La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di sensibilizzazione allapproccio ecologico- sociale ai problemi alcolcorrelati e complessi (Metodo Hudolin) Marina di Massa, 23 – 28 settembre 2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di sensibilizzazione allapproccio ecologico- sociale ai problemi alcolcorrelati e complessi (Metodo Hudolin) Marina di Massa, 23 – 28 settembre 2013."— Transcript della presentazione:

1 Corso di sensibilizzazione allapproccio ecologico- sociale ai problemi alcolcorrelati e complessi (Metodo Hudolin) Marina di Massa, 23 – 28 settembre 2013 Educazione Ecologica Continua

2 EDUCARE V erbo latino educĕre «trarre fuori, "tirar fuori" o "tirar fuori ciò che sta dentro»

3 La formazione e laggiornamento rappresentano il perno del sistema ecologico sociale. Riguardano le famiglie, i servitori insegnanti e la comunità locale. V. Hudolin 1996

4 EDUCAZIONE CONTINUA NELL APPROCCIO ECOLOGICO – SOCIALE Apprendere dallesperienza, è un sapere vissuto fatto di: Sapere: informazioni, conoscenze Saper fare: metodo Saper essere: emozioni e comportamenti..e che diventa un Saper divenire: Educazione continua è crescita e cambiamento

5 ..farsi delle domande…..essere curiosi

6 ..avere il coraggio di muoversi …passione

7 Lapproccio ecologico-sociale ai problemi alcolcorrelati è un concetto dinamico in continuo cambiamento, influenzato dai risultati delle ricerche e dalle nuove esperienze. Gli aspetti metodologici cambiano in modo relativamente rapido. Se non fosse previsto un aggiornamento degli operatori e delle famiglie, molto presto si bloccherebbe la crescita e lo sviluppo dei programmi. La formazione e laggiornamento continui contribuiscono al cambiamento della cultura generale della comunità locale. Non si esauriscono con gli aspetti tecnici e metodologici, ma implicano linizio di un cambiamento del proprio stile di vita. V. Hudolin, 1996; Documento nazionale su formazione e aggiornamento..UN PERCORSO CONTINUO..

8 SCUOLE ALCOLOGICHE TERRITORIALI 1° MODULO Per informare e sensibilizzare le famiglie nuove che entrano in un club. 2° MODULO Per aggiornare le famiglie che hanno già frequentato il 1° modulo. 3° MODULO Per informare e sensibilizzare tutte le famiglie della comunità locale. …PER LE FAMIGLIE …PER LE FAMIGLIE

9 SAT - I° Modulo OBIETTIVI : Offrire alle famiglie che frequentano il club le informazioni di base sulle problematiche alcolcorrelate e sulle risorse disponibili. Ciò è necessario per superare le difficoltà e le sofferenze e riprendere serenamente in mano la propria esistenza e costruire consapevolmente un nuovo stile di vita insieme agli altri. DESTINATARI: Le famiglie appena entrate nel Club ORGANIZZAZIONE: Un ciclo di 8-10 incontri di 1 ora e mezzo ciascuno con cadenza settimanale in una sede accessibile per le famiglie che la devono frequentare. INSEGNANTE : Gli incontri sono condotti da un unico insegnante attivo come servitore, formato e aggiornato.

10 CONTENUTI : 1.Che cosè la salute 2.Lalcol e i suoi effetti 3.Il bere ed i problemi alcolcorrelati 4.La famiglia 5.La rete territoriale 6.Il Club che cosè, come funziona 7.Il ruolo del servitore-insegnante 8.Le ricadute 9.Le associazioni dei Club degli Alcolisti in Trattamento 10.Il Club ed i problemi complessi 11.Spiritualità antropologica MODALITA : stile interattivo per consentire a tutti di partecipare con il contributo della propria esperienza, permettendo lutilizzo contemporaneo di aspetti teorici ed esperienziali.

