La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Diritto tributario internazionale. Le fonti del diritto tributario internazionale Ai sensi dell 38 dello Statuto della Corte internazionale di Giustizia:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Diritto tributario internazionale. Le fonti del diritto tributario internazionale Ai sensi dell 38 dello Statuto della Corte internazionale di Giustizia:"— Transcript della presentazione:

1 diritto tributario internazionale

2 Le fonti del diritto tributario internazionale Ai sensi dell 38 dello Statuto della Corte internazionale di Giustizia: consuetudini internazionali consuetudini internazionali principi generali del diritto principi generali del diritto convenzioni internazionali convenzioni internazionali

3 diritto tributario internazionale Le tappe dellintegrazione europea 18 aprile 18 aprile 1951 Trattato di Parigi: istituzione della CECA (obiettivo: creazione di un mercato comune del carbone e dellacciaio; durata 50 anni) 25 marzo 1957 Trattato di Roma istitutivo della CEE (durata illimitata) Obiettivi della Ce: - - instaurazione di un mercato comune generale, fondato sulla creazione di ununione doganale (abolizione dei dazi fra gli Stati membri e istituzione di una tariffa doganale comune) - - liberalizzazione della circolazione delle persone (fisiche e giuridiche) dei servizi e dei capitali - - adozione di politiche comuni in alcuni settori (agricoltura, trasporti e concorrenza)

4 diritto tributario internazionale continua Trattato di Roma: istituzione (anche) della CEEA (comunità europea dellenergia atomica) 1986 Atto unico europeo: Cooperazione politica europea, modifiche ai trattati istitutivi delle Comunità europee 1992 Trattato di Maastricht: Unione europea (UE), Comunità europea (CE), Unione economica e monetaria 1997 Trattato di Amsterdam: Modifiche al trattato UE e ai trattati istitutivi delle Comunità europee 2001 Trattato di Nizza: Modifiche al trattato UE e ai trattati istitutivi delle Comunità europee

5 diritto tributario internazionale LA COSTITUZIONE EUROPEA Progetto: Il 18 giugno 2004 il Consiglio europeo approva il progetto di Costituzione europea Effetto / Qualificazione: atto guiridicamente vincolante per tutti gli Stati membri, salva la necessità di esperire le procedure di recepimento nei vari ordinamenti nazionali Novità: - unicità dellUnione europea quale conseguenza della soppressione di altre istituzioni fra le varie comunità - ampliamento delle competenze e della sfera di azione - ridefinizione del sistema delle fonti normative - inserimento nella Costituzione dei principi sui diritti delluomo contenuti nella Carta di Nizza

6 diritto tributario internazionale LE ISTITUZIONI DELLUNIONE EUROPEA Istituzioni politiche Consiglio europeo capi di Stato o di governo Consiglio rappresentanti dei governi a livello ministeriale Parlamento europeo rappresentanti dei popoli eletti a suffragio universale diretto Commissione membri nominati dai governi Istituzioni giudiziarie Corte di giustizia e giudici e avvocati generali Tribunale di primo grado nominati dai governi Corte dei conti membri nominati dal Consiglio Istituzioni monetarie Banca centrale europea membri nominati dai governi e governatori centrali

7 diritto tributario internazionale UNIONE EUROPEA CONSIGLIO composto dai rappresentanti dei vari Governi organo con natura esecutiva titolare principale del potere normativo di carattere primario delibera allunanimità COMMISSIONE presidente scelto dai Governi degli Stati ed approvato dal Parl.nto europeo presidente scelto dai Governi degli Stati ed approvato dal Parl.nto europeo 25 membri nominati dai Governi in consultazione con il presidente designato della stessa ed accettati 25 membri nominati dai Governi in consultazione con il presidente designato della stessa ed accettati durata 5 anni durata 5 anni redige proposte di leggi redige proposte di leggi rilevanti poteri di tipo amministrativo, es. vigi- lare sul rispetto degli obblighi comunitari da parte degli Stati e sullutilizzo dei finanziamenti erogati dallUE rilevanti poteri di tipo amministrativo, es. vigi- lare sul rispetto degli obblighi comunitari da parte degli Stati e sullutilizzo dei finanziamenti erogati dallUE PARLAMENTO composto dai … Approva il bilancio Funzione di controllo di natura politica sulloperato della Commissione (sebbene senza strumenti cogenti)

