La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Acidi nucleici Trasmettono l’informazione ereditaria e determinano quali proteine debbano essere sintetizzate dalla cellula.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Acidi nucleici Trasmettono l’informazione ereditaria e determinano quali proteine debbano essere sintetizzate dalla cellula."— Transcript della presentazione:

1 Acidi nucleici Trasmettono l’informazione ereditaria e determinano quali proteine debbano essere sintetizzate dalla cellula

2 Gli acidi nucleici L’acido desossiribonucleico( DNA) contiene l’informazione genetica che sara’ tradotta nella sequenza aminoacidica delle proteine Questa informazione e’ racchiusa in unita’ chiamate geni L’acido ribonucleico( RNA) e’ conivolto nel meccanismo cellulare che sceglie e lega gli aminoacidi nella giusta sequenza Il dogma centrale: DNA RNA proteine DNA e RNA sono polimeri di nucleotidi

3

4 Nucleotidi – Funzioni molteplici Monomeri che costituiscono gli acidi nucleici Alcuni di essi (ATP) svolgono un ruolo centrale negli scambi di energia all’interno delle cellule Altri svolgono funzioni di regolazione Processi di utilizzazione degli zuccheri all’interno delle cellule

5

6 Idrolisi dell’ATP avviene tramite l’enzima ATPasi

7

8

9

10

11

12 Legame a idrogeno

13 Legame fosfodiesterico

14

15

16

17 ROSALIND FRANKLIN X-RAY CRYSTALLOGRAPHIC STRUCTURE OF DNA DNA SAMPLE X-RAY SOURCE LEAD SCREENPHOTOGRAPHIC PLATE BEAM OF X-RAYS

18

19 Dagli esperimenti di diffrazione ai raggi X: 3 importanti misure periodiche che si ripetono nella molecola di DNA con regolarita’: 0.34 nm, 3.4 nm, 2nm

20 2 nm

21

22 Il DNA e’ la sostanza nella quale e’ depositata l’informazione genetica di tutte le cellule e che trasporta tale informazione da una generazione cellulare ad un’altra. L’informazione e’ registrata nella sequenza dei nucleotidi lungo la catena polinucleotidica

23 Caratteristiche necessarie allo svolgimento delle sue funzioni se introdotto, in opportune condizione, in una cellula, e’ in grado di modificarne le caratteristiche genetiche e’ presente in tutte le cellule in grado di riprodursi la sua quantita’ e’ costante in tutte le cellule di un organismo struttura chimica che gli consente di contenere una quantita’ illimitata di informazione si puo’ duplicare con facilita’ molecola sufficientemente stabile per assicurare la costanza dell’ informazione genetica

24

25 Duplicazione semiconservativa del DNA Il modello suggerisce che, poiche’ le coppie di nucleotidi si appaiano in modo complementare, ogni filamento di DNA possa servire da stampo per la sintesi del filamento opposto. infatti e’ sufficiente rompere i legami idrogeno per separare le 2 eliche; successivamente ogni emielica potrebbe appaiarsi per complementarieta’ con nuovi nucleotidi e cosi’ ricostruire due nuove molecole a doppia elica, ciascuna identica alla molecola originaria, costituite da un filamento parentale e da uno complementare di nuova sintesi Enzima : DNA polimerasi

26

27

28

29 La replicazione del DNA inizia in specifici punti chiamati Origini della replicazione che sono riconosciuti da proteine specifiche e che generalmente sono ricchi in A-T

30 Le DNA polimerasi hanno diverse limitazioni Le Dna polimerasi non sono in grado di “ sciogliere” la doppia elica del DNA e quindi separare le due eliche che devono essere copiate Tutte le DNA polimerasi conosciute sono in grado di allungare strand di DNA o RNA preesistenti e non sono in grado di iniziare una catena Le 2 eliche del DNA hanno opposta polarita’, ma la DNA polimerasi catalizza l’aggiunta dei nucleotidi solo al 3’ OH di una catena gia’ presistente, quindi la sintesi avviene solo in direzione 5’ 3’

