La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le Rime di Onesto da Bologna Edizione critica a cura di Sandro Orlando.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le Rime di Onesto da Bologna Edizione critica a cura di Sandro Orlando."— Transcript della presentazione:

1 Le Rime di Onesto da Bologna Edizione critica a cura di Sandro Orlando

2 Onesto degli Onesti detto Onesto da Bologna (1240 ca ca.) Notizie tratte da: Mario Marti, Con Dante fra i poeti del suo tempo, Lecce, 1966, pp La vita Onesto nacque intorno al 1240 a Bologna, figlio di Bonacosa di Pietro degli Onesti (dal nome della bisnonna Onesta). Nel 1271 si ammalò gravemente al punto tale di fare testamento, ma poi riuscì a guarire e si dedicò probabilmente al redditizio mestiere del prestito e del cambio (cosa che gli assicurò una vita piuttosto agiata). Alcuni parlano di lui come di un notaio, ma questo titolo non appare il nessun documento. Sappiamo anche che nel 1296 fu coinvolto in una rissa: ci resta, infatti, una denuncia in cui Onesto afferma di essere stato aggredito e ferito. Esiste anche, tuttavia, una controdenuncia in cui si afferma il contrario. Ora, le zuffe erano piuttosto frequenti nelle città comunali, spesso divise da fazioni e odio reciproco. Queste notizie, in ogni caso, ci sono utili per comprendere la personalità del poeta: sanguigno, iracondo, probabilmente implicato nelle lotte politiche e pronto a difenderle con le armi. Onesto aveva anche una fitta rete di amici, tra cui molti letterati toscani (Cino da Pistoia, Monte Andrea) e romagnoli (Ugolino Manfredi): è questa la prova dei forti rapporti tra toscani ed emiliani che poi avrebbero gettato el basi dello Stilnovo. Sappiamo infine che Onesto morì intorno al 1303.

3 Lopera e la poetica Di Onesto ci resta un corpus poetico piuttosto esile: ventotto componimenti di cui tre canzoni (una è solo un frammento), una ballata e ventiquattro sonetti (gli ultimi quattro sono adespoti e attribuiti a Onesto senza certezza assoluta). Alcune poesie sono a carattere amoroso e vengono usualmente giudicate un po troppo monotone e ripetitive; i componimenti migliori del poeta restano dunque i sonetti di corrispondenza tra i quali spiccano quelli appartenenti alla tenzone con Cino da Pistoia (forse conosciuto durante la permanenza bolognese di questo, tra il ). Appartengono a tale tenzone i sonetti dal V al XII (a livello del XII componimento la tenzone coinvolge anche con Tommaso da Faenza). Queste poesie di corrispondenza sono spesso molto pungenti e impetuose. Si ricorda, in particolare, il celeberrimo sonetto V: Mente ed umìle e più di mille sporte / piene di spirti e l vostro andar sognando…In questi versi Onesto si prende gioco di Cino da Pistoia e della nuova moda poetica dello Stilnovo, caratterizzata da un tono intimo e cordiale effettivamente diverso da quello della vecchia generazione a cui Onesto apparteneva. Si pensi allimmagine della donna: seconda la vecchia scuola, le donne di Onesto sono crudeli e ingannatrici a differenza di quelle gentili dello Stilnovo; Onesto, in più, resta legato a certi usi metrici piuttosto datati come le coblas capfinidas, le rime difficile e magari al mezzo, i giochi di parole in stile guittoniano (sporte piene di spirti). E anche vero, tuttavia, che definire Onesto un puro rappresentante della tradizione in opposizione allo Stilnovo non gli rende totale giustizia. Secondo Marti, infatti, la poesia di Onesto potrebbe definirsi prestilnovistica: il poeta porta in sé tracce di Guinizzelli, la sua poesia del dolore anticiperebbe quella di Cavalcanti, si notano perfino alcune dolci malinconie che ricordano lo stesso Cino da Pistoia. Il punto è che lo Stilnovo non deve essere visto come un atto terroristico volto a far tabula rasa di tutta la poesia precedente: il vecchio e il nuovo stile coesistono in modo dialettico e Guinizzelli e Dante stessi conobbero una fase guittoniana. Ovviamente lo Stilnovo segnerà lapertura a una nuova cultura e a una nuova poesia, né si può mettere sullo stesso piano della tradizione precedente. Si tratta solo di evidenziare che la nuova cultura era da tempo nellaria e stava progressivamente emergendo da quella vecchia. Stando così le cose, non dovrebbe stupire che alcuni elementi della nuova poetica vengano sfiorati da rimatori che, come Onesto, facevano parte della generazione precedente. Che poi Onesto, alle soglie della vecchiaia, si scagli comunque contro la nuova stagione poetica rappresentata da Cino è certamente comprensibile: egli si sente superato da una nuova cultura alla quale, forse inconsapevolmente, lui stesso aveva portato qualche contributo.

