La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Alle origini del cinema Le immagini in movimento Laboratorio di Tecnologia Insegnante: Silvia Mari.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Alle origini del cinema Le immagini in movimento Laboratorio di Tecnologia Insegnante: Silvia Mari."— Transcript della presentazione:

1 Alle origini del cinema Le immagini in movimento Laboratorio di Tecnologia Insegnante: Silvia Mari

2 lanterna magica Era un apparecchio la cui più antica descrizione risale al Seicento. Utilizzava immagini dipinte su vetro che venivano proiettate su una parete. La luce proveniva da una candela. Limmagine usciva da un foro dove era posizionata una lente. Il procedimento era del tutto simile a quello dei moderni proiettori di diapositive Tra gli antenati della proiezione cinematografica, alle origini del cinema, troviamo la

3 La diffusione della lanterna magica fu rapida ed ebbe due principali applicazioni: una didattica e una fantastica, di intrattenimento. Nel primo caso si poteva istruire mostrando luoghi, monumenti, oggetti, piante, animali che nessuno aveva mai visto; nell'altro si potevano proiettare immagini fantastiche, che servivano a creare suggestioni e colpire la fantasia delle persone.

4 Il teatro di ombre utilizza la silhouette delle figure e cioè solo il loro contorno. Le figure appaiono viste in controluce Esisteva inoltre il teatro di ombre che nacque in Cina circa duemila anni fa Negli spettacoli antichi, come in quelli di oggi, le figure o gli attori non si vedono direttamente ma, come dice il nome stesso, appaiono solo le loro ombre. Lo spettatore si pone davanti a uno schermo bianco semi-trasparente, dietro il quale gli attori manovrano le figure e recitano le varie parti. Una potente fonte di luce proietta le ombre direttamente sullo schermo con leffetto di ingigantirle. spettatore attori luce schermo

5 La persistenza dellimmagine sulla retina Gli studi di fisica ottocenteschi portarono alla luce il principio della persistenza retinica. locchio umano funziona esattamente come la camera oscura. La luce riflessa dallambiente esterno, passando per il cristallino, si focalizza sulla retina. Ma la retina ha una caratteristica particolare: la luce che la colpisce vi resta impressa per un periodo più lungo di quanto non sia limpulso luminoso vero e proprio. Una specie di memoria temporanea che registra limmagine luminosa.

6 Ci si accorse così che facendo scorrere davanti ai nostri occhi due immagini diverse, superando una certa velocità, le due figure si sovrappongono,vengono fuse insieme, facendo credere al nostro cervello che stia ricevendo un flusso luminoso continuo senza buchi neri. Se ci facciamo caso, è quello che succede quando sbattiamo gli occhi: per un attimo ci dovremmo trovare al buio, invece continuiamo a vedere senza interruzione Giocando con questa caratteristica nella prima metà dellOttocento nacquero numerosi giochini ottici, come ad esempio il TAUMATROPIO Consiste nel disegnare sulle due facciate di un dischetto di cartoncino due immagini diverse. Facendolo ruotare velocemente (con laiuto di due cordicelle) vediamo le due figure sovrapporsi anche se in realtà non lo sono

7 Le esperienze che sfruttarono questa scoperta furono molte. Per esempio si capì che realizzando una sequenza di disegni che differiscono lievemente tra di loro, si riesce a rappresentare il movimento se la frequenza con cui si mostrano scende al di sotto del quindicesimo di secondo. Dopo il taumatropio ci furono così altre invenzioni: IL FENACHISTOSCOPIO Un disco con disegnate una serie di figure che differiscono leggermente tra di loro, separate da una fessura. Facendolo ruotare rivolto verso uno specchio e guardando attraverso le fessure si ottiene una semplice animazione. LO ZOOTROPIO Come il precedente ma di forma cilindrica IL PRASSINOSCOPIO Che utilizza degli specchi allinterno del cilindro. Con questi strumenti era però possibile utilizzare solo un numero limitato di immagini. fessura

8 Nel 1868 Linnet inventò il Flip book Il flipbook potrebbe essere considerato il prototipo del cartone animato. Letteralmente significa libro che scorre. E composto da una serie di disegni realizzati su cartoncini rettangolari. Le immagini sono disegnate in successione, riprendendo cioè in sequenza. Facendo scorrere il piccolo libricino tra le dita, i disegni, grazie alla velocità, appaiono in movimento. Si ottiene così lo stesso effetto che si aveva con i dischi degli strumenti che abbiamo visto precedentemente

