La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lingua Italiana XII Percezione e descrizione: originalità e creatività della lingua.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lingua Italiana XII Percezione e descrizione: originalità e creatività della lingua."— Transcript della presentazione:

1 Lingua Italiana XII Percezione e descrizione: originalità e creatività della lingua

2 La ricerca dellespressione

3 Testi da immagini, testi per immagini: Foscolo, Le Grazie Alle Grazie immortali le tre di Citerea figlie gemelle è sacro il tempio, e son d'Amor sorelle; nate il dì che a' mortali beltà ingegno virtù concesse Giove, onde perpetue sempre e sempre nuove le tre doti celesti e più lodate e più modeste ognora le Dee serbino al mondo. Entra ed adora.

4 Antonio Canova, Le tre Grazie

5 Testi da immagini, testi per immagini: lOfficiolum di Francesco da Barberino

6 Integrazione testo-immagine Scuola romana, Ascanio con la fiamma, Enea e Creusa, miniatura, "Virgilio Vaticano", Vat. Lat.3225, f.22, B.A.V., Città del Vaticano

7 Un esempio di integrazione e interazione testo/immagine

8 Connotazione dellimmagine: immagini depoca

9 Immagini depoca (2) G.B. Piranesi, Vedute di Roma

10 Turismo e letteratura: il Viaggio in Italia di J. W. Goethe ( ) «In un paese dove si gode di giorno, ma si è felici soprattutto di sera, è sempre un grande momento il cader della notte. Allora cessa il lavoro, il passeggero fa ritorno, il padre vuol vedere a casa la figlia; la giornata ha termine; ma cosa sia il giorno noi Cimmeri praticamente non lo sappiamo. Nelleterna nebbia, nel perpetuo grigiore, per noi è lo stesso che sia giorno o notte; giacché quanto a lungo possiamo realmente andare in giro e goderci laria libera?»

11 J.W. Goethe, Veduta del Vesuvio (disegno originale)

12 Verona vista da Guido Piovene Mescolata ed impura, Verona è vibrazione, è irradiazione, è colore, arte divenuta paesaggio e confusa al paesaggio, miraggio di città romantica. Verona fu romana, gota, poi bizantina e longobarda. La tennero i Carolingi e gli imperatori tedeschi; fu un glorioso Comune e una gloriosa Signoria. Fu scaligera, viscontea, veneziana. (Viola, p. 173)

13 Verona vista da Castel S. Pietro (da

14 Guido Gozzano, Torino da I colloqui (1911), cfr. Viola, p. 49] Come una stampa antica bavarese vedo al tramonto il cielo subalpino... Da Palazzo Madama al Valentino ardono l'Alpi tra le nubi accese... È questa l'ora antica torinese, è questa l'ora vera di Torino... L'ora ch'io dissi del Risorgimento, l'ora in cui penso a Massimo d'Azeglio adolescente, a I miei ricordi, e sento d'essere nato troppo tardi... Meglio vivere al tempo sacro del risveglio, che al tempo nostro mite e sonnolento!

15 Veduta di Torino con le Alpi sullo sfondo

16 Letteratura e identità territoriale: Francesco Biamonti (1928-) «Per scendere sulla piazza prese un carruggio a svolte in cui il vento non entrava d'infilata. Si ricordava che portava a una piazzola detta la «porta della madonna» (una statua era murata sotto il cornicione della chiesetta) e dalla piazzola si scendeva per una scalinata alla piazza grande. Il carruggio era ormai disabitato: porte sbarrate, porte aperte sul vuoto, finestre semidivelte... nulla di male: nidi di miseria spariti! Nidi di silenzio, ora, e di topi. Avrigue era decisamente in decadenza: vi regnava la fame di sempre che ora pareva insormontabile, e i giovani se ne andavano.»

17 La Liguria di Biamonti


Scaricare ppt "Lingua Italiana XII Percezione e descrizione: originalità e creatività della lingua."

Presentazioni simili


Annunci Google