4 La fortuna Negli ultimi anni del 200 Onesto doveva essere considerato un poeta piuttosto importante. Dante, per esempio, volle citarlo nel De Vulgari Eloquentia (I, XV, 6) insieme ad altri illustri poeti bolognesi quali Guido Guinizzelli, Guido Ghislieri e Fabruzzo de Lambertazzi. Peraltro nel De Vulgari Dante menziona anche Più non attendo il tuo soccorso, Amore, un sonetto di Onesto ormai perduto (così come la Pistola in forma di sirventese per le 60 più belle donne fiorentine di cui Dante parla nella Vita Nova e di cui non resta più nulla). Anche Petrarca volle rievocare Onesto nei Trionfi (I, IV, 35), e forse proprio per questo nei due secoli successivi Onesto continuò ad essere ricordato da autori come Trissino, Equicola e Bembo. In seguito, tuttavia, lopera di Onesto finì per essere ugualmente dispersa e cadde quasi nelloblìo. Nel XIX-XX secolo, in ogni caso, si ricordano le seguenti raccolte ed edizioni (non in tutte ci sono tutti i sonetti). Si tratta dei principali testi consultati da Orlando per ledizione critica da lui curata (abbiamo evidenziato quelli contenenti i sonetti VI e VII che analizzeremo più avanti: VI = *, VII = # ) 1816, L.Valeriani, Poeti del primo secolo della lingua italiana, II, Firenze. * # 1846, Poesie italiane inedite di dugento autori dallorigine della lingua italiana al secolo decismosettimo, raccolte e illustrate da Francesco Trucchi, Prato, IV. 1874, Manuale della letteratura del primo secolo della lingua italiana, compilato da Vincenzio Nannucci, II, Firenze. * 1881, Le rime dei poeti bolognesi del secolo XIII, raccolte e ordinate da Tommaso Casini, Bologna. * # 1886, Otto sonetti del secolo XIV, per nozze Zambrini-Della Volpe, a cura di Antonio Cappelli, Modena. 1889, Leandro Biadene, Morfologia del sonetto nei secoli XIII e XIV, in Studi di filologia romanza, IV (1889), * # 1901, Le rime di Terino di Castelfiorentino rimatore del secolo XIII, per cura di Armando Ferrari, Castelfiorentino. 1933, I rimatori bolognesi del secolo XIII, edizione critica a cura di Guido Zaccagnini, Milano. * # 1939, I rimatori del Dolce Stil Novo, a cura di Luigi di Benedetto, (ristampa anastatica del 1969), Torino. 1940, Storia della letteratura italiana dai primi secoli agli albori del Trecento, corredata con ampia Antologia dalle Origini a Iacopone da Todi […] a cura di Gerolamo Lazzeri-Francesco de Sanctis, I, Milano. * 1941, Adriana Caboni, Antiche rime italiane tratte dai Memoriali bolognesi, Modena. 1951, Domenico De Robertis, Cino e i poeti bolognesi, in Giornale Storico della Letteratura Italiana, CXXVIII, * # 1969, Poeti del Dolce Stil Novo, a cura di Mario Marti, Firenze. * #

