La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Torino, 21 giugno 2011 Dr. ssa Maria Grazia FORNI Dirigente Medico Sig.ra Elda GHILLARDI Coll. Amm.vo ASLTO1 S.C. Percorsi di Cura Igiene ed Organizzazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Torino, 21 giugno 2011 Dr. ssa Maria Grazia FORNI Dirigente Medico Sig.ra Elda GHILLARDI Coll. Amm.vo ASLTO1 S.C. Percorsi di Cura Igiene ed Organizzazione."— Transcript della presentazione:

1 Torino, 21 giugno 2011 Dr. ssa Maria Grazia FORNI Dirigente Medico Sig.ra Elda GHILLARDI Coll. Amm.vo ASLTO1 S.C. Percorsi di Cura Igiene ed Organizzazione dei Poliambulatori Ufficio assistenza sanitaria allEstero Via S.Secondo 29 bis Torino

2 La mobilità sanitaria internazionale negli Stati UE e negli Stati in convenzione Assistenza sanitaria negli Stati non in convenzione Trasferimento allestero per cure di altissima specializzazione Cittadini italiani residenti allEstero

3 Ha lo scopo di tutelare dal punto di vista dellassistenza sanitaria gli assistiti che si spostano allinterno degli : STATI DEGLI STATI DELLUNIONE EUROPEA SVIZZERA SPAZIO ECONOMICO EUROPEO :Norvegia-Islanda- Liechtenstein PAESI IN CONVENZIONE

4 In applicazione dei Regolamenti Comunitari e di quanto disposto dalle singole Convenzioni, gli assistiti che si spostano in Europa e negli Stati in Convenzione per motivi vari: TURISMO (TEAM o attestato previsto da convenzione) STUDIO(TEAM o attestato previsto da convenzione) LAVORO (Mod. E106 o similare) PENSIONATI CHE TRASFERISCONO LA RESIDENZA ALLESTERO (Mod.E 121 o similare) per poter usufruire dellassistenza sanitaria a carico dello Stato Italiano devono presentare agli Istituti competenti degli Stati Esteri : lattestato o il formulario che dà diritto ad usufruire delle prestazioni sanitarie medicalmente necessarie -

5 UE : Austria, Belgio,Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Grecia, Germania, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria. SEE : Islanda, Liechtenstein, Norvegia. Svizzera

6 La Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM) è entrata in vigore, anche in Italia dal 1° novembre Ha validità di 6 anni ed in prossimità della scadenza, lAgenzia delle Entrate, provvede automaticamente ad inviare la nuova tessera Si può chiedere agli sportelli un CERTIFICATO SOSTITUTIVO: In caso di smarrimento o furto Partenza in tempi troppo brevi per poter ottenere la tessera se non è stata ancora ricevuta

7 Permette di usufruire delle cure medicalmente necessarie (e quindi non solo urgenti). Lassistito per ottenere le prestazioni può recarsi direttamente presso un medico o una struttura sanitaria pubblica o convenzionata ed esibire la TEAM che dà diritto a ricevere le cure alle stesse condizioni degli assistiti del Paese in cui si trova. Leventuale ticket è a diretto carico dellassistito e quindi non è rimborsabile

8 Si rammenta che in Svizzera ed in Francia (dove vige un sistema basato sulassistenza in forma indiretta), il più delle volte viene richiesto il pagamento delle prestazioni. Il rimborso potrà essere richiesto alla ASL al rientro in Italia, presentando le ricevute e la documentazione sanitaria previa tariffazione dellistituzione estera. Si sottolinea che la TEAM non può essere utilizzata per le cure programmate.

9 Unassistenza sanitaria completa viene assicurata dal mod. E 106 ( o mod. equivalente previsto da una convenzione) al lavoratore distaccato. Mod. E 121 (o mod. equivalente previsto da una convenzione) ai pensionati che trasferiscono la residenza in un altro Stato Mod. E112 per trasferimento cure per assistenza altamente specializzata. Lattestato permette di ricevere le prestazioni sanitarie alle STESSE CONDIZIONI DEI CITTADINI DI QUELLO STATO. Inoltre a seconda dellattestato e quindi della situazione protetta e a seconda di quanto previsto dalla singola convenzione si ha una copertura sanitaria completa o limitata a determinate prestazioni.

10 ARGENTINA AUSTRALIA BRASILE CROAZIA CAPOVERDE EX IUGOSLAVIA ( Serbia, Montenegro,Macedonia,Bosnia-Erzegovina) SAN MARINO PRINCIPATO DI MONACO VATICANO TUNISIA

11 Definiscono : Campo di applicazione Beneficiari Situazioni protette ATTENZIONE : LASSISTENZA IN FORMA INDIRETTA NON E PREVISTA (eccetto per la Convenzione con la Croazia) PER CUI QUALORA LA PRESTAZIONE FRUITA SIA STATA PAGATA NON PUO ESSERE RIMBORSATA AL RIENTRO IN ITALIA.

