La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PE e interazioni con la contestuale assunzione di farmaci (sintetici e naturali ) Alcuni esempi: Legame con il farmaco in vivo e perdita dell'effetto Mutuo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PE e interazioni con la contestuale assunzione di farmaci (sintetici e naturali ) Alcuni esempi: Legame con il farmaco in vivo e perdita dell'effetto Mutuo."— Transcript della presentazione:

1 PE e interazioni con la contestuale assunzione di farmaci (sintetici e naturali ) Alcuni esempi: Legame con il farmaco in vivo e perdita dell'effetto Mutuo antagonismo o agonismo livello dello stesso sito d'azione o sullo stesso sistema fisiologico (Competizione) Interferenze con l'assorbimentoa. pH gastrointestinale b. svuotamento e motilità gastrointestinale c. legame e chelazione del farmaco d. effetti tossici sul tratto gastrointestinale e. competizione con siti di assorbimento attivo Modificazione del metabolismo del farmaco a. induzione b. inibizione c. cambiamenti del flusso sanguigno epatico Interferenza con l'escrezione biliare e la circolazione enteroepatica Modificazioni dell'escrezione renalea. interferenza con l'escrezione renale b. competizione per i meccanismi di secrezione tubulare attiva c. cambiamenti del pH urinario Interazioni il cui meccanismo è sconosciuto Da: Garattini e Nobili. Interazioni tra farmaci, Selecta Medica, Pavia Interazione farmacodinamica Interazione farmacocinetica Assorbimento, distribuzione, metabolismo, eliminazione Azione sullo stesso sistema recettoriale Schema generale

2 Interazioni specifiche PE (droga) – farmaco convenzionale Considerazioni generali -Le interazioni più evidenti e le più semplici da determinare sono quelle tra PE (in genere) e farmaci sistemici più utilizzati (es. Warfarin; salicilati; FANS, antinfiammatori steroidei) - Le interazioni vengono divulgate dalla pubblicazione di case reports (aspetti critici: es. ridotto numero di pazienti campione): 68.5% delle interazioni tra PE e farmaco ‘non è valutabile’ 18.5% interazione ‘possibile’ (interazioni segnalate che possono essere attribuite anche ad altri elementi) 13% interazione ‘ben documentata’ Br. J. Clin. Pharmacol., 2001.La pubblicazione di un solo case reports non è una prova ma la dimostrazione della possibilità di intetrazione

3 Interazione farmacocinetica: PE (farmaco naturale)-farmaco convenzionale Fase di assorbimento (tratto gastrointestinale) -Formazione di complessi insolubili o adsorbimento del farmaco su sostanze vegetali non assorbibili (es. crusca, ispagula e riduzione di livelli plasmatici di digossina e lovastatina). Alcaloidi e tannini: precipitazione alcaloidi. Alcaloidi e salicilati o citrati: insolubilità di alcaloidi. Flavonoidi (es. biancospino) e tannini: precipitazione flavonoidi (no case reports) -Modificazione pH gastrico: no case reports.. in linea teorica: droghe ad amari (aumento secrezione gastrica)=aumento assorbimento di un farmaco acido nella forma non ionizzata. -Modificazione motilità gastrointestinale.Gomma guar riduce lo svuotamento gastrico=ridotta concentrazione plasmatica di digossina. Aumento della velocità di transito (droghe lassative) = picchi ematici e precoci per farmaci assorbiti nel primo tratto intestinale. Variazione dell’assorbimento per aumentata velocità di transito Fase del metabolismo (fegato come organo prevalentemente interessato). Reazioni di Fase I: ossidazione, riduzione, idrolisi. Reazioni di Fase II: reazioni di coniugazione -Induzione enzimatica: sintesi ex novo di enzimi microsomiali = riduzione progressiva dell’efficacia del farmaco. Tempo: 2-3 settimane. Esempi: Iperforina, Aglio (DAD, DAS): aumento sintesi di citocromo P450 (CYP3A4) -Inibizione enzimatica: persistenza delleffetto farmacologico, accumulo. Succo di pompelmo (semi in particolare): furocumarine (bergamotina) e prodotti di dimerizzazione. Olio essenziale di menta. Mirtillo rosso americano (foglie e frutti)

