La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La reggia di Versailles. Il sistema di corte: strumento di disciplinamento nobiliare Versailles simbolo del potere assoluto: sede del sistema di corte.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La reggia di Versailles. Il sistema di corte: strumento di disciplinamento nobiliare Versailles simbolo del potere assoluto: sede del sistema di corte."— Transcript della presentazione:

1 La reggia di Versailles

2 Il sistema di corte: strumento di disciplinamento nobiliare Versailles simbolo del potere assoluto: sede del sistema di corte Etichetta e rituale Sistema di distribuzione di prestigio Però: Grande distanza tra centro e periferia

3 III. La politica estera Con il regno di Luigi XIV la politica estera della Francia cambia segno: non più interessi dinastico-territoriali (antagonismo con gli Asburgo) ma interessi economici (antagonismo con le Province Unite e l Inghilterra)

4 La riflessione di Luigi XIV sul diritto internazionale «Non esiste clausola così netta che non sia suscettibile di qualche interpretazione dalla quale si possa agevolmente ricavare un pretesto per disdirla. Ciascuno difende nei trattati da farsi i propri interessi presenti, ma la maggior parte cerca in seguito di spiegare le proprie parole seguendo le congiunture che via via si presentano e quando la ragione che stava alla base delle promesse non esiste più, si trovano poche persone che mantengano le proprie promesse».

5 L Europa attorno al 1660

6 La politica estera e i conflitti europei Con la Repubblica delle Province Unite (Guglielmo d Orange) il conflitto si manifesta a tre diversi livelli: 1.economico 2.politico 3.religioso Dopo una prima stagione di guerre di provocazione : 1. guerra di devoluzione guerra d Olanda Nel 1688 (Lega di Augusta) attorno all Olanda si unirà una grande coalizione europea contro la Francia di Luigi XIV che sarà costretta alla trattativa nel 1697 (pace di Ryswick): - la Francia mantiene il controllo dell Alsazia, ma a) rinuncia all annessione di Nimega che viene restituita all Olanda, b) riconosce Guglielmo III d Orange come legittimo sovrano d Inghilterra Con la guerra di successione spagnola ( ) la Francia si troverà nuovamente al centro di un conflitto europeo di vasta portata che la contrapporrà (alleata questa volta con la Spagna di Filippo V di Borbone, nipote di Luigi XIV) a tutte le potenze del vecchio continente.

7 IV. La politica militare La politica militare di Luigi XIV contiene un misto di vecchio e di nuovo. concezione patrimoniale dello Stato (conservare e accrescere ciò che si è ereditato) utilità della guerra: la guerra è l unico modo per – imporre tasse straordinarie, senza convocare gli Stati Generali – scaricare le tensioni sociali – tenere occupata la nobiltà – impiegare i vagabondi progetto imperialista: – ostentare la potenza militare della Francia in Europa – contrastare le potenze rivali (Olanda e Inghilterra) Alla guerra rapida si preferisce di gran lunga la guerra di posizione: la modalità dominante è l assedio (sono favorite le competenze tecniche e la capacità di prolungare la guerra nel tempo) La politica militare di Luigi XIV si rivela un errore colossale. Conseguenze: 1.dissanguamento delle finanze (vengono vanificati gli sforzi di Colbert) 2.rafforzamento dei Fermiers Généraux (esattori delle tasse) 3.isolamento internazionale della Francia 4.tensioni sociali acutizzate

8 La politica militare Le guerre di Luigi XIV: quattro grandi conflitti : Guerre di devoluzione (>Spagna: Paesi Bassi sp., Franca Contea) : Guerra d Olanda (>Olanda) : Guerra della Lega d Augusta (>Olanda, Inghilterra) : Guerra di successione spagnola (>Olanda, Inghilterra, Impero, Piemonte)

9 Le guerra di devoluzione ( ) In colore arancione i territori rivendicati da Luigi XIV e sottratti all Impero

10 V. I conflitti religiosi: tre fronti aperti La politica religiosa di Luigi XIV mira essenzialmente a rafforzare lo Stato e ridurre tutte le manifestazioni di particolarismi: tra questi il dissenso religioso. La politica religiosa di Luigi XIV è segnata da tre aspri conflitti: 1.con i Giansenisti ( ) 2.con i Protestanti francesi (ugonotti) (1685) 3.con la Chiesa di Roma (1682)

