La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Quaderno di storia di Alessia Calello Classe quinta A Scuola primaria di San Rocco Anno scolastico 2009/2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Quaderno di storia di Alessia Calello Classe quinta A Scuola primaria di San Rocco Anno scolastico 2009/2010."— Transcript della presentazione:

1 Quaderno di storia di Alessia Calello Classe quinta A Scuola primaria di San Rocco Anno scolastico 2009/2010

2 La nascita della civiltà greca IL LUOGO La Grecia è una penisola circondata da isole sparse nel mare Egeo nel mar Ionico. Il clima è caldo e secco ; il territorio è montuoso. Le coste, frastagliate e ricche di porti naturali, fecero sorgere dei villaggi E lavori di marinai e pescatori. I Greci diventarono abili navigatori e commercianti.

3 La storia Nel VII a.C. iniziò a svilupparsi la civiltà greca. Tra le città stato greche nacque Sparta governata da pochi nobili,e Atene dove al governo partecipavano tutti i cittadini. Fu proprio la superiorità politica e culturale di Atene a scatenare dei sanguinosi conflitti che indebolirono la Grecia. Dopo la botta con i Persiani,Alessandro Magno fece nascere il più forte impero. La civiltà greca fu famosa per la letteratura, la filosofie e l arte

4 Economia Leconomia si basava sui traffici commerciali, come avevano fatto gli Achei. I Greci costruirono navi e nuove rotte. L agricoltura era lattività principale; le colline erano ricche di ulivi e viti.

5 La famiglia Nella civiltà greca l uomo aveva un ruolo importante; i matrimoni erano decisi dai padri ; quando le donne si sposavano, venivano sottomesse al marito.

6 La religione Tutte le città greche avevano la religione olimpica, nome che derivava dal monte Olimpo. I greci erano politeisti e credevano a Zeus, Poseidone,Atena e Era. Gli dei greci erano simili agli uomini, ma la differenza era che gli dei erano immortali e avevano poteri soprannaturali

7 Gli dei abitavano sul monte Olimpo Protettori delle città, erano venerati nei templi a loro dedicati Erano immortali Erano simili agli uomini e avevano comportamenti umani Intervenivano nell attività degli uomini

8 Gli dei Gli dei abitavano sul monte Olimpo,erano immortali ed erano simili agli uomini. Il monte Olimpo La dea Atena

9 Afrodite era la dea della bellezza e dellamore. Era nata dalle onde del mare Ares era il dio della guerra. Artemide era la dea della caccia e della luna. Apollo era il dio del sole, della poesia e della musica. Zeus era il padre di tutti gli dei. Era il dio del cielo e del tuono e scagliava fulmini sulla Terra. La sua compagna era laquila.

10 Atena era la figlia di Zeus, ed era la dea della sapienza e la protettrice delle arti e delle scienze. Era era la moglie di Zeus e la mamma di Atena. Era la dea protettrice dei matrimoni. Ade era il dio del regno dei morti. Poseidone era il dio del mare, ed era fratello di Zeus., proteggeva i marinai, ma con il suo tridente poteva anche provocare le tempeste

11 Il teatro Il teatro nacque ad Atene, i Greci amavano gli spettacoli teatrali. Il dio protettore del teatro era Dioniso. Si rappresentavano tragedie e commedie. Gli attori erano maschi che avevano ruoli maschili e femminili, indossavano maschere di terra cotta. Nel teatro cerano le gradinate per le persone, l orchestra che cantava, il palcoscenico e la scena serviva per spogliarsi.

