La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Politecnico di Milano Sede territoriale di Cremona Questioni ambientali nella gestione del territorio: strumenti e casi studio nellarea dellAlto Milanese.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Politecnico di Milano Sede territoriale di Cremona Questioni ambientali nella gestione del territorio: strumenti e casi studio nellarea dellAlto Milanese."— Transcript della presentazione:

1 Politecnico di Milano Sede territoriale di Cremona Questioni ambientali nella gestione del territorio: strumenti e casi studio nellarea dellAlto Milanese 9 giugno 2006, Alessandra Maria Pandolfi Conservazione delle risorse territoriali ed influenze delle trasformazioni insediative applicate ad unarea del Milanese Settentrionale

2 Conservazione delle risorse territoriali ed influenze delle trasformazioni insediative applicate ad unarea del Milanese Settentrionale Il forte incremento del consumo di suolo negli ultimi cinquantanni Lo sviluppo del modello insediativo diffuso come il modello urbano uniformatore del paese nellultimo trentennio (Paolillo, 2001) Non tutti i suoli extraurbani ed i lotti urbani inedificati devono essere preservati in quanto tali La necessità di valutare la compatibilità dei suoli con i differenti tipi duso ed i possibili rischi La scelta di approfondire la tematica del contenimento dello spreco di suolo

3 Conservazione delle risorse territoriali ed influenze delle trasformazioni insediative applicate ad unarea del Milanese Settentrionale Procedura analitica Procedur a pratica AnaliticaPraticaTeorica La costruzione di una procedura per circoscrivere : le propensioni al consumo di suolo le propensioni al consumo di suolo le resistività all utilizzo di suolo le resistività all utilizzo di suolo

4 Conservazione delle risorse territoriali ed influenze delle trasformazioni insediative applicate ad unarea del Milanese Settentrionale Bovisio Masciago Ceriano Laghetto Cesano Maderno Limbiate Nova Milanese SolaroVaredo Sette Comuni appartenenti allArea del Consorzio dellAlto Milanese (CAAM) Dalla costruzione di una procedura teorica alla possibilità di applicazione pratica di un metodo di analisi ad un caso reale

5 Conservazione delle risorse territoriali ed influenze delle trasformazioni insediative applicate ad unarea del Milanese Settentrionale La proposta di una procedura applicata ad un caso reale (i) Definizione di un algoritmo risolutivo a)Sotto-fase preliminare (ii) Allestimento della conoscenza a)Sotto-fase preliminare b)Sotto-fase ipotetica c)Sotto-fase analitica d)Sotto-fase descrittiva (iii) Trattamento della conoscenza a)Sotto-fase interpretativa b)Sotto-fase classificatoria (iv) Sintesi della conoscenza a)Sotto-fase identificatoria b)Sotto-fase combinatoria c)Sotto-fase risolutiva (v)Interpretazione della sintesi conoscitiva a)Sotto-fase interpretativa (vi)Verifica della sintesi conoscitiva a)Sotto-fase verificatoria VariabiliIndici Indici classificati IndicatoriTipologie Tipologie finali Analisi dinamiche

6 Conservazione delle risorse territoriali ed influenze delle trasformazioni insediative applicate ad unarea del Milanese Settentrionale (i) Definizione di un algoritmo risolutivo Identificazione della procedura di ricerca seguita Scopo: Definire schematicamente il procedimento di analisi da seguire 2.Schematizzazione del procedimento per il caso studio 1.Letturadi uno schema analitico di riferimento 1.Lettura di uno schema analitico di riferimento a) Sotto-fase preliminare Definizione dellalgoritmo Esito: Rappresentazione schematica del procedimento di analisi

7 Conservazione delle risorse territoriali ed influenze delle trasformazioni insediative applicate ad unarea del Milanese Settentrionale (ii) Allestimento della conoscenza Costruzione della base conoscitiva da trattare Scopo: Definire nei minimi particolari il procedimento di analisi da seguire Esito: Rappresentazione schematica del procedimento di analisi a)Sotto-fase preliminare: costruzione dello scenario e della pre-ipotesi Procedura analitica Procedur a pratica Da un quadro sommario della situazione in studio Ad uno scenario organico e completo