5 La tradizione degli scritti di Onesto da Bologna è formata dai seguenti testimoni B Vaticano Barberiniano 3953; Ba 1 il testo del Beccadelli della raccolta Bartoliniana; Ba 3 il testo del Bembo della raccolta Bartoliniana; Bt Giuntina con postille del Bartolini conservata alla Biblioteca Trivulziana (L 1144); Bo 1 la prima sezione del cod dell'Universitaria di Bologna, cc. 1 r.-48 r.; Bo 4 la quarta sezione del medesimo codice cc. 97 r.-127 v.; C 1 il Vaticano Chigiano L. VIII. 305; Ca il Casanetense 433;

6 G il ms. 2 della Società Dantesca Italiana; Ga la Giuntina con postille e supplementi manoscritti posseduta da G. Galvani, oggi alla BNCF; Gt la Giuntina di rime antiche (Sonetti e canzoni di diversi antichi autori toscani) del 1527; L il Laurenziano Rediano 9; Mc 1 il Marciano It. IX 191; Mg 1 il Magliabechiano VII della BNCF; Mg 2 il Magliabechiano VII della BNCF; P il Banco Rari 217 (Palatino 418) della BNCF; Par la stampa di Rime di diversi antichi autori toscani, Venezia, 1532, con postille manoscritte posseduta dalla Biblioteca Palatina di Parma (GG2, III, 155); Su esemplare di Gt con postille manoscritte, posseduta da L. Suttina, ora presso la Biblioteca Angelica di Roma (Aut );

7 Ta Rime toscane di Cino Sigibaldi da Pistoia raccolte dal p. Faustino Tasso, Venezia, 1589; Triss. La Poetica di Giovan Giorgio Trissino, Vicenza, V 2 Il Vaticano latino 3214; Vl il ms. 332 della Biblioteca Universitaria y de Santa Cruz di Valladolid.

8 Sono anche da ricordare: Mb Memoriale dell'Archivio di Stato di Bologna n. 139 del 1320; Doc Volume di Matricole e Sentenze dei Notai di Bologna dal 1300 al 1320 (presso il medesimo Archivio di Stato).

9 Non sono presi in considerazione poiché descripti i seguenti manoscritti: Laurenziano XC inf. 37 (raccolta aragonese); Palatino 204 (BNCF); Codice Ital. 554 della Nazionale di Parigi; Vaticano latino I componimenti in questi codici sono giunti da C 1, da B e da V 2.

10 Applicazione del metodo di Lachmann al sonetti VI e VII di Onesto da Bologna, appartenenti alla tenzone con Cino da Pistoia

11 Tradizione del sonetto VI (9 codici) Bo 4 (c. 119 v.) - Quarta parte del ms dellUniversitaria di Bologna C 1 (c. 89 r.) - Vaticano Chigiano Latino VIII. 305 della Biblioteca Apostolica Vaticana Ca (c. 96 r.) - Casanatense 433, della Biblioteca Casanatense di Roma Ga [postille a Gt] - Giuntina di Rime Antiche postillata appartenuta a G. Galvani, oggi presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze Gt (c. 136 r.) - Giuntina di Rime Antiche del 1527 Mc 1 (c. 92 r.) - Marciano Italiano IX 191 (Mezzabarba, dal nome del suo realizzatore Antonio Isidoro Mezzabarba) del 1509 Mg 2 (c. 15 v.) - Magliabechiano VII 1208 della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze Su [postille a Gt] - Giuntina di Rime Antiche postillata appartenuta a L. Suttina, ora presso la Biblioteca Angelica di Roma Vl (c. 174 r.) - ms. 332 della Biblioteca Universitaria y de Santa Cruz di Valladolid

12 Stemma codicum del sonetto VI α 50% β 50% γ 25% C 1 25% ε 25% Mg 2 12,5% Vl 12,5% δ 25% η 12,5% Ga 12,5% Gt Mc 1 Su Bo 4 Ca 8,33% 8,33% 8,33% 6,25% 6,25%

13 Nel sonetto VI α e β non sono uniti da nessun errore monogenetico. In realtà esiste un archetipo comune, ω, che però viene motivato dallanalisi di altri sonetti come per esempio il VII che vedremo tra poco. Ci saranno altri casi in cui sarà necessario motivare le nostre scelte basandoci su componimenti diversi da quello da noi analizzato. Ciò è legato al fatto che non tutte le poesie contenute in un codice sono necessariamente portatrici di errori-guida; daltra parte, può bastare la patologia di un unico componimento per rivelare la genealogia di tutto il manoscritto.

