La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Autocontrollo nel diabete: il caposaldo di una terapia ragionevole e ragionata.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Autocontrollo nel diabete: il caposaldo di una terapia ragionevole e ragionata."— Transcript della presentazione:

1 Autocontrollo nel diabete: il caposaldo di una terapia ragionevole e ragionata

2 Efficacia e indicazioni Una serie di importanti studi clinici hanno dimostrato limportanza dello stretto controllo metabolico per prevenire le complicanze croniche del diabete, quali: infarto, ictus, cecità, amputazioni, ecc… Esiste tra gli specialisti del settore un ampio consenso che il mantenimento dei livelli glicemici entro i limiti consigliati dalle Società Scientifiche ha un impatto positivo sullo stato di salute e di benessere e sulle aspettative di vita dei pazienti diabetici.

3 Alla luce di queste considerazioni, tutte le persone con diabete dovrebbero cercare di raggiungere e mantenere gli obiettivi terapeutici indicati che implicano misurazioni della glicemia in vari momenti della giornata, tra cui prima e 2 ore dopo i pasti principali e al momento di coricarsi

4 il tutto naturalmente durante la vita di tutti i giorni. Lautocontrollo domiciliare della glicemia è lunico modo oggi disponibile per effettuare tali verifiche. Vale la pena, a questo punto, ricordare gli obiettivi glicemici da osservare

5 < di 130 (mg/dl) a digiuno < di 180 (mg/dl) 2 ore dopo pranzo e 2 ore dopo cena In base alle linee guida delle Società Scientifiche, le indicazioni e le modalità dellautocontrollo domiciliare della glicemia variano in relazione al tipo di diabete e di terapia ipoglicemizzante praticata.

6 La maggior parte dei dati disponibili sullefficacia dellautocontrollo domiciliare della glicemia riguardano il diabete di tipo 1, che per la sua natura, è caratterizzato da glicemia spesso molto variabile nellarco delle 24 ore.

7 In particolar modo nelle persone affette da questa malattia lautocontrollo domiciliare della glicemia deve essere considerato INDISPENSABILE, perché solo attraverso questa pratica i pazienti possono raggiungere e mantenere gli obiettivi terapeutici programmati.

8 Nei pazienti in trattamento insulinico intensivo, il controllo della glicemia prima di ogni pasto è spesso necessario per decidere la dose di insulina da praticare in base alla glicemia del momento e al tipo di pasto previsto. Inoltre, in questi pazienti, il monitoraggio domiciliare della glicemia

9 Serve a rivelare e prevenire le ipoglicemie asintomatiche cui talvolta essi vanno incontro. La frequenza e lorario delle verifiche domiciliari possono variare in rapporto agli obiettivi del singolo paziente, ma per la maggior parte delle persone con diabete di tipo 1

10 sono necessarie, in condizioni normali, almeno quattro glicemie al giorno. In condizioni particolari, come ad esempio variazioni dello schema terapeutico, malattie intercorrenti, gravidanza o preparazione a interventi chirurgici, il numero dei controlli deve essere aumentato.

11 Le persone con Diabete di tipo 2 trattate con terapia insulinica dovrebbero praticare lautocontrollo della glicemia con modalità simili a quelle previste per il diabete di tipo 1. Anche in questi pazienti, infatti, è necessario monitorare la glicemia in diversi momenti della giornata per verificare il raggiungimento degli obiettivi

12 glicemici programmati e per scoprire e prevenire le ipoglicemie asintomatiche. La frequenza e lorario delle verifiche domiciliari possono variare in rapporto agli obiettivi del singolo paziente, ma nella maggior parte dei casi il numero di glicemie necessarie, in condizioni normali, è in rapporto al

13 numero di somministrazioni giornaliere di insulina, con aumento del numero dei controlli nelle stesse situazioni descritte per il diabete di tipo 1. INSULINE INSULINA NON MODIFICATA 1. Regolare ACTRAPID, HUMULIN R 2. NPH PROTHAPHANE, HUMULIN I

14 ANALOGHI RAPIDI DELLINSULINA Lispro HUMALOG Aspart NOVORAPID, NOVOMIX Glulisina APIDRA ANALOGHI AD AZIONE PROLUNGATA Glargine LANTUS Detemir LEVEMIR NPL Insulina Lispro Protaminata HUMALOG BASAL

15 INSULINE PREMISCELATE 1.25% Lispro + 75% Lispro Protaminata HUMALOG MIX % Lispro + 50% Lispro Protaminata HUMALOG MIX % Aspart + 70% Aspart Protaminata NOVOMIX %Aspart +50% Aspart Protaminata NOVOMIX % Aspart + 30% Aspart Protaminata NOVOMIX 70

