La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Orti e giardini all Isola d Elba,visti con gli occhi di noi bambini della classe IV° A Questo lavoro è stato svolto in collaborazione con il Parco dell.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Orti e giardini all Isola d Elba,visti con gli occhi di noi bambini della classe IV° A Questo lavoro è stato svolto in collaborazione con il Parco dell."— Transcript della presentazione:

1 Orti e giardini all Isola d Elba,visti con gli occhi di noi bambini della classe IV° A Questo lavoro è stato svolto in collaborazione con il Parco dell arcipelago Toscano

2 Il signor Antonello ci ha mostrato una serie di diapositive cercando di spiegarci come l uomo abbia sfruttato nel miglior modo la natura nella nostra isola e perché sono nati tanti orti e giardini. Cominciamo con lui un viaggio che ci porterà a scoprire molte piante, visitando due luoghi a noi vicini, ma quasi sconosciuti. Uno è il Giardino botanico di Rosselba e l altro Il giardino dei semplici a Rio Elba. Giardino botanico Rosselba Giardino dei semplici Rio Elba

3 L Elba è tutta un grande giardino e la natura è il miglior giardiniere L uomo ha modificato la natura per addomesticarla ai suoi bisogni naturali: mangiare, bere, lavarsi,vestirsi.

4 L uomo si porta a casa la natura Per non essere costretto sempre ad andare nel bosco a cercare le piante a lui necessarie, l uomo ha avvicinato la natura alla propria casa. Così sono nati gli orti e i giardini

5 Piante utili Per prime sono state avvicinate alle case le piante utili all uomo : alimentari, tintorie, officinali, aromatiche.

6 Piante alimentari Tra le piante alimentari all Elba, troviamo gli alberi da frutto : aranci, albicocchi,meli,melogra ni, fichi, peschi,cachi. Ma anche viti, ulivi, castagni.

7 Piante aromatiche e terapeutiche Dopo le piante utili, l uomo ha portato vicino alla sua casa, quelle aromatiche, adatte ad insaporire il cibo : il rosmarino, l alloro, il mirto, la salvia.

8 La nostra curiosità ci ha spinto a riflettere più approfonditamente in classe sulle piante aromatiche, di cui lElba è piena, a ricercare ulteriori notizie e a fissarle in un nostro memorandum personale.

9 Mirto (Myrtus Communis) Nome Popolare: Mirto, all' Elba chiamato anche mortella. Nome Scientifico: Myrtus Communis. Descrizione: Può essere alto dai 2 ai 3 m. Il mirto ha foglie resistenti e dure. In primavera la pianta si copre di piccoli fiori bianchi, delicatamente profumati. Habitat: Il mirto è una pianta tipicamente mediterranea, cresce abbondante all' isola d' Elba Utilizzo: I frutti vengono usati per sostituire altre spezie, ad esempio il pepe e per produrre un liquore : il mirto

10 Utilizzo: le foglie si usano per aromatizzare cibi freschi e conservati; i fiori vengono utilizzati per la produzione di Pot- Pourri ( miscuglio) profumati e in ambito cosmetico. Medicina: Il mirto può essere usato come medicinale contro la bronchite, contro le contusioni e le emorroidi. Inoltre può essere usato contro il raffreddore. Curiosità: E' una pianta profumatissima, apprezzata fin dall'antichità, quando era sacra a venere.

11 Per produrre il liquore di mirto Ricetta: " liquore di mirto" 600 g. di bacche ben mature, 1 l. di alcol a 90°, 2 l. di acqua, 500 g, di zucchero o 600 g. di miele. Pulite le bacche con uno strofinaccio ruvido; collocatele in un recipiente di vetro scuro nel quale è stato già versato l'alcol e lasciatele in fusione per 15 giorni. Trascorso questo periodo colate, filtrate e premete con le mani le bacche macerate ancora ricche di aromi. Aggiungete 2 l. di sciroppo a freddo composto di acqua e zucchero o miele e traversate in bottiglie scure. Il MIRTO

12 ROSMARINO(Rosmarinus Officinalis) Nome Popolare: Ramerino, Rosmarino Nome Scientifico: Rosmarinus officinalis Descrizione: Il suo nome significa profumo del mare ed i suoi fiori azzurrini sono il simbolo della sincerità e dell'amore. E' un arbusto sempreverde, può essere alto da 30 cm a 2-3 metri. Habitat: Pianta mediterranea cresce spontanea in tutta l'Elba, specialmente sulla costa da Cavoli a Pomonte, sulle rocce granitiche dell'Enfola, sulle scogliere che racchiudono il Golfo di Lacona.