12 Arte e cultura Lingua e scrittura I greci scrivevano da sinistra a destra, aggiunsero all alfabeto le vocali. La parola alfabeto deriva da alfa e beta. I greci scrivevano sub papiro. La medicina Ippocrate fondò la scuola di medicina, e con il giuramento di ippocrate i medici dovevano rispettare determinate regolr morali Fisolosofi e scienze I matematici Pitagora e Talete scoprirono regole che si studiano anche oggi

13 Abbigliamento Le donne indossavano una tunica di lino bianca chiamata il chitone e si copriva la la testa con una mantella chiamata peplo. Gli uomini indossavano abiti in lino e lana e calzavano sandali. Le donne e gli uomini avevano i capelli lunghi. Le pettinature delle donne erano elaborate; usavano : nastri, cuffie e pettinini. Per colorarsi le guanceo le labbra usavano colori ricavatida piante della flora mediterranea. Per lavarsi usavano saponi con la sada e si ungevano con olio doliva.I Greci compravano la stoffa e i vestiti all agora, piazza del mercato, ma erano costosi.Infatti la magior parte delle madri si cucivano i vestti. I ricchi compravono dai commercianti ambulanti : compravono anelli, orecchini e forcine. Ad Atene e nelle altre città, i profumi usati erano ottenuti dalla bollitura di fiori e erba.

14 IL PEPLO IL CHITONELA TUNICA

15 Pittura e scultura Sui vasi e nei dipinti erano raffigurati storie dei miti. Inoltre scolpivano statue in bronzo come il Discobolo.

16 La scuola In Grecia le mamme si occupano dei figli, essi passano i primi anni nel gineceo dove giocavano con la palla, le bambole, e animali il legno. La scuola era pagata dai genitori, i bambini iniziavano la scuola a 7 anni e durava fino a 18 solo per i benestanti. Le femmine restavano a casa a cucinare, e a tessere la lana. I bambini imparavano a leggere, a scrivere, a contare e a suonare il flauto e la cetra. Per scrivere si usavano tavolette di legno ricoperte di cera e si incidevano con un pezzo di legno chiamato stilo. Poi si faceva molta ginnastica.

17 Alimentazione Lungo le coste il suolo non era fertile, ma co gli impianti dirrigazione lo divennero, così coltivarono; olivi, fichie uva. Allevavano capre per il formaggio e latte. Nella pianura coltivavano grano per il pane La carne veniva mangiata raramente, Perché era cara e la sostituivano con il pesce. I Greci erano chiamati mangiatori di farina perché cucinavano una focaccia di frumento chiamato artos

18 I banchetti La sera gli uomini si riunivano attorno ad un banchetto, a bere il vino e ascoltare la musica.

19 Uomini,donne e bambini Gli uomini si occupavano di politica, quindi stavano poco a casa. Quando non erano in politica si occupavano dei campi, cacciavano, erano marinai e artigiani. Agli uomini, nelle feste, piaceva praticare sport, lotta, equitazione e bere. Quando gli uomini invitavano gli amici gli amici maschi a casa per bere, le donne e i figli non potevano partecipare. Per i Greci i figli erano considerati minori fino a 30 anni, e quando nasceva un bambino il padre nudo lo doveva portare intorno ai parenti facendogli un rito. Se era femmina, alla porta veniva messa una ghirlanda di lana, se era maschio veniva messa una ghirlanda di olive

20 Le donne greche La libertà di uscire di casa per le donne greche era limitata. Esse potevano andare ai funerali, matrimoni e far visita alle vicine di casa. Le donne si occupavano de figli e della casa. Le donne greche libere facevano fare le faccende domestiche alle donne schiave, Che cucinavano e lavoravano nei campi. Mentre gli uomini sorvegliavano le case in assenza dei mariti. Le mogli e le figlie non potevano assistere a gare atletiche, perché gli atleti erano nudi; potevano solo partecipare a corse con dei cavalli s erano proprietarie del cavallo.

21 Schiavi Gli schiavi erano importanti, essi lavoravano nei campi, in fabbrica in miniera e sulle navi. Non potevano andare a scuola, occuparsi di politica e usare e usare il loro proprio nome, infatti il loro nome era dato dal proprio padrone, e considerati una proprietà non cittadini. Gli schiavi erano nati schiavi, o erano prigionieri di guerra, gli storici pensavano che gli schiavi fossero di più dei cittadini.

