La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

F. meneghetti 2004-81 Le cornici culturali e letterarie tra fine 800 e 900.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "F. meneghetti 2004-81 Le cornici culturali e letterarie tra fine 800 e 900."— Transcript della presentazione:

1 f. meneghetti 2004-81 Le cornici culturali e letterarie tra fine 800 e 900

2 f. meneghetti 2004-82 Tra 800 e 900 Time line19001850 Idealismomarxismo positivismonuove filosofie antipositiviste romanticismo Naturalismo e verismodecadentismo900 Sul piano filosofico Sul piano letterario

3 f. meneghetti 2004-83 Positivismo mentalitàfilosofia Contesto storico 1850-70 Espansione economica Progresso tecnico Borghesia al potere Liberismo/ liberalismo

4 f. meneghetti 2004-84 Mentalità Ottimismo fiducia ingenua nel dato oggettivo (i fatti parlerebbero da soli) Determinismo (causalità) Fiducia nei fatti e nel concreto Mito della scienza e della tecnica Razionalismo Grande considerazione della biologia Rifiuto di spiritualismo e idealismo (materialismo) Scientismo

5 f. meneghetti 2004-85 Filosofia Positivismo francese Positivismo inglese DarwinSpencerComteTaine Evoluzione della specie Selezione naturale Evoluzione sociale: verso lordine e il differenziato Filosofia come epistemologia Nasce la sociologia Determinismo ( race, milieu, moment)

6 f. meneghetti 2004-86 Charles Darwin Charles Darwin nacque il 12 febbraio 1809 a Birmingham. Indirizzato dal padre agli studi di medicina, Charles focalizzò ben presto i propri interessi sulla storia naturale e venne a conoscenza delle idee di Jean Baptiste Lamarck. Il 21 dicembre 1831 s'imbarcò come naturalista per compiere ricerche scientifiche e rilevazioni geografiche: il viaggio intorno al mondo durerà fino al 2 ottobre 1836. Gli anni successivi saranno dedicati all'elaborazione della teoria dell'evoluzione Darwin in seguito formulò una concezione naturalistica dell'uomo e illustrò il principio di continuità con gli animali. Si chiese anche quale fosse il valore da attribuire alle razze umane e giunse alla conclusione della discendenza da un unico ceppo comune, con successiva diversificazione: da qui l'introduzione del concetto di popolazione, della variazione delle caratteristiche umane.

7 La teoria dellevoluzione f. meneghetti 2004-87 Prima di Darwin le posizioni degli studiosi erano divise in due correnti di pensiero: da un lato chi vedeva la natura in continuo cambiamento, dall'altro i sostenitori della fissità delle specie (Linneo). Nel 1809, il naturalista Lamarck presentò per primo una teoria evoluzionista secondo cui gli organismi viventi si modificherebbero nel tempo adattandosi all'ambiente (pensava che i caratteri acquisiti fossero trasmissibili). Darwin, dopo il suo viaggio che gli permise di studiare le diversità, si convinse che la lotta per la vita fosse uno dei motori principali dell'evoluzione: nella catena della trasmissione dei caratteri ereditari (studiata anche da Mendel) avvengono delle mutazioni in gran parte casuali: lambiente naturale entra in azione in un secondo momento, determinando vantaggi o svantaggi riproduttivi di quelle mutazioni (selezione naturale). Mutazione e selezione, prese singolarmente, non possono invece produrre un'evoluzione significativa.