11 SAT - 2° modulo OBIETTIVI: Consentire alle famiglie di scambiare conoscenze ed esperienze sui nuovi sviluppi della metodologia e sui nuovi concetti ancora da metabolizzare. DESTINATARI: Famiglie dei Club che hanno già frequentato il 1° modulo. ORGANIZZAZIONE: 1 o 2 incontri per un totale di 6 ore. E importante che ogni famiglia partecipi ad un 2° modulo almeno 1 volta allanno: è bene, perciò, organizzare più incontri per ciascuna zona in modo da dare a tutti la possibilità di partecipare almeno una volta. INSEGNANTE: un unico insegnante attivo come servitore, formato e aggiornato. CONTENUTI: unico argomento, di volta in volta diverso, scelto come approfondimento dalle famiglie dei club. MODALITA: stile interattivo ed empatico, utilizzo delle competenze di ciascuno, momento conviviale.

12 OBIETTIVI: Sensibilizzare la comunità locale alle tematiche relative al bere e al ruolo dei Club nella comunità. Fin dalletà giovanile tutte le persone hanno il diritto a uninformazione e a uneducazione corretta e imparziale sulle conseguenze del bere alcolici sulla salute, la famiglia, la società. (5 principi etici Carta Europea sullAlcol OMS). DESTINATARI : famiglie della comunità locale. ORGANIZZAZIONE: 2 serate di 2 ore ciascuna possibilmente consecutive e organizzate insieme ad altri nodi della rete sociale; al termine si prevede un momento conviviale. INSEGNANTE: stessi requisiti degli altri moduli: un po di esperienza non guasta. CONTENUTI: percezione del rischio alcolcorrelato, corresponsabilità nella comunità locale, cosè il club. MODALITA : stile interattivo, gruppi di lavoro in base al numero dei partecipanti. SAT - 3° modulo

13 UN PERCORSO CONTINUO PER LE FAMIGLIE Inizia con la frequenza al Club Prosegue nella SAT 1° modulo E poi nella SAT 2° modulo Partecipazione alla SAT 3° modulo Interclub Congressi lettura … corso di sensibilizzazione …

14 UN PERCORSO CONTINUO PER I SERVITORI-INSEGNANTI nasce con il Corso di Sensibilizzazione prosegue con il lavoro nel Club con linsegnamento nel 1°, 2° e 3° modulo delle Scuole Alcologiche Territoriali nella riunione mensile dei servitori-insegnanti nei sabati di aggiornamento nei corsi monotematici negli interclub nei congressi nella lettura … …nella scuola di perfezionamento … …nella forum della formazione

15 Quale impegno è richiesto al servitore-insegnante? Aver partecipato al corso di sensibilizzazione. Partecipare allincontro settimanale di club. Partecipare alla riunione mensile dei servitori-insegnanti. Partecipare ad almeno uniniziativa formativa allanno.

16 RIUNIONE MENSILE DEI SERVITORI-INSEGNANTI: uno spazio riservato ai servitori-insegnanti dello stesso territorio attivi all'interno di un Club (aperta ai corsisti dopo il corso di sensibilizzazione) organizzata per un gruppo non troppo numeroso (10/12 servitori-insegnanti) con cadenza mensile regolare e durata tra 60 e 120 minuti con stesura del verbale e conduzione a turno uno spazio empatico: non è il Club dei servitori- insegnanti, ma ha lo stile del Club...

17 …RIUNIONE MENSILE DEI SERVITORI-INSEGNANTI: Per rendere patrimonio comune e condiviso l'esperienza personale di ciascun Servitore- Insegnante. Non per informare o per trovare soluzioni quanto per condividere impressioni, sciogliere tensioni, comprendere avvenimenti e fenomeni, orientarsi, trovare sostegno, stimoli e conferme.

18 … e ancora L EEC lavora secondo gli stessi principi del Club: Insegnamento come funzione di servizio Tutti possono svolgere qualunque tipo di funzione formativa, previo adeguato percorso uguale per tutti Chi insegna impara Tutti hanno qualcosa da insegnare (e tutti qualcosa da imparare)

19 Un percorso che si costruisce man mano che si procede nel confronto di esperienze.. …le quali non sono modelli prefissati, ma esempi a cui attingere per individuare il proprio percorso.

20 Lo scambio tra realtà diverse nella formazione garantisce che la crescita sia omogenea

21 Viandante, la via altro non è che le tue orme, nientaltro; viandante, non ci son vie, la via si fa camminando. Machado A.


Scaricare ppt "Corso di sensibilizzazione allapproccio ecologico- sociale ai problemi alcolcorrelati e complessi (Metodo Hudolin) Marina di Massa, 23 – 28 settembre 2013."

Presentazioni simili


Annunci Google