22 Giochi e giocattoli I giochi dei bambini erano: bambole, yo-yo, sonaglini, animali in terra cotta e carrettini.

23 Il gioco della mosca di bronzo Un bambino viene bendato, e deve catturare un altro bambino che lo disturba.

24 Il gioco dei sassolini Si lanciano in ari cinque sassolini, vince chi li prende tutti

25 Il gioco della pentola Un bambini sta accovacciato, mentre gli altri lo disturbano, se lui prende un bimbo diventa la pentola

26 Ballo Per i Greci il ballo era importante, esistevano più di 200 balli, tra cui alcuni per i matrimoni, funerali e celebrazioni. Il ballo era accompagnato da musica accompagnato flati, tamburelli e nacchere.

27 Matrimoni greci Ad Atene le cerimonie nunziali erano celebrate dopo il tramonto; la sposa salivai In piedi sopra un carro e veniva seguita dai suoi famigliari. Gli amici illuminavano la strada e suonavano la musica. Durante la cerimonia la sposa mangiava una mela, Perché da quel momento sarebbe stata mantenuta dal marito. Mentre a Sparta la cerimonia era più semplice, lo sposo si lanciava la sposa sulla spalla per provare la sua forza e la portava via

28 Le case dei Greci Le case dei Greci erano formate da due o tre stanze, eranodi pietra, legno o mattoni. I Greci poveri avevano case con pietre e fango, e i mobili erano pochi. I Greci ricchi, avevano case di mattoni con il tetto di tegole, a più piani. Nel cortile c era il pozzo dell acqua. Al primo piano cerano le stanze degli uomini e sopra C erano quelle delle donne.

29 Casa dei Greci poveri Casa dei Greci ricchi

30 Le olimpiadi Le manifestazioni sportive si svolgevano a Olimpia nel Poloponneso in onore di Zeus. Furono fatte per la 1° volta nel 776 a.C. e si ripetevano ogni 4 anni. Le Olimpiadi si svolgevano in estate e duravano 5 giorni. Le discipline erano: La corsa sui cavalli, la lotta, la corsa, il salto in lungo e il lancio del disco.

31

32 Un uomo modello in citta I Greci tra il 1800 e 800 a.C. fecero nascere la polis. La polis era uno stato indipendente al quale appartenevano gli abitanti della città e quelli dei villaggi vicini. Ogni polis aveva leggi un esercito e la moneta perchè le città greche spesso combattevano tra di loro. Si alleavano quando erano minacciati dai nemici.

33 Come erano organizzate le poleis? Nelle città cerano: Lakropolis che era circondata da mura ed era la parte piu alta dove cerano i templi. LAgorà era la piazza dove venivano fatti i mercati cerano le fontane e le statue. Le botteghe degli artigiani e le case si trovavano nella parte bassa della città. Il teatro era ai piedi dellacropoli.

34 Acropoli NellAcropoli cerano gli edifici piu belli della città in particolare i templi. Atene prendeva il nome dalla dea Atena a cui era dedicata la città. Fu costruito il Partenone dove al suo interno cera la statua di Atena alta 12 mt. La statua era di legno e avorio ed era ricoperta doro.

35 Agorà LAgorà era una piazza usata per il mercato per le assemblee dei cittadini e gli incontri con gli amici. Alle assemblee fatte nellAgorà partecipavano solo gli uomini liberi che possedevano beni. NellAgorà la mattina i contadini, i pescatori, gli agricoltori, gli artigiani e i commercianti rifornivano la popolazione di quello che gli serviva.

36

37 Due modelli di governo La polis era una città di persone. Il governo di Atene e quello di Sparta erano divisi e tra di loro ci fu rivalità. Gli Spartani erano forti guerrieri e gelosi delle loro tradizioni, gli Atenesi amavano la politica, larte,il commercio e la cultura. Venivano fatte molte lotte per la rivalità tra le due città, specialmente in occasione dei giochi olimpici.