8 Conservazione delle risorse territoriali ed influenze delle trasformazioni insediative applicate ad unarea del Milanese Settentrionale Scopo: Costruire lo scenario generale ed una pre- ipotesi orientata a) Sotto-fase preliminare: costruzione dello scenario e della pre-ipotesi Operazioni: 1. Lettura dei materiali riguardanti il territorio (regionale, provinciale, area Caam) (regionale, provinciale, area Caam) 2. Rilevazione teorica delle tendenze e dei problemi in atto 3. Individuazione delle cause di consumo di suolo 4. Indirizzi per la formulazione di una prima ipotesi di ricerca per rilevare il consumo di suolo in atto Esito: Conoscenza del processo evolutivo dellassetto del territorio (ii) Allestimento della conoscenza Costruzione della base conoscitiva da trattare

9 Conservazione delle risorse territoriali ed influenze delle trasformazioni insediative applicate ad unarea del Milanese Settentrionale Scopo: 1. Specificare lipotesi che regge il modello per poter meglio affrontare la successiva fase analitica 2. Riconoscere quali dati ipotizzati come utili sono realmente disponibili b) Sotto-fase ipotetica: la formulazione e la specificazione delle ipotesi (ii) Allestimento della conoscenza Costruzione della base conoscitiva da trattare analisi descrizione formule

10 Conservazione delle risorse territoriali ed influenze delle trasformazioni insediative applicate ad unarea del Milanese Settentrionale Scopo: 1. Specificare lipotesi che regge il modello per poter meglio affrontare la successiva fase analitica 2. Riconoscere quali dati ipotizzati come utili sono realmente disponibili b) Sotto-fase ipotetica: la formulazione e la specificazione delle ipotesi 1. Costruzione dellipotesi e di tutti i sottolivelli di specificazione: specificazione delle ipotesi che sostengono limpianto teorico (ii) Allestimento della conoscenza Costruzione della base conoscitiva da trattare Elemento dellHP Elementi dellanalisi pratica Ipotesi generaleAlgoritmo risolutivo Fattori esplicativiTipologie 3 ComponentiTipologie 2 Sottocomponenti principali Tipologie 1 Sottocomponenti secondarie Indicatori Indici classificatori Indici Sottocomponenti elementari Variabili LINGUAGGIO MATEMATICO

11 Conservazione delle risorse territoriali ed influenze delle trasformazioni insediative applicate ad unarea del Milanese Settentrionale Scopo: Ottenere un riscontro empirico teorico ed una consultazione funzionale dei dati raccolti allinterno di un unico DB c) Sotto-fase analitica: costruzione del DB territoriale 1.Lettura ed organizzazione delle informazioni acquisite Esito: Prime ipotesi per lallestimento della fase descrittiva (ii) Allestimento della conoscenza Costruzione della base conoscitiva da trattare I dati statistici I dati statistici (unità territoriale comunale) I dati cartografici I dati cartografici (unità specifiche di ogni dato) Istat Ancitel 2003 SuoloPaesaggio 1Dati statisticiDati cartografici 2--X Y 6-- X 7-- Y

12 Conservazione delle risorse territoriali ed influenze delle trasformazioni insediative applicate ad unarea del Milanese Settentrionale Scopo: Ottenere un riscontro empirico teorico ed una consultazione funzionale dei dati raccolti allinterno di un unico DB c) Sotto-fase analitica: costruzione del DB territoriale 2. Formulazione di una ipotesi per la risoluzione dellindagine: costruire un sistema di valutazione sul tipo ed intensità duso del suolo Esito: Prime ipotesi per lallestimento della fase descrittiva (ii) Allestimento della conoscenza Costruzione della base conoscitiva da trattare Funzioni del controllo al consumo di suolo, formule HP analitica Dallipotesi teorica Dalla lettura analitica dei dati Algoritmo esplicativo Tipologie finali (2) Tipologie intermedie (3) Tipologie preliminari (8) f(C) = f(caus)-f(lim) f(C), funzione del controllo del consumo di suolo f(caus), funzione dei fattori causali del consumo di suolo f(lim), funzione dei fattorilimitanti del consumo di suolo f(caus) = f(strut) dove f(strut) è funzione dei fattori strutturali f(lim) = f(vinc)+f(fis) dove f(vinc) è funzione dei vincoli e f(fis) dei fattori fisici f(strut) = f(soc-ec, edif, urb, mob) f(vinc) = f(vincoli, rischi) f(fis) = f(suolo, paesaggio) f(scomp) = f(indic 1,…,indic n ) Indicatori (4° livello) Indicatori classificatori (3° livello) Indici (2° livello) Variabili (1° livello) I = Ic più significativi Ic = i riclassificati e orientati i = f (v più significative)v = f(x)

