale a dire che la scelta fra luna e laltra forma è frutto di una valutazione sulla maggiore o minore convenienza delluna rispetto allaltra concorrenti, vale a dire che la scelta fra luna e laltra forma è frutto di una valutazione sulla maggiore o minore convenienza delluna rispetto allaltra

27 P. Russo27 Differenze tra Capitale Proprio Capitale di Terzi La scadenza è indeterminata La scadenza è indeterminata La remunerazione è variabile La remunerazione è variabile E soggetto al pieno rischio dimpresa E soggetto al pieno rischio dimpresa La scadenza è determinata La scadenza è determinata La remunerazione è fissa La remunerazione è fissa E soggetto solo in via secondaria al rischio dimpresa E soggetto solo in via secondaria al rischio dimpresa

28 P. Russo28 Linvestimento E la seconda fase della gestione aziendale. Con essa le risorse finanziarie raccolte vengono impiegate per acquisire la disponibilità dei fattori produttivi che, allatto del preventivo tecnico, erano stati ritenuti necessari per lo svolgimento dellattività aziendale fattori produttivifattori produttivi

29 P. Russo29 I fattori produttivi Sono tutto ciò che è necessario allazienda per fare la produzione (da cui il nome di fattori produttivi). Si suddividono in: beni strumentali beni strumentali beni destinati al consumo o alla vendita beni destinati al consumo o alla vendita servizi servizi prestati da altre imprese (es. trasporto) prestati da altre imprese (es. trasporto) prestati da professionisti (es. notaio) prestati da professionisti (es. notaio) energie lavorative energie lavorative

30 P. Russo30 Investimento In tale fase i mezzi finanziari raccolti assumono una nuova forma, perdendo la loro consistenza puramente monetaria e diventando beni di altra natura. In sostanza, il denaro si converte in altra forma.

31 P. Russo31 La produzione In tale fase avviene la combinazione produttiva: i fattori produttivi acquisiti vengono combinati tra loro allo scopo di dare luogo ad una trasformazione, che può essere: tecnica tecnica economica economica

32 P. Russo32 La trasformazione tecnica Ha luogo quando i beni acquisiti subiscono un processo di trasformazione fisica, materiale che li porta dallessere delle materie prime o di consumo o delle parti componenti a diventare un prodotto finito, profondamente diverso dai singoli beni che gli hanno dato origine Ha luogo quando i beni acquisiti subiscono un processo di trasformazione fisica, materiale che li porta dallessere delle materie prime o di consumo o delle parti componenti a diventare un prodotto finito, profondamente diverso dai singoli beni che gli hanno dato origine E svolta dalle imprese industriali E svolta dalle imprese industriali

33 P. Russo33 La trasformazione in senso economico Avviene allorquando non cè trasformazione materiale, bensì un semplice trasferimento di beni: nello spazio nello spazio nel tempo nel tempo

34 P. Russo34 Il trasferimento nello spazio e nel tempo Tale attività è svolta dalle imprese commerciali che, a differenza di quelle industriali, non apportano alcuna modificazione fisica ai beni che acquistano.

35 P. Russo35 Le imprese commerciali Esse si occupano, invece, di trasferire i beni in modo da renderli disponibili: in luoghi diversi da quelli di produzione (nello spazio) in luoghi diversi da quelli di produzione (nello spazio) in momenti diversi da quelli nei quali è avvenuta la loro produzione (nel tempo) in momenti diversi da quelli nei quali è avvenuta la loro produzione (nel tempo)

36 P. Russo36 Il disinvestimento Lattività di unimpresa mira alla produzione o allo scambio di beni o di servizi. Quindi il ciclo della gestione si può considerare concluso nel momento in cui avviene la cessione dei beni o la prestazione dei servizi che rappresentano loggetto dellattività aziendale.

37 P. Russo37 Il disinvestimento Con tale evento, si ha il ritorno in forma monetaria dei mezzi finanziari precedentemente investiti. Tali mezzi hanno subito un doppio processo di conversione: prima la conversione da moneta a beni (fattori produttivi) prima la conversione da moneta a beni (fattori produttivi) poi la riconversione da beni (prodotti finiti) a moneta poi la riconversione da beni (prodotti finiti) a moneta

38 P. Russo38 Le risorse finanziarie Perciò ciò che viene investito e poidisinvestito è il denaro raccolto dallimpresa nella fase del finanziamento.

39 P. Russo39 Il riavvio del ciclo della gestione Con il disinvestimento, si ha il riavvio del ciclo. Infatti il ritorno della moneta consente di per sé il finanziamento del ciclo successivo della gestione.

40 P. Russo40 Il ciclo naturale della gestione Così descritto, la gestione appare come un ciclo in grado di autoalimentarsi consentendo, inoltre, il conseguimento di risultati positivi ripetibili nel tempo.

41 P. Russo41 La gestione Nella realtà: le esigenze cambiano in ogni momento le esigenze cambiano in ogni momento i cicli non sono affatto perfettamente sincronizzati tra loro, nel senso che spesso un nuovo ciclo ha inizio prima che il precedente si sia concluso i cicli non sono affatto perfettamente sincronizzati tra loro, nel senso che spesso un nuovo ciclo ha inizio prima che il precedente si sia concluso


Scaricare ppt "P. Russo 1 Leconomia aziendale Concetti introduttivi."

Presentazioni simili


Annunci Google