38 Sparta Sparta era una città guerriera comandata da due re comandanti dellesercito. Gli Spartiati erano guerrieri che avevano le terre della polis.I Perieci erano commercianti e artigiani ed abitavano le terre intorno alla città erano esclusi dalle cariche pubbliche, perché non possedevano terre. Gli Ilati erano popolazioni sottomesse e rese schiave, essi lavoravano le terre degli Spartiati. Gli Spartiati si occupavano di governo e città e quest modo di governare è chiamato oligarchia, cioè governi di pochi. Essi erano guerrieri e a 7 anni erano educati dallo Stato e sottoposti ad allenamenti per sopportare la fame,la sete e il dolore fisico. Gli Spartiati

39 Educazione dei giovani Nellantica Sparta si puntava molto nellavere un esercito giovane e forte. Gli Spartani credevano nelle discipline, infatti uomini e donne dovevano essere perfetti. Quando a Sparta nasceva un bambino, i soldati lo controllavano, se egli non era sano veniva portato via e lasciato morire. I bambini sani, venivano assegnati a una fratellanza a cui appartenevano i genitori.

40 I ragazzi di Sparta I ragazzi alletà di 6/7 anni venivano spediti alla scuola militare, qui vivevano, si addestravano e dormivano negli alloggi della fratellanza. A scuola si imparava a leggere e a scrivere, ma non era importante. Importante era imparare la capacità per sopravvivere, necessaria a diventare un grande soldato. Alletà di 20 anni i maschi dovevano superare prove difficili, e chi non le superava diventava un perioikos. Ai cittadini di Sparta non era permesso maneggiare soldi. I soldati Spartani mangiavano, si addestravano e dormivano negli alloggi e anche se si sposavano non vivevano con la famiglia, ma restavano negli alloggi.Il militare lo terminavano a 60 anni e solo a quelletà poteva vivere a casa con la sua famiglia.

41

42 Le ragazze di Sparta Le ragazze alletà di 7 anni andavano a scuola si addestravano, vivevano e dormivano negli alloggi della sorellanza. Qui le ragazze imparavano la ginnastica, la lotta e il combattimento. Quando le ragazze avevano 18 anni dovevano superare alcune prove di coraggio e abilità, se le superavano le veniva dato un marito e potevano tornare a casa. Se falliva diventava una dei perieci. Le donne a Sparta erano libere di muoversi,mentre nelle città greche le donne dovevano stare in casa.

43

44 Atene La città di Atene si affacciava sul mare, dove aveva due porti, il piu importante era il Pireo e poi cera il Falero. Il territorio era ricco di pianure,cave di marmo e miniere dargento, così si sviluppolartigianato lagricoltura e il commercio.I maschi studiavano la matematica, la geografia, la poesia e lastronomia.

45 La Democrazia La Democrazia era la forma di governo ad Atene alla quale partecipavano tutti i cittadini. La popolazione era divisa in 10 tribù, ed ogni tribù eleggeva più rappresentanti che formavano il consiglio detto Bulè. La Bulè faceva leggi e le proponeva allEclessia, lassemblea di tutti i cittadini, i quali dovevano approvarla. Gli Atenesi per difendere la loro democrazia applicavano l Ostracismo. Essa era un tipo di votazione dove la persona indicata come pericolosa, veniva mandata in esilio per 10 anni.

46

47

48 Educazione dei giovani A sparta, ad Atene e nelle altre città della Grecia la vita era molto diversa. Gli Atenesi si sentivano migliori di tutti, mentre i Greci delle altre città, invidiavano gli Spartani. Gli Spartani erano duri guerrieri e i Greci ammiravano la loro forza.