13 Conservazione delle risorse territoriali ed influenze delle trasformazioni insediative applicate ad unarea del Milanese Settentrionale Scopo: Suddividere e descrivere i singoli fattori territoriali rispetto al ruolo assunto nei confronti dellutilizzo del suolo d) Sotto-fase descrittiva: organizzazione preliminare del modello in componenti Esito: Ricostruzione di un sistema territoriale disaggregato in componenti tematiche (ii) Allestimento della conoscenza Costruzione della base conoscitiva da trattare dallanalisi esplorativa dei dati a disposizione Dalla specificazione dellimpianto teorico Fattori causaliFattori limitanti Componente strutturaleComponente vincolanteComponente fisica Componenti Sottocomponenti primarie HP generale sul CONTROLLO DEL CONSUMO DI SUOLO Sistema territoriale e la sua disaggregazione Socio- economica UrbanizzataMobilitàEdificata Suolo Paesistica Vincolistica normativa Rischi composizione, stato sociale, dinamica sociale, fattori culturali, nucleo dirigente, localizzazione, complementarietà composizione, abitazioni, attività, pubblico, perimetrazione, evoluzione composizione, perimetrazione, evoluzione storica composizione, pubblico, privato, evoluzione storica composizione fenomeno, esposizione, vulnerabilità, pericolosità caratteristiche fisiche, agronomiche, biologiche, storiche caratteristiche naturalistiche e paesaggistiche, idrologia Sottocomponenti secondarie Sottocomponenti elementari

14 Conservazione delle risorse territoriali ed influenze delle trasformazioni insediative applicate ad unarea del Milanese Settentrionale Scopo: Suddividere e descrivere i singoli fattori territoriali rispetto al ruolo assunto nei confronti dellutilizzo del suolo d) Sotto-fase descrittiva: organizzazione preliminare del modello in componenti Esito: (ii) Allestimento della conoscenza Costruzione della base conoscitiva da trattare Schema della disaggregazione territoriale Schema intuitivo dellimpianto logico del modello di studio Pratica Teorrca

15 Conservazione delle risorse territoriali ed influenze delle trasformazioni insediative applicate ad unarea del Milanese Settentrionale Scopo: Individuare, per ogni componente, una batteria di indicatori calcolabili sulla base dei dati disponibili a) Sotto-fase interpretativa: organizzazione delle analisi secondo lo schema analitico Esito: Individuazione degli indici ottenuti dagli indicatori più significativi (iii) Trattamento della conoscenza Elaborazione della base conoscitiva costruita 1.Lettura delle variabili 2.Analisi monovariata delle variabili 3.Elaborazione di alcuni indici 4.Calcolo degli indici Individuare le elaborazioni monovariate delle variabili più significative e calcolare gli indici relativi ad esse Analisi univariate Variabili1300Indici 100

16 Conservazione delle risorse territoriali ed influenze delle trasformazioni insediative applicate ad unarea del Milanese Settentrionale Scopo: Classificare gli indicatori di ciascuna sottocomponente per tipologie e rendere confrontabili i valori tra loro b) Sotto-fase classificatoria: organizzazione preliminare del modello in componenti Esito: Classificazione territoriale di ciascun indicatore per celle sovrapponibili (iii) Trattamento della conoscenza Elaborazione della base conoscitiva costruita 1.Lettura degli indici 2.Analisi monovariata degli indici 3.Elaborazione degli indici classificati: attribuzione di un valore identificativo allinterno di una scala di valori continua per ogni indicatore assunto Classificazione delle modalità in classi omogenee Analisi univariate Indici100 Indici classificati 100