31 Principi generali della replicazione del DNA le eliche del DNA devono essere mantenute separate durante la duplicazione la sintesi del DNA procede sempre in direzione 5’ 3’ la sintesi del DNA necessita di un primer di RNA la replicazione del DNA avviene in modo discontinuo su un filamento e continuo sull’altro la sintesi del DNA e’ in genere bidirezionale

32 Principi generali della replicazione del DNA le eliche del DNA devono essere mantenute separate durante la duplicazione la sintesi del DNA procede sempre in direzione 5’ 3’ la sintesi del DNA necessita di un primer di RNA la replicazione del DNA avviene in modo discontinuo su un filamento e continuo sull’altro la sintesi del DNA e’ in genere bidirezionale

33 Lo svolgimento della doppia elica avviene grazie a degli enzimi, elicasi, che, camminando lungo l’elica, separano i filamenti

34 Proteine destabilizzatrici dell’elica si legano al DNA di ogni singolo filamento per evitare che si ricostituisca la doppia elica

35 Poiche’ le molecole del DNA sono molto lunghe e sottili e’ necessario che venga allentata la tensione dovuta allo svolgimento dei filamenti. Speciali enzimi, chiamati topoisomerasi, operano dei tagli nel DNA, su una o entrambe le emieliche, e poi saldano i filamenti cosi’ che siano liberi dai nodi che impedirebbero la replicazione

36 Principi generali della replicazione del DNA le eliche del DNA devono essere mantenute separate durante la duplicazione la sintesi del DNA procede sempre in direzione 5’ 3’ la sintesi del DNA necessita di un primer di RNA la replicazione del DNA avviene in modo discontinuo su un filamento e continuo sull’altro la sintesi del DNA e’ in genere bidirezionale

37 La sintesi del DNA puo’ procedere solo in direzione 5’-3’. L’estremita’ 3’ di uno dei nuovi filamenti si allunga sempre verso la forca di replicazione e la sua sintesi procede senza interruzioni per cui esso viene chiamato filamento guida Il terminale 3’ dell’altro filamento di nuova sintesi, chiamato filamento in ritardo, si allunga invece sempre nella direzione opposta all’avanzamento della forca di replicazione per cui viene sintetizzato sotto forma di corti frammenti di DNA chiamati frammenti di Okasaki

38 Principi generali della replicazione del DNA le eliche del DNA devono essere mantenute separate durante la duplicazione la sintesi del DNA procede sempre in direzione 5’ 3’ la sintesi del DNA necessita di un primer di RNA la replicazione del DNA avviene in modo discontinuo su un filamento e continuo sull’altro la sintesi del DNA e’ in genere bidirezionale

39 La primasi e’ un enzima che, polimerizzando ribonucleotidi in direzione 5’-3’, sintetizza un innesco, cioe’ una piccola molecola di RNA che fornisce il primo 3’ OH libero per la DNA polimerasi. Successivamente l’innesco viene degradato da enzimi specifici e sostituito da DNA

40 L’inizio della sintesi per entrambi i filamenti richiede un primer di RNA

41 Principi generali della replicazione del DNA le eliche del DNA devono essere mantenute separate durante la duplicazione la sintesi del DNA procede sempre in direzione 5’ 3’ la sintesi del DNA necessita di un primer di RNA la replicazione del DNA avviene in modo discontinuo su un filamento e continuo sull’altro la sintesi del DNA e’ in genere bidirezionale

42 La sintesi di ogni frammento di Okasaki viene iniziata da un RNA primer sul filamento in ritardo ed ogni frammento e’ allungato da una DNA polimerasi. Quando un frammento incontra quello sintetizzato precedentemente, la DNA polimerasi, che ha anche attivita’ esonucleasica, degrada l’RNA primer. Succes sivamente una ligasi lega i frammenti tra loro

43

44 Principi generali della replicazione del DNA le eliche del DNA devono essere mantenute separate durante la duplicazione la sintesi del DNA procede sempre in direzione 5’ 3’ la sintesi del DNA necessita di un primer di RNA la replicazione del DNA avviene in modo discontinuo su un filamento e continuo sull’altro la sintesi del DNA e’ in genere bidirezionale