49 Le ragazze di Atene Le ragazze non andavano a scuola, ma imparavano a leggere e a scrivere a casa.

50 I Ragazzi di Atene Fino alletà di 6 anni i ragazzi imparavano a casa dalla madre. Dalletà di 6 anni ai 14 anni, andavano a scuola. I libri erano costosi, così si leggeva ad alta voce e si imparava a memoria. Per scrivere si usavano delle tavolette. A scuola si imparava a memoria, Omero poeta dell Iliade a suonare la lira. Inoltre si insegnava il teatro, la scrittura,la lettura e il flauto. Dopo le elementari si studiava per altri 4 anni, alletà di 18 anni si entrava nella scuola militare per altri 2 anni e alletà di 20 anni ci si laureava.

51 Unite contro i Persiani I Persiani invasero la Grecia. Atene, Sparta e le altre città, si unirono contro il nemico. Le guerre persiane durarono dal 490 al 449 a.C., terminando con la vittoria della città- stato. Atene era guidata da Pericle, pronto a sfruttare il prestigio conquistato nella lotta contro i Persiani.

52 499 a.C. Mileto,la colonia greca più potente,si ribella ai Persiani 494 a.C Mileto, nonostante gli aiuti ateniesi,viene rasa al suolo dai Persiani 490 a.C. Gli Ateniesi, guidati da Milziade,sconfiggono i Persiani a Maratona 481 a.C. Gli Ateniesi, sotto Temistocle, fortificano il Pireo e allestiscono una flotta 480 a.C. I Greci distruggono la flotta persiana a Salamina 479 a.C. L esercito spartano sconfigge definitivamente i Persiani a Platea LEGUERREPERSIANELEGUERREPERSIANE

53 Letà di Pericle Atene sotto la guida di Pericle, cercò fondare un impero atenese. Pericle cercò di rendere bella Atene, attraverso le oper artistiche e le ricchezze. Così divenne un centro di cultura e arte, accogliendo filosofie matematici. PERICLE

54 Le Colonie Greche I Greci per favorire gli scambi commerciali, iniziarono a costruire le Colonie. Per le popolazioni le colonie erano solo basi commerciali,mentre per i Greci erano vere città, usate come basi; ne costruirono nel Mediterraneo, in Italia, in Asia minore e altre parti. Le colonie Italiane furono chiamate Magna Grecia,cioè Grande Grecia.

55 PERCHE COLONIZZAVAN O? Per insufficienza di cibo Per aumento demografico eccessivo COSA FACEVANO QUANDO COLONIZZAVANO? Prima consultavano l oracolo di Delphi(cioè la divinità) Poi la madre-patria forniva l equipaggiamento a chi voleva intraprendere il viaggio COME SI COMPORTAVANO QUANDO COLONIZZAVANO? Imponevano il loro dominio Gli indigeni venivano mandati nell entroterra o fatti schiavi COSA COSTRUIVANO QUANDO COLONIZZAVANO? Costruivano templi e case ad imitazione di quelle della madre- patria

56 La Magna Grecia La Magna Grecia si trovava nellItalia meridionale, ed era più estesa della Madre patria. Agrigento, Siracusa, Catania divennero centri urbani, ricchi di bei monumenti. Le colonie producevano, grano, frutta, vino e orzo. Gli artigiani lavoravano, gioielli e tessuti e li commerciavano nel Mediterraneo. Le città della Magna Grecia divennero autonome, rispetto alla Madrepatria.

57 La guerra del Peloponneso Sparta e Atene dopo le guerre contro i Persiani, entrarono in contrasto tra loro. Atene voleva affermare il suo potere sulle altre città, ma Sparta non voleva cedere. Nel 431 a.C. scoppiò la guerra del Peloponneso tra Atene e Sparta; questa guerra durò per 27 anni e non ci fu un vincitore, ma un indebolimento di tutta la Grecia, così i Macedoni si estesero nel territorio greco.

58


Scaricare ppt "Quaderno di storia di Alessia Calello Classe quinta A Scuola primaria di San Rocco Anno scolastico 2009/2010."

Presentazioni simili


Annunci Google