La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LOSSERVATORE METEO Parte Prima. Pikes Peak, Colorado Alto 4301 m, il Pikes Peak fa parte della sezione meridionale delle Montagne Rocciose. Sulla sua.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LOSSERVATORE METEO Parte Prima. Pikes Peak, Colorado Alto 4301 m, il Pikes Peak fa parte della sezione meridionale delle Montagne Rocciose. Sulla sua."— Transcript della presentazione:

1 LOSSERVATORE METEO Parte Prima

2 Pikes Peak, Colorado Alto 4301 m, il Pikes Peak fa parte della sezione meridionale delle Montagne Rocciose. Sulla sua vetta è situata una stazione meteorologica. I LUOGHI DI OSSERVAZIONI CAPRI

3 SU TUTTO IL TERRITORIO ITALIANO OPERANO 151 STAZIONI METEO. COSI SUDDIVISE: 1.STAZIONI METEO CON PERSONALE -isolati…………… 55 -aeroportuali… STAZIONI METEO AUTOMATICHE -installate………... 68

4

5

6 IL COMPITO DELLOSSERVATORE OSSERVARE OSSERVARE COMPILARE COMPILARE TRASMETTERE TRASMETTERE

7 LE CLASSIFICAZIONI DELLE OSSERVAZIONI METEOROLOGICHE Osservazioni in superficie Osservazioni in superficie Stazioni terrestri Stazioni terrestri Navi Navi Osservazioni nella libera atmosfera Osservazioni nella libera atmosfera Stazioni terrestri Stazioni terrestri Navi Navi Aeromobili Aeromobili Osservazioni e misurazioni speciali Osservazioni e misurazioni speciali Ozono Ozono Radioattività dellatmosfera Radioattività dellatmosfera Radar Radar satelliti satelliti

8 Osservazioni meteorologiche in superficie da stazioni terrestri Le osservazioni per la compilazione di un messaggio meteorologico riguardano i seguenti elementi: Le osservazioni per la compilazione di un messaggio meteorologico riguardano i seguenti elementi: –Temperature dellaria al suolo –Pressione atmosferica –Stato del cielo –Visibilità –Direzione e intensità del vento –Fenomeni in atto –Precipitazioni

9 STRUMENTI IN DOTAZIONE PRESSO LE STAZIONI METEO AEROPORTUALI Termoigrografo Psicrometro Termometro a minima Termometro a massima

10 barometro barografo

11 Indicatore di vento RVR 10 METRI

12 Registratore di precipitazioneRaccoglitore di precipitazione

13 CAPANNINA METEO Allinterno della capannina devono essere disposti, su supporti adeguati, i SENSORI TERMOMETRICI, per evitare le radiazioni dirette ed indirette. Le sue caratteristiche quindi: Sufficiente robustezza; Sufficiente robustezza; Altezza sufficiente, i bulbi a non meno di 1,5 mt dal suolo; Altezza sufficiente, i bulbi a non meno di 1,5 mt dal suolo; Pareti a persiana, per una buona circolazione dellaria; Pareti a persiana, per una buona circolazione dellaria; Dipinte di bianco sia allinterno che allesterno; Dipinte di bianco sia allinterno che allesterno; Sportello di apertura rivolto a Nord; Sportello di apertura rivolto a Nord; Installata su terreno erboso; Installata su terreno erboso; Distante dagli edifici almeno 10 metri, se installato su terrazzo bisogna predisporre un giardino pensile di 4x4 m. Distante dagli edifici almeno 10 metri, se installato su terrazzo bisogna predisporre un giardino pensile di 4x4 m.

14 Altezza sufficiente, i bulbi a non meno di 1,5 mt dal suolo Capannina dipinta di bianco allesterno e allinterno Robustezza, si deve evitare qualsiasi movimento della capannina, anche a causa del vento Installato su terreno erboso

15 NORD Apertura a Pareti a persiana

16 1^ OSSERVAZIONE: Rilevazione temperatura del termometro a bulbo asciutto e a bulbo bagnato, utilizzando lo PSICROMETRO DI AUGUST o ASSMAN

17 Si bagna la mussolina con acqua distillata (o in mancanza di questa con acqua piovana) contenuta nellapposita pompetta.

18 PSICROMETRO VENTOLA TERMOMETRO BULBO BAGNATO PARTICOLARE DELLA MUSSOLINA

19 Osserveremo un abbassamento più o meno netto della temperatura indicata dal termometro di bulbo bagnato a seconda delle condizioni igrometriche del momento. Si mette in moto laspiratore. Si consiglia di caricare la molla dellaspiratore per farlo ventilare per circa 4-5 minuti.

20 In condizioni di stazionarietà si eseguono le letture dei due termometri, cercando di evitare qualsiasi influenza dovuta alla presenza dellosservatore.