12 E dunque OPPORTUNO prima di partire: INFORMARSI PRESSO lUFFICIO ESTERO della ASL; CONSULTARE IL SITO: alla voce assistenza sanitaria allestero (link Se parto…….) Per le categorie e le situazioni non previste è consigliabile TUTELARSI CON POLIZZA ASSICURATIVA PRIVATA CONTRO EVENTI SANITARI IMPREVISTI ed eventuale RIMPATRIO SANITARIO

13 1)Motivo del viaggio TURISMO: Ogni prestazione sanitaria dovrà essere pagata interamente a costi che possono essere elevatissimi. Per questo motivo è consigliabile stipulare un apposita polizza sanitaria prima della partenza 2)Motivo del viaggio LAVORO o STUDIO (borsa di studio): E necessario richiedere lattestato ex art.15. del DPR.31/7/80 n.618 alla ASL di iscrizione previa presentazione della documentazione prevista. La richiesta di rimborso delle spese sanitarie sostenute deve essere presentata al Ministero della Salute tramite lAmbasciata o il consolato competente entro tre mesi..

14 Se il periodo di soggiorno allestero supera i 30 giorni verrà sospeso il Medico di famiglia. Al rientro in Italia, alla scadenza prevista o in anticipo rispetto alla stessa, è necessario recarsi alla ASL per la scelta del medico di famiglia

15 potete contattare: Ufficio estero ASL o consultare Sito Ministero della Salute :www.salute.gov.it Importante link: se parto………. A questo punto Buon Viaggio !

16 Fonti Normative: Regolamenti CEE n.1408/71 e 574/72 Nuovi Regolamenti Reg.CE 883/04(di base) e 987/09( di attuazione) Convenzioni bilaterali DM e successive integrazioni

17 La assistenza sanitaria allestero, PREVENTIVAMENTE AUTORIZZATA è consentita in via di eccezione solo per le prestazioni di altissima specializzazione che non siano ottenibili nel nostro paese tempestivamente o in forma adeguata alla particolarità del caso clinico.

18 Per avere lautorizzazione al trasferimento per cure allestero: 1)linteressato, o chi per esso, deve presentare alla ASL di residenza: La domanda La proposta di un MEDICO SPECIALISTA Eventuale ulteriore documentazione se richiesta

19 La proposta del medico specialista deve essere adeguatamente motivata in ordine alla impossibilità di fruire delle prestazioni in Italia tempestivamente o in forma adeguata al caso clinico. Si precisa che la proposta può essere fatta da un medico specialista sia pubblico sia privato. La proposta deve contenere lindicazione della Struttura Estera prescelta per la prestazione sanitaria

20 2)La ASL, tramite lUfficio Estero, provvede secondo le modalità stabilite dalla Regione alla trasmissione della domanda e della documentazione al CENTRO REGIONALE DI RIFERIMENTO (CRR) competente 3)Il CRR valuta la presenza dei requisiti richiesti e lappropriatezza della Struttura Estera. Comunica alla ASL competente il PARERE MOTIVATO 4)La ASL, acquisito il parere del CRR provvede o meno al rilascio dellautorizzazione dandone COMUNICAZIONE ALLINTERESSATO

21 Se la struttura estera è privata, la ASL rilascia comunicazione scritta allinteressato che dovrà anticipare le spese autorizzate per le quali potrà chiedere il rimborso previsto in misura parziale ( ai sensi del D.M ) alla propria ASL al rientro in Italia su presentazione della documentazione sanitaria e fatture vidimate dalle rappresentanze diplomatiche ( Consolato /Ambasciata); Se la Struttura è pubblica o privata convenzionata la ASL rilascia il FORMULARIO E 112 (se è uno Stato comunitario) o un FORMULARIO similare per le convenzioni bilaterali.

22 Le cure di mantenimento e di controllo anche se riferite ad una precedente autorizzazione devono essere PREVENTIVAMENTE AUTORIZZATE dalla ASL sentito il Centro di Riferimento Regionale per cui ogni qualvolta si presenta questa necessità deve essere presentata DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE secondo le stesse procedure indicate.

23 In caso di rigetto della domanda di autorizzazione linteressato può presentare ricorso: Al Direttore Generale della ASL/ASO Al TAR Al Presidente della Repubblica

24 I Cittadini italiani che trasferiscono ( hanno trasferito) la residenza in uno Stato con il quale non è in vigore alcuna convenzione con lItalia perdono il diritto allassistenza sanitaria, sia in Italia che allEstero, allatto della cancellazione dallanagrafe comunale e della iscrizione allAIRE*, fatta eccezione per i lavoratori di diritto italiano in distacco. Liscrizione allAIRE o il diritto al voto non aprono un diritto di assistenza sanitaria in Italia *AIRE :Anagrafe Italiani Residenti allEstero

25 Ai cittadini con lo stato di emigrato ed ai titolari di pensione corrisposta da Enti previdenziali italiani che rientrino temporaneamente in Italia sono riconosciute: a titolo gratuito le prestazioni OSPEDALIERE URGENTI e per un periodo massimo di 90 giorni per ogni anno solare qualora gli stessi non abbiano una copertura assicurativa, pubblica o privata contro le malattie.

26 Sede : V. S. Secondo 29 bis ORARI : da lunedì a venerdì dalle ore 9.00 alle ore Telefono: Fax:

27 Distretti 4 e 5: Poliambulatorio V. Pacchiotti n. 4 - Tel Poliambulatorio V. Del Ridotto n.3 -Tel Distretti 6 e 7: Poliambulatorio V.Cavezzale 6 -Tel Per maggiori informazioni consultare il sito della ASL To2 :

28


Scaricare ppt "Torino, 21 giugno 2011 Dr. ssa Maria Grazia FORNI Dirigente Medico Sig.ra Elda GHILLARDI Coll. Amm.vo ASLTO1 S.C. Percorsi di Cura Igiene ed Organizzazione."

Presentazioni simili


Annunci Google