La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Normativa e Biogas: criticità e prospettive per lo sviluppo del settore. Venerdì 9 novembre 2007 Rimini Comitato Termotecnico Italiano CTI Energia e Ambiente.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Normativa e Biogas: criticità e prospettive per lo sviluppo del settore. Venerdì 9 novembre 2007 Rimini Comitato Termotecnico Italiano CTI Energia e Ambiente."— Transcript della presentazione:

1 Normativa e Biogas: criticità e prospettive per lo sviluppo del settore. Venerdì 9 novembre 2007 Rimini Comitato Termotecnico Italiano CTI Energia e Ambiente – I° FORUM NAZIONALE SUL BIOGAS BIOGAS E RICERCA IN ITALIA Enrico Calcaterra - Antonio Panvini -

2 Di cosa parliamo….. Il CTI e lattività normativa Cosa è una norma tecnica La norma tecnica del CTI sugli impianti a biogas Spunti di discussione

3 Comitato Termotecnico Italiano Ente di normazione federato allUNI che produce norme nel settore termotecnico congruenti con lo stato della tecnica e delle conoscenze Attività pre-legislativa in collaborazione con i Ministeri e mediatore di interessi tra industria e enti pubblici Attività prenormativa di ricerca nel settore delle biomasse, dei biocombustibili e della programmazione energetica sostenibile e di consulenza per enti locali Sito Internet – - con più di documenti di lavoro e pubblicazioni scientifichewww.cti2000.it

4 Il circuito mondiale di normazione Comitato Termotecnico Italiano CTI Energia e Ambiente Ente di normazione Italiano CIG CUNA UNICHIM

5 Attività normativa del CTI Apparecchi e impianti civili per il riscaldamento Bruciatori e Caldaie; Micro Cogenerazione; Camini; Corpi scaldanti (Radiatori, pannelli radianti, ecc); Dispositivi di regolazione, valvole e raccordi; Impianti di riscaldamento - Esercizio e produzione; Stufe, caminetti, barbecue Certificazione energetica degli edifici Riepilogo attività relative al mandato M343 Dir. 02/91 - Decreti Attuativi DLvo 19 agosto 2005 n. 192 Apparecchi e impianti industriali Compressori, utensili e macchine pneumatiche; Sicurezza degli impianti a rischio di incidente rilevante; Progettazione centrali elettriche; Forni chimici e petrolchimici; Turbine a gas e turbine termiche per uso industriale; Tecnologia dei processi termici e forni industriali Climatizzazione e refrigerazione e Isolamento termico Filtri e filtrazione; Pompe di calore, condizionatori, scambiatori, compressori; Ventilazione e condizionamento; Impianti frigoriferi: sicurezza e protezione dell'ambiente; Refrigerazione domestica e commerciale Fonti e vettori di energia e impianti di distribuzione Oli e grassi vegetali, derivati e sottoprodotti; Biocombustibili solidi; Combustibili liquidi; Biogas; Energia dai rifiuti; Energia solare; Idrogeno; Distributori di carburante e serbatoi Generatori e impianti in pressione - Direttiva PED 97/23 Gestione dell'energia e uso razionale Misure e strumentazione

6 Il problema Biogas Il mercato ha necessità di chiarezza e di regole certe che lo aiutino a crescereIl mercato ha necessità di chiarezza e di regole certe che lo aiutino a crescere La legislazione è spesso di difficile interpretazione e a volte contraddittoriaLa legislazione è spesso di difficile interpretazione e a volte contraddittoria Le norme tecniche aiutano il mercato …Le norme tecniche aiutano il mercato …

7 Normativa tecnica e giuridica ruoli e integrazione Legislatore Fissare obiettivi e requisiti di qualità e sicurezza di prodotti e serviziFissare obiettivi e requisiti di qualità e sicurezza di prodotti e servizi Regole tecniche (obbligatorie)Regole tecniche (obbligatorie) Enti di normazione Preparare norme tecniche di dettaglio (volontarie ma possono divenire obbligatorie) per consentire lattuazione degli obiettivi stabiliti per legge Il Legislatore deve redigere leggi e regolamenti mentre gli aspetti tecnici di dettaglio sono demandati agli enti normatori preposti Norme giuridiche e norme tecniche sono complementari Norme tecniche divengono strumento tecnico a supporto della legislazione nazionale e europea per fornire riferimenti di dettaglio per applicare la legislazione vigente e sviluppare la legislazione futura

8 Norme Tecniche Cosa è una NORMA TECNICA? E un documento approvato da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa e che appartiene ad una delle seguenti categorie: ISO, EN, UNI Le norme definiscono le caratteristiche (dimensionali, prestazionali, ambientali, di sicurezza, di organizzazione ecc.) di un prodotto, processo o di servizio, secondo lo stato dell'arte. Prodotto: biocombustibili solidi e liquidi, impianti termici, impianti solari Processo/installazione/progettazione: impianti termici e impianti solari Servizio/gestione: sistemi di gestione ambientale, qualità