8 diritto tributario internazionale Commissione Consiglio Corte di Giustizia «Triangolo decisionale» dellUE Decisioni Regolamenti Direttive PE

9 diritto tributario internazionale CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA E TRIBUNALE DI PRIMO GRADO Il diritto comunitario è direttamente applicabile nei tribunali di tutti gli Stati membri dell'UE. In questo contesto, il ruolo della Corte di giustizia unitamente al Tribunale di primo grado, è quello di fornire protezione giuridica al sistema giuridico comunitario. Obiettivo principale: garantire che il diritto dell'UE venga rispettato conformemente all'interpretazione ed all'applicazione di entrambi i trattati e di tutte le attività comunitarie.

10 diritto tributario internazionale Funzioni e responsabilità della CGE Obiettivo principale: rafforzare la protezione giuridica degli individui e garantire un'interpretazione uniforme del diritto comunitario. In tal senso esercita un enorme influsso sullo sviluppo della legislazione comunitaria Responsabilità e competenze: intervenire nei conflitti tra Stati membri; intervenire nei conflitti tra l'UE e gli Stati membri; intervenire nei conflitti tra le istituzioni; intervenire nei conflitti tra i cittadini e l'UE; emettere pareri su accordi internazionali. I suoi interventi possono avere le seguenti forme: Ricorsi: per inadempienza; d'annullamento; in carenza; azioni di risarcimento; appelli; procedura pregiudiziale

11 diritto tributario internazionale RUOLO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA garantire losservanza del diritto comunitario nellinterpretazione e nellapplicazione dei Trattati istitutivi e delle fonti derivate: garantire losservanza del diritto comunitario nellinterpretazione e nellapplicazione dei Trattati istitutivi e delle fonti derivate: - si pronunciano, in via pregiudiziale, sulla validità degli atti compiuti dalle Istituzioni comunitarie e dalla BCE - interpretano il diritto comunitario (primario e derivato) le sentenze hanno efficacia inter partes (vincolano il giudice nazionale remittente a conformarsi, nella decisione del caso concreto e quanto alle questioni di diritto, alla soluzione giuridica prospettata dalla Corte) le sentenze hanno efficacia inter partes (vincolano il giudice nazionale remittente a conformarsi, nella decisione del caso concreto e quanto alle questioni di diritto, alla soluzione giuridica prospettata dalla Corte) se la statuizione ha ad oggetto una norma comunitaria direttamente applicabile, anche la sentenza della CGE avrà efficacia diretta se la statuizione ha ad oggetto una norma comunitaria direttamente applicabile, anche la sentenza della CGE avrà efficacia diretta

12 diritto tributario internazionale Fonti del diritto comunitario ANTE COSTITUZIONE ATTI DI NORMAZIONE PRIMARIA disposizioni dei Trattati istitutivi (principi fondamentali e disposizioni che regolano il funzionamento delle istituzioni comunitarie ATTI DI (NORMAZIONE) SECONDARIA Regolamento e Direttiva Parere Decisione Raccomandazione POST COSTITUZIONE LIVELLO PRIMARIO LIVELLO PRIMARIO legge europea (regolamento) legge quadro europea (direttiva) LIVELLO SECONDARIO regolamento europeo (atto non legislativo di portata generale volto allattuazione degli atti legislativi e di talune disposizioni della Costituzione)

13 diritto tributario internazionale DIRITTO PRIMARIO È composto dai trattati e altri accordi con uno status simile. Il diritto primario viene generato dai negoziati diretti tra i governi degli Stati membri, accordi previsti sotto forma di trattati e, quindi, soggetti alla ratifica dei parlamenti nazionali. I trattati istitutive delle Comunità europee sono stati modificati varie volte con i testi seguenti: l'Atto unico europeo (1987), il trattato dell'Unione europea chiamato il trattato di Maastricht (1992), il trattato di Amsterdam (1997) che è entrato in vigore il 1° maggio Nei Trattati si definiscono le funzioni e le responsabilità delle istituzioni e degli organismi dell'UE che partecipano ai processi decisionali, nonché le procedure legislative, esecutive e giuridiche che caratterizzano il diritto comunitario e la sua applicazione.