45 La sintesi procede in entrambe le direzioni da ogni origine fino a che “ bolle di replicazione” adiacenti non si incontrano

46

47

48 Se lo spazio fosse lasciato vuoto il DNA diverrebbe progressivamente più corto ad ogni replicazione.

49

50

51 La Telomerasi La telomerasi è un enzima ribonucleoproteico La telomerasi è un complesso ribonucleoproteico costituito da una componente ad RNA e da un complesso multiproteico,che funziona nell'insieme come una trascrittasi inversa e che con un meccanismo particolare allunga l’estremita’ del DNA “ monco” Attiva solo durante la vita fetale e nelle cellule tumorali

52 Il filamento OH-3’ risultante (detto G-rich strand) è più lungo del complementare, e forma una sporgenza (detta G-overhang) che si attorciglia a formare un loop con appaiamenti insoliti G·G, probabilmente per proteggere l’estremità da attacchi nucleasici.

53 (TTAGGG) N sequence In tutti gli eucarioti, i telomeri sono costituiti da un filamento di DNA, più lungo dell'altro, ricco in G che termina con un'estremità libera 3'OH, questo filamento, detto overhang (sporgente), è più lungo di nt e può ripiegarsi su sé stesso formando una forcina.

54 DNA polimerasica: attivita’ polimerasica 5’-3’ attivita’ esonucleasica 3’-5’

55

56 Lo Xeroderma pigmentoso è una malattia ereditaria dovuta a mutazioni di geni preposti alla riparazione del DNA. I pazienti affetti da tale patologia non sono in grado di riparare i danni che le radiazioni ultraviolette inducono nel DNA, e sono predisposti all’insorgenza di tumori maligni della pelle

57 Trascrizione e traduzione

58 Come puo’ il DNA influire sul fenotipo di un organismo???? Attraverso un processo definito espressione genica, che consiste in una serie di eventi attraverso cui l’informazione contenuta nel DNA viene decodificata e utilizzata per la sintesi delle proteine. Queste influiscono sul fenotipo in modi diversi.

59 Tappe dell’espressione genica Trascrizione l’informazione contenuta nel DNA viene trascritta in RNA che funge da intermediario tra DNA e proteine Traduzione l’informazione trascritta nell’mRNA viene convertita nella sequenza di aminoacidi di una proteina

60

61 Componenti strutturali di un gene: Promotore: inizio trascrizione Tripletta d’inizio ATG (AUG nel RNA) Sequenza codificante ( esoni, introni) Tripletta di stop per terminare la trascrizione TAA, TAG, TGA Sito per la fine della trascrizione

62 L’RNA polimerasi inizia la trascrizione dopo essersi legata ad una sequenza di DNA detta promotore ; il promotore non e’ trascritto. A differenza della sintesi del DNA, la sintesi dell’RNA non richiede un primer.

63 Fasi della trascrizione Gene: segmento di DNA che codifica una proteina (che viene trascritto) L’inizio del gene è contrassegnato da una speciale sequenza Le due eliche si separano e l’RNA polimerasi si aggancia al segmento di controllo La polimerasi costruisce la catena di RNA complementare al gene (U invece di T!) Quando incontra il segnali di stop RNA polimerasi e RNA si separano

64 la trascrizione avviene in direzione 5’- 3’ la trascrizione inizia sul DNA a valle della sequenza del promotore a cui l’RNA polimerasi si attacca solo uno dei 2 filamenti e’ trascritto per un certo gene, ma il filamento opposto puo’ essere trascritto per un altro gene

65 RNA che vengono trascritti nella cellulla eucariotica L’RNA messaggero (mRNA) porta le informazioni copiate dal DNA sotto forma di una serie di parole a tre lettere chiamate codoni L’RNA transfer (tRNA) decifra il codice e sceglie l’aminoacido specifico L’RNA ribosomale (rRNA) si associa con un set di proteine per formare i ribosomi, strutture che collegano tra loro tutti i componenti essenziali al processo di traduzione

66 Un gene che codifica per una molecola di mRNA, e quindi per una proteina, viene detto gene strutturale. Esistono trascritti di altri geni sotto forma di RNA che rappresentano prodotti finali dell’espressione genica e che non fungono come molecole messaggere tra DNA e proteina, cioè, non vengono mai tradotti in proteine. I geni che codificano per il tRNA, l’rRNA e l’snRNA appartengono a questo tipo di geni.