9 La normazione Una norma tecnica viene elaborata secondo 4 principi CONSENSUALITÀ – DEMOCRATICITÀ TRASPARENZA – VOLONTARIETÀ Se largomento trattato dalle norme ha una rilevanza determinante sulla sicurezza del lavoratore, del cittadino o dellambiente, le Pubbliche Amministrazioni fanno riferimento ad esse richiamandole nei documenti legislativi e trasformandole, quindi, in documenti cogenti. UNA NORMA TECNICA E REDATTA DAGLI OPERATORI DEL MERCATO CHE SI RIUNISCONO SOTTO IL COORDINAMENTO DEL CTI ED ELABORANO IL DOCUMENTO IN BASE ALLO STATO DELLARTE

10 La norma esistente UNI 10458:1995 Impianti per la produzione di gas biologico - (biogas). Classificazione, requisiti, regole per la costruzione, l'offerta, l'ordinazione e il collaudo Inadeguata allattuale mercato Sottoposta a revisione con lattivazione di un gruppo specifico GC Biogas da fermentazione anaerobica composto da enti di ricerca, aziende del settore, università.

11 La futura norma UNI-CTI Progetto CTI : E0209A420 Impianti per la produzione e limpiego di gas biologico (biogas) da fermentazione anaerobica. Classificazione, requisiti essenziali, regole per la costruzione, l'offerta, l'ordinazione e il collaudo

12 La futura norma UNI-CTI Progetto CTI : E0209A420 Scopo e campo di applicazione La presente norma definisce le modalità di classificazione, i requisiti costruttivi essenziali, le regole per la costruzione, l'offerta, l'ordinazione e il collaudo degli impianti per la produzione e lutilizzo di gas biologico (biogas) da fermentazione anaerobica. Stabilisce inoltre le prescrizioni tecniche per le prove. La presente norma si applica a tutti gli impianti basati sul processo di digestione anaerobica e finalizzati alla trasformazione della sostanza organica contenuta in biomasse, fanghi e rifiuti di varia provenienza con contemporanea produzione di biogas. Sono esclusi dal campo di applicazione della presente norma gli impianti di captazione di biogas delle discariche.

13 I principali punti della futura norma

14 Modalità di classificazione Alcuni esempi: 1.Impianti a caricamento ciclico 2.Impianti a volume variabile 3.Impianti a carico continuo a volume costante

15 Requisiti essenziali Alcuni esempi 1.Influente 2.Effluente 3.Gas 4.Tempo di ritenzione 5.….. 6.Consumi energetici 7.Impianti elettrici 8.Locali tecnici 9.…..

16 Dati per la richiesta dofferta, lofferta e il collaudo Aspetti fondamentali per la preparazione delle offerte economiche degli impianti e le modalità di collaudo dei medesimi ai fini della verifica del buon funzionamento e della rispondenza al progetto iniziale. Si tratta di aspetti utili anche per bandi pubblici di finanziamento. Alcuni esempi 1.Caratteristiche del sito di installazione 2.Caratteristiche dellinfluente e delleffluente 3.Caratteristiche del biogas prodotto 4.Prestazioni fondamentali dellimpianto 5.Caratteristiche costruttive dellimpianto

17 SPUNTI PER LA DISCUSSIONE

18 Il contesto normativo nazionale Biomassa CombustibileRifiuto Altri impianti Civili e industriali DLvo 152/06 Impianti civili < 3 MW a biogas < 1 MW solidi e biodiesel Impianti soggetti a procedure semplificate Impianti soggetti ad autorizzazione DM 5/2/98DLvo 133/05 Direttiva 91/676/CEE Nitrati DM 7/4/06 n. 209 – Utilizzazione agronomica degli allevamenti DIGESTATO

19 Lapproccio regionale Un esempio dalla Regione Lombardia DGR 2 agosto 2007 – 8/5215 Integrazione con modifica al programma dazione per la tutela e il risanamento delle acque dallinquinamento causato da nitrati di origine agricola in zona vulnerabile DGR 7 novembre 2006 – 8/3439 Adeguamento del programma dazione della Regione Lombardia per la tutela e risanamento delle acque dallinquinamento causato da nitrati di origine agricola in zona vulnerabile DGR 1 agosto 1996 – 6/17149 che recepisce la Direttiva Nitrati individuando le zone vulnerabili

20 E necessario fare chiarezza a livello nazionale …… ma come?

21 ….già avviate Normazione tecnica Ricerca scientifica a supporto Università di Milano: digestato CTI: strippaggio di azoto con azioni concrete …..

22 … in fase di avviamento Tavolo regionale/interregionale, supportato dagli operatori del settore mirato alla definizione di caratteristiche importanti della filiera e in particolare dei requisiti tecnici che esulano dal campo di applicazione delle norme specifiche (p.e. digestato e biomasse in ingresso)

23 Grazie per lattenzione! Enrico Calcaterra - Antonio Panvini - Comitato Termotecnico Italiano


Scaricare ppt "Normativa e Biogas: criticità e prospettive per lo sviluppo del settore. Venerdì 9 novembre 2007 Rimini Comitato Termotecnico Italiano CTI Energia e Ambiente."

Presentazioni simili


Annunci Google