14 Giustificazione del ramo β A Cino da Pistoia Quella che in cor lamorosa radice 1 mi piantò nel primier ch e mal la vidi, cioè la dispietata ingannatrice, a morir m ha condotto, e s tu no l·credi mira gli occhi miei morti in la cervice 5 et odi gli angosciosi del cor stridi e dellaltro mio corpo ogni pendice che par ciascuna ca·lla morte gridi. A tal m ha gionto mia donna crudele: dal ver mi parto ch io non v aggio parte, 10 e sogli, amico, tutto dato in parte, ché il meo dolzor con l amaror del fele aggio ben misto; Amore poi sì comparte, ben ti consiglio: di lui servir guarte. Giustificazione di β (Bo 4, Ca, Ga, Gt, Mc 1, Su): v. 11: omissione di in. Forse -to era sentito come un aggettivo possessivo: questo spiegherebbe lulteriore trasformazione del gruppo η: da to parte in Bo 4 e da tua parte in Ca. Cè anche da dire che in era forse reso con una semplice abbreviazione, dunque la sua caduta potrebbe non essere un indizio particolarmente affidabile: per una maggior sicurezza di β si veda, dunque, anche il sonetto VII.

15 Giustificazione del ramo ε A Cino da Pistoia Quella che in cor lamorosa radice 1 mi piantò nel primier ch e mal la vidi, cioè la dispietata ingannatrice, a morir m ha condotto, e s tu no l·credi mira gli occhi miei morti in la cervice 5 et odi gli angosciosi del cor stridi e dellaltro mio corpo ogni pendice che par ciascuna ca·lla morte gridi. A tal m ha gionto mia donna crudele: dal ver mi parto ch io non v aggio parte, 10 e sogli, amico, tutto dato in parte, ché il meo dolzor con l amaror del fele aggio ben misto; Amore poi sì comparte, ben ti consiglio: di lui servir guarte. Giustificazione di ε (Bo 4, Ca, Ga): v. 4: a morir mha condotto] Amor mha a tal condotto v. 7: altro mio corpo] alto mio core v. 10: omissione di v v. 11: e sogli] et sol v. 14: ben ti] per mio Perché Bo 4 non è descriptus di Ca: Non ci sono lezioni singolari utili nel sonetto VI. Dobbiamo considerare altri componimenti: Sonetto VII, v. 13: nel mar là v ha tutte allegrezze sparte tutte] tue Ca Perché Ca non è descriptus di Bo 4 : v. 6: et odi gli angosciosi stridi] et e di li angosciosi stridi Bo 4

16 Giustificazione del ramo δ A Cino da Pistoia Quella che in cor lamorosa radice 1 mi piantò nel primier ch e mal la vidi, cioè la dispietata ingannatrice, a morir m ha condotto, e s tu no l·credi mira gli occhi miei morti in la cervice 5 et odi gli angosciosi del cor stridi e dellaltro mio corpo ogni pendice che par ciascuna ca·lla morte gridi. A tal m ha gionto mia donna crudele: dal ver mi parto ch io non v aggio parte, 10 e sogli, amico, tutto dato in parte, ché il meo dolzor con l amaror del fele aggio ben misto; Amore poi sì comparte, ben ti consiglio: di lui servir guarte. Giustificazione di δ (Gt, Mc 1, Su): v. 8: ca·lla morte] della morte Gt Mc 1. Su, in questo caso, non postilla ossia mantiene la lezione di Gt. Esso, tuttavia, può legarsi ugualmente a δ perché, a dispetto di quanto voleva Barbi che lo accostava a ε, nelle sue postille non vengono mai riportate le varianti del gruppo ε rispetto alla Giuntina. Questo vuol dire che il manoscritto che il postillatore aveva a disposizione non poteva appartenere a ε (Orlando segnala anche una certa parentela con il gruppo α). Perché Gt e Su non sono descripti di Mc 1 : v. 10: vaggio] voglio Mc 1 Perché Mc 1 non è descriptus di Su: v. 13: aggio] haggia Su Perché Mc 1 non è descriptus di Gt: E un ms. del 1509 mentre la Giuntina è una stampa del In ogni caso, vedi v. 13: misto] visto Gt. Poiché Su non è che una edizione della Giuntina con postille tratte da un codice sconosciuto, il problema della loro descrizione non si pone.

