La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I. C. M. Fanno Scuola secondaria di primo grado A. Rigato Villatora classe II D Presenta … le sue ricette.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I. C. M. Fanno Scuola secondaria di primo grado A. Rigato Villatora classe II D Presenta … le sue ricette."— Transcript della presentazione:

1 I. C. M. Fanno Scuola secondaria di primo grado A. Rigato Villatora classe II D Presenta … le sue ricette

2 GIRELLE FANTASIA: Ingredienti per la frittata : 1 uovo Parmigiano grattugiato Un po di sale Un po di pepe nero macinato Bruscandoli puliti e cotti con un soffritto di cipolla burro e olio

3 Esecuzione : Si prende una piccola padella antiaderente(quella usata per fare le crepès), con un pennello si unge con poco olio e si fa scaldare leggermente per qualche secondo, poi si versa l impasto (luovo con i bruscandoli precedentemente cotti). Si cuoce per qualche minuto in modo che la frittata risulti ben cotta. Si prende un quadrato di carta d alluminio, si stende sopra la frittata e si lasca raffreddare per qualche minuto.

4 Ingredienti per il ripieno della girella: Formaggio morbido tipo filadelfia Prosciutto cotto

5 Esecuzione: Si prende il formaggio morbido e si spalma con un coltello sopra alla frittata coprendola completamente Sopra il formaggio si mette una fetta sottile di prosciutto cotto. Si arrotola il tutto con la carta dalluminio e si mette una notte in frigo Il giorno successivo si taglia a fette (con un spessore di 2 cm ). La girella può essere proposta come antipasto o dopo un primo piatto

6 Cestino primavera Ingredienti per il cestino: 200 gr di parmigiano reggiano grattugiato Esecuzione: Prendere una padella antiaderente di diametro cm 20 e scaldarla per qualche minuto Si riempie il fondo con il parmigiano grattugiato, si cuoce per qualche minuto affinché esso si sciolga ma poi diventi consistente come una frittata Si prende una ramina e con attenzione si toglie il parmigiano dalla padella, si adagia dentro una tazza da the in modo da farlo aderire ai bordi per dare la forma del cestino Si lascia raffreddare per qualche minuto Si toglie dalla tazza

7 Lo scopo è quello di ottenere un ripieno tricolore utilizzando prodotti di stagione del nostro territorio. Per il colore verde: zucchine cotte in padella con cipolla, prezzemolo, sale e olio Carletti o bruscandoli ripassati in padella con cipolla, burro e sale Gambi di carciofi lessati e tagliati a pezzetti e conditi con olio e sale Per il colore bianco: Albume di uovo sodo a pezzetti Punte di asparagi bianchi cotti con burro e sale Mozzarella o formaggi vari tagliati a pezzetti Per il colore rosso: Pomodori a pezzetti conditi con olio, sale e basilico Sfilacci di cavallo Peperoni rossi arrostiti

8 Ne vogliamo sapere di più sul parmigiano reggiano … A seconda del periodo di produzione, si parla di parmigiano di testa e di parmigiano tardivo. Le sue caratteristiche cambiano a secondo delle stagione. Il primo passo per ottenere il parmigiano è la preparazione del latte che deve essere rigorosamente intero. Il latte viene fatto riposare per 8 – 15 ore in vasche, al fine di ottenere laffioramento della crema, poi viene travasato in caldaie e si scalda a 20 – 22 gradi. Successivamente il latte viene nuovamente riscaldato a 32 gradi, si aggiunge il caglio e dopo dieci minuti si forma la cagliata. Questultima, viene rotta con lo spino fino a ridurla in piccoli pezzi. La temperatura viene aumentata lentamente a 44 gradi per favorire lo spurgo del siero, e a quel punto sinterrompe lagitazione e si lasciano cadere sul fondo i granuli frammentati. Essi vengono fatti riposare per mezzora, poi vengono estratti dalla caldaia e messi in fascere di legno. Le forme vengono poste in fascere metalliche che ne daranno la forma finale. Esse vengono sistemate sulle scalere alla temperatura 15 – 18 gradi. Dopo circa un anno vengono battute per controllare la presenza di eventuali cavità interne. La zona tipica di produzione è nelle province di Parma, Reggio Emilia, Modena e Bologna. Nel parmigiano reggiano cè una vera e propria concentrazione di sostanze nutritive, perché un chilo di formaggio si ottiene da ben 16 litri di latte, eccezionale per la quantità di proteine 36%, vitamine, calcio 1,30%, fosforo 0,70% e lipidi 28%.

9 … sulluovo Le uova più consumate sono quelle di gallina che hanno un peso di g 60 circa,hanno un alto potere nutrizionale e occupano il primo posto nella scala nutrizionale degli alimenti ad alto valore biologico. la composizione di un uovo è formata da: Acqua 65.5% Proteine 12% Grassi 11% Minerali 11.5% Nel tuorlo sono contenuti fosforo, calcio, ferro, zinco, vitamina A B1 D E. Dato il grande fabbisogno, se ne è sviluppata la produzione tramite lallevamento razionale, le galline ovaiole producono da 170 a 200 uova Lanno. Luovo di gallina è formato dalle seguenti parti: Guscio (10%):costituiscono la parte esterna, è duro, fragile e poroso Membrana esterna: aderente alla parte interna del guscio Membrana interna: avvolge lalbume, tra le due membrane, si forma la camera daria Albume o bianco duovo (60%): costituito da una soluzione acquosa di albumina al 10-13% Tuorlo o rosso duovo (30%) Gli italiani consumano le uova attraverso pasta, prodotti da forno, dolci, creme e preparazioni alimentari come uova sode, alla coque, al tegamino, a frittata e a soufflé. La vita media di un uovo è di tre - quattro settimane. Luovo fresco è meno nutriente delluovo cotto.

10 E sui bruscandoli. Sono chiamati bruscandoli le gemme spontanee del luppolo selvatico, che si raccolgono in primavera attorno ai fossi. Pianta avvolgente che cresce fa 5 ai 6 metri lanno, in erboristeria si usano i fiori femminili contro linsonnia. Sono usatissimi in cucina, grazie al loro delicato sapore, per frittate, minestre e altri usi. Hanno proprietà rinfrescanti e diuretiche. Si vendono a mazzetti.


Scaricare ppt "I. C. M. Fanno Scuola secondaria di primo grado A. Rigato Villatora classe II D Presenta … le sue ricette."

Presentazioni simili


Annunci Google