11 I conflitti religiosi: 1. la persecuzione dei Giansenisti ( ) 1640: Cornelius Janssen ( ), vescovo di Ypres (Belgio), pubblica l opera Augustinus : una biografia di sant Agostino d Ippona che ne rivaluta il pensiero soprattutto riguardo alla dottrina della grazia; solo la grazia efficace (grazia+volontà) può salvare dal peccato, la Chiesa deve essere soprattutto un entità spirituale 1642: con la bolla In eminenti il Papa Urbano VIII condanna l opera di Janssen (e il giansenismo ) accusandola di cripto- protestantesimo e fa chiudere il monastero di Port Royal a Parigi, diretto dal teologo Antoine Arnault, rifugio di filosofi e letterati

12 I conflitti religiosi: 1. la persecuzione dei Giansenisti ( ) 1664: Luigi XIV impone a tutti i parroci un formulario di condanna del giansenismo. 1665: il formulario viene prescritto da Papa Alessandro VII 1710: Luigi XIV ordina la distruzione di Port Royal 1713: con la bolla Unigenitus il Papa Clemente XI condanna definitivamente come eretiche le dottrine di Janssen e di Quesnel 1730: la Unigenitus diventa legge dello Stato in Francia

13 I conflitti religiosi: 2. l espulsione degli Ugonotti (1685) 1598: dopo trent anni di guerre di religione Enrico IV promulga l Editto di Nantes con il quale concede la tolleranza religiosa ai protestanti francesi (ugonotti) : per tutto il secolo le autorità francesi agiscono per limitare sostanzialmente i diritti degli ugonotti, giungendo anche alla minaccia e alla provocazione 1685, 18 ottobre: con l Editto di Fontainebleau Luigi XIV revoca l editto di Nantes, negando il diritto all esistenza di suddito francesi non cattolici. Tutti gli ugonotti francesi sono costretti ad abiurare e farsi cattolici o a lasciare la Francia entro due settimane. Il motto del sovrano è: «Un Roi, une foi, une loi» (Un solo re, una sola fede, una sola legge) La revoca dell editto di Nantes conclude un lungo processo (iniziato da Luigi XIII e da Richelieu) di progressiva erosione della tolleranza religiosa. La Francia perde capitali, forze imprenditoriali, tecniche, cultura e scienza che andranno ad alimentare gli avversari protestanti di Luigi XIV. Dopo la revoca dell editto di Nantes la Francia protestante feconda l Europa (G. Spini), finisce l Europa della Controriforma e inizia quella dei Lumi.

14 La cacciata degli ugonotti dopo la revoca dell Editto di Nantes (1685) persone lasciano la Francia in 15 giorni, rifugiandosi: nelle Province Unite in Brandeburgo in Svizzera in Inghilterra Se ne vanno con le loro ricchezze e iniziative economiche. Perdita per la Francia

15 I conflitti religiosi: 3. la Dichiarazione delle libertà gallicane (1682) 1682: con la Dichiarazione delle libertà gallicane sottoscritta da alcuni vescovi francesi fedeli al sovrano, Luigi XIV pone la chiesa di Francia sotto l autorità del re, sotto il piano amministrativo, mantenendo però la sua ortodossia teologica e la sua subordinazione spirituale al Papa di Roma. L esito è un duro scontro con il papato nel corso del quale si adombra lo scisma per ottenere infine un equilibrio più favorevole alla monarchia nel rapporto fra Stato e Chiesa.

16 La Francia del 1715 nel giudizio di Pierre Goubert L evoluzione lenta ed ineguale della società francese, in cinquantacinque anni, si deve ben più ad influenze esterne allo Stato che non all azione imperativa del re di Francia. Quest ultimo assicurò abbastanza rudemente l ordine interno ed ottenne un obbedienza almeno apparente e il pagamento abbastanza soddisfacente delle imposte. L amministrazione si strutturò meglio, si consolidò, si organizzò ed incoraggiò alcune novità, soprattutto in ambito finanziario, che sono durare fino ad oggi (timbri postali, monopolio del tabacco, registro…). I gruppi sociali che egli seppe tenere sotto controllo – nobiltà e parlamenti soprattutto – avrebbero riservato ai suoi successori qualche cattiva sorpresa. L evoluzione dell élite procedette malgrado il monarca ed in parte contro di lui. È impossibile dire se l insieme del popolo minuto, governato dalla congiuntura economica, meteorologica, epidemica ed anche militare, vivesse meglio nel 1715 o nel Si erano soprattutto verificati dei raggruppamenti interni, verso l alto e verso il basso, e spesso delle violente crisi che non si sarebbero più ripetute; questi slittamenti sociali, così come la costituzione di un corpo istruito di curati, preparavano i futuri elementi di opposizione. Ma a questo nessuno pensava.


Scaricare ppt "La reggia di Versailles. Il sistema di corte: strumento di disciplinamento nobiliare Versailles simbolo del potere assoluto: sede del sistema di corte."

Presentazioni simili


Annunci Google