17 Giustificazione del ramo η A Cino da Pistoia Quella che in cor lamorosa radice 1 mi piantò nel primier ch e mal la vidi, cioè la dispietata ingannatrice, a morir m ha condotto, e s tu no l·credi mira gli occhi miei morti in la cervice 5 et odi gli angosciosi del cor stridi e dellaltro mio corpo ogni pendice che par ciascuna ca·lla morte gridi. A tal m ha gionto mia donna crudele: dal ver mi parto ch io non v aggio parte, 10 e sogli, amico, tutto dato in parte, ché il meo dolzor con l amaror del fele aggio ben misto; Amore poi sì comparte, ben ti consiglio: di lui servir guarte. Giustificazione di η (Bo 4, Ca): v. 1: Quella] Poscia v. 3: la dispietata ingannatrice] la dispietata et fiera (i)ngannatrice (verso ipermetro)

18 Giustificazione di α e γ Nel sonetto VI non ci sono errori-guida tali da poter giustificare α e γ. I gruppi α e γ, tuttavia, si possono ugualmente ricavare per via logica analizzando la distribuzione dei componimenti nei tre testimoni C 1, Mg 2 e Vl. Si tratta di un esempio importante perché ci fa capire come certi stemmi, sia pur parziali, si possano ricavare anche nelle fasi precedenti la collazione.

19 Giustificazione logica di α: linversione del sonetto 17° con il sonetto 11° Si considerino le poesie 1°, 6°, 8°, 10°, 17° e 11° (1° è una canzone, 6°, 8°, 10° e 11° sono sonetti in tenzone con Cino da Pistoia, 17° è un sonetto ma non in tenzone). Il gruppo α viene legittimato dal fatto che sia C 1, Mg 2 e Vl contengono questi componimenti con lezioni affini e con lo stesso ordine di distribuzione. In particolare, in tutti e tre i manoscritti il sonetto 17° precede il numero 11: è questo un chiaro segnale di parentela. Ciò conferma che i tre manoscritti dovevano derivare da un subarchetipo comune, α, che doveva contenere (con linversione del sonetto 17° con il sonetto 11°) almeno tutte le poesie presenti in C 1. C 1 è un manoscritto molto ricco e, oltre alle poesie citate, contiene anche gli altri sonetti della tenzone non riportati su Mg 2 e Vl (5°, 7° e 9°). Questo dimostra che C 1 non può essere descriptus da Vl e Mg2.

20 Giustificazione logica di γ: distribuzione per genere e distribuzione per autore Il fatto che C 1 da un lato e Vl e Mg 2 dallaltro appartengano a due rami diversi di α è confermato dalla diversità dei criteri con i quali furono copiate le poesie: in C 1 si conserva lantico uso della disposizione per generi metrici, in Mg 2 e Vl la distribuzione è per autore e infatti in questi ultimi due codici i componimenti citati sono tutti di seguito: in particolare, la canzone viene immediatamente prima dei sonetti e mancano le risposte di Cino (comè giusto che sia in una raccolta per autore in cui non si fa caso né al genere né alle poesie altrui). In C 1, al contrario, la canzone si trova molto prima dei sonetti (suddivisione per genere metrico); tra un sonetto della tenzone e laltro sono inoltre presenti le risposte di Cino. Si deve dunque ipotizzare che da α, basato su una distribuzione per genere, sia derivato da un lato il C 1 (anchesso basato sulla distribuzione per genere) e dallaltro un altro subarchetipo γ (basato sulla divisione per autore) padre di Mg 2 e Vl.

21 I gruppi α e γ, già ricostruiti per via logica, vengono definitivamente confermati dagli errori-guida presenti negli altri componimenti di C 1, Mg 2 e Vl.

