La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Anno accademico 2010-2011. Capire in cosa consiste il lavoro dello storico Ripercorrere la storia della città affrontando temi di riflessione sulle grandi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Anno accademico 2010-2011. Capire in cosa consiste il lavoro dello storico Ripercorrere la storia della città affrontando temi di riflessione sulle grandi."— Transcript della presentazione:

1 Anno accademico

2 Capire in cosa consiste il lavoro dello storico Ripercorrere la storia della città affrontando temi di riflessione sulle grandi caratteristiche delletà contemporanea Cogliere motivi di continuità e di cambiamento

3 Hohenberg P.M. –Lees L.H.: La città europea dal Medioevo a oggi, ed. Laterza, Bari 1987, limitatamente alle pp Zucconi G., La città dellOttocento, ed. Laterza, Bari 2001

4 S. Vicari Haddock, La città contemporanea, Il Mulino, 2004 A. Mioni, Le trasformazioni territoriali in Italia nella prima età industriale, Marsilio ed limitatamente alle pagine: ,

5 La storia, la città e la storiografia urbana Dalla protoindustria alla fabbrica Demografia e urbanizzazione Sviluppo urbano e sistemi urbani Conseguenze umane dellurbanizzazione industriale Un caso di trasformazione urbana contemporanea: Berlino

6 Il termine istoria in greco significa: indagine, inchiesta, curiosità... In Italiano il termine può assumere diversi significati secondo il contesto: Storia intesa come studio degli avvenimenti del passato Storia intesa come serie di vicende personali Storia intesa come narrazione di una racconto fantastico Storia intesa come racconto inventato

7 Il passato è come un paese straniero, dove fanno le cose in modo diverso da come ce le immaginiamo. Significa che anche se si riesce a ricostruire il succedersi esatto degli eventi, mancherà sempre qualcosa alla nostra ricostruzione.

8 Due cose dovevano risultare particolarmente chiare: La prima è che noi non disponiamo, come le scienze naturali, del mezzo del lesperimento; che indaghiamo e che non possiamo far altro che indagare. Laltra, che lindagine più approfondita non può contenere se non unimmagine frammentaria del passato; che la storia e la nostra conoscenza di essa differiscono immensamente... Otteniamo così non unimmagine dellaccaduto in sé, ma della nostra concezione ed elaborazione intellettuale di esso. E il nostro surrogato [Droysen ].

9 La percezione del passato nelle sue tracce documentali è unosservazione nel senso forte del termine; perché osservare non significa mai registrare un fatto grezzo. il documento deve essere interrogato, costretto a parlare; lo storico deve ricercare il suo significato deve formulare unipotesi di lavoro questa ricerca è fondamentale perché innalza nello stesso tempo la traccia alla dignità di documento significativo e il passato stesso alla dignità di fatto storico.

10 innalza la traccia alla dignità di documento significativo il passato stesso alla dignità di fatto storico.

11

12 Per scienza intendiamo un complesso organico e sistematico delle conoscenze che si posseggono intorno ad un determinato ordine di fenomeni. La storia è una scienza poiché possiede tali caratteristiche. I criteri di base che attribuiscono scientificità alla storia sono la ricerca e la verifica dei documenti e delle fonti Ciò non esclude una componente di soggettività della storia. Lo storico che analizza e interpreta le vicende del passato non può prescindere dalla propria esperienza e mentalità

13

14

15

16

17

18 Lo storico vuol cogliere il cambiamento. Ma nella pellicola che prende in esame, soltanto lultimo fotogramma è intatto. Per ricostruire i tratti sfocati degli altri, è stato necessario anzitutto svolgere la bobina in senso inverso a quello seguito nella ripresa [Marc Bloch ].

19 Studiare la civiltà in cui viviamo: «comprendere il presente mediante il passato e comprendere il passato mediante il presente» Alla storia premono il distacco, il contrasto, le prospettive.

20 Tempo: lo storico vede le cose non solo come sono, ma anche come sono divenute Pluralità del tempo storico: esiste una molteplicità di tempi storici

21 La vita, la storia del mondo, tutte le storie particolari si presentano a noi la forma di una serie di avvenimenti: cioè di atti sempre drammatici e brevi. Una battaglia, un incontro di uomini di Stato, un discorso importante, una lettera dimportanza decisiva, sono delle istantanee di storia. Ho conservato il ricordo di essermi trovato avvolto una notte, presso Bahia, da un fuoco dartificio di lucciole fosforescenti; le loro luci brillavano, si spegnevano, brillavano di nuovo, senza squarciare la notte di veri chiarori. Così gli avvenimenti: al di là del loro bagliore loscurità rimane vittoriosa (...)

22 Il tempo degli uomini quello della nostra vita breve e intenso Il tempo delle società per il quale una giornata, un anno, non significano molto, (per il quale, talvolta, un secolo intero non è che un istante di vita. (...) Il tempo geografico Del resto, vi è, più lenta ancora della storia delle civiltà, pressoché immobile una storia degli uomini nei loro stretti rapporti con la terra che li regge e li nutre; è un dialogo che non cessa di ripetersi, che si ripete per durare, che può cambiare e cambia in superficie, ma prosegue, tenace, come se fosse al di fuori della portata e del morso del tempo.


Scaricare ppt "Anno accademico 2010-2011. Capire in cosa consiste il lavoro dello storico Ripercorrere la storia della città affrontando temi di riflessione sulle grandi."

Presentazioni simili


Annunci Google