16 Per le persone con Diabete di tipo 2 trattate con ipoglicemizzanti orali, e in particolare con farmaci che stimolano la secrezione insulinica, lautocontrollo domiciliare della glicemia è CONSIGLIABILE, sia per verificare il raggiungimento degli obiettivi glicemici programmati

17 che per sorvegliare e prevenire le ipoglicemie asintomatiche. In questi pazienti, lautocontrollo serve anche per modificare la terapia in base allandamento dei valori glicemici nei vari momenti della giornata. Il numero dei controlli giornaliero è in genere più elevato allinizio della

18 terapia o in occasione delle variazioni terapeutiche e tende a diminuire nel tempo con il raggiungimento del compenso desiderato e la stabilizzazione dei valori glicemici; è comunque desiderabile che non sia inferiore a un profilo settimanale su quattro punti con incrementi dettati da particolari situazioni cliniche.

19 La pratica dellautocontrollo domiciliare della glicemia è ancora più indicata in quei pazienti con diabete di tipo 2 che abbiano un alto rischio di ipoglicemia, soprattutto se asintomatica, o che possono avere conseguenze dellipoglicemia

20 potenzialmente fatali (grave arteriopatia coronarica o cerebrale) anche se il rischio di ipoglicemia non è particolarmente elevato; in tali pazienti la frequenza dei controlli deve essere aumentata. Lautocontrollo domiciliare della glicemia è indicato

21 in tutte le persone con diabete sottoposte a trattamenti iperglicemizzanti (ad es. con cortisone), come pure è indicato nelle donne con Diabete gestazionale, per decidere quando iniziare la terapia insulinica.

22 Fra gli IPOGLICEMIZZANTI ricordiamo 1.Glimepiride AMARYL, SOLOSA 2.Gliclazide DIABREZIDE, DIAMICRON, DRAMION

23 3. Glibenclamide DAONIL, EUGLUCON, GLIBORAL, GLIBEN + Metformina GLIBOMET GLICONORM SUGUAN M GLICOREST BIEUGLUCON M

24 4. GLIPIZIDE MINIDIAB 5. REPAGLINIDE NOVONORM

25 INCRETINE 1.Exenatide BYETTA 1.INIBITORI DPP-IV JANUVIA- TESAVEL GALVUS XELEVIA ACARBOSIO GLUCOBAY

26 Il ruolo e lefficacia dellautocontrollo domiciliare della glicemia nelle persone con Diabete di tipo 2 trattati con sola dieta e/o con farmaci insulino-sensibilizzanti, non sono al momento conosciuti. Tuttavia, come principio generale, anche in questi pazienti, lautocontrollo domiciliare della

27 glicemia potrebbe permettere con più facilità il controllo in momenti della giornata (ad esempio il periodo post- prandiale) in cui il monitoraggio con la glicemia eseguita in laboratorio è più difficile. Alla luce dellimportanza del periodo post- prandiale come fattore di rischio

28 cardiovascolare anche negli stadi precoci del diabete, lautocontrollo domiciliare della glicemia potrebbe essere di grande aiuto per individuare i pazienti a rischio.

29 Farmaci insulino-sensibilizzanti: 1.METFORMINA GLUCOPHAGE, METFONORM, METFORAL, ZUGLIMET 2. PIOGLITAZONE ACTOS GLUSTIN

30 PIOGLITAZONE + Metformina COMPETACT GLUBRAVA + Glimepiride TANDEMACT

31 Da non trascurare di effettuare il test dellHbA1c. Il test stima la media delle glicemie dei 2-3 mesi precedenti e, in tal modo, valutare lefficienza della terapia. La riduzione di un punto percentuale dei valori di HbA1c si associa a una riduzione del 37% del rischio di complicanze microvascolari e del 21% di tutte le cause di morte correlate al diabete.

32 CONCLUSIONI In relazione a quanto finora esposto si ritiene che lautocontrollo glicemico deve essere considerato un vero e proprio strumento terapeutico, da prescrivere, secondo precise indicazioni e modalità e con la scelta di strumenti ritenuti più idonei, da parte del diabetologo del medico di medicina generale dove sia stato istituito un regime di assistenza integrata.

33 Tale prescrizione deve in ogni caso essere preceduta da un addestramento pratico e strutturato da parte del personale sanitario curante ed accompagnata da un sistema di distribuzione capillare assimilabile, per efficienza, a quello dei farmaci.

34 GRAZIE PER LATTENZIONE!


Scaricare ppt "Autocontrollo nel diabete: il caposaldo di una terapia ragionevole e ragionata."

Presentazioni simili


Annunci Google