14 diritto tributario internazionale ART. 249 (EX 189) DEL TRATTATO CE paragrafo 1 Per lassolvimento dei loro compiti il Parlamento europeo congiuntamente con il Consiglio, il Consiglio e la Commissione adottano regolamenti e direttive, prendono decisioni, formulano raccomandazioni e pareri

15 diritto tributario internazionale Regolamento Hanno (quasi) sempre carattere normativo Ai sensi dellart. 249, comma 2, del Trattato UE: hanno portata generale sono obbligatori in tutti i loro elementi sono immediatamente e direttamente applicabili sia rispetto agli Stati sia rispetto ai singoli cittadini (efficacia verticale e orizzontale) regolamenti di esecuzione (per la loro attuazione da parte dellUe o degli Stati membri) portata territoriale in ciascuno degli Stati membri: è applicabile in tutti gli Stati ma può contenere disposizioni da applicare solo in uno o in alcuni Stati membri

16 diritto tributario internazionale Portata generale Connotato principale che lo distingue dagli altri atti, specie dalle decisioni (anche esse obbligatorie) Secondo la giurisprudenza della CGE al fine dellindividuazione del suddetto requisito: 1. non riveste importanza nè la forma in cui latto è stato emanato né la sua denominazione ma bisogna usare criteri oggettivi, ovvero oggetto e contenuto (C - 8/55) 2. Rileva il suo contenuto, dovendosi accertare se le disposizioni incidono individualmente e direttamente sulla situazione dei destinatari (C – 59/64). In conclusione: mentre la decisione è obbligatoria solo per i destinatari in essa indicati, il regolamento è applicabile ad una o più categorie di destinatari determinate astrattamente e nel loro complesso

17 diritto tributario internazionale Obbligatorietà e applicabilità diretta Connotato è obbligatorio in tutti i suoi elementi che distingue il R. dalla direttiva Va inteso nel senso della idoneità a prendere direttamente in considerazione e a disciplinare i rapporti ai quali si riferisce ovvero le sue norme devono essere osservate da tutti Secondo la CGE i R. impediscono agli Stati membri di emettere atti legislativi (nazionali) in quelle materie, nella misura in cui questi fossero incompatibili con norme comunitarie Questione: gli Stati membri possono adottare una legge nazionale con lo stesso contenuto del R. ? Lorientamento prevalente ritiene che si abbia una trasformazione automatica del regolamento in diritto interno senza bisogno di un apposito atto normativo e che non possono essere emanati leggi su quella materia, in quanto si sminuirebbe la competenza della Corte a pronunciarsi su qualsiasi questione di interpretazione del diritto comunitario (Causa Simmenthal)

18 diritto tributario internazionale Attribuzione immediata di diritti e obblighi ai privati Questa caratteristica discende dal requisito dellimmediata applicabilità, nel senso che non è necessario un apposito atto statale che li renda efficacia negli ordinamenti statali Sorge lobbligo per i giudici nazionali di dare ai diritti stessi la stessa tutela giurisdizionale prevista per lipotesi di diritti derivanti dalloridnamento interno

19 diritto tributario internazionale Direttiva Ai sensi dellart. 249, comma 3, del Trattato UE: vincolano solo gli Stati e solo in relazione al risultato da conseguire vincolano solo gli Stati e solo in relazione al risultato da conseguire gli Stati devono, entro il termine ivi indicato, emanare un provvedimento (legge) di attuazione gli Stati devono, entro il termine ivi indicato, emanare un provvedimento (legge) di attuazione efficacia immediata e diretta solo verso gli Stati? efficacia immediata e diretta solo verso gli Stati?