22 Giustificazione di α (C 1, Mg 2, Vl) Sonetto VIII, v. 3: veggia me, lasso, posto infra due brame due brame] due grame Sonetto XI, v. 10: Amor, che sole aver potenza tanta Amor] donor

23 Giustificazione di γ (Mg 2, Vl) Canzone I, v. 41: Di fede e di pietà canzon vestita Omissione di canzon Sonetto VIII, v. 9: … se di tanto amaro / si può trarre lo dolce che si conta amaro] Amore

24 Perché Mg 2 e Vl non sono descripti luno dellaltro Nel sonetto VI non ci sono lezioni singolari separative che dimostrino che Mg 2 e Vl non sono descripti luno dellaltro; ciò può essere ricavato, comunque, dagli errori presenti in altri sonetti. Perché Vl non può essere descriptus di Mg 2 : Sonetto VIII, vv. 9-10: …se di tanto amaro / si può trarre lo dolce che si conta si conta] mincontra Mg 2 Sonetto XVII, v. 1: Ragione prima] cagion prima Mg 2 Perché Mg 2 non può essere descriptus di Vl: Sonetto VIII, v. 7: ma s io non sciolgo lo primo legame lo primo legame] del primo legame Vl Sonetto X, v. 7: vostra farga] vostra falga Vl

25 Note al sonetto VI Esempio di rima siciliana: vidi: credi: stridi; gridi. In siciliano il latino crēdis aveva dato cridi (rima perfetta, dunque, con vidi, stridi e gridi); in seguito, i copisti toscani tradussero i componimenti siciliani nel loro volgare trasformando cridi in credi. Limperfezione della rima venne letta dai poeti toscani come un preziosismo siciliano, e quindi cominciarono a usarla di proposito. Comune esempio di sincope (caduta della vocale in posizione interconsonantica) al v. 4: s tu. Al v. 8 abbiamo un esempio di raddoppiamento fonosintattico. Oggi questo fenomeno fonetico non è più reso graficamente ma anticamente lo si faceva, dunque la trascrizione interpretativa lo segnala con il puntino. Il puntino è utile anche per segnalare altri fenomeni fonetici come, al v. 4, lassimilazione della nasale finale di non alla liquida iniziale di lo (di cui cade per apocope la o finale): no·l. Mancanza di anafonesi al v. 9: gionto. Lanafonesi, che in determinate circostanze porta alla chiusura della vocale tonica (con recupero di quella latina), è infatti un fenomeno tipico del fiorentino e il bolognese Onesto non poteva conoscerlo. Da iungo, iunctus => giuncto => giunto.

26 Sonetto VII Questo sonetto, insieme ad altri 7, fa parte di una tenzone con Cino da Pistoia, probabilmente risalente al soggiorno bolognese di questultimo. La tradizione di questo sonetto è testimoniata dai seguenti codici: Bo 4, C 1, Ca, Ga (postilla la sua Gt), Gt, Mc 1, Par, Su (postilla la sua Gt).

27 Bo 4 la quarta sezione del cod dell'Università di Bologna (cc. 97 r - 127r) Ca il Casanatense 433 Ga la Giuntina con postille e supplementi manoscritti di Galvani C 1 il Vaticano Chigiano L. VIII Gt la Giuntina (Sonetti e canzoni di diversi antichi autori toscani del 1527) Mc 1 il Marciano It. IX 191 Par Rime di diversi antichi autori toscani, Venezia, 1532 con note manoscritte, posseduta dalla Biblioteca Palatina di Parma Su la Giuntina con postille e supplementi manoscritti di Suttina

28 VII Onesto a Cino da Pistoia Assai son certo che somenta in lidi e pon lo suo color senza vernice qualunque crede che la calcatrice prender si possa dentro a le mie ridi; e già non son sì nato infra gli abidi 5 che mai la pensi trovare amatrice, quella chè stata di me traditrice, né spero l dì veder sol che maffidi merzede Amor, che sotterra Rachele: non già Martin o Giovanni ne parte, 10 cha del servir prescrizione et arte, né tu che non conosci acqua di fele; nel mar là v ha tutte allegrezze sparte, che val ciascuna più chAmor diparte?

