La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La preghiera che segue, rappresenta una elaborazione congiunta di Armando Mattioni, fondatore del progetto: «Unire NellAmore», e Alba Roccamatisi,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La preghiera che segue, rappresenta una elaborazione congiunta di Armando Mattioni, fondatore del progetto: «Unire NellAmore», e Alba Roccamatisi,"— Transcript della presentazione:

1

2

3

4

5 La preghiera che segue, rappresenta una elaborazione congiunta di Armando Mattioni, fondatore del progetto: «Unire NellAmore», e Alba Roccamatisi, assistente al progetto.

6 Queste parole si riflettono nella preghiera del «Padre Nostro». Esse rendono gloria solo allEsistente. La doniamo con un proposito fraterno. Là dove è discordia, esse portino unione. Là dove è incomprensione, esse siano lidioma per una perfetta, reciproca intesa. La Realtà sempre, dovunque, vige.Amatevi gli uni gli altri, perché solo così gli uomini comprenderanno che qua non vi è sfruttamento. Non vi sono né massimi, né minimi Queste parole si riflettono nella preghiera del «Padre Nostro». Esse rendono gloria solo allEsistente. La doniamo con un proposito fraterno. Là dove è discordia, esse portino unione. Là dove è incomprensione, esse siano lidioma per una perfetta, reciproca intesa. La Realtà sempre, dovunque, vige.Amatevi gli uni gli altri, perché solo così gli uomini comprenderanno che qua non vi è sfruttamento. Non vi sono né massimi, né minimi

7 Così risuona nei nostri cuori, lantico insegnamento. E le parole: Così risuona nei nostri cuori, lantico insegnamento. E le parole:

8 Padre Nostro che sei nellinvisibile e nellinfinito creato. LUomo, ricevendo con il dono della vita, santificato il Tuo nome. Tutta la vita si manifesta nel Tuo regno. Il Tuo amore infinito, manifesta la Tua volontà: in cielo in terra e in ogni dove. Tu quotidianamente nutri le nostre anime Rimetti a noi i suggerimenti per migliorarci, così come noi lo domiamo alla vita. Tu non ci induci in tentazioni, ma riempi i nostri cuori con il Tuo Divino Amore e le nostre menti con la Tua Santa Luce! Tu ci proteggici dai nostri pensieri nefasti, Prendici per mano, tienici nella tua grazia, nell'Infinito Creato, dove Regna la pace Eterna, dove Tutto E' ciò che Tu sei: Infinito Amore. Ora e Sempre, così Sia.

9 Qui di seguito, riportiamo un aneddoto, una storiella per meglio comprendere:

10 Una donna povera vestita di abiti logori, con una espressione avvilita, entrò in un negozio. La donna si avvicinò al padrone del negozio e con molta umiltà, chiese se poteva avere alcune cose a credito.

11 Gli spiegò con voce pacata, che suo marito era molto malato e che non poteva lavorare; avevano sette bambini ed avevano bisogno di cibo.

12 Il padrone le disse di uscire dal suo negozio. Sapendo le necessità della sua famiglia la donna continuò: "Per favore signore! Pagherò appena posso."

13 Il padrone le disse che non poteva farle credito poiché non aveva credito per il suo negozio. Vicino al banco si trovava un cliente che ascoltò la conversazione tra il padrone e la donna

14 Il cliente si avvicinò e disse al padrone che avrebbe pagato lui ciò che alla donna necessitava. Il padrone, chiese alla donna: Il padrone, chiese alla donna: "Ha una lista degli acquisti"?.

15 La donna disse: "Si signore". "Sta bene,- disse il padrone,- metta la lista sulla bilancia e secondo quanto pesa, le darò lequivalente in prodotti" "Sta bene,- disse il padrone,- metta la lista sulla bilancia e secondo quanto pesa, le darò lequivalente in prodotti"

16 La donna per un momento fu indecisa e dolente, cercò nel suo portafoglio un pezzo di carta e vi scrisse qualcosa. Ancora dolente, mise il pezzo di carta sulla bilancia. Ancora dolente, mise il pezzo di carta sulla bilancia.

17 Il cliente sorrise e il padrone iniziò a mettere alimenti su l'altro piatto della bilancia. Ma la bilancia non si mosse e lui continuò mettendo sempre più alimenti fino a che non poteva più contenerli. Il padrone restò lì fermo con gran stupore.

18 Finalmente, afferrò il foglio di carta guardandolo stupìto... Non era una lista di acquisti, era una preghiera:, Finalmente, afferrò il foglio di carta guardandolo stupìto... Non era una lista di acquisti, era una preghiera:,

19 "Caro Signore, tu conosci le mie necessità, ed io rimetto queste, nelle tue mani."

20 Il padrone del negozio le diede gli alimenti che aveva riunito e rimase lì in silenzio. La donna lo ringraziò e uscì dal suo negozio.

21 Il cliente consegnò un biglietto da cento euro al padrone e gli disse: È Valsa la pena per ogni centesimo di questo "biglietto".

22 Presentando questo aneddoto, abbiamo voluto evidenziare non solo limportanza della preghiera, qualunque essa sia, ma anche e soprattutto, la «forza avvolgente» di chi confida nel Padre! Se noi impariamo a lasciar fluire gli eventi che incontriamo lungo il nostro libero andare, anche quelli che a volte sembrano ardui da superare, ma confidiamo nellAmore del Padre, Lui già sa cosa ci abbisogna e ci mostrerà tutte le soluzioni del caso, di volta in volta. Chi ama il Padre Celeste, nulla teme e vive costantemente nella certezza che la Luce di Dio, illuminerà sempre il suo sentiero.

23 In fraterna amicizia


Scaricare ppt "La preghiera che segue, rappresenta una elaborazione congiunta di Armando Mattioni, fondatore del progetto: «Unire NellAmore», e Alba Roccamatisi,"

Presentazioni simili


Annunci Google