21 Luso delle tabelle (in funzione della differenza psicrometrica, della temperatura del termometro asciutto e della pressione atmosferica) ci permette di determinare la temperatura di rugiada e lumidità relativa

22 DURANTE LUSO DELLO PSICROMETRO POSSIAMO OSSERVARE 3 CASI: Temperatura del termometro bulbo asciutto e bulbo bagnato maggiori di 0°C; azioni: utilizzare tabella con bulbo bagnato 1° CASO:

23 Temperatura del termometro bulbo asciutto maggiore di 0°C e temperatura del termometro bulbo bagnato inferiore a 0°C; azioni: utilizzare tabella con bulbo ghiacciato 2° CASO:

24 Temperatura del termometro bulbo asciutto e bulbo bagnato inferiori a 0°C. In caso che il bulbo asciutto e bulbo bagnato fossero ricoperti di un sottile strato di ghiaccio bisogna rimuoverli prima di procedere alloperazione psicrometrica. azioni: utilizzare tabella con bulbo ghiacciato 3° CASO:

25 TRASCRIZIONE DELLE TEMPERATURE SUI MODELLI modello MET S

26 TRASCRIZIONE DELLE TEMPERATURE SUI MODELLI Modello MET S-202/A

27 COME CALCOLARE LA TEMPERATURA DI RUGIADA E UMIDITA RELATIVA Si utilizza il Manuale di Servizio MET ST 4

28 SI RICERCA IN QUESTO MODO: 950 hPa 1000 hPa Temperatura termometro asciutto Pressione atmosferica

29 Esempio : Temperatura dellaria °C Differenza Psicrometrica 02.0 °C Pressione Atmosferica 960 hPa Si prendono in considerazione le due righe di temperature -11°C e -12°C e in corrispondenza della colonna dei 950 hPa (più vicina alla pressione atmosferica al momento dellosservazione) si deve procedere allinterpolazione dei valori ritrovati per lumidità relativa ed alla temperatura di rugiada. continua

30 Ad una temperatura di -11.0°C corrisponde una temperatura di rugiada di -22.1°C; Ad una temperatura di -12.0°C corrisponde una temperatura di rugiada di -24.1°C. Per una temperatura di °C quanto vale la temperatura di rugiada? (-22.1) = x 00.2 = (-00.4) = -22.5°C Sono i decimi della temperatura Del termometro bulbo asciutto Temperatura di RUGIADA

31 Con lo stesso sistema di interpolazione si ottiene il valore dellumidità relativa in funzione della temperatura dellaria, della pressione atmosferica e della differenza psicrometrica. Per una temperatura di °C quanto vale Lumidità relativa? Ad una temperatura di -11.0°C corrisponde un umidità relativa di 39.4 %; Ad una temperatura di -12.0°C corrisponde un umidità relativa di 35.6 %.

32 La differenza dei due valori di umidità è pari 3.8; 03.8 x 0.2 = – 35.6 = – 0.76 = % Umidità relativa Sono i decimi della temperatura Del termometro bulbo asciutto

33 CONCLUSIONE DELLA 1^ OSSERVAZIONE Bagnare la mussolina del termometro bulbo bagnato; Agire sulla ventola del psicrometro; Leggere le due temperature dello strumento. Utilizzare il manuale di servizio MET ST 4; Fare eventuali interpolazioni. Trascrivere sui modelli; Includere nei messaggi per linoltro. PER OTTENERE IL VALORE DELLA TEMPERATURA DI RUGIADA E DELLUMIDITA RELATIVA OCCORRE:

34 NOTE PER IL MANTENIMENTO EFFICIENTE DELLO PSICROMETRO Sostituire periodicamente la mussolina, una volta a settimana; altrimenti è possibile lavare con acqua e sapone e poi con acqua distillata ed applicare con le mani pulite; Sostituire periodicamente la mussolina, una volta a settimana; altrimenti è possibile lavare con acqua e sapone e poi con acqua distillata ed applicare con le mani pulite; Controllo delle guarnizioni isolanti tra i due cilindri; Controllo delle guarnizioni isolanti tra i due cilindri; La velocità di aspirazione deve essere contenuta nei limiti 2,5 e 10 m/s. La velocità di aspirazione deve essere contenuta nei limiti 2,5 e 10 m/s.

35 LE TEMPERATURE PARTICOLARI Allinterno della capannina troviamo, sistemati su supporti, altri due termometri. Utili per la rilevazione della temperatura MASSIMA e minima da trascrivere sul modello MET S 201 ed essere inviato con i messaggi SYNOP e SYREP.

36 TERMOMETRO A MINIMA Utilizzata per misurare la temperatura più bassa verificatasi in un periodo di tempo determinato; Utilizzata per misurare la temperatura più bassa verificatasi in un periodo di tempo determinato; Il liquido termometrico di questo termometro è lalcool etilico, nel quale è immerso un minuscolo indice; Il liquido termometrico di questo termometro è lalcool etilico, nel quale è immerso un minuscolo indice;

37 IL TERMOMETRO A FORCELLA Il bulbo ha unampia superficie a contatto con laria ( a forma di forcella) Lindice è costituito di unasticciola: leggero-colorato- estremi arrotondati

38 PREPARAZIONE DEL TERMOMETRO A MINIMA 1. Si prepara inclinando lentamente con il bulbo rivolto verso lalto, in modo che lindice, scorrendo nel capillare, venga a contatto con il menisco del liquido.