67 Il DNA è una struttura stabile che si ritrova pressoché immutata al termine della riproduzione cellulare, mentre i trascritti di mRNA dovuti ai geni hanno un’esistenza limitata nel tempo, essendo degradati da enzimi cellulari, le ribonucleasi.

68 interfase mitosi Duplicazione del DNA Trascrizione e traduzione si verificano durante tutto il ciclo cellulare

69

70 RNA che vengono trascritti nella cellulla eucariotica L’RNA messaggero (mRNA) porta le informazioni copiate dal DNA sotto forma di una serie di parole a tre lettere chiamate codoni L’RNA transfer (tRNA) decifra il codice e sceglie l’aminoacido specifico L’RNA ribosomale (rRNA) si associa con un set di proteine per formare i ribosomi, strutture che collegano tra loro tutti i componenti essenziali al processo di traduzione

71

72 Il codice genetico é a triplette (codoni) Per stabilire la corrispondenza fra 4 nucleotidi e 20 aminoacidi il numero minimo di nucleotidi che occorre prendere in sequenza per avere almeno 20 combinazioni é 3 (64 possibili triplette o codon). Le lettere del codice genetico sono quindi i codon. Il Codice genetico DNA: sequenza di 4 nucleotidi differenti Proteina: sequenza di 20 aminoacidi diversi La corrispondenza tra nucleotidi di DNA e aminoacidi e’ dettata dal cosiddetto codice genetico Specifiche triplette di nucleotidi( codoni) corrispondono a uno specifico aminoacido

73

74 Il codice genetico é a triplette (codon) Per stabilire la corrispondenza fra 4 nucleotidi e 20 aminoacidi il numero minimo di nucleotidi che occorre prendere in sequenza per avere almeno 20 combinazioni é 3 (64 possibili triplette o codon). Le lettere del codice genetico sono quindi i codon. Il codice genetico Il codice genetico é universale. Ad ogni tripletta corrisponde un aminoacido. La stessa corrispondenza esiste in tutti gli organismi viventi studiati finora, con rare eccezioni, come per esempio il codice mitocondriale.

75 Il codice é senza spazi e privo di punteggiatura. Le triplette si susseguono senza spazi, dall'inizio alla fine di una regione codificante. Il codice é degenerato. Esistono 64 possibili triplette: 3 sono prive di corrispondenza con un aminoacido (codon di stop). Le altre 61 codificano i 20 aminoacidi. Ad eccezione di metionina e triptofano, gli altri aminoacidi sono codificati da più di una tripletta (da 2 a 6). In genere le triplette che codificano per piu’ di un aminoacido differiscono per il nucleotide all’ estremita’ 3’ della tripletta.

76 Il segnale di inizio della traduzione e ’costituito dalla tripletta AUG che codifica per l’aminoacido METIONINA I segnali di STOP sono costituiti dalle triplette UAA, UGA, UAG

77 Il codice genetico e’ degenerato

78

79

80 Gli mRNA eucariotici subiscono un processo di maturazione prima di essere trasportati nel citoplasma ed essere tradotti

81 Enzimi specifici aggiungono un cap (7-metilguanosina) all’estremita’ 5’ dell’mRNA. I ribosomi non si legano ad un mRNA privo del cappuccio. Il cap protegge l’mRNA dalla degradazione di alcuni enzimi.

