La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

"L'acqua è il principio di tutte le cose: tutto viene dall'acqua, e nell'acqua tutto torna." Talete di Mileto (VI sec a.c.) Giuseppe Sappa Dip.to di Idraulica,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: ""L'acqua è il principio di tutte le cose: tutto viene dall'acqua, e nell'acqua tutto torna." Talete di Mileto (VI sec a.c.) Giuseppe Sappa Dip.to di Idraulica,"— Transcript della presentazione:

1 "L'acqua è il principio di tutte le cose: tutto viene dall'acqua, e nell'acqua tutto torna." Talete di Mileto (VI sec a.c.) Giuseppe Sappa Dip.to di Idraulica, Trasporti e Strade

2 Roma Capitale Mondiale dellAcqua Appio E il primo acquedotto, edificato nel 312 a.C.. Lungo 16 chilometri (le sorgenti si trovavano sulla via Collatina), raggiungeva, con un percorso quasi tutto sotterraneo, Porta Maggiore, si dirigeva poi verso l'Aventino per terminare al foro Boario, a porta Trigemina (attuale Monte Savello).

3 Roma Capitale Mondiale dellAcqua Acqua Giulia Costruito nel 33 a.C. da M. Vipsanio Agrippa, scaturiva da sorgenti a Squarciarelli, presso l'omonimo ponte, sopra a Grottaferrata. L'acqua era ottima e leggermente frizzante. Insieme alla Tepula, a cominciare dalla zona di Capannelle l'acquedotto incontrava l'acqua Marcia (proveniente dalla valle dell'Aniene), sulle cui sostruzioni ed arcate si appoggiava fino a Porta Maggiore e nel successivo percorso di distribuzione in città.

4 Roma Capitale Mondiale dellAcqua Acqua Vergine Condotto a Roma da Agrippa nel 19 a.C., le sue sorgenti sono ubicate nella tenuta della Rustica, tutto sotterraneo è ancor oggi in uso. Ddurante i suoi duemila anni di storia ha subito un numero enorme di restauri e modifiche. La distribuzione a Roma dell'acqua Vergine era garantita da 18 castelli di distribuzione, dei quali uno era sotto il Pincio, ed uno presso l'attuale chiesa di S. Ignazio. La parte alta di tre arcate dell'acquedotto, distrutte da Caligola per costruire un teatro e poi restaurate da Claudio, sono parzialmente conservati e visibili in via del Nazareno. Di fronte una porticina, esattamente corrispondente allo specus dell'acquedotto è sormontata da uno stemma della famiglia della Rovere. In quel punto le condutture furono deviate per la realizzazione della fontana di Trevi. Altre derivazioni dall'acquedotto principale giungevano al Campidogli e probabilmente anche a Trastevere.

5 Roma Capitale Mondiale dellAcqua Pozzo romano in Giordania Lacquedotto di Segovia Lacquedotto di Pont de Gard

6 2 è un modelloconcettualechedescrive ilmovimentodellacqua e le sue modalitàdi immagazzinamentotra lidrosfera, la biosfera, la litosfera e latmosfera

7 Tradotto in numeri

8 La distribuzione dellacqua sulla terra

9 Distribuzione mondiale delle precipitazioni Wright e Nebel, 2002.

10 Ripartizione fra precipitazioni, evapotraspirazione e ruscellamento

11 Distribuzione delle acque superficiali e sotterranee

12 Risorse idriche rinnovabili disponibili pro capite per anno (Unesco, 1995) (mc/cap/anno

13 Il concetto di stress idrico Unarea geografica è –sotto stress idrico se è caratterizzata da una disponibilità idrica inferiore a 1700 m 3 /ab/anno –affetta da scarsità idrica la disponibilità idrica è inferiore a 1000 m3/ab/anno

14 Lo stress idrico nel mondo

15

16 Usi Agricoli –irrigazione per agricoltura (uso prevalente nel mondo) –concentrazione dei contaminanti nelle acque di deflusso superficiale –problemi di disponibilità idrica Desertificazione Usi industriali –raffreddamento –trasporto Usi domestici –Igiene –Alimentazione Gli usi dellacqua

17 La distribuzione degli usi dellacqua sulla terra

18 Ma le singole situazioni differiscono le une dalle altre

19 Evoluzione delluso globale dellacqua

20 Questa è acqua sotterranea pompata per irrigazione In alcune aree, lacqua sotterranea è sfruttata ad un tasso maggiore di quello del rinnovamento naturale della risorsa. E così possibile che la risorsa possa ridursi e quindi sparire in alcune aree.

21 Levoluzione in atto... Le popolazioni urbane sono in espansione con un tasso di crescita enorme, richiedendo crescenti risorse a sistemi di distribuzione già sovraccarichi Le maggiori città già sfruttano il massimo delle risorse ai più bassi costi possibili. I costi medi degli investimenti per i progetti di approvvigionamento idrico necessari in tutto il mondo sono due o tre volte superiori agli investimenti attuali.

22 UNESCO, 2004

23 Quanto siamo fortunati… Nei paesi in via di sviluppo, circa l80% delle malattie e più del 33% delle morti sono da correlarsi al consumo di acqua contaminata E anche noto che circa il 10% del tempo della popolazione produttiva è perso a causa dellimpatto debilitante delle malattie causate dallacqua. In nazioni come il Congo e lo Zaire, solo il 30-40% della popolazione urbana può bere acqua sufficientemente potabile e solo il 20-30% beve acqua completamente potabile.

24 Lo stato dellapprovvigionamento idrico Complessivo

25 Lo stato dellapprovvigionamento idrico Complessivo sanitario

26 Lo stato dellapprovvigionamento idrico Complessivo urbano

27 Lo stato dellapprovvigionamento idrico Sanitario urbano

28 Gli aspetti igienico-sanitari Anche i più semplici mezzi igienici mancano a milioni di case nei paesi in via di sviluppo. Malattie come il verme di guinea(dracunculiasi) si originano dal consumo di acqua infetta e potrebbero essere evitate attraverso un semplice filtraggio

29 Gli aspetti igienico-sanitari

30 Il prezzo dellacqua nei paesi sviluppati Stima riferita ad utenti che occupino 5000 mq urbani e consumino mc/anno (Unesco, 2004)


Scaricare ppt ""L'acqua è il principio di tutte le cose: tutto viene dall'acqua, e nell'acqua tutto torna." Talete di Mileto (VI sec a.c.) Giuseppe Sappa Dip.to di Idraulica,"

Presentazioni simili


Annunci Google