4 Principio attivoIsoformaIn vitro/in vivoEffetto α-ederinaCYP1A1/2in vitroinibizione α-ederinaCYP2B1/2in vitroinibizione acido oleanoicoCYP1A1/2 in vivoinibizione acido oleanoicoCYP2A in vivoinibizione acido oleanoicoCYP2E1 in vivoinibizione aglioCYP2E1 in vivoinibizione aglioCYP1A1/2 in vivoinduzione aglioCYP1B1/2 in vivoinduzione aglioCYP3A4 in vivoinduzione emodinaCYP1A1/2 in vivoinduzione emodinaCYP1B1/2 in vivoinduzione flavanoni, flavoniCYP2B1/2 in vivoinduzione quercetina, apigeninaCYP1A1/2in vitroinduzione glicirrizinaCYP3A4 in vivoinduzione iperforinaCYP2B6in vitroinduzione iperforinaCYP3A4in vitroinduzione piperinaCYP1A1/2 in vivoinduzione piperinaCYP2B1/2 in vivoinduzione piperinaCYP2E1 in vivoinduzione rutacarpinaCYP1A1/2 in vivoinduzione Effetto di alcuni principi attivi vegetali su alcune isoforme del CYP450 (da: Zhou et al., Drug. Met. Rev. 35:35-98)

5 Fase di eliminazione (organo di maggiore interazione: rene) -Principi attivi che incrementano la diuresi (mannitolo, droghe caffeiche)=aumento eliminazione farmaco (in linea teorica) - Salvia cinese (Salvia miltiorrhiza) diminuzione eliminazione warfarina - coinvolgimento della glicoproteina P Interazioni farmacodinamiche: PE (farmaco naturale)-farmaco convenzionale -Dirette (competitive): farmaco e PE agiscono sullo stesso recettore o sistema enzimatico. Effetto sinergico (agonista o antagonista) Additivo: Iperico (inibizione della ricaptazione della serotonina) e antidepressivi serotoninergici >>> accumulo di serotonina in alcune zone cerebrali Antagonista: Kawa kawa (Piper methysticum, kawapironi ad azione anti- dopaminergica) e levodopa (az. Dopaminergica, anti-Parkinson); vitamina K (es. tè) riduce l’effetto del warfarin. Es. farmaci dopaminergici derivati dell’ergot: Bromocriptina (Parlodel), Cabergolina (Cabaser), Diidroergocriptina (Daverium), ecc. Kawapirone -Indirette (non competitive): farmaco e PE influenzano lo stesso sistema fisiologico. Anticoagulanti con PE antiaggreganti piastrinici (aglio, ginkgo, zenzero con aspirina, warfarina) Droghe che contengono cumarine: 4-idrossicumarina può essere convertita in dicumarolo Trifoglio (Melilotus officinalis provoca sanguinamento nel bestiame erbivoro; attenzione verso boldo, fieno greco e salvia cinese (Salvia miltiorrhiza)

6 Ruolo della glicoproteina P nell’interazione tra PE e farmaco convenzionale Glicoproteina di membrana coinvolta con un meccanismo di pompa della distribuzione sistemica dei farmaci, tossine e sostanze cancerogene nei vari organi -Funzione protettiva influenzando il trasporto tran-sepiteliale di sostanze esogene ed endogene -Responsabile di fenomeni di resistenza in caso di chemioterapia -Prevalentemente studi in vitro tranne che per iperico e pompelmo: studi clinici su volontari sani (vedi file Pharm_plant_interaction.pdf e tabella di seguito) -frequente associazione tra PE che interferiscono con CYP e anche con glicoproteina P

7 Droga/derivato vegetaleAttività su GpPEffetto aglioinibizioneriduzione concentrazione plasmarica saquinavir (antiretrovirale) bergamotinainibizioneprobabilmente uno dei composti responsabili delle interazioni del succo di pompelmo biancospinoinibizionelieve diminuzione (cmq non significativa) della concentrazione plasmatica della digossina tè verde (catechine)inibizionenon noto Curcuminainibizionenon noto diidrossibergamotinainibizioneprobabilmente uno dei composti responsabili delle interazioni del succo di pompelmo ginsenosidiinibizionenon noto iperforinainduzioneuno dei composti responsabli delle interazioni dell'iperico iperico*induzioneriduzione della concentrazione plasmatica di ciclosporina, digossina, fexofenadina (antistaminico non sedativo), indinavir (antiretrovirale), irinotecano (antitumorale), metadone (oppioide sintetico) piperina (alcaloide del pepe nero) inibizioneaumento concentrazione plasmatica di fenitoina (antiepilettico), rifampicina (antibiotico semisintetico derivato dalla Amycolaptosis rifamycinica) pummelo (Citrus maxima)inibizionenon noto quercetinainibizionenon noto rosmarinoinibizionenon noto silimarinainibizionelieve diminuzione (cmq non significativa) della concentrazione plasmatica dell'indinavir succo d'aranciainibizionenon noto succo di pompelmo*inibizioneaumento della concentrazione plasmatica di ciclosporina, diltiazem (antiipertensivo calcio antagonista), fexofenadina, nicardipina (antiipertensivo calcio antagonista), terfenadina (profarmaco antistaminico non sedativo trasformato in fexofenadina da CYP3A4), saquinavir, verapamile (antipertensivo calcio antagonista) *studi clinici Effetto di alcuni composti vegetali (principi attivi e droghe) sulla glicoproteina P da: Zhou et al., Drug Met Rev, 36: 1-48)