39 PRONTA PER LA LETTURA 2. Poi si dispone in posizione leggermente inclinata, con il bulbo rivolto verso il basso, per agevolare il trascinamento dellindice quando la temperatura diminuisce.

40 A CHE ORA SI PREPARA E A CHE ORA SI OSSERVA TEMPERATURA MINIMA PREPARAZIONE ORE 1800/Z OSSERVAZIONE ORE 0600/Z La lettura viene effettuata 12 ore dopo la preparazione

41 IL GRUPPO TnTnTn 1. La temperatura minima letta si trascrive nella 3^ sezione del modello MET S 201 nella colonna relativa alle ore 0600/Z 2. La temperatura minima letta si trasmette con il gruppo identificato dal numero 2 della 3^ sezione Codice per valori positivi e negativi: 0 positivo 1 negativo Valore della temperatura 08.8°C Esempio:

42 TRASCRIZIONE DELLA TEMPERATURA MINIMA 1.La temperatura minima letta si trascrive nella 3^ sezione del modello MET S 201. La temperatura minima letta si trasmette con il gruppo identificato dal numero 2 della 3^ sezione

43 PROBLEMI DA RISOLVERE PER I TERMOMETRI A MINIMA 1. La colonnina si frammenta in due o più parti: a. riscaldare lentamente il termometro con le mani o con acqua tiepida tenendolo in posizione inclinata e impartendogli piccole scosse; così le bolle gassose che interrompono la colonnina vengono spinte verso lalto e la colonnina si ricongiunge. b. il termometro va sottoposto a raffreddamento intenso da far ritirare tutto il liquido nel bulbo, poi va scosso con energia.

44 PROBLEMI DA RISOLVERE PER I TERMOMETRI A MINIMA 2. Lindice proiettato fuori del liquido: a. riscaldare il termometro fino a che il liquido raggiunga lindice, poi si batte con cautela su una superficie elastica fino a che gli impulsi dati non facciano rientrare lindice nel liquido.

45 TERMOMETRO A MASSIMA Utilizzata per misurare la temperatura più alta verificatasi in un periodo di tempo determinato; Utilizzata per misurare la temperatura più alta verificatasi in un periodo di tempo determinato; Il liquido termometrico di questo termometro è il mercurio. Il liquido termometrico di questo termometro è il mercurio.

46 PRINCIPIO DELLA STROZZATURA DEL TERMOMETRO A MAX IL CAPILLARE HA UNA NOTEVOLA STROZZATURA, PER CUI: –QUANDO LA TEMPERATURA AUMENTA: Il mercurio del bulbo, dilatandosi, riesce a fluire attraverso la strozzatura spingendosi nel capillare; –QUANDO LA TEMPERATURA DIMINUISCE: Il mercurio non riesce ad attraversare la strozzatura per ritornare nel bulbo e la colonnina si spezza in corrispondenza della strozzatura

47 TERMOMETRO A MASSIMA

48 PREPARAZIONE DEL TERMOMETRO A MASSIMA 1. Si prepara afferrando per la metà superiore, ossia disposto con il bulbo in basso, e si impartisce alcuni energici impulsi. Viene così vinta la resistenza che la strozzatura oppone al moto del mercurio verso il bulbo e si ottiene il ricongiungimento del mercurio della colonnina con quello del bulbo.

49 PRONTA PER LA LETTURA 2. Dopo aver preparato il termometro a massima, lo strumento si sistema in posizione orizzontale per evitare che la colonnina staccata possa spostarsi per gravità lungo il capillare.

50 A CHE ORA SI PREPARA E A CHE ORA SI OSSERVA TEMPERATURA MASSIMA PREPARAZIONE ORE 0600/Z OSSERVAZIONE ORE 1800/Z La lettura viene effettuata 12 ore dopo la preparazione

51 COME SI LEGGE Si apporta una correzione strumentale di -0.2°C La colonnina, dopo aver raggiunto la massima lunghezza, si contrae per la successiva diminuzione della temperatura

52 1. La temperatura massima letta si trascrive nella 3^ sezione del modello MET S 201 nella colonna relativa alle ore 1800/Z. 2. La temperatura massima letta si trasmette con il gruppo identificato dal numero 1 della 3^ sezione IL GRUPPO TxTxTx

53 TABELLA RIASSUNTIVA PREPARAZIONEOSSERVAZIONETRASCRIZIONE TRASMISSION E MASSIMA 0600/ Z 1800/ Z TxTxTx MINIMA 0600/ Z TnTnTn


Scaricare ppt "LOSSERVATORE METEO Parte Prima. Pikes Peak, Colorado Alto 4301 m, il Pikes Peak fa parte della sezione meridionale delle Montagne Rocciose. Sulla sua."

Presentazioni simili


Annunci Google