20 diritto tributario internazionale Direttiva self-executing La CGE ha stabilito la possibilità di applicare direttamente nellordinamento statale v/o i cittadini (efficacia verticale) una direttiva quando la stessa risulta: 1. chiara 2. incondizionata (lobbligo non è soggetto ad alcuna condizione né subordinato allinterno di un atto della CE o del singolo Stato) 3. sufficientemente precisa (obbligo non equivoco)

21 diritto tributario internazionale continua La Cge ha poi specificato che le direttive esecutive possono essere fatte valere davanti ai giudici nazionali sia se lo Stato non ha dato attuazione alla direttiva sia se lha eseguita in modo inadeguato Secondo la Corte Costituzionale le norme comunitarie direttamente applicabili prevalgono su quelle interne anche se non sono state espressamente abrogate

22 diritto tributario internazionale Decisioni È obbligatoria in tutti i suoi elementi per i destinatari da essa designayi È obbligatoria in tutti i suoi elementi per i destinatari da essa designayi portata individuale (e non generale) cioè è riferibile ai soli destinatari (sia Stati membri o singoli individui) portata individuale (e non generale) cioè è riferibile ai soli destinatari (sia Stati membri o singoli individui) Quando sono rivolte ai singoli individui sono atti amministrativi e quindi immediatamente applicabili Quando sono rivolte ai singoli individui sono atti amministrativi e quindi immediatamente applicabili obbligatorietà in tutti gli elementi obbligatorietà in tutti gli elementi In caso di intempestiva o mancata applicazione, efficacia diretta (se chiare e precise) In caso di intempestiva o mancata applicazione, efficacia diretta (se chiare e precise)

23 diritto tributario internazionale Raccomandazioni e pareri non sono vincolanti non sono vincolanti La r. ha lo scopo di ottenere che il destinatario tenga un determinato comportamento, giudicato più rispondente agli interessi comuni La r. ha lo scopo di ottenere che il destinatario tenga un determinato comportamento, giudicato più rispondente agli interessi comuni Il p. tende a fissare e rendere noto il punto di vista dellistituzione che lo emette Il p. tende a fissare e rendere noto il punto di vista dellistituzione che lo emette influenzano i giudici nazionali nellinterpretazione sia degli atti comunitari vincolanti sia delle norme nazionali influenzano i giudici nazionali nellinterpretazione sia degli atti comunitari vincolanti sia delle norme nazionali Effetto della liceità (dei comportamenti conformi a quelli raccomandati) Effetto della liceità (dei comportamenti conformi a quelli raccomandati)

24 diritto tributario internazionale Rapporti tra ordinamento nazionale e diritto comunitario Tesi monista Tesi monista Tesi dualista Tesi dualista Posizione della CGE Posizione della CGE Posizione della Corte costituzionale Posizione della Corte costituzionale

25 diritto tributario internazionale Soluzione condivisa dalla maggioranza principio della prevalenza delle norme comunitarie direttamente applicabili sul diritto nazionale (precedente e successivo) anche di fonte costituzionale principio della prevalenza delle norme comunitarie direttamente applicabili sul diritto nazionale (precedente e successivo) anche di fonte costituzionale il principio della prevalenza vale non solo per gli Stati ma anche per tutti i loro organi (Enti territoriali e Amministrazione) il principio della prevalenza vale non solo per gli Stati ma anche per tutti i loro organi (Enti territoriali e Amministrazione) disapplicazione delle norme interne (contrarie) e lapplicazione di quelle comunitarie disapplicazione delle norme interne (contrarie) e lapplicazione di quelle comunitarie

26 diritto tributario internazionale DIRITTO TRIBUTARIO COMUNITARIO Esiste a livello europeo un vero e proprio ordinamento fiscale?No Esso presupporrebbe lesercizio di una potestà impositiva da parte dellUnione Esist Esistono unicamente un insieme di regole europee di carattere fiscale, volte ad indirizzare la fiscalità interna degli Stati

27 diritto tributario internazionale Politica fiscale comunitaria come politica negativa: Obiettivo prevenire le misure che possano ostacolare le libertà fondamentali di circolazione allinterno dellUE

28 diritto tributario internazionale orientamento in materia fiscale Divieto di discriminazione e libertà di stabilimento: La sussistenza di disposizioni discriminatorie costituisce un deterrente alla libera circolazione di servizi, persone, capitali e merci


Scaricare ppt "Diritto tributario internazionale. Le fonti del diritto tributario internazionale Ai sensi dell 38 dello Statuto della Corte internazionale di Giustizia:"

Presentazioni simili


Annunci Google