17 Conservazione delle risorse territoriali ed influenze delle trasformazioni insediative applicate ad unarea del Milanese Settentrionale Scopo: Selezionare gli indicatori più significativi ai fini dellanalisi e preparare le tavole per le successive analisi a) Sotto-fase identificatoria: organizzazione delle tavole di indicatori per lanalisi per tipologie delle sotto-componenti Esito: Batterie di indicatori significativi da analizzare organizzati per sotto-componenti (iv) Sintesi della conoscenza Elaborazione della base conoscitiva costruita 1.Lettura degli indici classificati 2.Analisi monovariata degli indici classificati 3.Selezione degli indici classificati più significativi: procedure di analisi multivariata per lindividuazione delle componenti principali 4.Selezione degli indicatori Selezione degli indicatori sulla base della significatività degli indici classificati 100 Analisi multivariate Indici classificati Indicatori 73

18 Conservazione delle risorse territoriali ed influenze delle trasformazioni insediative applicate ad unarea del Milanese Settentrionale Scopo: Sintetizzare gli indicatori in tipologie primarie da inserire nelle successive analisi b) Sotto-fase combinatoria: individuazione delle tipologie per ogni sotto-componente Esito: Costruzione della tabella delle sottocomponenti da analizzare (iv) Sintesi della conoscenza Elaborazione della base conoscitiva costruita 1.Lettura degli indicatori 2.Analisi monovariata degli indicatori 3.Elaborazione delle tipologie per sottocomponente: procedure di analisi multivariata per lindividuazione delle tipologie Elaborazione delle tipologie per ogni sottocompenente sintetizzando le batterie di indicatori Analisi multivariate Indicatori73Tipologie 8

19 Conservazione delle risorse territoriali ed influenze delle trasformazioni insediative applicate ad unarea del Milanese Settentrionale Scopo: Sintetizzare le tipologie da sottocomponenti a componenti a fattori ed individuare tipologie finali orientate per la fase progettuale c) Sotto-fase risolutiva: soluzione dellalgoritmo esplicativo Esito: Tabella delle tipologie finali attribuite ad ogni cella e relativa cartografia (iv) Sintesi della conoscenza Elaborazione della base conoscitiva costruita 1.Lettura delle tipologie per sottocomponente 2.Elaborazione delle tipologie per componente: procedure di analisi multivariata per lindividuazione delle tipologie 3.Elaborazione delle tipologie per fattore: procedure di analisi multivariata per lindividuazione delle tipologie Analisi tipologica Tipologie uno 8 Tipologie due 3 Tipologie tre 2 Analisi tipologica

20 Conservazione delle risorse territoriali ed influenze delle trasformazioni insediative applicate ad unarea del Milanese Settentrionale Scopo: Sintetizzare le tipologie da sottocomponenti a componenti a fattori ed individuare tipologie finali orientate per la fase progettuale c) Sotto-fase risolutiva: soluzione dellalgoritmo esplicativo Esito: Tabella delle tipologie finali attribuite ad ogni cella e relativa cartografia (iv) Sintesi della conoscenza Elaborazione della base conoscitiva costruita 4. Elaborazione delle tipologie finali: procedure di analisi multivariata per lindividuazione delle tipologie Tipologie tre Analisi tipologica Tipologie finali 21

21 Conservazione delle risorse territoriali ed influenze delle trasformazioni insediative applicate ad unarea del Milanese Settentrionale Scopo: Individuare le aree in cui intervenire con urgenza e le aree di non intervento a) Sotto-fase interpretativa: interpretazione delle tipologie in classi dintervento Esito: Tabella con le classi di intervento divise per celle e relativa cartografia (v) Interpretazione della sintesi conoscitiva Interpretazione dei risultati per la fase progettuale 1.Lettura delle tipologie finali 2.Individuazione delle classi di intervento 3.Elaborazione delle tipologie di intervento Interpretazione tipologica Tipologie finali 22 Classi intervento 3 Tipologie intervento 3