29

30 Giustificazione di ω Poiché tutta la tradizione riporta al v. 11 la lezione erronea et carte in luogo di et arte (ricavata per congettura) possiamo teorizzare la presenza dell'archetipo ω probabilmente corrotto in questo punto. c'ha del servir prescrizione et arte 11

31 Giustificazione di β Al v. 6 tutti i testimoni presentano una lezione diversa per integrare quella che probabilmente veniva avvertita come una mancanza; la lezione di C 1 viene preferita alle altre. Bo 4 presenta una lezione da scartare a priori poiché il verso sarebbe ipometro. Che mai la pensi trovare amatrice C 1 Chi pensi mai ritrovarla... Ca Par Chio pensi mai di trovarl(a)... Gt Mc 1 Chi pensi mai trovarla... Bo 4

32 Giustificazione di δ Sempre al v. 6 è possibile notare altre varianti: Mc 1 e Gt integrano di per sanare il guasto. Che mai la pensi trovare amatrice C 1 Chio pensi mai di trovarla amatrice Mc 1 Gt

33 Giustificazione di ε Questo gruppo si giustifica dall'analisi di più versi: - al v. 6 tutti i testimoni di questo gruppo, tranne il Bo 4 integrano la mancanza con ri-; Che mai la pensi trovare amatrice C 1 Chi pensi mai ritrovarla amatrice ε (tranne Bo 4 )

34 - al v. 8 manca 'l né spero 'l dì veder sol che m'affidi né spero dì [di] veder sol che m'affidi ε

35 - al v. 9 vengono offerte più lezioni erronee probabilmente a causa della diversa percezione della scansione delle lettere da parte dei copisti che leggevano il testo nell'antigrafo β. Ciò è dimostrabile dal fatto che non è solo il gruppo dipendente da ε a presentare lezioni erronee bensì anche quello di δ (Mc 1 ha solo un errore di forma). Sarà interessante notare quanto Gt presenti una lezione completamente erronea non giustificabile dalla scansione delle lettere. merzede Amor, che sotterra Rachele...chi sotter(r)era che le ε...che mi consuma e dele Gt...che sotterra rachiele Mc 1

36 - al v. 10 tutto il gruppo ε si distingue per l'inversione di due nomi, quindi, si ha un evidente pregiudizio di significato poiché il verso ha bisogno di due nomi (quindi della particella disgiuntiva o) per il verbo che è al plurale (ne parte sta per ne partiscono). non già Martin o Giovanni ne parte non già giovanni martino ne parte ε

37 - al v. 11 si trova un'altra variante di sostanza che pregiudica il senso del verso nel gruppo ε (ad eccezione di Gt). C'ha del servir prescrizione et arte...proscritione et carte ε

38 Giustificazione di ρ Il v. 11, che come abbiamo già visto ha provocato un gran numero di varianti sostanziali probabilmente dovute ad una corruzione all'origine (nell'archetipo ω), giustifica la presenza del gruppo ρ, discendente a sua volta da ε, e contenente Ca e Par che sostituisce l'esatta lezione con la variante sostanziale proscritione. L'errore-guida che ha poi pregiudicato tutto il senso del verso è da ricercarsi nel finale et carte. C'ha del servir prescrizione et arte come del scriver proscritione et carte ρ

39 Possibile contaminazione tra ε e Gt Errore congiuntivo tra Mc 1 e C 1. Entrambe omettono dentro del v.4. Prender si possa dentro alle mie ridi ciò può essere giustificato, senza ricorrere alla poligenesi, teorizzando un guasto in ω e notando il fatto che ε lo ha emendato. Poiché Gt, appartenente allo stesso gruppo di Mc 1 ha la correzione di ε, potremmo ipotizzare una contaminazione.

40 Curiosità linguistiche Nelle due parole rima, ai versi 4-5, ridi:abidi è possibile notare la presenza di due fenomeni linguistici: la lenizione e la metafonesi. In C 1 la vocale e, quando è atona, passa ad o; questo lo possiamo riscontrare al v. 1: Assai son certo che somenta in lidi


Scaricare ppt "Le Rime di Onesto da Bologna Edizione critica a cura di Sandro Orlando."

Presentazioni simili


Annunci Google