13 Curiosità Si racconta che Napoleone sfruttasse il rosmarino per la sua proprietà di stimolare la concentrazione intellettuale; era convinto che il suo profumo lo aiutasse a preparare i piani di manovra degli eserciti. Sembra che usasse una quantità impressionante di bottiglie di acqua di Colonia al Rosmarino, pianta che senza dubbio, gli ricordava la nativa amata Corsica, dove cresce spontanea.

14 Utilizzo in Cucina: All'Elba più delle foglie usiamo i rametti interi. Il ramerino va usato per arrostire carne di vitello,di agnello, di pollo e di coniglio e fra i pesci lacerti, muggini, pesci di bianco, con aglio e zenzero. Usiamo inoltre abbondante ramerino per friggere le patate a tocchetti insieme a spicchi d' aglio non sbucciati. In queste preparazioni è bene usare il ramerino fresco che all' Isola non manca in ogni stagione.

15 Utilizzo in Medicina: Gli infusi, le tisane, hanno proprietà protettive per lo stomaco e contro i dolori addominali. L' olio di rosmarino o le foglie cotte nel vino sono assai indicate nei reumatismi articolari, nelle slogature,nelle nevralgie. E' anche un ottimo cicatrizzante per le ulcere, piaghe ecc. Infuso:10g. di foglie fresche di rosmarino, 2 cucchiai di olio oppure 20g. di burro. Dopo aver cotto per pochiminuti le foglie nell'olio o nel burro, usare l'unguento ottenuto per massaggiare le parti doloranti. :

16 Leggenda del rosmarino La leggenda parla di una regina sterile, che passeggiando per il giardino del suo castello, un giorno notò una pianta di rosmarino piena di germogli..La regina provò rabbia perchè quei germogli le sembravano tanti figli, e così ritorno nelle sue stanze molto addolorata. Ma dopo poco tempo la donna si accorse di essere incinta e partorì una piccola pianta di rosmarino, che la regina battezzò Rosamarina. La sovrana nutriva quella creatura ogni giorno con il proprio latte. Ma un giorno, il nipote del re di Spagna, incuriosito, rubò la piccola pianticella, piantandola poi nel proprio giardino e curandola sua volta con amore, annaffiandola con latte di capra.

17 Un giorno dalla piantina vide apparire una graziosa figura femminile, di cui il re s'innamorò. Ma un brutto giorno il re dovette partire per la guerra; disperato, diede al proprio giardiniere il compito di curare e proteggere quella magica pianticella. Le sorelle del re approfittarono della sua assenza, per picchiare la pianta e vendicare su essa la loro gelosia. La principessa Rosamarina sparì e lentamente l'arbusto cominciò a deperire. Il giardiniere, spaventato, fuggì dalla reggia temendo la reazione del suo sovrano e dopo tanto camminare si riparò su un albero e si addormentò. A mezzanotte, fu svegliato da alcune voci..Un drago chiacchierava con la sua compagna.

18 Loro volevano aiutare il giardiniere e gli spiegarono come ridare la vita al Rosmarino; entrambi si sarebbero sacrificati per la principessina. Usando il sangue di lui e il grasso di lei, il giardiniere doveva preparare un unguento da spalmare sulla pianticella e questa sarebbe tornata in vita. Il giovane preparò l'unguento e annaffiò e curò la pianta con quel liquido e finalmente l'incantesimo si spezzò: la principessa riapparve e non si trasformò più. Al ritorno del giovane sovrano si festeggiarono grandi nozze: Rosamarina ed il re vissero per tanti anni sereni. Leggenda tratta dal sito Specchio magico

19 LALLORO : Laurus Nobilis NOME POPOLARE: Lauro, Alloro, Melauro, Orbano. NOME SCIENTIFICO: Laurus Nobilis DESCRIZIONE L'Alloro è un arbusto sempreverde, con una folta chioma che può arrivare fino a 10m. di altezza; la corteccia è grigio-verde e le fogliesono verdi- scure, allungate fortemente aromatiche. La loro pagina superiore è lucida, quella inferiore è opaca. I frutti sono bacche nere e contengono un unico seme. HABITAT All'Elba si trova su tutto il territorio con piante rigogliose.