8 f. meneghetti 2004-88 Flaubert Antitesi tra ideale e realtà Impersonalità dello stile NATURALISMO in Francia (1860-1880) VERISMO in Italia (1874-1890) Balzac: La commedia umana Limportanza del denaro In letteratura: tendenza realistica insita già nel romanzo dell 800 POI

9 f. meneghetti 2004-89 NATURALISMO esponenti generi temipoetica Contesto storico francese caratterizzato da: 1.Realtà economico-sociale dinamica (conseguente ottimismo) 2.Compattezza politica, culturale, linguistica di vecchi data I ceti sociali umili (operai) Il romanzo sociale detto sperimentale Oggettività Impersonalità E. Zola (affare Dreyfus) F.lli Goncourt Il determinismo biologico e sociale

10 f. meneghetti 2004-810 VERISMO esponenti generi temipoetica Contesto storico italiano caratterizzato da: 1.Realtà economico-sociale arretrata (conseguente pessimismo) 2.Recente unificazione politica (mancanza lingua unitaria; dialetti) I ceti umili (preindustriali) Il romanzo socialee la novella Oggettività Impersonalità G. Verga L. Capuana Meno determinismo biologico; più pietas

11 f. meneghetti 2004-811 Crisi del positivismo Decadentismo, ovvero cultura della crisi, non crisi della cultura Nuove ideologie: pessimismo, sfiducia nei metodi liberali, autoritarismo, nazionalismo, razzismo Crisi storica(1880-1900): lunga depressione, protezionismo,colonialismo, tensioni internazionali, nazionalismi Nuove teorie scientifiche Scientismo in crisi: valore non più assoluto delle leggi scientifiche Nuove filosofie

12 f. meneghetti 2004-8 Nuove teorie scientifiche Heisemberg Lobacevskij Einstein Clasius Planck Geometrie non euclidee 2 p. termodinamica (entropia) Teoria relatività p. indeterminazione Teoria dei quanti 12

13 f. meneghetti 2004-813 Nuove teorie filosofiche Bergson Freud Nietzsche Lintuizione e il tempo soggettivo Il superuomo, al di là del bene e del male Linconscio e le pulsioni sessuali

14 f. meneghetti 2004-814 DECADENTISMO Nuove forme di conoscenza a-logiche basate sull intuizione Nuova poetica Nuovi atteggiamenti intellettuali Disagio della civiltà e sfiducia nella ragione e nella scienza Simbolismo (poeta veggente capace di cogliere le cose oltre lapparenza) Estetismo, esotismo, paradisi artificiali: fuga dalla realtà musicalità, fusione di tutte le arti, il bello bellezza, relazione arte-vita donna fatale Nuovi temi

15 f. meneghetti 2004-815 Bellezza, eleganza, dandysmo, donna fatale

16 f. meneghetti 2004-816 Paradisi artificiali e poeti maledetti Rimbaud Verlaine

17 f. meneghetti 2004-817 Il mito del viaggio-fuga e di Ulisse

18 Termine ad quem f. meneghetti 2004-818 Quando finisce il decadentismo? La risposta non è univoca o scontata. Esistono infatti diverse interpretazioni. fino alla 1^ guerra mondiale fino alla 2^ guerra mondiale fino a tutto il XX secolo, in quando dominato dal senso della crisi, sfiducia nella ragione, pensiero debole

19 f. meneghetti 2004-819 Decadentismo e 900 La sfiducia nella scienza, alimentata da due guerre catastrofiche e altamente tecnologiche, le scoperte scientifiche (Einstein, Heisemberg, Planck operano nel primo 900), indirizzi filosofici critici ed antipositivisti (Popper) fanno sì che la crisi caratterizzi anche il 900. Dopo il primo conflitto mondiale, però qualcosa cambia: per gli scrittori non cè più fuga dalla realtà, ma analisi lucida. La ragione viene recuperata come strumento di indagine critica e di conoscenza, anche se cè la consapevolezza della provvisorietà e della relatività di ogni verità: non esiste più loggettività assoluta, ma esistono tanti punti di vista diversi sulla realtà.

20 f. meneghetti 2004-820 Adesso tocca a voi…


Scaricare ppt "F. meneghetti 2004-81 Le cornici culturali e letterarie tra fine 800 e 900."

Presentazioni simili


Annunci Google