22 Conservazione delle risorse territoriali ed influenze delle trasformazioni insediative applicate ad unarea del Milanese Settentrionale Scopo: Individuare le aree in cui intervenire con urgenza e le aree di non intervento a) Sotto-fase interpretativa: interpretazione delle tipologie in classi dintervento Esito: Tabella con le classi di intervento divise per celle e relativa cartografia (v) Interpretazione della sintesi conoscitiva Interpretazione dei risultati per la fase progettuale Tipologie di intervento Classi di intervento Numero celle Percentuale , , ,97

23 Conservazione delle risorse territoriali ed influenze delle trasformazioni insediative applicate ad unarea del Milanese Settentrionale Scopo: Individuare incompatibilità previsionali delle classi di intervento a) Sotto-fase verificatoria: verifica delle classi dintervento con analisi dinamiche Esito: Tabella con le classi di intervento verificate alle soglie previsionali (vi) Verifica della sintesi conoscitiva Confronto dei risultati con analisi dinamiche ed evolutive Confronto con le analisi dinamiche Analisi per coorti di sopravvivenza e simulazione del saldo migratorio Variazioni previste poco significative

24 Conservazione delle risorse territoriali ed influenze delle trasformazioni insediative applicate ad unarea del Milanese Settentrionale Conclusioni La cartografia finale costituisce uno strumento di supporto alla fase progettuale, poiché indica già gli ambiti di intervento La cartografia finale costituisce uno strumento di supporto alla fase progettuale, poiché indica già gli ambiti di intervento La lettura delle tipologie finali, integrata alle tipologie di intervento, fornisce una lettura delle cause del consumo di suolo su cui intervenire La lettura delle tipologie finali, integrata alle tipologie di intervento, fornisce una lettura delle cause del consumo di suolo su cui intervenire Il confronto con le analisi dinamiche offre una semplice metodologia di conferma o meno della validità previsionale delle elaborazioni compiute, sebbene gli strumenti a disposizione si limitino a considerare i trend demografici Il confronto con le analisi dinamiche offre una semplice metodologia di conferma o meno della validità previsionale delle elaborazioni compiute, sebbene gli strumenti a disposizione si limitino a considerare i trend demografici !

25 Conservazione delle risorse territoriali ed influenze delle trasformazioni insediative applicate ad unarea del Milanese Settentrionale Ringraziamenti Ringrazio il professor Paolillo ed i suoi collaboratori che mi hanno seguito nella redazione di questa tesi, insieme alla mia collega Sabrina Casolo, la quale ha lavorato con me a questo progetto e che non è presente qui a presentarne gli esiti. Bibliografia principale Vittorio Borachia, Anna Moretti, Pier Luigi Paolillo, Andrea Tosi, Il parametro suolo. Dalla misura del consumo alle politiche di utilizzo, Grafo edizioni, Brescia, 1988 Stefano Brenna, Romano Rasio, Contributi per la protezione del suolo, applicazioni al caso della Lombardia, Agrometereologia e pedologia applicata, n.10, Ersal, Milano, 1997 Marie Fraire, Metodi di analisi multidimensionale dei dati,CISU, 1994 Silvio Griguolo, Mauro Mazzanti, Pier Carlo Palermo, Addati, un pacchetto per lanalisi esplorativa dei dati, IUAV, Venezia, 1999 Pier Luigi Paolillo, Problematiche del parametro suolo. Uno sguardo preoccupato alla situazione regionale, Franco Angeli, Milano, 2002 Pier Luigi Paolillo (a cura di), Acque suolo e territorio. Esercizi di pianificazione sostenibile, Franco Angeli editore per il DIAP, 2001 David Unwin, Analisi spaziale. Unintroduzione geocartografica, Franco Angeli, 1981


Scaricare ppt "Politecnico di Milano Sede territoriale di Cremona Questioni ambientali nella gestione del territorio: strumenti e casi studio nellarea dellAlto Milanese."

Presentazioni simili


Annunci Google