20 Periodo di raccolta Le foglie si possono raccogliere durante tutto l'anno, i frutti invece a ottobre- novembre, quando sono perfettamente maturi. Utilizzi terapeutici L'alloro non ha solo proprietà aromatizzanti, ma anche terapeutiche come, per esempio: antisettiche, digestive, espettoranti, etc. Per uso interno si usa l'infuso delle foglie, mentre per uso esterno la tintura oleosa dei frutti. Utilizzo in cucina L'Alloro all'Elba è usato per il suo odore negli stufati, brodi, marinate…ecc. Si utilizza anche per conservare funghi sott olio. Curiosità Per gli antichi le foglie erano considerate divinatorie : dal loro scrocchiettare sul fuoco deducevano l oroscopo. Sara Bianchi e Sofia Traverso

21 L alloro nella storia L'Alloro era consacrato ad Apollo, il Dio della vittoria, della bellezza maschile, della medicina e delle arti; per questo veniva usato in antichità per incoronare re, imperatori, atleti e poeti. Secondo la tradizione romana, l'Alloro non poteva essere colpito dai fulmini. Molti uomini importanti venivano incoronati con l'Alloro, non solo per essere protetti dai fulmini ma anche per essere protetti dalle forze maligne.

22 Salvia ( salvia officinalis ) NOME POPOLARE: Salvia NOME SCIENTIFICO: Salvia officinalis HABITAT All'Elba si trova su tutto il territorio con piante rigogliose. Periodo di raccolta Le foglie si possono raccogliere durante tutto l'anno, i frutti invece a ottobre-novembre, quando sono perfettamente maturi. Descrizione: Pianta aromatica con foglie molto profumate, assai utilizzate in cucina. Durante il periodo invernale alcune varietà perdono completamente le foglie mentre altre sono semipersistenti. Si tratta di un arbusto che in natura può raggiungere i 60 centimetri d'altezza. Fiori azzurro-viola che sbocciano in estate.

23 Uso in cucina Le foglie di salvia vengono molto usate in cucina, per aromatizzare i cibi e facilitarne la digestione. Vengono comunemente impiegate per condire pasta e gnocchi al burro, per preparare sughi, carni arrosto e in umido, pesci, legumi, oli e aceti aromatici. Le foglie possono essere fritte in pastella. Proprietà terapeutiche: digestive, espettoranti, tonico-stimolanti, antisettiche. Per uso esterno, come antinfiammatorio nelle infiammazioni del cavo orale.

24 Malva (Malva Silvestris) CARATTERISTICHE La malva è una pianta che nasce spontaneamente ovunque, anche vicino alle case. Le foglie sono rotondeggianti oppure frastagliate. I fiori della malva sono di un bel rosa tendente al violetto. La fioritura avviene in estate, da luglio fino all autunno. CURIOSITA: La malva era considerata un bene prezioso anche da Pitagora, famoso filosofo e matematico dell antica Grecia. Egli scrisse : semina la malva e non mangiarla. Essa deve essere lasciata al nostro prossimo.

25 USO IN CUCINA E PROPRIETA TERAPEUTICHE La malva è usata in cucina. Le foglie fresche,lessate e condite con olio,limone,sale e pepe,hanno un buon sapore e fanno bene all intestino (la malva ha unazione lassativa). La malva può essere usata anche come cura di bellezza per il viso facendo bollire alcune foglie di malva in una tazza d acqua si ottiene un liquido che va applicata con un batuffolo di cotone, producendo un effetto emolliente e rinfrescante. La malva fa bene anche alla salute ed è utile per curare tossi, laringiti e gastriti.

26 Camomilla (Matricaria Chamomilla) Nome Popolare: camomilla Nome Scientifico: Matricaria chamomilla Habitat: La camomilla é una pianta che cresce nei terreni incolti, fino ad altitudini di metri. All'Elba cresce un po' ovunque dalla primavera alla tarda estate Descrizione: E' alta da 20 a 50 centimetri, annuale, con fusto eretto, foglie verdi piatte sopra. I capolini hanno un disco centrale circondato da una corona di fiori bianchi, che spesso vengono scambiati per petali.