8 Interazioni tra alimenti e farmaci -Interazione farmacocinetica:. a livello dellassorbimento: il volume di cibo può essere tale da ridurre/impedire lassorbimento dei PE o dei farmaci. Fe e Ca si legano a PA vegetali e farmaci riducendone lassorbimento (latte e tetracicline o metotrexato). Verdure (broccoli, cavolfiori, cavoli) provocano diminuzione plasmatica di fenacetina (analgesico); aumento della sintesi di citocromo P450 -Interazione farmacodinamica:.bevande caffeiche possono potenziare effetti anoressizzanti, farmaci contro l’obesità; antagonizzare farmaci ansiolitici e sedativi. Cibi ricchi di potassio (banane, ananas, pomodori) se assunti contestualmente a diuretici risparmiatori di potassio o ACE-inibitori possono provocare iperpotassiemia. Cibi ricchi di vit. K (cavolfiori, spinaci, fagioli, rape, lattuga, pesce) possono ridurre gli effetti della warfarina. Bevande alcoliche aumentano gli effetti sedativi di psicofarmaci (benzodiazepine, triciclici antidepressivi, barbiturici, oppioidi)

9

10 Farmaci sedativi del sistema nervoso Se si associa una terapia di farmaci sedativi con estratti di valeriana (Valeriana officinalis), si potrebbe creare un sinergismo ed avere un eccessivo effetto calmante. Farmaci immunosoppressori Dopo un trapianto, quando si è costretti a sopprimere le difese immunitarie con farmaci immunosoppressori, per evitare il rigetto, non assumere ginseng e eleuterococco e nessuna delle tre specie di Echinacea in commercio (E. purpurea, E. angustifolia e E. pallida), tutte specie con proprietà immunostimolanti aspecifiche, perché l’uso contemporaneo ridurrebbe l’efficacia dei farmaci ed aumenterebbe le probabilità di rigetto.

11 Farmaci contro l’acidità gastrica Se si assumono farmaci per curare l’eccesso di acidità gastrica, evitare il consumo di achillea (Achillea millefolium) le cui sommità fiorite in tisane vengono usate contro la dismenorrea e la colite spastica; e l’assunzione dell’artiglio del diavolo (Harpagophytum procumbens), antinfiammatorio e antidolorifico nelle malattie reumatiche.

12 Farmaci antiaritmici, glucosidi digitatici Per chi ha problemi cardiaci e fa uso di farmaci antiaritmici a base di glucosidi digitatici, dovrebbe evitare il consumo di alcune erbe che modificano l’equilibrio acido-base e idrosalino nell’organismo, tra cui la liquirizia (Glycyrrhiza glabra), la verga d’oro (Solidago virgaurea), ed alcune piante ad azione lassativa come la senna (Cassia angustifolia) e la frangula (Rhamnus frangula). Mentre l’uso del biancospino (Crataegus monogyna) è sconsigliato in quanto ne potenzierebbe l’effetto. Per qualsiasi farmaco Alcune piante possono ridurre o alterare l’assorbimento dei medicinali e modificandone l’efficacia: il pompelmo (Citrus maxima) contiene flavonoidi in grado di inibire gli enzimi intestinali che metabolizzano i farmaci; l’altea (Althaea officinalis) contiene nelle radice mucillagini che formano una certa viscosità che rende i medicinali meno assimilabili; l’iperico (Hypericum perforatum) contiene nelle sommità fiorite alcuni principi attivi come l’ipericina, l’iperforina ed i flavonoidi, utili per il trattamento degli stati ansiosi e delle lievi depressioni, ma interagisce anche con degli enzimi che metabolizzano i farmaci, compresi i contraccettivi orali, riducendone l’effetto terapeutico.


Scaricare ppt "PE e interazioni con la contestuale assunzione di farmaci (sintetici e naturali ) Alcuni esempi: Legame con il farmaco in vivo e perdita dell'effetto Mutuo."

Presentazioni simili


Annunci Google