82 All’estremita’ 3’ del pre-mRNA c’e’ un segnale per la poliadenilazione. Enzimi specifici riconoscono questo segnale, tagliano l’RNA e aggiungono un filamento di nucleotidi di adenina. Funzione: ?? Forse aiuta l’mRNA ad uscire dal nucleo e lo protegge dalla degradazione da parte di enzimi presenti nel citoplasma

83 Splicing esone1esone2 introne pre-mRNA mRNA esone1esone2 Mediato da sequenze di basi all’interno e alle estremita’ degli introni. In alcuni casi agli introni si legano dei complessi di ribonucleoproteine nucleari che catalizzano la loro escissione e la cucitura degli esoni

84

85 Al contrario dei geni procariotici, i geni eucariotici sono interrotti da sequenze non codificanti (introni). Esse vengono trascritte dell’mRNA insieme alle sequenze codificanti (esoni), ma eliminate prima che questo raggiunga il citoplasma. Questo processo di eliminazione degli introni prende il nome di Splicing.

86 La traduzione richiede un meccanismo cellulare che possa riconoscere e decifrare i codoni dell’mRNA

87

88

89

90 La Traduzione avviene nel citoplasma a livello dei ribosomi e richiede che: gli anticodoni del tRNA siano legati all’mRNA gli aminoacidi portati dai tRNA siano uniti insieme nell’ordine specificato dall’mRNA

91

92

93

94

95

96 P A La fase d’inizio comincia con il posizionamento di uno speciale tRNA iniziatore sulla subunita’ ribosomiale minore. Il codone per l’inizio della sintesi proteica e’ AUG che codifica per la metionina. La subunita’ maggiore si unisce poi al complesso e si viene a costituire il Ribosoma completo

97 Il tRNA iniziatore si trova in corrispondenza del sito P del ribosoma, per cui il sito A puo’ essere occupato dall’ aminoacil-tRNA corrispondente al codone successivo. Questo legame richiede energia fornita dal GTP PA

98 PA Si forma un legame peptidico tra il gruppo aminico dell’aminoacido posto sul sito A e il gruppo carbossilico dell’aminoacido posto sul sito P.

99 P A A questo punto l’aminoacido sul sito P viene rilasciato dal suo tRNA e viene legato all’aminoacil-tRNA posto sul sito A. Reazione che non richiede energia

100 L’tRNA libero lascia il sito P e la catena polipeptidica crescente passa sul sito P lasciando il sito A libero per il prossimo complesso aminoacil-tRNA. Il trasferimento dal sito A al sito P richiede energia PA

101 PA

102 La sintesi della catena polipeptidica termina quando fattori di rilascio riconoscono codoni di terminazione. Il ribosoma si dissocia in due subunita’ che possono poi essere di nuovo utilizzate

103

104

105 DNA mRNA aminoacido tRNA anticodone ribosoma catena polipeptidica

106 I tre ruoli dell’RNA nella sintesi delle proteine L’RNA messaggero(mRNA) porta le informazioni copiate dal DNA sotto forma di una serie di parole a tre lettere chiamate codoni L’RNA transfer (tRNA) decifra il codice e sceglie l’aminoacido specifico L’RNA ribosomale (rRNA) si associa con un set di proteine per formare i ribosomi, strutture che collegano tra loro tutti i componenti essenziali al processo di traduzione

107

108

109

110 Destinazioni dele proteine neosintetizzate in una cellula eucariotica Particolari sequenze segnale delle proteine neosintetizzate si legano a recettori specifici sulla membrana esterna degli organuli citoplasmatici a cui sono “indirizzati”. Una volta che la proteina si e’ legata, il recettore forma un canale di membrana permettendo l’ingresso della proteina nell’organello.

111

112 3 min.: le particelle radioattive che marcano gli aminoacidi sono osservabili dapprima a livello del reticolo endoplasmatico rugoso 20 min.: Si concentano nel complesso del Golgi 60 min.: Infine si accumulano nelle vescicole raccolte nella porzione apicale della cellula da dove possono essere espulse


Scaricare ppt "Acidi nucleici Trasmettono l’informazione ereditaria e determinano quali proteine debbano essere sintetizzate dalla cellula."

Presentazioni simili


Annunci Google