27 Utilizzo in medicina: Le proprietà antinfiammatorie della camomilla sono utili in caso di influenza. Si mettono 40 grammi di fiori di camomilla in un litro d'acqua bollente e vi si per 10 minuti. Bisogna bere più volte la bevanda durante il giorno però lontano dai pasti. Olio per scottature solari: 25 grammi di fiori di camomilla, 250 grammi di olio di oliva. Versare i fiori di camomilla nell'olio scaldato lentamente a bagnomaria per 2 ore. Filtrare con una garza spremendo accuratamente. Conservare il composto in piccoli flaconi ben chiusi; si rivelerà di grande utilità in caso di scottature solari.

28 Leggero calmante: I capolini della camomilla, essiccati,simili ai fiori delle margherite, vengono buttati nellacqua che bolle lasciandoli per un po' macerare. Dopo circa minuti si filtra il tutto e l'infuso può essere assunto come una comune bevanda, efficace per combattere l'ansia e l'insonnia. CURIOSITA Gli archeologi hanno trovato nella mummia di Ramsete II semini di camomilla che i medici del faraone avevano messo per permettere a Ramsete II di fare un viaggio nellaldilà sereno e felice. Alessia Calello

29 La Madonna, Giuseppe e Gesù bambino stavano fuggendo attraverso il deserto che dalla Palestina conduceva in Egitto, per sfuggire ai soldati di Erode,che aveva ordinato di uccidere colui che era stato annunciato come il Messia, il re d'Israele. La Madonna era stanchissima. Non c'era un albero a vista d'occhio, finché non giunsero in una minuscola oasi, dove fiorivano delle specie di margheritine. Maria stava per bere quellacqua quando Gesù bambino fece un cenno: alcuni capini di camomilla, staccandosi dal gambo caddero nella ciotola dove la madre stava per bere. Grazie ad essi la bevanda dissetò e calmò la Madonna. Allora Gesù la benedisse dicendo: «Da ora in poi sarai la pianticella che placherà le mamme quando sono nervose e non riescono ad addormentarsi, sicché sarai chiamata l'erba del buon sonno.» Leggenda trovata su Internet

30 Menta (Mentha Viridis) Descrizione: Alta da 20 a 50 cm. con fusto eretto,con foglie di colore verde scuro. E ricoperta da una peluria di color verde brillante. I fiori sono raggruppati su brevi spighe e possono essere bianchi o roseo-violacei. Utilizzo in Cucina: Si usa nella carne, nelle zuppe, nelle salse e anche per preparare liquori e sciroppi. Le caramelle di menta servono per rinfrescare l alito e per il mal di gola, addirittura per aromatizzare le sigarette

31 Medicina: Della pianta si utilizzano solo le foglie. La menta ha molte proprietà terapeutiche. Assunto per bocca(2 o 3 gocce per volta con un po' di zucchero o miele,oppure in acqua calda,3 volte al giorno)esercita azioni antispastiche digerenti. Curiosità: Minta era il nome di una ninfa amata dal dio Plutone,che venne trasformata in vegetale dall'adirata Proserpina in collera per il tradimento dello sposo. E cosi nacque la profumatissima menta. La menta ha proprietà terapeutiche già note nel mondo antico:gli Egizi la usavano per risolvere disturbi gastrici, e i Romani per rianimare lo spirito degli ammalati. Al giorno d'oggi, per tenere lontane le zanzare, si mette qualche goccia di essenza di menta, sul guanciale o sulla finestra. Asia Marinari

32 Descrizione: E' eretta, non molto alta, sui cm, con foglie dentate. I fiori, dal lungo calice sono pelosi e di colore azzurro, rosa e bianchi. Essi sono a forma di stella blu. Habitat:. La Borragine cresce bene in qualsiasi terreno purchè sia in posizione soleggiata. Utilizzo: Ottima per frittate ed insalate. Borragine (Borrago officinalis)