9 Eadweard Muybridge, un fotografo inglese, fece una scommessa con i suoi amici per capire se un cavallo slanciava le zampe veramente in quel modo Un dubbio fece compiere un importante esperimento Nei quadri ottocenteschi i pittori rappresentavano i cavalli in corsa come nelle immagini qui sotto e cioè con tutte e quattro le zampe alzate, quasi volassero. Non possiamo però ancora parlare di cinema, perché erano necessarie altre fondamentali scoperte nel campo della nascente fotografia A. Crossfield The huntT. Gericault Derby di Epsom 1821 Un cavallo al galoppo si muove così velocemente che è difficile capire la posizione che assumono via via le quattro zampe.

10 Lidea di Muybridge fu di utilizzare 24 fotocamere, sistemate in successione lungo un tracciato per le corse dei cavalli. Ogni singola macchina veniva azionata da un filo colpito dagli zoccoli del cavallo stesso. La sequenza di fotografie che ne conseguì, chiamata The horse in motion mostrò come gli zoccoli si sollevassero dal terreno contemporaneamente, ma non nella posizione di completa estensione come era comunemente raffigurato. Fu possibile così rendersi conto degli errori in cui erano incorsi fino allora pittori e scultori.

11 Da quel momento i pittori usarono sempre di più la fotografia come strumento di indagine e conoscenza della realtà e vennero fatti molti altri esperimenti anche sul corpo umano.

12 A questo punto bastava tornare ai giochini di animazione che abbiamo visto prima, sostituire i disegni con una sequenza fotografica e…il gioco è fatto. Possiamo dire che era nato il cinema, almeno come principio. Mancavano ancora però degli strumenti fondamentali e cioè la cinepresa e il proiettore. Ecco le invenzioni decisive: Nel 1887 Marey costruì la prima cinepresa, formata da una cassetta di legno con due bobine per la pellicola, completa di otturatore e meccanismo di avanzamento Il film poteva essere visto da uno spettatore per volta facendolo girare con una manovella, attraverso un oculare collocato in cima a una cassetta di legno. Nel 1891 T. Edison costruì una cinepresa che usava la pellicola 35 mm perforata per lesatto allineamento dei fotogrammi. L apparecchio usava le prime pellicole con supporto in celluloide inventate da George Eastman per le fotocamere a cassetta Kodak. Edison tagliò le pellicole e vi praticò quattro perforazioni sul bordo del fotogramma. Lattuale pellicola cinematografica era stata inventata. Le immagini riprese con lapparecchiatura di Edison vennero mostrate al pubblico nel 1893 con macchine a gettoni. Attraverso una lente si potevano vedere le sequenze di immagini. Era nato il cinetoscopio. cinetoscopio

13 Nel 1895 i fratelli Lumiere costruirono una cinepresa perfezionata e una macchina che proiettava le immagini direttamente sullo schermo. E con loro che storicamente ha origine il cinema. La prima proiezione con pubblico pagante fu tenuta nel dicembre del 1895 a Parigi nel sotterraneo del Gran Caffè.

14 I 35 spettatori poterono assistere ad uno spettacolo formato da 5 documentari di circa un minuto luno. Erano solo dei documentari, ma fu un grande successo. Tra questi cera Il famosissimo arrivo del treno alla stazione. Quando gli spettatori vedevano la locomotiva venire verso di loro qualche signore, preso dal panico, cercava di guadagnare luscita, qualche signora addirittura sveniva. Naturalmente il cinema nacque muto e in bianco e nero. Laccompagnamento musicale era eseguito nella sala dal vivo. Nel 1927 ci fu il primo film sonoro Nel 1935 fu inventata la pellicola a colori

15 E questo fu solo linizio di una grande avventura che fece definire il cinema La settima arte

16 Federico Fellini Luchino Visconti Conosci i grandi registi italiani degli anni del dopoguerra?

17 Roberto RosselliniVittorio De Sica

18 Pier Paolo Pasolini Michelangelo Antonioni


Scaricare ppt "Alle origini del cinema Le immagini in movimento Laboratorio di Tecnologia Insegnante: Silvia Mari."

Presentazioni simili


Annunci Google