33 Medicina:La borragine viene usata anche come medicinale per la diuresi, per l'orticaria, per la gotta, per la tosse.Viene usata anche contro il raffreddore preparando un infuso: Curiosità: Per far sì che le api ronzino felici in giardino mettervi piantine di Borragine, che esse trovano assolutamente irresistibili... Sara Bianchi

34 Maggiorana(Origanum majorana) Caratteristiche La maggiorana è molto ramificata e può raggiungere i 50 cm. di altezza. Questa pianta viene dallAfrica settentrionale e i suoi fiori sono rosa e bianchi, Le foglie sono molto profumate. Uso in cucina Questa bellissima pianta insaporisce le pizze, i ripieni di carne, i funghi e i pomodori. I suoi fiori si usano anche per profumare l acqua del bagno. Proprietà terapeutiche Essa è molto utile per curare il raffreddore o la tosse. L infuso è ottimo nei casi di digestione difficile e nei dolori addominali

35 Curiosità Gli antichi Greci ritenevano che questa pianta fosse un dono della dea Afrodite. Le sue foglie, strofinate sui mobili e sul pavimento, li rendevano particolarmente lucenti. I fiori, racchiusi nei sacchetti, profumano la biancheria Matteo Sani

36 Leggenda sulla maggiorana Un mito greco racconta che Imeneo, valente musico, era morto allimprovviso mentre stava cantando alle nozze di Dioniso e Altea. Per perpetuare la sua memoria fu deciso di invocarlo in occasione di tutti i matrimoni e di intitolargli il canto in onore degli sposi: il canto dImeneo. Lo si raffigurava con la fiaccola, un flauto, una corona di fiori di maggiorana. Anche la sposa veniva abbellita con coroncine di questa pianticella dalla cascata di foglioline simile a una chioma. Una leggenda narra che un uomo, Amaraco, un ufficiale delle case di Cinira, re di Cipro, aveva il compito di custodire i profumi. Un giorno spezzò involontariamente un vaso colmo di un essenza preziosa e tale fu il suo dispiacere, che ne morì. Gli dei, commossi da tanta delicatezza danimo, lo mutarono nella pianta odorifera, la maggiorana.

37 Timo (Thymus) Il timo è cespuglioso ed è alto 40/50 cm. ; fa fiori rosa, bianchi e viola. Le piccole foglie aromatiche sono di color vrde chiaro brillante, ma anche grigie-argentate. Il timo è ricoperto di peluria e sta nelle zone temperate.

38 Uso in cucina In cucina le foglie vengono usate per condire il pollo e il pesce. Proprietà terapeutiche Il timo ha proprietà digestive ed è sufficiente mettere un po di foglie in una tazza con acqua bollente e preparare una tisana. Inoltre il timo è detergente e chi soffre di brufoli dovrebbe sciacquare il viso con il suo infuso

39 Curiosità sul timo Questa pianta era ritenuta fonte di coraggio e i soldati rinfrescavano il corpo con l acqua in cui era stato sparso il timo e poi bevevano tisane di timo. Una leggenda narra che il timo sia la pianta preferita delle fate; nella realtà la pianta è amata molto dalle api

40 Capsicum Caratteristiche La pianta del peperoncino è molto somigliante ad un cespuglio alto circa 40 cm.,con foglie color verde scuro.I fiori hanno una corolla bianca con 57 petali con stami gialli. Uso in cucina Si può usare in diversi modi: fresco o essiccato, macinato e sott olio.Serve per dare sapore piccante ai cibi. Usi vari Il peperoncino viene usato anche nella medicina ufficiale e nella cosmesi, cioè per le creme di bellezza Fabio Bevilacqua e Tommaso Gasparri

41 Basilico ( ocinum basilicum) Caratteristiche Il basilico ha foglie lanceolate, non sopporta il gelo, ma è adatto a climi temperati. I suoi semi sono oblunghi e neri. I fiori,piccoli e bianchi, hanno una corolla formata da 5 petali

42 Uso Il suo aroma è forte e si abbina bene all aglio,con il quale forma la salsa alla genovese chiamata al pesto. La foglia fresca è ottima con i pomodori freschi Curiosità Tanto tempo fa si pensava che il basilico avesse proprietà curative nei casi di pazzia e demenza; altrepersone dicevano invece che il suo uso provocasse il sangue torbido e malinconico. Questa piantina tiene lontane le mosche Shany Yayamanna Il pesto alla genovese

43 Aglio ( Allium Sativum) Caratteristiche Pianta dalle foglie aromatiche, di color verde intenso ; bulbo commestibile, a spicchi. I suoi fiori possono essere bianchi, violetti o blu. Uso in cucina Con l aglio si insaporiscono carne, pesce, salse, pesto… Uso terapeutico Sembra che riduca il rischio di tumori e di malattie cardiache. Può prevenire raffreddori e migliorare la memoria

44 Curiosità L aglio era conosciuto anche dagli Egizi, che lo usavano per rendere forti le persone che costruivano le piramidi ed evitasse loro malattie ed infezioni Durante la seconda guerra mondiale i russi avevano nel loro zaino laglio come unico disinfettante da applicare sulle ferite. Fin dallantichità si usava mettere al collo dei bambini una collana daglio per proteggerli dai parassiti intestinali. Diletta Amore

45 Mentre i nostri bisbisnonni cercavano solo l aspetto pratico, più recentemente noi abbiamo cercato di soddisfare il nostro gusto estetico ; per questo sono nati i giardini nelle case. Il giardino è uno spazio dove leggere, passeggiare e scoprire chi siamo e perchè abbiamo inseguito nei secoli, la voglia di bellezza e di armonia. Il giardino dell Ottone

46 Nelle ville elbane Le grandi ville delle famiglie elbane misero insieme, oltre alle piante utili, anche quelle belle,in particolari giardini, ben strutturati; lungo questi brevi percorsi, le signore potevano fare una passeggiata e conversare tra il verde

47 Con il passare del tempo, sono nate nuove esigenze estetiche e scientifiche ; da paesi lontani, portate da persone che amavano viaggiare, sono giunte anche da noi nuove piante : una, la Cycas che fa una specie di uova ; e poi palma azzurra, proveniente dall Africa.Insomma inizia una gara a chi ha il giardino più bello e la ricerca estetica continua anche oggi

48 Nato nel 1910 su iniziativa di Giuseppe Garbari, un ricco possidente trentino, che acquistò un ampio terreno per coltivarvi specie esotiche,su un terreno per lo più spoglio di vegetazione e solo in piccola parte coltivato a vigna. Attualmente è inserito al centro del vasto campeggio-villaggio «Rosselba Le Palme». In questo splendido giardino botanico si trovano piante ed alberi tropicali che si alternano in una straordinaria varietà di forme e dove spicca l'unico esemplare europeo di Palma Azzurra. Il giardino è stato suddiviso in 8 settori e in ogni settore sono messe in evidenza, le specie vegetali più importanti

49

50 Ecco, siamo arrivati al giardino ; facciamo conoscenza con il signore che cura tutte le piante e iniziamo il nostro percorso.

51

52 Quante palme!!! Numerosissime sono le palme esotiche che si affiancano all'autoctona palma nana (Chamaerops humilis): la palma delle Canarie e la palma da datteri (Phoenix canariensis, Ph. dactylifera), la palma del Cile (Jubaea chilensis), la buzia (Butia capitata) e la palma regina (Syagrus romanzoffianum) del Sudamerica, le grandi palme a ventaglio del Nordamerica (Washingtonia filifera, W. robusta, Brahea armata, B. dulcis).

53 Accanto a queste si incontrano la Cycas revoluta, e numerosi alberi esotici di tutti i continenti, come l'albero dei coralli (Erythrina crista-galli) dell'Argentina, l'albero della canfora (Cinnamomum glanduliferum) dall'Asia orientale, l'alloro delle Canarie (Laurus canariensis), la melaleuca (Melaleuca leucadendron) dall'Australia, tanto per citarne alcuni Cycas revoluta è considerata un relitto di flore passate

54 L albero dei coralli (Erythrina crista-galli) del Brasile

55 E quante piante grasse: così varie e belle,che non ricordiamo più tutti i nomi

56 E a sorpresa abbiamo incontrato anche una coppia di emù

57

58

59


Scaricare ppt "Orti e giardini all Isola d Elba,visti con gli occhi di noi bambini della classe IV° A Questo lavoro è stato svolto in collaborazione con il Parco dell."

Presentazioni simili


Annunci Google